Luigi Zampa
Il mostro

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Mi ha sempre colpito una vecchia riflessione di Dario Argento sul giallo all'italiana, e sulle ragioni per le quali il genere esplose soprattutto negli anni '70, con vasto successo di pubblico, prendendo il posto degli western spaghetti che tanto andavano di moda nel decennio precedente: secondo il regista romano, una delle ragioni del consenso riscosso da questi film era data dal fatto che essi portavano la violenza ad un livello parossistico, finendo per esorcizzarla, in un contesto storico sociale in cui essa costituiva un dato quotidiano. Nella prospettiva di Argento, il grand guignol di un "Profondo Rosso" finiva per essere uno svago rispetto al sangue che correva sulle strade, per iniziativa di vari gruppi di "sinistra" o "destra".

Mi domando come questo ottimo e dimenticato film, ad opera di un (grande) artigiano della commedia all'italiana possa essere interpretato, nell'ottica assunta dal Maestro del thriller: non foss'altro perché Luigi Zampa era zio (naturale) di quel Renato Curcio indicato come principale leader ed ideologo delle BR, uomo maturo che nell'autunno della sua vita si trovava immerso in un Paese lacerato da violenze, molto lontano dall'Italia del boom economico che lo stesso regista aveva educatamente rappresentato, non senza sferzante ironia, in piccoli capolavori come "Il Vigile", e che da queste violenze era probabilmente toccato anche nell'intimo.

Mi domando se in Zampa vi fosse, anche inconsapevole, il dubbio che le violenze degli anni '70, fossero, in parte, anche colpa dei padri (o delle generazioni precedenti), incapaci di risolvere i conflitti latenti nella società italiana, sia a livello sociale, che politico ed economico.

Questa lunga digressione iniziale non sembri fuorviante per i lettori di Debaser: credo infatti che il rapporto fra padre/figlio, ed in generale una più ampia riflessione sulle origini della violenza, sia l'autentica chiave di lettura de "Il Mostro" (1977), ottimamente interpretato da un Johnny Dorelli alla miglior prova cinematografica della sua carriera, prima del recente "Ma quando arrivano le ragazze?"di Avati e da un buon cast di caratteristi (Angelo Orlando, Renzo Palmer), fra i quali spicca anche un'affascinante Sidney Rome.

Il lungometraggio che narra dell'ascesa professionale di un giornalista di second'ordine (ridotto a curare, sotto pseudonimo, una rubrica per cuori infranti), catapultato "al centro della notizia" quando un misterioso assassino seriale lo sceglie come interlocutore privilegiato e narratore delle sue gesta omicide.

L'ascesa del Nostro, divenuto grazie ai suoi scoop nome di punta della principale testata cittadina, è infatti contrassegnata da un pessimo rapporto con il timido e complessato figlio, il quale ha dapprima subito le frustrazioni paterne, e l'incapacità del giornalista di emergere nella professione, venendo di seguito accantonato dal padre quando il Mostro determina con le proprie efferatezze la svolta nella carriera del protagonista.

La trama gialla risulta, in tale prospettiva, come una sorta di pretesto per rappresentare la frammentazione degli affetti nella società dei tardi anni '70, il dolore intimo che fa quasi da contr'altare alla conclamata ed inestirpabile violenza della società: il giornalista ha una famiglia disastrata, essendo divorziato dalla prima moglie e madre del ragazzo, non è in grado di comprendere le ansie e tristezze del figlio - sostanzialmente abbandonato -, e non appena ottiene un minimo successo (frutto di tragedie altrui e delle gesta del Mostro) tende a liberarsi del ragazzo, riempiendolo di ricchezze materiali ma privandolo dell'affetto richiesto, e punta a rifarsi una vita con una giovane ed affascinante starlette locale.

In ciò, egli è un campione di cinismo e di opportunismo, una maschera quasi tragica dell'individuo indifferente alle vicende del mondo, se non nella parte in cui esse possono riverberare a suo favore, garantendo la sua ascesa sociale ed economica. Al dunque, è forse il vero Mostro a cui allude, ambiguamente, il titolo del film, responsabile non solo della sua infelicità e rovina, ma anche di quella del figlio e della propria famiglia.

Traslato a livello più generale, il messaggio del film sembra quasi una chiamata in correità della generazione dei padri per le violenze dei figli, simboleggiata dal tragico ed agghiacciante finale del film.

