Luther Allison
Bad News Is Coming

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Riprendo le mie recensioni di blues ma non come di consueto dagli storici "mostri sacri", ma da un grande blusmen un po' più vicino a noi, ovvero Luther Allison e da uno dei suoi album che più amo, ovvero questo "Bad News Is Coming" inciso nel 1972 dalla Motown, tra l'altro il primo lp blues registrato da questa prestigiosa etichetta, votata fino ad allora essenzialmente al soul e al funky, comunque, andando avanti nella lettura si capirà del perché l'etichetta decise di partire proprio da questo lp.
Il disco segna anche il debutto discografico dello stesso Allison, chitarrista elettrico di Chicago influenzato da musicisti come Freddie King (che fu suo mentore), Buddy Guy e Otis Rush ma che poi ha trovato un suono e un fraseggio personali ed è un cantante dalla voce scura e possente, dalle inflessioni e dai timbri soul.
Il gruppo che lo accompagna nel disco è composto da Paul White al piano (e organo), Ray Goodman alla chitarra ritmica e Andrew Smith che suona sia il basso che la batteria e Garfield Angove all'armonica.
L'album si apre subito in modo dirompente, con una versione travolgente del classico di Willie Dixon "The Little Red Rooster" che subito ci porta all'interno delle atmosfere di fulminea potenza espressiva che permeano l'intero disco. Luther ha la voce intensa e la chitarra è eletrizzante ed è supportato dalla band in maniera coesa e vigorosa. Questa versione per me è una delle riletture più belle e riuscite che io abbia mai sentito.
Il secondo pezzo è sempre un brano di Dixon "Evil Is Goin On" dai toni più (o)scuri e dal riff contagioso, molto interessante l'utilizzo dell'armonica polverosa di Angove che per l'intero brano svolge una funzione di controcanto. "Raggedy And Dirty", l'unico originale del disco insieme alla title track, è un gioiello funky blues tiratissimo ed energico.
Allison tratta "Rock Me Baby" di B.B. King nel migliore dei modi facendone una versione trascinante e arricchita da un bellissimo solo di chitarra affiancato dal dinamico pianismo di Paul White, il tutto è incorniciato dalla sempre coinvolgente sezione ritmica.
Ora si arriva al diamante del disco, ovvero "Bad News Is Coming", questa è una canzone che penetra nell'anima. Allison ha saputo fondere blues, soul e funky in maniera perfetta, in cui tecnica, inventiva, poesia e cuore si amalgamano in modo sublime, creando così un brano di rara intensita emotiva, dove la commozione va a braccetto con la potenza. Luther oltre all'ottimo lavoro chitarristico intensifica l'interpretazione con una voce sofferta e urla strazianti, e la band lo segue a ruota sottolineandone il mood. Da segnalare anche il duetto piano/chitarra che è da annali.
"Cut You A-Loose" è un vecchio pezzo scritto da Mel London, Allison ne dà una lettura dalle sonorità rock-blues in cui si incastonano due splendidi assoli, in ordine, quello cristallino al piano di Smith e quello più robusto e vibrante della chitarra di Luther.
Il cd rimasterizzato contiene anche 4 brani extra provenienti dalle stesse sedute di registrazione, non aggiungono nulla, anzi sostanzialmente sono al di sotto delle canzoni del disco ufficiale, l'unica davvero incisiva, a mio parere, è "It's Been A Long Time" (inedito di Luther che purtroppo, penso, non abbia trovato posto nel disco pubblicato all'epoca per via della lunga durata, oltre i 10 minuti).
In conclusione, Luther Allison rimane un tassello importante per il blues di Chicago e questo "Bad News Is Coming" rientra a buon diritto, tra i dischi classici del blues.

Questa DeRecensione di Bad News Is Coming è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/luther-allison/bad-news-is-coming/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

fedezan76
Opera: | Recensione: |
Un gran disco di blues, quello ruvido e sporco che piace a me. La voce di Allison è un plus mica da poco, riuscendo ad aggiungere alla tipica timbrica del soul la potenza del rock. Ottima recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Sì, grande voce e potentissima. Grazie Fede.
lector
Opera: | Recensione: |
Torrido!
BËL (01)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Sì, quasi come queste giornate. ;)
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Grande. Grande. Grande. Grande. Grande.
(anche il figlio Bernard non scherza)
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Il figlio lo conosco per sentito dire, ma non ho mai avuto modo di ascoltare niente.
Falloppio: Buttati a testa bassa sul figlio. Meno grezzo e un po' più stiloso del babbo, ma sempre ad alti livelli.
Mr Wolf: Provvederò, hai qualche album da consigliarmi?
Falloppio: Hang on.... Forse.
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Non conosco benissimo, approfondirò volentieri Lupone, bravo
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Grazie Hell. Buon ascolto.
dsalva
Opera: | Recensione: |
Bello....bella la recensione e bello il disco.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Wolf: Grazie dsalva.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: