Sto caricando...

Jim Jarmusch
Death don t die

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Li muert t attend.Eccola finalmentela la new comica appocalittica uscita della mano dall erba verde del cimitero ,al rallentatore come da sempre Jarmush ama raccontarci le sue storie,piazza qua e la la sua fotografie poi la storia fatica a decollare ma poi nell insieme il tutto si deposita e lascia il segno nell ippocampo,sempre che ne siamo provvisti.Questa volta lo slittamento della calotta polare cambia l asse di rotazione della nostra trottola terrestre e da li una serie di fenomeni bizzarri fino al risveglio dei suddetti soggetti sotterranei.In questo villaggio situato in una America di nessun posto si caratterizzano i soggetti dalle personalita stereotipate che danno vita a questo collage dove la visione catastrofica del regista si diverte a rappresentare la attuale fauna umana propio come dei morti viventi ai quali bisogna "uccidere la testa".A tratti la fotografie e i quadri scenici,con quella chitarre ecoslide,gia usate in Death Man guardacaso,rendono l effetto esoterico del cine-immagine molto potente.Un grande Tom Waits e probabilmente il soggetto umano che ha fatto la scelta migliore.Un film che non lascia scampo a questa bella umanita che non e piu capace di vivere e allora si cannibalizza e non muore mai

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dodici)

algol
algol
Opera:
Recensione:
Io sta boiata non me la perdo


nes
nes
Opera:
Recensione:
Ci sono ancora gli Sleep nella colonna sonora?


Shorty
Shorty
Opera:
Recensione:
Solamente Iggyzombie vale il prezzo del biglietto.


Shorty
Shorty
Opera:
Recensione:
Non saprei,ma il leit motiv del film e un pezzo country orribile


sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
In pratica una ultramegasce(i)emenza di classe.
Dovesse (mai) capitare a tiro, magari, forse un occhio ce lo butto.
Sperando che non se lo divorino gli Zombies.


Shorty
Shorty
Opera:
Recensione:
Ciao, il mio dere(sciem)enziatore preferito da sempre.Non perdere tempo la rotazione terrestre potrebbe cambiare e ci troveremo a compiere azioni al contrario.Grazie per essere passato caro omino di latta


Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
Interessante proposta, la recensione non sarebbe stata male se avesse rispettato qualche virgola, qualche punto e qualche regola di sintassi. La prossima volta non avere fretta e limala, prima di pubblicarla. Comunque Jarmush è un grande.


Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Bell'azot, hio pe rima melo c'erco he poio melo quardo che Big Gim Big Giarmuscio matt'izza!?


fusillo
fusillo
Opera:
Recensione:
Immagino che il titolo giusto sia quello della locandina.


aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
Ma l'incipit è francese, napoletano o ???


Onirico: E' una neo-lingua inventata appositamente dal recensore. Un mix tra il volgare dantesco, il dialetto ciociaro e la lingua inventata dai Sigur Ros in ()
Shorty
Shorty
Opera:
Recensione:
L inuit e in gramlot


aleradio: Anche inuit viene da fo?
NeKro
NeKro
Opera:
Recensione:
Deluso! L'ho trovato lento all'inizio, speravo che fosse solo perché dovevano scaldarsi le candelette del diesel, ma invece, niente. Fiacco! O forse avevo io delle aspettative troppo alte.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Death don t die è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link