Ingmar Bergman
L'uovo del Serpente

()

Voto:

Nel 1923, in una Germania uscita sconfitta dal primo conflitto mondiale, terminato solamente cinque anni prima, un dollaro americano equivaleva a ben tre miliardi di marchi tedeschi.

Able Rosenberg, ex trapezista disoccupato (David Carradine) dopo aver passato l'ennesima giornata a girare senza meta in cerca di un lavoro torna a casa trovando il fratello sdraiato sul letto, morto suicida. Sconvolto e disorientato, Able decide di raggiungere Manuela, l'ex ragazza del fratello (Liv Ullmann) nonché sua grande amica. In seguito ad una disastrosa e sempre più opprimente situazione economica i due dopo svariati tentativi trovano lavoro presso il centro di salute mentale Santa Monica. Nonostante le numerose ore lavorative il centro non sembra niente male, un pasto gratuito, un appartamento con gas e riscaldamento gratis... ma non è tutto oro quello che luccica.

La Germania descritta da Bergman, è un paese in ginocchio, Berlino, oggi uno dei pilastri portanti dell'economia europea, si presenta come una città fantasma vuota, buia e cupa; un paese dove nessun sogno è realizzabile e la gente, troppo stanca per ribellarsi e rialzarsi, cerca disperatamente lavoro con lo sguardo fisso nel vuoto. Lo stesso protagonista Able, alcolista disoccupato, interpretato da uno splendido Carradine, con paura e insicurezza cerca di arrivare a fine giornata e come lui stesso afferma più volte lungo il film "ho bisogno di ubriacarmi per prender sonno". La compagna Manuela, cosciente di non poter cambiare la situazione prova a render partecipe ambiguamente della sua vita privata l'isterico Able.

Un film bellissimo, infernale e splendidamente realista. Il regista descrive uno scenario agghiacciante, un palcoscenico freddo e perfetto che sta alla base del movimento socio-politico che avrebbe cambiato faccia all'Europa novecentesca: il nazismo. Bergman descrive in che modo persone, uomini disperati e donne frustrate messi in ginocchio dal pesante squilibrio economico, si siano potuti fidare di una persona pazza e squilibrata come Hitler, in quel periodo e negli anni seguenti unico paracadute su un aereo in caduta libera. Sia chiaro però che per quanto "l'uovo", citato nel titolo del film, simboleggi la nascita del movimento nazista, il film, non è una pellicola sugli orrori del Fuhrer; ma, simboleggia il punto più basso che può raggiungere la cattiveria umana. Lungo tutto il film non si vede una sola goccia di sangue, è una violenza psicologica quella di cui parla l'autore, un esperimento sulla nostra pelle. Una delle scene più belle, e al tempo stesso la più terrificante e rivelatoria è il prologo finale del medico psichiatrico Hans Vargerus, mostro dallo sguardo impenetrabile: "noi sterminiamo quel che è inferiore e incrementiamo ciò che è utile".

Per quanto L'uovo del Serpente sia indubbiamente uno dei film più belli girati dal regista svedese, definito da lui stesso come: "il film più forte che abbia mai fatto, quasi un film dell'orrore", pecca in un solo punto, alzandosi dalla poltrona dopo la visione dell'opera non ci si sente più le gambe.

Questa DeRecensione di L'uovo del Serpente è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/ingmar-bergman/luovo-del-serpente/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

Lazlow
Opera: | Recensione: |
Questo mi manca...Ne avevo sentito parlare come il punto più basso di Bergman, ma vista la tua rece devo ricredermi. Per il momento "La passione di Anna" è quello che mi è piaciuto di meno tra tutti. Proverò anche questo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Greg*89*
Opera: | Recensione: |
Non lo conoscevo, non che sia un esperto di bergman, comunque bella rece.
BËL (00)
BRÜ (00)

Contemplazione
Opera: | Recensione: |
Uno dei pochi che non ho visto di Bergman, forse scoraggiato dall'unanime dissenso...
BËL (00)
BRÜ (00)

alia76
alia76 Divèrs
Opera: | Recensione: |
mi hai incuriosito assai
BËL (00)
BRÜ (00)

giola
Opera: | Recensione: |
Io questo non l'ho mai visto. Pare che Bergman lo abbia girato soprattutto per dimostrare qualcosa a chi lo accusava di essere filonazista. Il mio preferito rimane Sinfonia D'Autunno.
BËL (00)
BRÜ (00)

giola
Opera: | Recensione: |
polkatulk88
Opera: | Recensione: |
nella mia monumentale ignoranza cinematografica non conosco bergman,ma la recensione merita piu di una lettura!
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf
Opera: | Recensione: |
bravissimo, il film ce l'ho tra i tanti masterizzati da vedere, Bergman è una garanzia, uno dei più grandi...lo guarderò e verrò a votare anche il film
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mai visto questo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf
Opera: | Recensione: |
visto! ma l'ho trovato minore rispetto ad altri film di questo grandissimo maestro, ci sono cose interessanti, vedi all'obitorio e il confronto con l'ispettore, straniante come se ci trovassimo tra le pagine di Kafka (ci sono parecchi riferimenti alla letteratura kafkiana), ma alla fine l'ho trovato un pò dispersivo e debole...
BËL (00)
BRÜ (00)

yankeesnaporaz
Opera: | Recensione: |
Lo adoro e lo trovo ingiustamente sottovalutato.

"sia chiaro però che per quanto "l'uovo", citato nel titolo del film, simboleggi la nascita del movimento nazista, il film, non è una pellicola sugli orrori del Fuhrer; ma, simboleggia il punto più basso che può raggiungere la cattiveria umana"... come non condividere?
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: