James Joyce
Finnegans Wake

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Per mantenere la sanità mentale non c'è niente di meglio di una giornata devastante, una tazza di té fumante, un caminetto acceso, una poltrona e una copia del Finnegans Wake.

Deliziamiamoci la vista et l'amen te con quest'opera capitale Romaai considerata cappiolavorio della Leteraltura mondiale e supera mente definnitivo del romanzo ottocentesco.

Se l'avanguardia è avanguardia, Finnegans Wake ne è il quadrato del qui drato.

Oltre. Riverrun pastEvaAdamo. In Bloom veritas, Polly Molly: vecchi. ALP. HCE. In circolo vizioso. Vicus, Irraggiunlleggibile. Tutto intendro Dublino in 17 anni di l'avorio. Lucia schizza e illustra e frenica frammenti; io alcolista, geniatale, glaucomatoso. Tutto.

Perché dovete sapere che

Questa DeRecensione di Finnegans Wake è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/james-joyce/finnegans-wake/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

Gasta
Opera: | Recensione: |
Terrazzo, sgabello, formaggio. Borraccia blu, cazzo di gomma e.....cannuccia!
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
ci stai dentro frà
BËL (00)
BRÜ (00)

Gasta
Opera: | Recensione: |
Pupazzo, ombrello, scoreggio [PROOOOOOT]. Cartuccia blu, pezzo di gonna e.....babbuccia! {GANJALF RULEZ!}
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Winner Caz Fake
BËL (00)
BRÜ (00)

Appestato mantrico
Opera: | Recensione: |
Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Tra le preferite
BËL (00)
BRÜ (00)

voodoomiles
Opera: | Recensione: |
Sin Ceri Compli Menti Se Non Cerchi C'Archi.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: