Heratius
Gwendolyne

()

Voto:

Un salto nel buio nella Francia del 1978. Spericolato salto mortale osservando un mondo nuovo e una enigmatica incerta destinazione finale.

"incertezza" fantastica parola chiave di ogni salto mortale musicale, seducente.

Difficile raccontare la musica senza parlare di musica.

Una stranamente leggera mano vista ai raggi x fuga fra mattoncini, seguendo bricciole di anarchia parente con tutti i denti sani di un ruvido e rissoso anno che indubbiamente ha contagiato le pulci a nomi apperentente lontani con abiti nuovi di eleganti tagli.

Un sentiero profumato dalle dissonanti teorie Henry Cow , verdi dissestati ma morbidi sentieri di liberi pensieri Kraut, contenuta elettricità, echi di sbilenche orchestrine, teatrini con l'ironia dei Fou Leloublan, custumi di Dagmar Krause.

Prendete questi nomi mischiate cercando di modellare un nuovo corpo, otterrete una miscela forse diversa da quella assaggiata da me. Questo è il bello dell'incertezza senza paracadute.

Vedere una cosa diversa da quella intravista sbirgiando da dietro il sipario.

Ascoltate questa musica non seguendo i sentieri da me indicati, dimenticate che parlavo di musica e l'effetto finale sarà molto più sorprendente.

Questa DeRecensione di Gwendolyne è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/heratius/gwendolyne/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

lector
Opera: | Recensione: |
Piccola, oscura e coraggiosa perla.
BËL (01)
BRÜ (00)

ALFAMA: Molto più prezioso perché trovato per caso, una scoperta senza l'imbeccata di nessuno. Devo ringraziare solo la mia curiosità attirata dalla copertina.
lector: E' nella NWW list. Ne parlammo ricordi? Debon - Brast Burn - Recensione di lector
ALFAMA: Vero , ricordo. Sai ho trovato ottime cose ma alcuni dischi sono a mio parere totalmente insulsi, magari introvabili ma musicalmente poco validi Questo a dimostrazione che non bisogna prendere per oro colato i giudizi di presunti conoscitori, bisogna usare prima di tutto la propria testa. Comunque miniera di lavori spettacolari altrimenti rimasti ancora nell'oblio, almeno per me.
luludia
Opera: | Recensione: |
ecco, le tue rece mancavano...
BËL (00)
BRÜ (00)

CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Disco che mi pare proprio di aver sentito, ma sinceramente non ne ricordo una nota..pagina molto ispirata..
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
...adadadadadadadadadadadadadadadad ad...
lo sapevate che esistono altri due dischi degli Heratius? ho il terzo se a qualcuno interessa
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA: Non sapevo, ecco una traccia da seguire. Grazie della dritta.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: