Sto caricando...

Jovanotti
Live @ Caserta, Palamaggiò 29.04.11

()

Voto:

Quando otto anni e mezzo fa, ho conosciuto la donna che, tra poco, diventerà mia moglie, parlando del più e del meno per accertare eventuali affinità, le chiesi di esprimere, ovviamente, anche i propri gusti musicali. Giunse la risposta che più temevo e che avrei dovuto accogliere come una profonda coltellata: Gigi D'Alessio! Buio. Anche Jovanotti, Ligabue e gli 883. Un filino di luce.

Oh Madre Incoronata di Sant'Eufemia Barnabita e Martire! No no no bella mia ti devo "sgrezzare" assolutamente. Passi per gli ultimi tre ma Topo Gigio no eh! Inutile dire che furono assolutamente vani i tentativi di indottrinamento con De Andrè o Battiato. Certo che, povera figlia, passare dal tonno all'olio di pullman pescato sulla tangenziale est, alla scaloppina di scottona alla cosacca con tartarini in dormiveglia è impresa assai ardua anche per palati fini. Però, al termine di reiterati assalti posso dire di aver strappato il goal della bandiera con una buona parte del repertorio di De Gregori. Guccini non mi sono neanche azzardato a nominarlo. Mi avrebbe mollato sul minuto.

San Valentino 2011. Il TamarGigio, con il trascorrere degli anni è stato gettato nel più oscuro degli oblii, soprattutto a seguito dell'unione gossippara-extraconiugale con Anna Pompinangelo, cosa che per una ragazza di paese con sani principi è pari alla blasfemia cronica. Che cavolo le regalo? Dopo averle donato l'imponderabile per ogni festa comandata in più di un lustro e mezzo, galeotto fu un articolo su una rivista che acquista e legge con assiduità. Partenza del "Jovanotti Ora Tour" che toccherà Caserta il 29 e il 30 aprile. Azz'! Ritaglio l'articolo per sottrarlo agli occhi della donzella (vai a convincerla che il giornale era uscito difettato alla stampa!), acquisto i biglietti e le preannuncio con una smargiassata pazzesca che il suo regalo glielo porgerò subito ma avrà utilità operativa a fine aprile. Inutile affermare che alla vista del biglietto gli occhi le sono diventati, parafrasando Camilleri, "sparluccicanti".

Partenza alle 17:30 alla volta del Palamaggiò, tempio campano del basket e della Juvecaserta.  Apertura cancelli ore 19:00, inizio spettacolo ore 21:00. Tempo di percorrenza 25' circa se non fosse per quella che io qualifico come "strada digestiva". Nel senso che da Amorosi (BN) a Caiazzo (CE) è un tremendo susseguirsi di curve tortuose che è preferibile percorrere a stomaco vuoto. Poco dopo, da Piana di Monteverna (ancora CE) a Castelmorrone (sempre CE),  la strada e prevalentemente dritta ma costellata di autovelox. Limite 50-70. Arriviamo a destinazione alle 18:20 circa e un bagarino travestito da parcheggiatore, oltre a scipparci 5 euro di sosta chiede se abbiamo bisogno di biglietti. Un po' di fila, apertura in ritardo dei cancelli (tipico) e agguantiamo due posti sulle gradinate alla sinistra del palco. Vista ottima. Palazzetto pieno tra parquet e spalti in meno di mezz'ora. Pubblico prevalentemente under 21 ma non mancano over e famiglie. Manca un'oretta all'inizio e nell'attesa consumiamo mezza baguette a cranio farcita con galbanone e prosciutto. Cotto lei, crudo io.

Non che sia un fervido amante dell'ex dj di Cortona ma devo riconoscere che nel periodo post-coglia, quello che va da "Giovani Jovanotti" in poi, il buon Lorenzo Cherubini ne ha fatta di strada e con risultati sorprendenti. Si apre un varco dalle quinte che mostra uno schermo gigante su cui appare Piero Angela che parla del big-bang. Fumi colorati, raggi laser, luci incontrollate e ingresso suggestivo spuntando da una botola meccanizzata. Megamix.

Il Jova si presenta con un abito, che cambierà spesso, nero, cravatta rossa su camicia bianca e orribili mocassini argento brillantinati. Come è ovvio, a scopo promozionale, snocciola quasi tutte le canzoni dell'ultimo album saltellando come un grillo e divertendo la folla. Canzoni interessanti anche se come troppi artisti, anche Lorenzo è stato implacabilmente travolto da ciò che considero "la fine delle note". Sono anni che, a mio avviso, le note si sono esaurite, terminate, nel senso che essendo state ormai applicate tutte le possibili combinazioni nella composizione di un brano, dubito fortemente che esista ancora la possibilità di inventare qualcosa di nuovo. Adesso per pubblicare qualcosa si è costretti a tornare indietro e cedere allo scopiazzamento di celebri motivi. E con il brano "Ora", che malgrado tutto presenta delle buone liriche, Jovanotti ricalca spudoratamente "Streets of Philadelphia" nella struttura e nella metrica.

Al di là di questa piccola puntualizzazione il concerto procede in maniera scoppiettante, variopinta, con ottimi effetti speciali per me fino ad allora sconosciuti. Interessante l'idea di ghermire il cantante di ragnatele elettriche, apparse ovviamente solo sullo schermo o di fargli apparire la giacca come un groviglio di colori impazziti o meglio ancora registrarlo in diretta mentre assume una posizione di attacco prima e di difesa poi, in maniera da sdoppiarlo sullo schermo come se fossero due Jovanotti a combattere in contemporanea. Naturalmente il delirio lo si tocca con la trascinante "L'ombelico del mondo" che avvolge tutto il pubblico con una carica di ritmo e freschezza davvero eccezionale. Jova ci sa fare e come. Intrattiene e coinvolge, sorprende e appassiona e nel complesso lo si può qualificare come un artista italiano di notevole spessore. Concerto globalmente ottimo se non fosse per alcune gravi pecche del tecnico del suono che nell'equalizzazione ci dà troppo dentro con i bassi ovattando spesso le parole. Ottima la band composta da Riccardo Onori alle chitarre, il fedelissimo Saturnino, Franco Santarnecchi e Christian Rigano alle tastiere, Gareth Brown alla batteria e Leo Di Angilla alle percussioni.

Bello spettacolo davvero. Almeno la mia ragazza ne è rimasta contentissima e questo basta.

Ultimi Trenta commenti su SettantaSei

enbar77
enbar77
Opera:
Recensione:
Si vabbè @Ferry. Ok. Si, certo, sono sicuro che è così. No non devi convincermi. Si va bene, ho capito. Si, mi sembra giusto. Ciao core, dicono a Roma...


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
MastroTitta
MastroTitta
Opera:
Recensione:
aho' a me la recensione nun me piace perchè da un determinato periodo in poi fa sembrare Giovanotti un artista italiano di notevole spessore. Saro' pure io un idiota come ferry ma il voto glielo metto non perchè ho visto il concerto ma perchè Giovanotti per quanno mi possa sforzare nun ce lo vedo proprio come artista e con cognizione di causa e poco sforzo (stavolta) mi fa cagare a spruzzo. Si puo' dire senza sembrare ottuso e smargiasso?


MastroTitta
MastroTitta
Opera:
Recensione:
aries
aries
Opera:
Recensione:
Ho mandato in estasi la mia compagna con Nico e Neil Young, poi ho continuato con Vangelis, Tori Amos, Elton John, Françoise Hardy. I suoi CD di Vasco Rossi sono coperti da strati geologici di polvere e la sua raccolta di Jovanotti è finita addirittura nel cassonetto. Sono un ragazzo fortunato.


FOGOS: "Sono un ragazzo fortunato." Non nel senso Jovanottiano, voglio sperare...
fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
okei, è legge di natura: ognuno si chiava le femmine che si merita, tu sei un sfigato, 2 + 2 = 4 con gli sfigati. amen. e comunque, quanto a gusti musicali tu non sei meglio.


voodoomiles
voodoomiles
Opera:
Recensione:
se c'è una relazione tra figa e musica...beh...


Alexander77
Alexander77
Opera:
Recensione:
A me la battuta di ferry ha fatto ridere...capisco che uno possa prendersela, ma non mi è sembrata così offensiva, mi sembrava buttata li in tono generale...non capisco come tu possa qualificare questo povero idiota come artista (?! artista?!) di notevole spessore...dì la verità, lei legge debaser e temevi ritorsioni...


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
anche la mia andava di tunza ignorante (tipo remix scrauso di madonna o lady gaga per intenderci) ma grazie al cielo ora ha visto la luce, hanno fatto da apristrada i rage against the machine e i massive attack e ormai riesco a farle ascoltare praticamente di tutto (a parte miles davis su cui devo ancora lavorare) anche se purtroppo ogni tanto ha delle ricadute, ma nei limiti dell'accettabile :)


magnum p.i.
magnum p.i.
Opera:
Recensione:
"Jova ci sa fare e come. Intrattiene e coinvolge, sorprende e appassiona e nel complesso lo si può qualificare come un artista italiano di notevole spessore." Ma cosa vi sarebbe di così INCREDIBILE in questa frase? Non capisco. A me il lorenzo giovinanstri fa cagare brutto brutto, ma qualsiasi scemo capirebbe che quella frase rappresenta un giudizio puramente tecnico-tattico sulla capacità del lorenzuccio a metter su un concerto di livello come dire, accettabile. E questo non ha niente a che vedere con la qualità in se della proposta musicale. Si tratta pur sempre di uno che bene o male calca i palchi da vent'anni, ha un entourage di professionisti collaudati, musicisti esperti. Mi sembra normale che l'esperienza accumulata gli consenta di dare al "suo" pubblico un live più che decente. Poi ci son quelli che si scandalizzano, perchè Jovinastry è troppo mainstream, perchè lo conoscono tutti, pure quelli che di musica non ne ascoltano proprio, quindi deve essere per forza di cose un incapace a prescindere. Boh


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
@magnum: beh ma un concerto mica lo si giudica solo per la parte scenica, ma anzi, almeno per me, il 90% lo fa la musica... se no a sto punto metto un circo sul palco e siamo a posto, tanto l'importante è intrattenere. allora però possiam dare 5 a tutto perchè alla fine anche i tokyo hotel intrattengono e fanno divertire le loro fan


magnum p.i.
magnum p.i.
Opera:
Recensione:
Alexander, suvvia, la parola "artista" è un termine di comodo, e se fai la ricerca su Deb anche Giggione DaLessie lo trovi sotto la voce artisti. Se ogni volta si prendessero come riferimento i vari Zappa, Lou Reed, Xenakis, Dante, Leonardo e Mozart, sarebbero da cancellare il 99% degli "artisti" presenti nel database... compreso Beethoven buauahuahuahuhauhauh


nes
nes
Opera:
Recensione:
"basta un po' di patata per dare 4 ad un concerto. Boh!". boh??? esci dalla pubertà e assaggia la patata.


Ferry: il boh non era certo riferito alla patata, vedi di usare il cervello se ce l'hai
nes: Il consiglio principale era quello di uscire dalla pubertà, consiglio che ti rinnovo.
Ferry: Pistolettino d'avanspettacolo, i consigli dalli al tuo ragazzo
nes: eddai, cerchi di provocarmi dandomi del culattone? Oh, io continuo a consigliarti di uscire dalla pubertà, poi fai come preferisci.
Ferry: Problemi con la consecutio temporum??? Sei tu che hai provocato per primo, scimmietta. Cambia il disco dai, che è rotto
nes: si ma a quanto pare io ci son riuscito: fatti abbracciare che sei tenerissimo! e già che ci sei controlla che è la consecutio temporum perchè mi sa che nonti è molto chiaro... Ma poi tu non eri quello che scriveva cose a cazzo in tono scherzoso? magari ricordo male... nel caso ricordassi bene: guarda che non è una tua prerogativa sai? magari (dico magari) lo fanno anche gli altri. Dio, troppo tener; fatti abbracciare un'altra volta!
Ferry: Scambiare la saccenza da strapazzo con l'ironia è sesquipedale. Abbraccia il palo della cuccagna va, che è meglio (per te, s'intende)
nes: "Scambiare la saccenza da strapazzo con l'ironia " quando sarei stato saccente? quando ti ho detto di abbracciare il pelo? o quando ti ho consigliato di uscire dalla pubertà? quando ti ho detto di controllare cosa sia la consecutio temporum? sul serio, non capisco: quelli sono solamente consigli sinceri.
magnum p.i.
magnum p.i.
Opera:
Recensione:
@jdv, si ma lui in quella frase ha fatto riferimento solo ed esclusivamente alla capacità di intrattenere. Quindi se ti scandalizzi per quella frase specifica, poi non te ne puoi uscire con altre questioni, che quella frase non ha riguardato. Mi sembra palese, no?


magnum p.i.
magnum p.i.
Opera:
Recensione:
anche la capacità di intrattenere è a suo modo un arte. Se poi per arte bisogna solo considerare l'aspetto compositivo, allora è un altro discorso. Ma poi subentra fin troppo ragionamento logico e va tutto a puttane. Perchè, come diceva Oscarino Wilde: "Esistono due modi per non apprezzare l'arte. Il primo consiste nel non apprezzarla, il secondo nell'apprezzarla con razionalità".


magnum p.i.
magnum p.i.
Opera:
Recensione:
Che divertente lo sfiquato che parla di sfigati. ''okei, è legge di natura: ognuno si chiava le femmine che si merita, tu sei un sfigato, 2 + 2 = 4 con gli sfigati'' è la prima volta che sento dare dello sfigato a qualcuno perchè la sua tipa non ha gusti musicali "colti", senza nemmeno aver visto la tipa in questione. Sai com'è la maggior parte degli uomini in una donna trova interessanti altre cose. Ma forse non sai cosa, perchè non ne hai mai vista una, vero?


Alexander77
Alexander77
Opera:
Recensione:
Magnum ammetterai pero che quello che dice jdv è assolutamente vero...intrattenitori è pieno il mondo e sono quasi certo che un concerto di madonna o di britney o di qualsiasi lurida che basa tutto sull'aspetto visivo faccia il culo a strisce a questo marchettaro. A me la parola artista fa ribrezzo, sempre e comunque, il concetto di arte è talmente vago che qualsiasi fesso sulla faccia della terra potrebbe esser considerato artista dopo aver piantato dei chiodi in una tavoletta di legno o aver pisciato su una tela. Quelli che si definiscono artisti li vorrei veder a pulir i cessi della stazione centrale, figurati cosa io possa pensare di questo "artista".


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
poi aggiungo che in effetti se è sbagliato dare dello sfigato a uno e alla sua tizia per i gusti musicali trovo altrettanto vero che la frase: "Sai com'è la maggior parte degli uomini in una donna trova interessanti altre cose" in quanto io in una tizia, a meno che non debba essere una cosa da una botta e via vorrei che ci fosse anche intesa sul piano intellettuale, se no sai che due palle... anche perchè romanticismi a parte, una sarà anche la più figa del mondo ma dopo un po' di tempo se non c'è intesa anche nel resto rompe i maroni.


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
*trovo altrettanto vero che la frase: "Sai com'è la maggior parte degli uomini in una donna trova interessanti altre cose"(mancava) faccia un po' orrore;


Cornell
Cornell Evangelìsta
Opera:
Recensione:
"Io credo che a questo mondo esista solo una grande chiesa che parte da Che Guevara e arriva fino a Madre Teresa, passando da Malcom X attraverso Gandhi e San Patrignano arriva da un prete in periferia che va avanti nonostante il Vaticano". Un genio incompreso (e meno male)... Però caro enbar, io spero che sia tutto un parto della tua fervida fantasia, io l'avrei mollata in tronco al "Gigi".. E mi sarei risparmiato così la tortura del Giovanotti for Fuckident.


Ferry
Ferry
Opera:
Recensione:
@ Nes: a parte il fatto che frequento la patata da decenni senza il bisogno di frequentare parimenti i concerti di Jovanotti....il boh ce l'ho messo così alla catzo, per sottolineare che il tono era scherzoso e non canzonatorio e per suggerire (senza pretesa alcuna) che si può anche evitare di esser schiavi di una ragazza che ti piace o della propria ragazza/donna/amante/futura moglie/moglie/convivente etc. etc. Se le piace Jovanotti e a te no, inventati un'altra occasione senza perdere la tua dignità. E senza scrivere una recensione in proposito per "pulirsi la coscienza" a posteriori (quest'ultima frase non va intesa in senso letterale, capito Enbar?). Che poi Enbar se la sia presa di brutto è completamente fuori luogo e sorprendente. Prima di tutto perchè la patata è sacra comunque (dov'è l'offesa? Non capisco proprio!), secondo perchè non ho fatto nessuna allusione alla consumazione di atti sessuali come invece ha creduto di capire Enbar (e non ci sarebbe stato niente di male comunque, a meno che Enbar non sia un membro dell'Accademia di Platone), terzo perchè se avessi voluto criticare e stroncare davvero tutto quanto avrei usato altre parole e un altro stile. Bastava prendersi molto meno sul serio per capire che non c'era proprio nulla di male e non c'era nessun intento offensivo.


nes: "ce l'ho messo così alla catzo, per sottolineare che il tono era scherzoso " io con che tono ti ho risposto secondo te?
Ferry
Ferry
Opera:
Recensione:
comunque Enbar, devo riconoscere assolutamente una cosa. Hai avuto molto coraggio a scrivere questa recensione su debaser. Non è da tutti.


AJM
AJM
Opera:
Recensione:
Ci sono persone che prendono la musica come un credo estremista, questo non lo capirò mai. So solo che, come ogni estremismo, è dannoso. In merito al commento 67 mi lasciano di stucco affermazioni tipo "inventati un'altra occasione senza perdere la tua dignità". Va bene che bisogna obbligatoriamente ascoltare i King Crimson, conoscere a memoria Frank Zappa, lodare i Led Zeppelin altrimenti passi per coglione, ma andare ad un concerto di Jovanotti significa perdere dignità? Ma dove? Ma quando? Ma in che mondo? Ma a che ora? Esiste anche la possibilità di voler far contento qualcuno a cui si tiene. Mai capitato di guardare un film che a te non piace perchè a lei faceva piacere? E lei per te non l'ha mai fatto? "esser schiavi di una ragazza" è ben altra cosa...da quel che leggo non mi pare l'abbia obbligato nessuno a comprare i biglietti, sono stati un regalo (pure gradito). Sul commento 52 poi non ho parole..roba da asilo.


magnum p.i.
magnum p.i.
Opera:
Recensione:
@Alexander: si si okaeaey, però insomma, alla fine ha semplicemente detto che Jovanardy sa come fare un concerto, non ha mica detto che è un genio ecc. ecc. cioè si va bene, però insomma, boh. @ Mr. Roxy Music (bravo, gusti raffinati, sul serio), mah, sarà ma non credo che per andare d'accordo con una donna, anche da un punto di vista cerebrale questa deba per forza di cose avere gusti musicali sopraffini, alla fine si tratta di quisquilie e pinzillacchere in mezzo a un mare di altre centinaia di aspetti da considerare, ed io non mi riferivo solo a quello fisico. baci baci


magnum p.i.
magnum p.i.
Opera:
Recensione:
debba con due b. anzi facciamo tre


IL SICILIANO
IL SICILIANO
Opera:
Recensione:
Anno 1999, una discoteca a Torremolinos, scena 1
A dice a B : ma guarda 'sto branco di stronzi che ballano musica di merda tutti pigiati e sudaticci!
scena 2 (10 minuti dopo) A balla in pista avvinghiato a una spagnola tettona e le dice: !holà chica, te gustano los chicos italianos??? B osserva con aria di compatimento...
Servi della gleba a testa altaaaaaaaa, verso il triangolino che ci esaltaaaaaaaaaaaaaaaa


enbar77
enbar77
Opera:
Recensione:
Caro @Magnum, grazie al cielo hai capito perfettamente cosa volevo intendere. Del resto credo di scrivere in italiano e tu, come pochi altri credo lo comprendi. Per questo ti ringrazio. Non vado oltre perchè corro il rischio che @Ferry e @Fiquata, organizzino una commissione parlamentare sulla questione. Dio mio, perdita di dignità, pulizia della coscienza a posteriori in senso letterale, patata, sfigato. Siamo messi davvero, ma davvero male...


Ferry
Ferry
Opera:
Recensione:
@ AJM e Enbar Eh sì che avevo avvertito di non prendere le frasi in senso troppo letterale. Pazienza. Tutto questo polverone per una battuta innocua, che avrei lasciato così com'era se fosse stata presa per quello che effettivamente era (senza nessun giudizio o voto e con un bel "boh" agnostico)... Ed è la terza volta che lo ripeto. Vabbè che repetita iuvant, ma qui stiamo esagerando, anche con le interpretazioni maligne e i sospettoni. @ Magnum: "artista di notevole spessore" messa lì così mi sembra che vada al di là del concerto. E' un complimento a tutto tondo. O sbaglio? Se sbaglio, fa come se non avessi scritto nulla. E' lo stesso.


progknight94
progknight94
Opera:
Recensione:
Niente marijuana nè pasticheeeeee... noi si assume solo il due di piccheeeeee...


Geo@Geo
Geo@Geo
Opera:
Recensione:
Ciao Enbar, visto che la recensione è frutto di un regalo alla tua futura moglie, non la voto, ma ti faccio tantisssimisssimi auguri per il vostro futuro prossimo:-*)


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Live @ Caserta, Palamaggiò 29.04.11 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link