Questa DeRecensione di Il mostro è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/luigi-zampa/il-mostro/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

Lord
Opera: | Recensione: |
Diavolo non lo conosco. Buona recensione, mi sa che lo devo scaricare
BËL (00)
BRÜ (00)

Nero
Opera: | Recensione: |
ottimo film, anticipatore del v-day di grillo: v come vittoria, v come vaffanculo
BËL (00)
BRÜ (00)

happypippo
Opera: | Recensione: |
Zio di Curcio??? Grande informazione, ottima recensione (as usual) il film non me lo ricordo piùùùùùùùùù
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
@happy: la parentela era nota (Curcio era figlio naturale del fratello di Zampa), in ogni caso trovi diverse notizie in materia anche sulla rete. Su una storia del genere - l'ideologo della BR ed uno dei maestri della commedia all'italiana si potrebbe davverso scrivere un libro - una "Pastorale italiana", parafrasando il buon Roth.
BËL (00)
BRÜ (00)

happypippo
Opera: | Recensione: |
Sì ma io non lo sapevo. capita ;-) scrivilo tu il libro...potremmo raccogliere insieme i films usciti all'epoca e che risentono del clima (so che sono miliardi ma almeno i più esemplari) e scrivere il libro insieme (edizioni il castoro cinema ovviamente)
BËL (00)
BRÜ (00)

KurtTheFish02
Opera: | Recensione: |
Non conosco il film ma ho avuto modo di apprezzare Jonny Dorelli come attore, veramente ottimo (ma perchè poi ha smesso?). Recensione stupenda che va tra le mie preferite!
BËL (00)
BRÜ (00)

TinyBanks
Opera: | Recensione: |
Bellissima recensione per un bel film ingiustamente caduto nell'oblio e con un finale assolutamente da non svelare.
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
@lord: quando l'hai visto fammi sapere che ti sembra! P.S. il figlio di Dorelli è interpretato dallo stesso attore che, da piccolo, veniva ammazzato da Henry Fonda in c'era un volta il West di Sergio Leone.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nero
Opera: | Recensione: |
una recensione per pochi intimi, e di là nella stanza di miciatigre ci sono valanghe di commenti di una volgarità assoluta. mi dispiace davvero per il recensore, meritava miglior destino (o forse sito)
perchè non recensisci il bestione?
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
@nero:lo farò. Spiace anche a me che pochi l'abbiano letta, non per quello che ho scritto, ma perchè questo è un film che merita davvero.
BËL (00)
BRÜ (00)

TinyBanks
Opera: | Recensione: |
@nero: meglio pochi intimi (che discutono civilmente) di una valanga di volgarità. A ognuno la sua "stanza", io preferisco questa. Anche io mi sarei aspettato qualche commento in più da altri cinefili, ma purtroppo temo che questo film l'abbiano visto davvero in pochi
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Gurada Vellutogrigio, il film mi ricordo che lo passarono qualche tempo fa su un emittente locale della Lombardia (non chiedermi quale, perchè non me lo ricordo), ma, diciamo, ho preferito lasciare perdere. Perchè generalmente Zampa è un buon regista, ma Dorelli proprio non mi piace (nè quando canta, nè quando recita). Poi tutto è possibile...
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
@Poletti:so che lo trasmettono soprattutto in quelle emittenti. Secondo me a non vederlo di sei perso qualcosa, qui Dorelli - altrove macchiettistico suo malgrado - recita bene, ed in ogni caso non puoi perdere questo bel lavoro solo per il fatto che ti è antipatico il protagonista. Altrimenti sai quanti film ci si perderebbe!
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Prometto che stasera lo scarico da Internet. Poi ti dico.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mopaga
Opera: | Recensione: |
Ottima recensione! Anche se credo di aver già capito il finale... quando l'avrò visto ti dirò :)
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
@mopaga: occhio che in questo film non conta capire chi è l'assassino ; - e poi la sopresa agghiacciante allude a qualcos'altro... fammi sapere!
BËL (00)
BRÜ (00)

Mopaga
Opera: | Recensione: |
Finalmente sono riuscito a vedere il film. Bellissimo. Avevi ragione, alla fine capire chi è l'assassino passa in secondo piano. Cinico e triste, come piace a me. 5 confermato. 4,5 al film.
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
@mopaga: avevi capito chi era l'assassino
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: