Heinrich Schütz
Cantiones Sacrae 1625 (Currende feat. conductor: Erik van Nevel)

()

Voto:

Avevo sin qui stabilito che Roland de Lassus, inteso Orlando di Lasso dalle nostrane parti, fosse il mio compositore preferito per quanto riguarda la musica sacra corale del Cinquecento e del Seicento, secoli sotto questo aspetto assai vibranti e fecondi.
Essendo incappato in questa bella collezione di cantate di Heinrich Schütz, compositore tedesco che del fiammingo Lasso fu di poco posteriore, mi avvedo con gusto ed emozione di aver scoperto un grande della musica corale, che leggo esser considerato un degno precursore del sommo Bach ed una vera gloria nazionale tedesca, al pari del nostro Monteverdi.
Già al primo ascolto l'arditezza e la vertigine delle partiture di Schütz si stagliano nettamente a petto della drammatica staticità di Lasso, decisamente meno strutturato e più unisono anche quando il numero delle voci è paritario. Più contrappunto e più finali di battuta in tono maggiore, che risaltano in modo spiccato con i controcanti in minore che tradizionalmente caratterizzano le varie Laudi, Penitenze o Vespri. Dovremo attendere Johann Sebastian Bach (che nasce circa un decennio dopo la morte di Schütz) per ascoltare temi musicali struggenti interamente composti in tono maggiore, e valga l'esempio fulgido e famoso della cantata 'Jesus bleibet meine Freude" BWV 147, ma Henricus Sagittarius (questo il suo nome latinizzato) si muove in modo assai spedito tra le parti vocali e sembra precorrere con felice intuizione il genio del Maestro di Turingia.
Tralasciando qui l'influenza delle sue opere per organo, Schütz (che come Bach fu a lungo kapellmeister) ha anche il merito di aver diffuso gli stili musicali italiano e fiammingo, che amava e stimava proprio nelle persone di Monteverdi e Lasso, e si distingue specialmente per una certa propensione alla microdissonanza (dovuta allo sfasamento delle voci ed al variare dei toni) che altri dopo di lui eviteranno come la peste. Deve escludersi che Schütz abbia mai letto le partiture di Perotinus, che dopo quattro secoli erano praticamente perdute in quel di Francia e sarebbero restate incognite per altri trecento anni, per cui deve concludersi che i due compositori - così lontani per contesto storico ed esperienze musicali - abbiano avuto intuizioni sostanzialmente comparabili.
La registrazione realizzata nel 1963 dal Dresden Kreuzchor, impercettibilmente accompagnato all'organo da un discreto e puntuale Hans Otto, è vivida e fedele in questa edizione del 1985 su 3 vinili Eterna, a mio parere superiore all'edizione Tekefunken del 1978.

Questa DeRecensione di Cantiones Sacrae 1625 (Currende feat. conductor: Erik van Nevel) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/heinrich-schuetz/cantiones-sacrae-1625-currende-feat-conductor-erik-van-nevel/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Il problema è che non acchiappa molto questa pagina..sei il Dream Theater dei recensori..dirai anche cose esattissime e argute dal punto di vista tecnico (non nascondo che non ho le competenze per giudicare) ma non mi invogli all'ascolto..magari io ho il difetto contrario al tuo quando parlo di dischi però, personalmente, preferirei che tu mi raccontassi attraverso immagini più personali quel "gusto ed emozione" che ti suscita il disco..
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Per questo non ti voto..Non ho argomenti tecnici per avvalorare o contrastare quello che dici..
Onirico
Opera: | Recensione: |
Giuro, non-ci-ho-capito-una-mazza.
BËL (00)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Interessante, anche se non ti si segue sempre con facilità (problema mio, probabilmente). Suggerisci assonanze con Perotinus? Allora potrebbe fare per me.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nico63
Opera: | Recensione: |
Anche a me scarseggiano competenze e conoscenze, tuttavia ho trovato interessante la recensione e mi hai fatto venir voglia di riascoltare il cd di Orlando di Lasso che non sento da una vita.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Queste cose mancano tanto secondo me, grazie per averne parlato. Nel mio viaggio attraverso la musica di qua devo ancora passare, avanzo lentissimo, ora sono appena alla fine del medioevo. Però me lo segno perché sembra interessante.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94: la recensione non mi pare abbia problemi, anzi
proggen_ait94: comunque solo deb può avere una pagina come questa accanto a una rece sui Septic Tank... :)
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
probabilmente ascolto interessante ma come già detto la tua recensione per me è troppo tecnica. Sulla fiducia.
BËL (00)
BRÜ (00)

HOPELESS
Opera: | Recensione: |
Kapellmeister. TELEFUNKEN 1978.
BËL (00)
BRÜ (00)

aleradio: HOPELESS
HOPELESS: ALEDARIO
aleradio: <3

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: