June Of '44
Engine Takes To The Water

()

Voto:

Have A Good Trip, dear.

Fragili armonici procedono senza fretta. Si aggiungono gli altri strumenti, compenetrazione in un lessico essenziale, seppur complessissimo. Ritornello disperato e rassegnato.

La complessità è un po’ il filo conduttore che unisce tutti i pezzi; una strana evoluzione del prog. Se i Re Cremisi procedevano senza badare troppo all’orologio unendo improvvisazione a composizione secondo una procedura tipicamente jazz, qui ogni pezzo è frutto di una progressiva scarnificazione del suono, una struttura che lascia trasparire la nudità o gli accoppiamenti. Si potrebbe dire un prodotto troppo ”sorvegliato”, ponderato, cervellotico, eclettico: un congegno astratto di autentica bravura. La bellezza di una meccanicità automatica, nichilisticamente reattiva e convulsa.

Ai pezzi di questo filone ("Have A Good Trip, Dear”; una “Pale Horse Sailor” da brividi: linea melodica ridotta a due note, basso e batteria in fibrillazione, batteria da maestro!!!, avanguardistica, lanciata sui 250 all’ora, segue un percorso di eccitazione nevrotica che cresce con picchi diversi fino all’esasperazione, poi si ferma ad un passo dal collasso, massima tensione, e si sgonfia come un pallone (!!!)) si contrappongono sofficità inquietanti (“Sink Is Busted”; ”Mooch”) e raptus ("Mindel”; ”Take It With A Grain Of Salt").
Il paragone con gli Slint deve essere giusto e ragionato: sicuramente si prendono le redini di un discorso già svolto, ma se in 'Spiderland' prevaleva l'afasia, in "Engine" si sfruttano al massimo le deviazioni espressive, si porta a maturazione il linguaggio post rock. Comunità di intenti, quindi, e non plagio.

La confezione è completamento estetico della musica: pacchetto di cartone apribile in tre parti: prima e terza copertina ricorrere del motivo del vascello su fondo rosso, rigorosa bicromia (rosso e terra) su testo nero. in poche immagini (come nelle musiche in poche note) una pregnanza debordante.

Questa DeRecensione di Engine Takes To The Water è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/june-of-44/engine-takes-to-the-water/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentOtto)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Non mi dispiaCCie affatto (anzichesì) la Sua gradevole (fine)giugnica de-recensoream atzionem, et il vaquo messaggio qùé s'appresta a finir di leggere è esclusivamente testimoniantzia di cìùò. Un ossequio ossequioso und qaloroso. Your s.c. di (s)fiduciam. p.s. il disquo credo d'averlo (anche) auscultato but non ne avrei alcun fattivo de-rammento.
BËL (00)
BRÜ (00)

Festwca
Opera: | Recensione: |
Ottimo! I June of 44 però mi sanno troppo di già sentito anche se amo molto la scena di Louisville. Bel gruppo, comunque.
BËL (00)
BRÜ (00)

Festwca
Opera: | Recensione: |
Ah, "Delitto e Castigo" di Dostoevskij è in assoluto uno dei romanzi che più mi hanno segnato nel profondo (lo so, non c'entra niente ma ho visto che nel tuo blog hai inserito un dialogo tratto dal cap.4)
BËL (00)
BRÜ (00)

Roby86
Opera: | Recensione: |
Veramente molto interessante!
BËL (00)
BRÜ (00)

Occulto Supersovrano
Opera: | Recensione: |
I June sono affascinanti ed originali; notevole questo loro debutto (è il loro primo disco,vero?) anche se gli preferisco Four Great Points, che è unico.
BËL (00)
BRÜ (00)

lemuro
Opera: | Recensione: |
era da giorni che aspettavo di decommentare un album.....finalmente mi hai fatto tornare il sorriso con un gruppo superlativo e una prosa, diciamo "disarmonica", o "post-rock" se preferisci....complimenti !!
BËL (00)
BRÜ (00)

Stoopid
Opera: | Recensione: |
Mancavano? Vuol dire che si può ancora recensire del buon post rock, bene. Al disco dò un 4 a memoria, ho tanto apprezzato i June of 44 a suo tempo ma adesso non distinguo bene i dischi tra loro. La recensione è magnifica, ma van norden è un personaggio di Tropico del cancro o l'ho sognato?
BËL (00)
BRÜ (00)

I_lOVE_mUSIc
Opera: | Recensione: |
disco bellissimo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Lewis Tollani
Opera: | Recensione: |
Come l'Occulto Supersovrano... Four Great Points è il non plus ultra di questa ottima filiazione Slint
BËL (00)
BRÜ (00)

Wanderer
Opera: | Recensione: |
Sconosciuti e resi intrigantissimi da questa ottima recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

Gonzo
Opera: | Recensione: |
bel disco davvero, non paragonabile a Four Great Points, ma forse altra roba... consigliato come al solito a chi ama i tanto amati/odiati pallosissimi ignorantissimi guitar heroes, un po' di sano dronaggio primi tempi.
BËL (00)
BRÜ (00)

lukin
Opera: | Recensione: |
ottima davvero la recensione. Per me un grande gruppo, nella loro musica si sente il "timbro" Slint, però ha ragione van norden trattasi di comunità di intenti, e non di plagio. Oltre a Four Great Points (concordo stupendo) non è male nemmeno Anahata. Questo non lo conosco, ma vedremo di presentarci.
BËL (00)
BRÜ (00)

van norden
Opera: | Recensione: |
sto arrossendo per gli apprezzamenti:) in ordine:
1) i june of 44 qualcosa di già sentito????!!!? non ho parole
2)delitto e castigo lo reputo fondamentale per la crescita di una persona, mi fa piacere che la sua potenza sia condivisa da più persone
3)peccato non aver ascoltato gli altri lavori dei june, spero che qualcuno si attrezzi con qualche recensione:)
4)van norden è un personaggio di tropico del cancro al limite del cinismo, stanco butterato e atroce.
BËL (00)
BRÜ (00)

Festwca
Opera: | Recensione: |
Perché non hai parole? Se conosci un po' di post-rock, ne converrai che i June of 44 non hanno tutta questa originalità. For Carnation, Tortoise, Rodan, Gastr Del Sol, Labradford sono tutti gruppi che girano intorno ad uno stesso modo di fare musica. Comunità d'intenti, come dici tu, fatto sta che gran parte del cosiddetto post-rock non possiede quella spinta rivoluzionaria e innovatrice che si trova solo nei grandi capolavori (Spiderland?).
BËL (00)
BRÜ (00)

van norden
Opera: | Recensione: |
forse hai ragione, non conosco tutta la scena post, ma come con spiderland credo si tratti di un album molto originale e della stessa caratura.non si può dire la stessa cosa ad esempio dei mogwai, veramente senza sale.
a parte sta parentesi, riascolta “Pale Horse Sailor” e dimmi chi come loro ha raggiunto vette di sperimentalismo e sintesi allo stesso tempo
BËL (00)
BRÜ (00)

Festwca
Opera: | Recensione: |
Pale Horse Sailor non la conosco, provo a scaricarmela per darci un'ascoltata. I June Of 44 li giudico solo in base a "4 Great Points" (è l'unico che ho), quindi potrei sbagliarmi nel giudizio :)
BËL (00)
BRÜ (00)

van norden
Opera: | Recensione: |
effaibbene!!!!:)
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
benvenuto van norden, mi piace come scrivi: secco, conciso, essenziale. Appunto.
BËL (00)
BRÜ (00)

van norden
Opera: | Recensione: |
van norden
Opera: | Recensione: |
ps:che significa appunto?
BËL (00)
BRÜ (00)

van norden
Opera: | Recensione: |
kosmogabri
Opera: | Recensione: |
touché? De quoi? ;D ... (ps: "appunto" come piace a me)
BËL (00)
BRÜ (00)

van norden
Opera: | Recensione: |
niè... lascia perdere ho capito la cosa tre quarti dopo;) notte amelie..
BËL (00)
BRÜ (00)

Boiaflipper
Opera: | Recensione: |
una bella recensione per uno dei miei preferiti di sempre. bra'!
BËL (00)
BRÜ (00)

Boiaflipper
Opera: | Recensione: |
ma poi tutti si preferisce Four Great Points? ma dico? è da anni che devo trovare chi preferisce ETTW.
BËL (00)
BRÜ (00)

Boiaflipper
Opera: | Recensione: |
una bella recensione per uno dei miei preferiti di sempre. bra'!
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
io lo preferisco, sto bastardo di un math, fjohl.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Ogni tanto passo di qui...
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: