Sto caricando...

Kansas
Song For America

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Chiedimi chi erano i Kansas... uhm... indubbiamente una delle migliori rock band nello scenario musicale d'oltre oceano dei '70, ma più semplicemente dirò che suonavano una musica tecnica, ma di facile ascolto. Insomma i Kansas li metto su quando mi va di ascoltare musica buona senza impegnare troppo l'orecchio.

Musica del genere è difficile da trovare, e i primi 4 o 5 dischi di questa band, ossia prima che si spostassero verso un AOR ricercatore di hit, ne sono un ottimo esempio. Caratterizzati da quell'allegria tipica della musica degli Yes, i Kansas sono stati spesso etichettati come chitarroni sguaiati americani, ma per me questa è tutt'altro che una critica, anzi...

Gli elementi tipici del rock progressivo c'erano tutti, tecnica, suite, cambi di tempo, contaminazione di altri generi, soltanto quelle atmosfere lente e meditative erano estranee al loro porsi. Questo "Song For America" del 1975 è uno dei loro più illustri lavori, che trovò le classifiche con la ballata omonima, nonostante i suoi 10 minuti.

Degne di nota le altre due suite, "Lamplight Symphony" e "Incomudro - Hymn To The Atman" (che riprende nel tema iniziale la "Peaches in Regalia" di Zappa), mai stancanti e fluide nella loro lunghezza. I tre restanti brani, più corti, sono dei deliziosi cammei che vanno a incastonarsi meravigliosamente in questo gioiellino di disco. La voce maestosa di Steve Walsh è come un marchio di fabbrica, sa essere epica e toccante come pochi, e si integra perfettamente alla miscela sonora della band; infine i testi, che non sono mai pretenziosi, e non può essere che un bene.

Niente di eccezionale, ma senza dubbio musica per tutte le orecchie, dai "non esigenti" ai più pignoli. Musica da ascoltare durante un viaggio in auto, ecco chi erano i Kansas.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su SessantaDue

DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
graziè saputè, ricambio


easycure
easycure
Opera:
Recensione:
non per dire, ma affermare che i Kansas sono "una delle migliori rock band nello scenario musicale d'oltre oceano dei '70" significa non conoscere gli anni '70 oltre-oceano.. non per dire, ma queste definizioni fin troppo trabordanti risparmiamocele..


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Significa conoscere gli anni'70 oltre-oceano meno di te, easycure...ora se vuoi illuminarci tu, non facendo un elenco di band ma dicendo perchè i Kansas non sono tra i migliori gruppi d'oltre-oceano, te ne sarò grato, così come ti sarò grato se risponderai sul forum, ma te ne sarò grato soltanto ai primi di gennaio, perchè ora sono in partenza...auguri!


Saputello
Saputello
Opera:
Recensione:
Sii sintetico easycure... abbi pietà di noi.


godbowl
godbowl
Opera:
Recensione:
evviva..un altra perla di regressive rock...


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
evviva..un altro utente sotto gli standard


aka THE TRUE ghetto
Opera:
Recensione:
il ritorno----


paloz
paloz
Opera:
Recensione:
OOOOTTIMOOOOOO!


Io Ho Il Pene
Io Ho Il Pene
Opera:
Recensione:
cazzo i kansas, esiste gente nel 2006 che ha coraggio di ascoltare sta roba finto romantica...


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
roba da brividi...


Randolph Chandler
Randolph Chandler
Opera:
Recensione:
dave jon questa è roba pacchiana, i kansan sono pacchiani, non because the night come hai scritto in un altra recensione, quand'è che imparerai a distinguere la grande musica dalla merda??


sylvian1982
sylvian1982
Opera:
Recensione:
Toh! Qualcuno che la pensa come me. Speriamo che DaveJon ci perdoni.


NickGhostDrake
NickGhostDrake
Opera:
Recensione:
radolf chandler ma tu voti sempre in successione a io ho il pene?


Randolph Chandler
Randolph Chandler
Opera:
Recensione:
beh veramente sono successivo al tuo di intervento nick, almeno nel mio computer è così, nel tuo non è così?


godbowl
godbowl
Opera:
Recensione:
per natale chiederei a babbo natale di inserire tra i de generi l'immancabile re dei sotto generi, il "musica per tutte le orecchie"...peraltro il miglior genere degli anni settanta ottanta e novanta forse anche dei duemila.sopra sotto e oltre l oceano..pacifico..


Roby86
Roby86
Opera:
Recensione:
Secondo me è il migliore dei Kansas... un album quasi perfetto, portato ancora più in alto dalla titletrack e da "Incomudro/Hymn To The Atman" - Recensione breve ma efficace.


Roby86
Roby86
Opera:
Recensione:
Lord
Lord
Opera:
Recensione:
Recensione molto buona(è ovvio che si tende a paragonarla con quella di Wyatt, più sentita). Il disco è inevitabilmente da 4: è una musica per tutte le orecchie ed allo stesso tempo intelligente, e questo è il grande merito che si deve riconoscere ai Kansas. Naturalmente, su tutte, spicca la Title Track così positivamente "ingenua" e fluida che sembra una caramella


easycure
easycure
Opera:
Recensione:
non c'è bisogno di fare nessun elenco, dave, basta leggere la tua stessa recensione: tu parli di "una musica tecnica, ma di facile ascolto", "musica buona senza impegnare troppo l'orecchio", "un AOR ricercatore di hit"; dove stia la significatività di tutto questo per me è un mistero; può piacere certo, chissenefrega, ma da qui a dire "una delle migliori band dei '70".. l'unica conclusione che se ne può logicamente trarre, è che gli anni '70 non vadano oltre progressive, NWOBHM e glam (e AOR)..perchè altrimenti migliori di questi ce n'è qualche centinaio.. :-D inoltre ti contraddici pure dicendo: "Niente di eccezionale, ma senza dubbio musica per tutte le orecchie" ma allora come fanno ad essere fra i migliori dei '70? bah.. ti ripeto: per "illuminarvi" basta la tua stessa recensione, ti sei risposto da solo ;-D ..auguri!


hugoniot
hugoniot
Opera:
Recensione:
assurdo,sparare parole a caso è la stessa cosa..tutte contraddizioni


enrybaxx
enrybaxx
Opera:
Recensione:
ma perché ve la prendete sempre tanto con Gilmour, ha scritto una rece che non è per nulla male di un disco che non è nemmeno il massimo della vita. ragazzi prendetevi la vita piu' tranquillamente, suvvia è Natale - TANTI AUGURI A TUTTI


surferjoeshot
surferjoeshot
Opera:
Recensione:
oddio, se questo era tra le cose migliori degli anni 70...


the green manalishi
Opera:
Recensione:
Bella Dave, forse due paroline in più ci stavano sulle canzoni, ma fa niente. Bella uguale. Secondo me la canzone migliore del disco è la title-track SONG FOR AMERICA, scritta interamente da Kerry Livgren. La canzone vale davvero il disco.


YtseJam
YtseJam
Opera:
Recensione:
Purtroppo sei troppo scolastico e scrivi poco col cuore,di musica se ne parla poco...


ArnoldLayne
ArnoldLayne
Opera:
Recensione:
Il tuo nick invece ricorda un pezzo scritto davvero col cuore, eh?


popopo
popopo
Opera:
Recensione:
mi rincresce dirtelo jon,ma la tua recensione fa schifo al cazzo.con rispetto.


ROCCIA
ROCCIA
Opera:
Recensione:
un disco notevole. -<< i kansas sono stati spesso etichettati come chitarroni sguaiati americani, ma per me questa è tutt'altro che una critica, anzi... >>- Sono daccordo.


scaruffoditurno
scaruffoditurno
Opera:
Recensione:
UUHAHAHAHAHHAHAHHAHAHA!! MUHAHAHAHAHAHHAAHAHA!!


Peppe Weapon
Peppe Weapon
Opera:
Recensione:
Da ascoltare assolutamente.


Mr. Money87
Mr. Money87
Opera:
Recensione:
Bunissimo disco. Per me il loro miglior disco è Point of Know Return, però anche questo non è male.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Song For America è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link