Sto caricando...

Il gruppo d'ascolto "Championship"

Championship Vinyl Shop: è il negozio di dischi presente in "Alta fedeltà", il romanzo di Nick Hornby. L' habitat naturale per misantropi individui che si muovono agilmente su e giù per le scale del pentagramma, tra gli scaffali colmi e ben catalogati di "oro nero, lucido e circolare". Più semplicemente, il regno dei feticisti della seconda arte. Se vi sentite attratti da questo gruppo come una stella verso il buco nero, se parlando di cucina, meteorologia o del tubo del lavabo che si è rotto, arrivate sempre, inspiegabilmente a parlare di musica e, innanzitutto, se riuscite a riconoscere un'opera osservandola di notte, in una oscura galleria, con un palmo di polvere e coperta con un telo, questo è il gruppo che fa per voi, garantito.

Invia una richiesta ai membri del gruppo

Questo gruppo forse puo fare qualcosa per te, o forse tu vuoi accedere a questo gruppo. Scrivi qui sotto un testo che chiarifichi le tue oggettivizzazioni. Il testo verrà inviato con un messaggio privato a tutti i membri del gruppo. Qualcuno di loro forse ti corrisponderà.

Invio la mia bella richiesta

Ascolti nel gruppo


JonatanCoe
JonatanCoe |
lector
lector |
Tradurre è sempre tradire. Riprendo il titolo di una vecchia serie di ascolti perché la morte di John Prine non DEVE passare inosservata. Almeno qui!
Sam Stone - John Prine
Ho tradotto un po' in fretta, forse c'è qualche imperfezione, ma nemmeno la mia goffagine può intaccare la BELLEZZA che c'è qui. Un bambino che parla di suo padre reduce dal Vietnam e drogato.....

SAM STONE
Babbo ha un buco nel braccio

Sam Stone è tornato a casa dalla moglie e dai suoi cari
Ha combattuto nella guerra di là dal mare
E quella guerra gli ha distrutto il cervello
Lasciandogli anche un bel mucchietto di schegge in un ginocchio.
Ci ha pensato la morfina gli ad alleviargli il dolore
Così il cervello gli è andato in pappa
Ma lui ha trovato tutta la fiducia che gli mancava
E' tornato con una medaglia appiccicata al petto ed una scimmia attaccata alla spalla.

Babbo ha un buco nel braccio che si ingoia tutti i soldi
Gesù Cristo è morto per niente, credo.
Ma i bambini capiscono meglio dei grandi
Non smettete di contare gli anni
Le belle canzoni non durano mai a lungo se la radio è guasta.

E, dunque, il glorioso ritorno a casa di Sam Stone non è durato poi tanto,
E' andato a lavorare spendendo fino all'ultimo quattrino
E così Sam ha preso a rubare quando si sentiva a secco
E poi cento dollari a botta senza fare straordinari
E l'oro gli sferragliava per le vene
Come mille treni sulla ferrovia
E lo faceva sentir bene quando voleva lui
Mentre i suoi figli se ne andavano in giro con addosso vestiti dati da altri

Babbo ha un buco nel braccio che ingoia tutti i soldi
Gesù Cristo è morto per niente, credo.
Ma i bambini capiscono meglio dei grandi
Non smettete di contare gli anni
Le belle canzoni non durano mai a lungo se la radio è guasta.

Sam Stone era solo quando s'è fatto l'ultima pera
Arrampicandosi sui muri mentre era a sedere su una sedia.
Mentre una radio mandava l'ultima canzone che aveva chiesto
E la stanza già puzzava di morte con un'overdose sospesa in aria
Perché la vita non era più divertente e non c'era altro da fare
Che barattare la casa che aveva comprato col sussidio da veterano
Con una bara imbandierata su una “collina degli eroi” del posto

Babbo ha un buco nel braccio che ingoia tutti i soldi
Gesù Cristo è morto per niente, credo.
Ma i bambini capiscono meglio dei grandi
Non smettete di contare gli anni
Le belle canzoni non durano mai a lungo se la radio è guasta.

@[Alfredo]


Farnaby
Farnaby |
Un caloroso benvenuto a macaco!

lector
lector | Isolabile   Podio   Fetisc
#ioRestoInNegozio
Allora, facciamo le cose come si deve!
Si ripropone la famosa "OFFERTA SPECIALE LECTOR"!!
Venghino, venghino siòri e siòre
5titoli5 di qualunque genere, sottogenere, epoca, etnia e provenienza geografica vi vengano in mente!
Chiedete e vi sarà proposto (o almeno ci si proverà).....
E ci metto sul piatto: se ne conoscete anche solo uno altri 5titoli5, stessa cosa se li trovate scadenti, arraffazonati, tirati fuori per caso, non aderenti alla richiesta!
Venghino, venghino, siòre e siòri.....

(Sempre che i pargoli mi facciano lavorare, in questi giorni sembra che abbiano ciucciato la cocaina....:-(((()

lector
lector |
Per @[Pinhead] la lista di benvenuto è facile!
No, ma quali Ramones, ma quale garage ignorante e rockaccio sudato....
Lo so io cosa gli piace!
Pornland - Slap Dat Ass
Alex Puddu-The Golden Age of Danish...
Porn Shop - 3 Mother Funckers
Merry Christmas Baby
Pornosonic - Cream Streets Theme


lector
lector |
Comunque non sia mai detto che noi non si faccia la giusta accoglienza ai nuovi arrivati!
Ecco quindi le famose "liste personalizzate di Lector": 5dischi5 di benvenuto.
Per @[Farnaby] di cui non ho ancora inquadrato i gusti (ma dagli ultimi ascolti sulla Frazer deduco che ami le "heavenly voices" e dal suo avatar deduco che gli piaccia l'orchestra del caffè del pinguino) una serie di vocalese "strano" perché credo (e spero) che sia un ascoltatore curioso.
Monica Engineer
Laïs - In This Heart [Sinéad O'Connor Cover]
Novi Singers - Novi Sing Chopin - Mazurek F dur op. 68 nr 3
Good vibrations
Mozart: Eine kleine Nachtmusik - Swingle Singers 1969 (si: sono quelli di "quark". E mica hanno fatto solo quello!)


lector
lector |
Pure Pinello!!
Il livello di questo posto è crollato tutto d'un botto.....

Farnaby
Farnaby |
Ci sono anch'io!!! Ciao a tutti...

JonatanCoe
JonatanCoe |
I Trawl the Megahertz (Remastered)
"I Trawl the Megahertz" di Paddy McAloon è stato ristampato nel febbraio del 2019 a nome Prefab Sprout, con una
prima uscita in edizione limitata in vinile bianco di sole mille copie. Lontano dalle sonorità degli Sprouts e quasi
interamente strumentale e sperimentale, questo lavoro è contraddistinto dall'eleganza musicale e il genio di McAloon
che nel 2003, in fase di realizzazione dell'album, era tormentato dalle pessime condizioni di salute.


Stanlio
Stanlio | Levitation   Podio
Da questo magico album che ha davvero un titolo profetico e resterà in luce ancora per un pezzo anzichennò ci ascoltiamo una delle mie tracce preferite in cui la presenza di Brian Eno si sente eccome... Listening Wind (2005 Remaster) and Remain in Light all year long my dears friends e niente...

Remain in Light


JonatanCoe
JonatanCoe |

La Championship Vinyl Shop augura un felice anno a tutti i suoi membri.
Buon 2020 in musica!


JonatanCoe
JonatanCoe |

La Championship Vinyl Shop augura un felice anno a tutti i suoi membri.
Buon 2020 in musica!


lector
NOVITA':
Il nostro negozio è lieto di offrire a tutti i suoi avventori IL PACCO DONO DI FINE ANNO del Championship Vinyl Shop!
Basterà indicare il genere e/o sottogenere musicale e l'utente a cui il pacco è destinato ed in poco tempo vi verrà consegnata una lista di 5 (dico ben 5!) irrinunciabili quanto sconosciuti (ai più) capolavori del genere in questione (tranne forse il Rap, sul Rap sono un pochino manchevole...)!
Venghino Sìori e Sìore, venghino.
Non fatevi mancare il pacco cult di fine anno (si accettano sfide)
Prima che mi rifacciano prigioniero del mondo parallelo....
Tanto paga il proprietario del negozio, @JonatanCoe
Bebe - A Natale puoi


Stanlio
Stanlio |
FREDDY KING - THAT'S WHAT YOU THINK - EL BEE

Conosciuto anche col sopranome di "Texas Cannonball", viene solitamente ricordato come uno dei "Tre King" del Blues con Albert King e B.B.King.

A 6 anni la madre e lo zio lo iniziarono allo studio della chitarra.

A lui si ispirarono i mitici Eric Clapton, Mick Taylor, Stevie Ray Vaughan e a sua volta fu influenzato dagli altrettanto mitici Robert Johnson, B.B. King, T-Bone Walker, Muddy Waters.

Registrò 14 albums in studio, e si pubblicarono almeno 11 compilation, suonando soprattutto delle "Goldtop" Gibson Les Paul fino a metà '60, successivamente preferi delle Gibson ES-335, 345 e 355TDC che lo contradistinsero fino alla morte (avvenuta per complicazioni da ulcera e pancreatite) a Dallas proprio il 28 dicembre del '76, a soli 42 anni, dicono che probabilmente fu per stress, arrivò ad esibirsi nei tours 300 volte all'anno e come dieta usava sbrigativamente dei ehm, Bloody Marys in sostituzione del cibo solido, hai visto mai...

R.I.P. Fred King



lector
lector |
Regali di Natale (5)
Per tutti voi (ché non vi posso mica citare tutti!)
Ecco un regalo di Natale cumulativo per tutti i DeBaseriani che si sono comportati bene...
I 5 Dischi di Natale che non dovrebbero mancare in nessuna delle vostre case! (E neppure tra gli scaffali del Championship Vinyl Shop, caro il mio Jonatan!)
White Christmas by John Fahey from The New Possibility
The Most Offensive Song Ever
John Zorn - Santa Claus Is Coming To Town
Tiny Tim - White Christmas
Mojo Nixon - It's Christmas Time
Auguri a tutti!


Stanlio
Stanlio | Fetisc
Peetie Wheatstraw - You Can't Stop Me From Drinking

Lui nacque e morì il 21 dicembre e tra il nascere è morire passaron 39 anni, nel giorno del suo ultimo compleanno per festeggiare probabilmente facendo bisboccia, salì in una Buick con due amici e non si sa come ma l'auto si scontrò con un treno, i suoi amici andarono direttamente al creatore mentre lui fu ricoverato in un ospedale per gravi lesioni alla testa e lì diede l'addio a tutti poche ore dopo.

Pare fosse un gran bel bullo, l'unica sua foto in circolazione è la stessa qui nel video che lo ritrae insieme alla sua inseparabile chitarra resofonica simile ad una "dobro".

Dicono che: "chiunque ascolti lunghi tratti delle sue registrazioni probabilmente diventerà pazzo" e lui prima di andarsene nel '42 ne registrò 161 lati A e B su dischi in vinile negli anni '30 & '40 e niente...

Il suo vero nome era William Bunch


imasoulman
imasoulman |
imasoulman
imasoulman |
Visto che il Prof. @[lector] mi ci ha tirato dentro (e visto che deve essere un po' abbacchiato per qualche triste vicenda di granfelinismo da tastiera...)
Non avendo idee particolari e sorprendenti (non ho mai idee particolari e sorprendenti, me lo dicono spesso, ahimè...), posto dischi solisti di gente che in gruppo ha fatto qualcosa ma che da solisti del mitra han raccolto meno di quello che avrebbero meritato (pt. 8)
The Old Man Of The Mountain


Stanlio
Stanlio |
Stranglers - Always the Sun

'n origine overo ner lontano '74 se chiamaveno "The Guilford Stranglers" poi dopo se saran scocciati de metterce troppo pè annunciarse ar pubblico e s'accontentaron d'esse li Strangolatori.

Teneveno un sound cupo, chiamato "pub" rock (pe via de le bire? boh... nun se sa!).

In seguito vennero accostati anche ad artri generi, come "new wave" o "goth rock", anche se loro preferiveno definirsi diciamo più "punk rock" che artro, complice fu anche er fare da spalla ner '76 ai "Ramones" ner loro primo tour nelli UK ahò e gnente...





Stanlio
Stanlio |
Elmore visse soli quarantacinque anni, prima che fosse stroncato da un infarto, ma furono sufficienti per farlo diventare una leggenda vivente tanto da esser soprannominato per come suonava la chitarra "The King of Slide" al suo attivo ebbe una cinquantina di dischi singoli e cinque album, poi uscirono varie pubblicazioni postume alla sua dipartita e niente...

Elmore James - "It hurts Me Too" | Remastered


imasoulman
imasoulman |
Visto che il Prof. @[lector] mi ci ha tirato dentro (e visto che deve essere un po' abbacchiato per qualche triste vicenda di granfelinismo da tastiera...)
Non avendo idee particolari e sorprendenti (non ho mai idee particolari e sorprendenti, me lo dicono spesso, ahimè...), posto dischi solisti di gente che in gruppo ha fatto qualcosa ma che da solisti del mitra han raccolto meno di quello che avrebbero meritato (pt. 7)
Leave Heaven Alone


imasoulman
imasoulman |
Visto che il Prof. @[lector] mi ci ha tirato dentro (e visto che deve essere un po' abbacchiato per qualche triste vicenda di granfelinismo da tastiera...)
Non avendo idee particolari e sorprendenti (non ho mai idee particolari e sorprendenti, me lo dicono spesso, ahimè...), posto dischi solisti di gente che in gruppo ha fatto qualcosa ma che da solisti del mitra han raccolto meno di quello che avrebbero meritato (pt. 6)
"Can't Buy A Break" - Nils Lofgren


imasoulman
imasoulman |
Visto che il Prof. @[lector] mi ci ha tirato dentro (e visto che deve essere un po' abbacchiato per qualche triste vicenda di granfelinismo da tastiera...)
Non avendo idee particolari e sorprendenti (non ho mai idee particolari e sorprendenti, me lo dicono spesso, ahimè...), posto dischi solisti di gente che in gruppo ha fatto qualcosa ma che da solisti del mitra han raccolto meno di quello che avrebbero meritato (pt. 5)
Bill Nelson's Red Noise - For Young Moderns [2012 Remaster]


Stanlio
Stanlio | Fetisc
Ricopio & reincollo una lettura più che veloce ripresa dalla mia enciclopedica amatissima Wikipedia e niente...:

Nelle note che compaiono nell'album Via Paolo Fabbri 43, Guccini scrive: «sono un cantastorie (non nel senso «storico» del termine) e (…) racconto, attraverso me, quello che faccio e che vedo, e non mi si deve dare di poeta o altro.

Un po' quello che dico nell'Avvelenata (…) ma in modo diverso, ironico (spero) e grottesco; e spero che l'amico che cito nella canzone non me ne voglia per aver lasciato il suo nome.

Dopo un pomeriggio di chiacchiere e chiarimenti reciproci, spero di essergli diventato abbastanza amico da permettermi di fare dell'ironia su di lui.

E poi quando ci siamo conosciuti, la canzone era fatta; l'ha ascoltata, e non mi è sembrato che si arrabbiasse.»

Il critico musicale cui si riferisce Guccini è Riccardo Bertoncelli che in un lungo articolo del 1998 ha raccontato nei dettagli la vicenda.

Bertoncelli nel 1975 era un giovanissimo collaboratore della rivista Gong sulle cui pagine fu chiamato a scrivere una recensione di Stanze di vita quotidiana.

Fu una stroncatura senza appello e lo stesso Bertoncelli oltre vent'anni dopo in proposito dirà: «era un viziaccio dell'epoca insegnare agli artisti cosa dovevano fare, anzi, chi dovevano essere, e io c'ero cascato con lo zelo leninista di una Guardia Rossa.»

Qualche mese dopo Bertoncelli viene a sapere che Guccini in concerto aveva cantato una canzone in cui veniva citato; poi legge su un'altra rivista musicale che Guccini ha detto di lui «è uno che non capisce niente (…) uno di quelli che scrivono ancora Amerika con la kappa».

Così lo chiama e decidono di vedersi.

Passano una serata insieme a casa di Guccini, scoprono di avere interessi in comune, che forse Guccini non si era venduto ai discografici e che forse Bertoncelli qualcosa capiva.

Durante quella serata Guccini imbraccia la chitarra e suona per lui L'avvelenata, e si offre di togliere il nome dalla canzone.

Bertoncelli rifiuta: «ora che ci siamo conosciuti non ha più senso».

Guccini gli dice che comunque non ha intenzione di inciderla: è uno sfogo da concerto, non una canzone da inserire in un disco.

Ma è una canzone che il pubblico ama e qualche mese dopo finirà su "VPF43"

L'Avvelenata (F. Guccini) - Casabase Notte Playlist