Sto caricando...

Lev Nikolàevič Tolstoj
Resurrezione

()

Voto:

“Sono pazzo io, che vedo ciò che gli altri non vedono, o sono pazzi coloro che fanno quello che vedo?”

Può essere riassunto in questa frase l’intero significato dell’ultimo romanzo scritto da Lev Tolstoj, 'Resurrezione'. Ben lontano della descrizione degli sfarzi della nobile società russa di 'Anna Karenina' e dello spirito patriottico di 'Guerra e Pace', questo romanzo mette in discussione la moralità e la fede della società russa pre-rivoluzionaria di fine ‘800, o forse meglio dire dell’intero genere umano. Scritto sul finire dell’ ‘800 il romanzo raccoglie tutte le riflessioni che hanno portato lo stesso Tolstoj ad una profonda crisi spirituale dopo essere rimasto folgorato dalle letture dei Vangeli.

Il protagonista, il nobile principe Nechljudov, assiste come giurato alla condanna ingiusta ai lavori forzati di una prostituta, la Maslova, accusata di avvelenamento. La stessa donna, durante la sua giovinezza, era stata messa incinta e poi abbandonata dallo stesso principe, il quale vede proprio in questo motivo l’inizio della vita dissoluta della Maslova. Distrutto dal rimorso decide di liberarsi da tutti i sui agi e le sue ricchezze per seguirla durante la deportazione in una sorta di percorso di redenzione.

'Resurrezione' è forse il meno conosciuto tra i romanzi di Tolstoj, ma allora perché vale la pena recuperarlo e leggerlo? Innanzitutto proprio perché è stato scritto da quel genio di Tolstoj e la sua grandezza emerge ovunque in questo romanzo, dalla descrizione dettagliata e maniacale dei paesaggi, alla caratterizzazione psicologica dei personaggi, fino alle scene del processo e della deportazione. Ma soprattutto perché è impregnato di profondi spunti di riflessione sulla moralità della società, delle istituzioni e dell’uomo, e vi assicuro che a tratti è così potente e attuale da fare impallidire se si pensa che è stato scritto più di 100 anni fa.

Non è un romanzo leggero, anzi a volte diventa fin quasi pesante e sembra andare troppo sulle lunghe in alcune scene, ma tutte le nuove esperienze vissute porteranno, nelle ultime pagine, il protagonista Nechljudov (alias Tolstoj) ad indicarci una possibile, o forse l’unica, via di redenzione personale e per l’intera umanità.

Commenti (Sei)

TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Pensavo che qua si risolvessero problemi...
Ma ci accontentiamo anche di una bella recensione :)


dado
dado
Opera:
Recensione:
"Perché vale la pena recuperarlo e leggerlo? Innanzitutto proprio perché è stato scritto da quel genio di Tolstoj e la sua grandezza emerge ovunque in questo romanzo..."

Non posso non essere d'accordo. È in coda di lettura da quando ho letto e amato Anna Karenina.


CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Chiaramente Lev Nikolaevic non si discute, ma nel periodo successivo alla "crisi mostica" l'ho sempre trovato troppo unidirezionale per così dire. Mi pare che speculi sulla vita umana per trovare prove che confermino le sue idee.

Concordo con Čajkovskij quando diceva che “una volta, col semplice racconto di un episodio della vita di tutti i giorni, sapeva suscitare le impressioni più profonde. Adesso commenta testi e pretende un monopolio esclusivo nelle cose di fede e di etica. Il Tolstoj di un tempo, il narratore, era un Dio; l'attuale non è che un sacerdote.”

Per me l'ultimo capolavoro rimane "La Morte di Ivan Ilic" dove non è ancora così sbilanciato verso la missione che si auto-imponeva. Insomma, considerando le opere più importanti a "Resurrezione" dò tre stelle (sottolineamdo che le 3 stelle a Tolstoj sarebbero 5 per molti altri).


CosmicJocker: *mistica
CosmicJocker: L'avevo anche recensito "la morte di Ivan Ilic".
Massì, facciamoci un po' di promozione!
La Morte di Ivan Il’ič - Lev Nikolàevič Tolstoj - recensione
proggen_ait94: Sonata a Kreutzer che ne pensi?
proggen_ait94: che potrebbe essere un bellissimo punto di partenza @[musicanidi]
CosmicJocker: @[proggen_ait94] Sonata a Kreutzer è molto bello indubbiamente, con una tensione nervosa molto dostoevskijana; ma, anche più, pare che il romanzo in sé sia un pretesto per esporre le teorie matrimoniali dell'autore.
Vengono meno i tratti peculiari di Tolstoj: l'organicità della narrazione, i campi lunghissimi sui flussi e riflussi storici (Guerra e Pace), sulle miserie morali e il lusso materiale dell'aristocrazia (Anna Karenina), sulla chiusura verso l'esterno e la unicità di certi microcosmi (I Cosacchi).
Comunque Sonata a Kreutzer lo trovo più riuscito di Resurrezione.
proggen_ait94: Ora dirò una cosa che rivelerà la mia partigianeria: è proprio il diventare dostoevskijano che abbassa la qualità della sua produzione (:
CosmicJocker: Ah, abbiamo qui un tolstojano! Di solito è il Dosto che fa più proseliti..
Ma non ti piace proprio per niente Dostoevskij?
asterisco: "Ora dirò una cosa che rivelerà la mia partigianeria: è proprio il diventare dostoevskijano che abbassa la qualità della sua produzione"

@[proggen_ait94] PUZZONE
proggen_ait94: ma certo che mi piace stavo scherzando al 20%
musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
Mai letto nulla del Leone russo...provo vergogna ma il timore reverenziale verso i suoi tomi è un baratro in cui non a buttarmi. Ci vorrebbe una spintarella....


musicanidi: non riesco
CosmicJocker: @[musicanidi] inizia dai "Cosacchi". Un (bellissimo) romanzo "giovanile" molto agile, ma davvero di un'impalcatura notevole..
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Mi manca. Ho glissato la rece al primo accenno di descrizione della trama


Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
L'ho letto un mucchio di anni addietro ma non ricordo niente di nulla, ho letto altresì altri libri suoi ma non ricordo nemmeno i titoli e me ne vergogno, però mi ricordo che mi piaceva il suo modo di filosofeggiare e le sue esperienze autodescritte e niente...


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Resurrezione è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link