Karate
Unsolved

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


In assoluto il disco più pensato, più caldo e più riflessivo partorito dal fantastico trio americano che ci aveva già regalato delle piccole perle con i dischi precedenti.

Il nuovo millennio dei Karate si apre quindi con "Unsolved", autentico gioiello, jazz a tutti gli effetti. Il tepore delle corde della Stratocaster entra già nelle ossa dal primo pezzo, "Small Fires": i piccoli fraseggi sembrano invitare a un religioso silenzio, per cogliere ogni piccola sfumatura di quelle melodie accennate. Il basso, lunghissimo, sorregge il resto. L'attenzione è rotta da pezzi come "Sever" e "The Roots And The Ruins", quest'ultimo con un feeling delicatamente reggae che non stona affatto in mezzo a tutto questo jazz così "impegnato".

Un disco da ascoltare in cuffia: l'unico modo per non perdere neanche un sottile gemito della chitarra, un piccolo accento della cordiera del rullante nascosto sotto a tutto il resto, un sussurro della voce così "afona" di Geoff. Fatemi un favore, ascoltatelo solo se non siete di fretta.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

Mars
Mars
Opera:
Recensione:
Bravo, buona recensione (e buon consiglio finale, ma gari un pò troppo stringata. Non concordo però sul fatto che sia "jazz a tutti gli effetti", è molto molto jazzato, ma non è jazz... e questo per me è un valore aggiunto: rimane un disco unico e dallo stile personalissimo. Bellissimo e profondo. Voto recensione: 3.5


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
si è vero....jazz non è....potrebbe chiamarsi indie-jazz? ehehe.....comunque grazie buon Mars, e complimenti per la precisione nel voto.


principles
principles
Opera:
Recensione:
i più belli per me rimangono sempre l'ultimo e l'ep cancel/sign , ma questo è sicuramente il secondo più bello ! Recensione sufficiente , però secondo me hai esagerato ha dire "Jazz" e poi potevi dire anche qualche altra cosa in più !


Lewis Tollani
Lewis Tollani
Opera:
Recensione:
forse ho apprezzato di più quelli "violenti" di karate, ma Geoff e soci riescono sempre ad incantarmi... bravo melo... anche se devo accodormi ai due di sopra... Jazz...???


Galakordi Urtis Krat
Opera:
Recensione:
non c'è molto da dire su quest'album a parte che è ottimo


Olsen Olsen
Olsen Olsen
Opera:
Recensione:
Recensione bella ma un po' corta. Il disco è stratosferico, anche se il più difficile a mio parere, dei Karate. Ho appena acquistato la versione in vinile doppio che contiene in più "Cherry Coke" "Death Kit" e "Nerve". Stupende anche quest'ultime...


nico81
nico81
Opera:
Recensione:
da fan sfegatato dei karate posso dire che forse qualche parolina in più sui pezzi sarebbe stata opportuna; specie dopo aver ascoltato "this day next year" o "the angels just have to show"... ma in effetti ogni pezzo è un gioiellino.
giusto consigliare la calma nell'ascolto, sarebbe sprecato in altre situazioni


Meconio
Meconio
Opera:
Recensione:
Ah, meraviglia dei tempi andati. Il disco perfetto di un gruppo (quasi) perfetto..."The Lived-but-yet-named" mi ha allungato la vita e non solo


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Unsolved è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link