Iam
L'Ecole Du Micro D'Argent

()

Voto:

4.00 di mattina. L'intera città è dormiente. Le persone sono assopite, avvolte nelle loro coperte, gli animali notturni rendeno l'atmosfera della metropoli cupa e tetra. Un rullo di tamburi. "Tumb tumb tumb". Silenzio. Un rumoroso schiocco di dita. Ancora silenzio. In lontananza si odono voci fragorose, grosse. Si stanno avvicinando. Sono vicine. Molto vicine. In un primo momento non capisci più niente. Ma dopo apprendi, ti rendi conto che sono loro. Sono gli Iam. E ti senti rassicurato.

Inserisci il CD nel lettore. E non resisti a cotanta perfezione nel sentire un armonia musicale di così elevato livello. Ti basta sentire certe perle musicali per sentirti meglio, per svegliarti e provare emozioni come poche. E' tempo di parlare anche della scena europea, e soprattutto di quello che viene definito l'album più bello che sia mai stato partorito nel vecchio continente di questo genere musicale. Non peraltro ci arriva da quella che è la scena più evoluta dell'Europa, quella francese. E la punta di diamante di questa scena sono considerati all'unanimità i veterani Iam, ovvero Akhenaton, Shurik'n Chang-Ti, Freeman, Imhotep, Kheops e Kephren. Il suono e le atmosfere in stile shaolin e le liriche ricche di riferimenti ad arti marziali e storie dal sapore samurai non hanno rivali. Sono loro, gli Iam.

Non è un caso che questo gruppo possa vantare di ospiti eccellenti come Timbo King, Dreddy Krueger e Prodigal Sunn. Sedici tracce che fanno di questo LP un capolavoro ancora attuale e non circoscritto alla sola Francia. Sono pochi i pezzi non degni di nota e tanti i pezzi splendidi contenuti in questo prodotto NON COMMERCIALE a partire dalla prima track che apre in modo egregio questo album come "Dangereux" che ci delucida sulla presunta libertà d'espressione in Francia, "La Saga", "L'Empire Du Cotè Obscure", "Peti Frère", "Quand Tu Allais, On Revenait", "Un Cri Court Dans Le Nuit" e l'enorme traccia finale "Demain, C'Est Loin". Nonostante si dica che l'Europa non potrà mai competere con la scena musicale Americana, noi conserviamo gelosamente questa perla dal valore inestimabile. Un turbino di suoni ed atmosfere da sogno condito dalle conscienziose narrazioni dei due mc Akhenaton e Shurik'n. Da prendere senza la minima esitazione.

Ed intanto la città si sveglia, e la gente che fino a quel momento si era dolcmente abbandonata al sonno, si alza e inizia come quotidianamente ogni dì, la vita di tutti i giorni.

Shit Hole!

Questa DeRecensione di L'Ecole Du Micro D'Argent è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/iam/lecole-du-micro-dargent/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

killgod
Opera: | Recensione: |
occhio che si grida al capolavoro. Anche se di francese non capisco una mazza dalla regia mi passano il 5 stelle, si si è proprio da 5 stelle uauuuu
BËL (00)
BRÜ (00)

De-cano
Opera: | Recensione: |
Pessimo prodotto.
BËL (00)
BRÜ (01)

DanteCruciani
Opera: | Recensione: |
non so che voto dare al disco.....mi accodo a killgod?
BËL (00)
BRÜ (00)

PiMpToM
Opera: | Recensione: |
miliare nell'hip hop francese ed europeo...complimenti!
BËL (00)
BRÜ (00)

ZiOn
Opera: | Recensione: |
Se non il migliore, uno dei migliori lavori mai partoriti al di fuori degli USA.. Ottima rece, che ben descrive le atmosfere del disco.. ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Jawbreaker
Opera: | Recensione: |
Kecco
Opera: | Recensione: |
Grazie a tutti per i bei voti...de-cano forse lo devi ascoltare il CD per giudicare perchè è un grande lavoro...mi dirai in futuro come lo trovi...ciao!!
BËL (00)
BRÜ (00)

RealAXL
Opera: | Recensione: |
In Italia all'epoca c'erano tre personaggi (Deda, Kaos e Sean) che probabilmente scelsero il nome peggiore per un gruppo ("Melma & Merda"), ma che affrontavano tematiche di arti marziali oltre al classico disagio generazionale (ascoltare "Trilogia del tatami" ad esempio). Peccato che fondamentalmente non li ha cagati nessuno... anche se bisogna ammettere che la forte multirazzialità francese fa sì che nel paese transalpino l'hip-hop abbia un seguito molto più vasto che in Italia, dove il genere è tornato a ghettizzarsi (forse per la scarsa propensione dei produttori a "scommettere" su prodotti non proprio da classifica) dopo un decennio scarso di gloria, e non mi riferisco agli Articolo31 quanto piuttosto a Dj Gruff, Speaker Cenzou, Gente Guasta, Chief & Soci ecc...
BËL (00)
BRÜ (00)

Gallagher87
Opera: | Recensione: |
Bravo fratellino!!!!!!!!!Ora scarico qualche pezzo...
BËL (00)
BRÜ (00)

redmambazo
Opera: | Recensione: |
migliore o peggiore di cosa non interessa, questo è un gran disco, non un gran disco hip hop, un gran disco tout-court, ascoltatelo fratellini, ascoltatelo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: