R.E.M.

Definizione data da paolofreddie ()

Voto:

I R.E.M., soprattutto nel primo periodo, riconducibile agli '80, hanno forgiato un sound onirico - da nome! - e ricco di sfumature. Al centro sì, ci sono i giri di chitarra, a volte ripetitivi a volte complessi, ma si sente una grande componente percussiva, eretta da una sezione ritmica (basso + batteria) essenziale, che rapisce. La ciliegina sulla torta, la meraviglia delle meraviglie, è la voce di Michael Stipe, dal timbro squillante, che a tratti ricorda Peter Gabriel ... i testi, dello stesso Stipe, visionari e costruiti attraverso la tecnica burroughsiana del cut-up fanno dei R.E.M. uno dei gruppi di ascendenza punk più intelligenti e arguti della storia.

BËL (01)
BRÜ (00)
 DeRango: 2.35
Johnny b.
Buoni anche gli anni novanta.
BËL (01)
BRÜ (00)

paolofreddie
I R.E.M. sono sempre stati superlativi, nei loro alti e bassi.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: