Jeff Smith
Bone

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Bone" di Jeff Smith (U.S.A.). Serie indipendente in 55 episodi pubblicati (tramite la sigla "CB-Cartoon Books"), con cadenza irregolare (mediamente trimestrale), negli U.S.A. tra il 1991 e il 2004. I numeri tra il 20 e il 28 furono pubblicati da Image Comics. Il Volume unico (oggetto della recensione) è stato pubblicato, nella prima edizione, negli U.S.A. nel 2004. La versione italiana edita da "BAO Publishing", con la traduzione di Michele Foschini, è del 2011. Qui la cronologia competa delle pubblicazioni italiane della serie.

Da qualche parte esiste una città che si chiama Boneville (che non vedrete mai) e i suoi abitanti sono dei bone: antropomorfi, bianchi/cenere e dalle bizzarre forme lisce e "arrotondate". 

Da un'altra parte, oltre un deserto, esiste una misteriosa valle (lussureggiante d'Estate e freddissima d'Inverno) abitata da esseri umani, strani spiriti ancestrali, draghi, animali parlanti dotati di "intelligenza" (tranne le vacche) e strani, pericolosi esseri pelosi chiamati "rat creatures/creature ratto" ("rattodonti" nella prima versione italiana).

Per motivi che scoprirete solo leggendo tre bone cambieranno la vita e la storia della valle misteriosa.

Sono ben 1348 le pagine (comprese quelle occupate dalla postfazione di Neil Gaiman: essendo "post" è, appunto, da leggere per ultima perché contiene abbondanti "spoilerate") che son servite per raccogliere questa piccola, grande saga sospesa tra azione, fantasia ed umorismo.

Piccola perché "Bone" è disegnato come un classico fumetto umoristico (Kelly, Barks, Schulz, Sim i riferimenti più importanti, non solo a livello grafico) in un "integralista bianco e nero" (anche se non mancano versioni e spin-off "a colori" di cui non ci occuperemo) e grande perché incisivi sono i riferimenti "alti" (ben oltre gli inevitabili accostamenti con la potente epica di Tolkien).

Ovviamente avendo citato nello stesso paragrafo, per esempio, Kelly e Tolkien se io affermassi che "Bone" è uno dei fumetti più innovativi di sempre non basterebbe la lista (imponente e in molte nazioni diverse) dei riconoscimenti che ha ricevuto per evitare che voi imbastiate un uomo di vimini pronto ad accogliermi poco prima del falò.

Ebbene, in un'epoca che sembra aver vissuto e visto tutto il sottoscritto non teme di essere arso vivo nel trovare "innovazione" in un fumetto in cui (per citare solo qualche peculiarità):

Rapidi dialoghi (che conflagrano in irresistibili gag) convivono con una narrazione epica e per lunghi tratti drammatica e (senza eccedere, con un'eleganza non usuale per molti cartoonist americani) violenta.

Personaggi che sembrano esser presi dall'universo Disney combattono con o contro altri che potrebbero stare tranquillamente nel più classico romanzo Fantasy.

La narrazione fantastica non eccede mai nei consueti "fronzoli" anzi spesso lascia il passo al "rigore" di espedienti (anche citati direttamente) in stile Melville se non, udite, udite Dickens.

Tra le righe appare chiara un'ampia parte della recente storia americana.

Mi fermo qui perché "Bone" va scoperto un po' alla volta senza troppe anticipazioni così da rimanere stupiti dalla strana struttura narrativa impostata da Smith: una costruzione che, via via, può lasciar perplessi ma che una volta arrivati alla fine appare cristallina e imponente (anche da far perdonare i 35 euri d'investimento).

C.G. (Girlanachronism)

"Stupidi, stupidi Rattodonti" (J. Smith)

Questa DeRecensione di Bone è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/jeff-smith/bone/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

extro91
Opera: | Recensione: |
All'inizio ho confuso "Bone" con "Bones" un telefilm che guardava sempre la mia ex. Lo trovavo repellente. Questo non lo conosco.
BËL (00)
BRÜ (00)

ThirdEye
Opera: | Recensione: |
L'ho sempre adocchiato in libreria, ne ho letto un grandissimo bene ovunque ma un pò per un motivo (il prezzo) un pò per un altro (altre letture fumettistiche, in questo periodo mi sto leggendo la saga di Tom Strong) non l'ho preso. Di sicuro mi perdo qualcosa, cercherò di rimediare
BËL (00)
BRÜ (00)

gnagnera
Opera: | Recensione: |
Avevo iniziato a prenderlo ai tempi della prima pubblicazione in Italia (poi interrotta), ho proseguito con la seconda (interrotta anche quella) e adesso ho puntato questa ristampa completa, mi hanno detto però che la serie, ottima agli inizi, si perde un pò nelle storie finali, è vero?
p.s. "aveva una voce noiosa, ma così noiosa..." (cit)
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Le storie finali hanno un mood diverso rispetto a quelle iniziali. Meno umorismo e più tensione drammatica ed epica. Credo sia questione di gusti preferire l'uno o l'altro mood. Vedendolo dal punto di vista unitario questa caratteristica è una delle cose che rende sto fumetto una delle principali opere narrative dei suoi tempi (e forse pure oltre).
madcat: "si perde un pò nelle storie finali, è vero?" Ma assolutamente no, anzi, c'è un crescendo di tensione notevole, ed è vero che, come dice cptgaio sopra, il cambiamento e sviluppo dell'atmosfera generale (assolutamente coerente con lo sviluppo della storia) è un valore aggiunto semmai.
Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non ho capito: quindi questo volume (o comunque esiste un volume che) raccoglie l'intera opera?
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: Si. E' la ristampa integrale.
manute
Opera: | Recensione: |
bella recensione, grande segnalazione! Ti devo un favore.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio: :-D
Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ordinato, arrivato e divorato in poco più di una settimana. Erano anni (senza esagerare...), che un fumetto non mi prendeva tanto. Roba da non vedere l'ora di tornare a casa dal lavoro o da un'uscita serale per poter ricominciare a leggere. Secondo me non tutto fila sempre perfettamente liscio (ad un certo punto il continuo rincorrersi di personaggi tra la fattoria e il villaggio finisce per sembrare un po' stucchevole, la soluzione narrativa dei cerchi fantasma mi è sembrata un po' una forzatura e, in generale, la parte finale mi sembra denoti un po' di stanchezza...), ma il bilancio finale dell'opera è eccezionale. Varrebbe la pena leggerlo solo per il libro sulla corsa delle mucche!.
BËL (00)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
Capolavoro assoluto del fumetto, il Time Magazine lo ha inserito tra i 10 migliori fumetti di tutti i tempi e capisco perché, è un fumetto totale, c'è tutto: divertente, emozionante, drammatico, epico, profondo, persino violento. Trama e personaggi costruiti perfettamente, e un bellissimo disegno "alla Carl Barks" che è la ciliegina sulla torta. Ho preso la versione a colori che è straordinaria, davvero consigliata, spettacolare (vale tutti gli euri in più da sborsare rispetto alla versione in bianco e nero).
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: