James
Laid

()

Voto:

Quante ne passarono i James prima della consacrazione?

Finiscono gli anni ottanta e loro sono lì, senza soldi -nonostante i due album pubblicati- e privi di un degno contratto.

Per un breve periodo i folli guadagnano qualcosa facendo da cavie per la sperimentazione di farmaci vari.

Poi arriva la madchester, e arriva lo stupendo manifesto saltellante Gold Mother.

A questo punto Tim Booth e soci sembrano aver fatto finalmente breccia sia nell'industria musicale che nella loro amata Manchester. Adesso tocca al mondo intero.

Dopo il bel Seven, si decide di continuare ad ampliare il sound. Più caratteri che si ritrovano però concordanti e a proprio agio in Laid.

Adesso possono anche permettersi di avere Brian Eno alla produzione del disco (e produrrà anche l'esperimento Wah Wah con loro, divenendo nella realizzazione un vero e proprio membro della band).

Le chitarre sono sempre arzille, così come quel signor cantautore di Tim.

Tra Sometimes e Say Something riecheggia il profumo non più di canzoni, ma di veri e propri inni.

Essere colpiti da un fulmine, in uno scenario apocalittico da brividi: questo accompagnato dal pathos del ritornello

Sometimes, when I look deep into your eyes, I swear I can see your soul

Say Something tratta l'incomunicabilità, la richiesta di parlarne, sfogarsi; un pezzo ricolmo di una velata disperazione. Il videoclip (la versione USA) mostra proprio i membri del gruppo tentare il contatto umano per le strade con varie persone, ma che rimangono senza risposte o attenzioni. Il frontman ripete il ritornello ad uno specchio, mentre viene attraversato dalla malinconia più cruda.

A rendere i James celebri in tutto il mondo ci pensa il singolo che da nome all'album; spensierato all'apparenza ma dolceamaro ad un ascolto più attento. Riferimenti ammiccanti alla dipendenza -forse intesa come concetto più ampio-.

Il pezzo forte del disco, e dei James in generale, credo sia proprio il songwriting. Tra i brani di Laid, c'è da rimanere affascinati dalla descrizione dei sentimenti affrontata.

Give me a sign

Questa DeRecensione di Laid è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/james/laid/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
A volte mi chiedo cosa stessi facendo e dove fossi in quei tempi per essermi perso contanta arte... XD
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: almeno tu c'eri stan
Stanlio: sì e se c'ero dormivo...
TheNemesis
Opera: | Recensione: |
Band che non conosco affatto e che proverò ad ascoltare grazie a questa rece, breve ma gradevole e invogliante.
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: grazie Nemesis, il mio preferito è gold mother, ma meritano tutti, anche quelli recenti
TheNemesis: Ho provato ad ascoltarli, giuro... Ma niente, non è scattato nulla... Ma è solo questione di gusti, ovviamente.
RinaldiACHTUNG: si infatti, a me è capitato con nomi molto più celebri e semplicemente non è scattata quella scintilla, nulla che ti coinvolgesse davvero. Infatti credo di essere l'unico essere umano a non apprezzare particolarmente i Muse ad esempio -e ogni due/tre secondi incontri sempre qualcuno che ne va matto-
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Sconosciuti anche per me. L'epoca era già piena di English sound, Poveri loro. Al primo giro, lo trovo molto piacevole. Laid, Sometimes e Say something le più belle. Ma veramente belle. Strano che al primo ascolto ci siano già tre carichi da 11. Bravo.
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: thanks! personalmente say something la trovo anche io di una bellezza rara
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Ma sono quelli di "Sit Down"??? Carinissima quella canzone!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: proprio loro, sit down è in gold mother, che in questo periodo ascolto a palla
Battlegods
Opera: | Recensione: |
Preferisco gli esordi con l'EP "Village fire" e le hit "So many ways" e "Sit down". La seconda fase ha cercato di inserirsi nel filone Madchester sound (Happy mondays, Stone roses, Primal scream) senza riuscirci. Cioè, se ascoltiamo "Sometimes" è una canzone radiofonica rispetto all'indie di "What's the world" o "Hymn from village" ;) comunque ce ne fossero ancora di band così...
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: il periodo in cui facevano da spalla agli Smiths quindi, grandi anche lì, dovrei proprio approfondire le prime robe tipo strip mine e stutter
odradek
Opera: | Recensione: |
Ho i vinili di Village Fire, Stutter, Strip Mine e forse Gold Mother (dovrei controllare)
li avevo abbandonati e li ho riascoltati proprio quando uscì questo, per la curiosità della collaborazione con Eno. Non rimasi deluso. Ma fino a questa pagina me li ero scordati, come miliardi di altre cose... Forse li riesumerò, uno di 'sti giorni.
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: ad agosto esce anche un nuovo disco
IlConte
Opera: | Recensione: |
Ho sentito due pezzi... mi fanno dormire, cioè magari io non dormo... non mi fanno schifo ma non mi piacciono, il peggio forse ahahahahahah

BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: ahahah si quando qualcosa non trasmette nulla non c'è niente da fare
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Non so perché i James non hanno avuto la stessa fortuna di band insulse che evito di citare, l'unica spiegazione può essere che il loro pregio sia diventato il peggiore difetto quello di essere eterogenei, cavalcare la moda del momento a loro non ha portato tanta fortuna e di buoni pezzi sti ragazzi ne hanno sfornato, Laid buon album da ripescare assolutamente.
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: secondo me è anche per il fatto che si sono trovati tra il britpop emergente ed il grunge
Johnny b.: Anche quello giusta analisi.
RinaldiACHTUNG: fortunatamente per loro alla fine si sono ritrovati ed hanno un loro equilibrio
Yftcfuf
Opera: | Recensione: |
Da ripescare assolutamente theLaiDjames*^*.
Ieri tuttavia{unico match visto}ho verificato di non aver propriamente vissuta sì irreaLe Humanitas condition, Laddove Mazic non diede né alcun'espuLsione né giustamente alcun penaLty ai verdeoros ne I Quarti tutt'ora in korso.Vacanziero ed in I-pod TimBoote e co, buone ferie de-soči!
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: non ho seguito affatto i suddetti Mondiali l, buone ferie anche a te !
BortoloCecchi
Opera: | Recensione: |
ascoltato, ma non mi ha fatto né caldo, né freddo. Comunque non li conoscevo, sempre bene diminuire l'ignoranza. Grazie della pagina
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: grazie a te del passaggio!
LaSalmA
Opera: | Recensione: |
Non conoscevo...e ora, li conosco! lasciami dire che ti StraDeAmo..
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: e io ricambio alla grande !
lector
Opera: | Recensione: |
"Stutter", preso in vinile mi piacque assai, poi li ho un po' persi ma, ogni volta che li ho incrociati mi hanno sempre lasciato freddo.
BËL (00)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: stutter lo devo ascoltare con più calma mi sa

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: