Senza il biglietto del treno.

Partire senza sapere la destinazione. Solo l'ultimo abito che indossi.

Partire senza un biglietto.

Sotto il braccio un libro di fotografie, attimi unici e irripetibili.

Sfogli le pagine, sorridi.

Le pagine diventano polvere, i ricordi svaniscono

Passa il controllore, ti chiede il biglietto. "Dovevo farlo alla partenza " rispondi.

Il controllore, grassoccio,sbuffa. " Siete tutti uguali" sbraita.

Soffia sulla polvere delle fotografie che volono dal finestrino, le vedi galleggiare via per sempre

Poteva andare peggio. Almeno non ho pagato il biglietto.

ALFAMA , Il 5 gennaio — DeRango: 6.00

BËL (02)
BRÜ (00)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

ALFAMA
Modifica all'editoriale: «#1». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA
Modifica all'editoriale: «#2 ». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Non so dirti perché ma quando ero ragazzo, sui 13 14 anni, qualche volta prendevo un autobus a caso per vedere fino a dove arrivava. Chiaramente non facevo mai il biglietto. Del resto non andavo da nessuna parte.
BËL (00)
BRÜ (00)

Flo: Il solito napoletano...
Stanlio
l'immagine "volano galleggiando" è troooooooooppo bella a Flanagan davvero
BËL (00)
BRÜ (00)

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: