essereventy

  1. GRAMmathematikônntogrammônty GRAMMÈTOPOlogiaSOFIArkhè GRAMMÈventy grammontology grammOSOFIA uno di questi concetti all'interno del sistema ritorna sempre, che sentiamo questa espressione con tutto il caricoche può prendere qui, girare in un cerchio: ricostituire,in un'altra configurazione, lo stesso sistema. Questo movimentoche non dobbiamo affrettarci a denunciare come la vanità del ripetizione e che ha qualcosa di essenziale da fare con il movimento pensato, possiamo distinguerlo sia dal circolo egemonico che dal collegamento di metafisica o on-teologia e questo cerchio in cui Heidegger ci dice così spesso che bisogna imparare entrare in un certo modo? Ad ogni modo questo circolo e cerchi circolari, possiamo aspetto a priori e nel modo più formale per decifrarein un testo “passato” la “critica” – o meglio il deter- denunciando un limite, la disattivazione –, il de- limitazione che crediamo di poter inaugurare in un dato momentocontro di lui. Più semplicemente: ogni testo della metafisica porta in lui, per esempio, e il concetto chiamato tempo “volgare” e larisorse che saranno prese in prestito dal sistema di metafisica per criticare questo concetto. E queste risorse sono richieste non appena Finché il segno “tempo” – l'unità della parola e il concetto, il significante e significato “tempo” in generale, anche se nonlimitato dalla “volgarità ” metafisica – inizia a funzionarein un discorso. È da questo bisogno formale che lui deve considerare le condizioni di un discorso che eccede le fisico, supponendo che un tale discorso sia possibile o nunzio nella filigrana di qualche margine. Quindi, per attenersi ad un ancoraggio aristotelico, il La fisica IV conferma senza dubbio la de-limitazione heideggeriana.Aristotele pensa indubbiamente al tempo dell'ousia come la parusia, d'ora in poi, dal punto, ecc. E perché?si può organizzare così tanto un'intera lettura che si ripeterà nella sua testo e questa limitazione e il suo contrario. E questo apparirebbeche la de-limitazione è ancora governata dagli stessi concetti quella limitazione. Analizziamo una tale dimostrazione. Il movimento era avviato più volte nel percorso che abbiamo seguita. Come il punto in relazione alla linea, ora, se noi considera come limite (peras) è accidentale rispetto altempo. Non c'è tempo ma il suo incidente (È men oun peras a suora, dove khronos, alla sumbebeken – 220 a). L'ora(Gegenwart), il presente, non definisce l'essenza del tempo.Il tempo non è pensato da ora. È per questo perché la matematica del tempo ha dei limiti. Sentiamolo a tutti i sensi. È come richiede 70 Pagina 56 OUSIA E GRAMMÈ limiti, mantenendo punti simili, e che ili limiti sono sempre incidenti e potenzialità, che il il tempo non può essere perfettamente matematico, quello della sua matematica ha dei limiti e rimane, in considerazione della sua essenza, pizzo. Ora è l'incidente del tempo come un limite. Una proposizione rigorosamente hegeliana: ricordiamoci della differenza tra il presente e l'ora. D'altra parte, anche l'ora, come limite, è abituato misurare, numerare Come numero, dice Aristotele, lo è numero, di arithmic arithmos. Ma il numero non appartienealla cosa numerata. Se ci sono dieci cavalli, i dieci non lo sono cavallo, non è l'essenza del cavallo, è altrove (Allothi). Allo stesso modo, l'ora non appartiene al'essenza del tempo, è altrove. Cioè, fuori dal tempo, estraneo al tempo. Ma straniero come il suo incidente. E questo stranezza che potrebbe strappare il testo di Aristotele La limitazione heideggeriana è inclusa nel sistema di Fondamenti della metafisica: la stranezza è il pensiero come un incidente, virtualità, potere, incompletezza del cerchio, bassa presenza, ecc. Ora, quindi, è: 1) la parte costitutiva del tempo e numero estraneo al tempo; 2) parte costituente del tempo e parte del tempo accidentale. Può essere considerato come come tale o come tale. L'enigma di adesso è dominatonella differenza tra l'atto e il potere, l'essenza e il e in tutto il sistema di opposizioni che sono la solidarietà. E la diffrazione di “ come “, la pluralità dii significati diventano più chiari e vengono confermati mentre avanziamo nel testo: specialmente nel 222 a, dove raccoglie Aristotele l'intero sistema di prospettive che possiamo assumere sul ora, l'intero sistema di “ come “, secondo cui”Le stesse cose si possono dire secondo il potere e l'atto “ (Fisica I, 191b, 27-29).Cosa organizza qui la pluralità e la distribuzione dei significati cazioni, è quindi la definizione del movimento come il telekie di ciò che è al potere, in quanto tale “, tale che è prodotto nell'analisi decisiva di Fisica III(201 ab). Ambiguità di movimento, atto di potere come potere, necessariamente ha, quanto al tempo, a doppia conseguenza. Da un lato, il tempo, come il numero dimovimento, è dalla parte del non-essere, della materia, di di incompletezza. Essere in atto, l'energia non è il tempo ma presenza eterna. Aristotele lo ricorda nel Fisica IV: “E 'quindi ovvio che gli esseri eterni (ta aei onta), come eterni, non sono in tempo “71 Pagina 57 MARGINI DI FILOSOFIA (221 b). Ma, d'altra parte, il tempo non è il non-essere e ili non-esseri non sono in tempo. Per essere in tempo, lui deve aver cominciato ad essere tenero, come tutto il potere, per agire e formare 2 4 : “È quindi ovvio che il non esserenon sarà sempre in tempo ... (221 b) » Sebbene siano capiti dall'essere come presenza in atto, movimento e tempo non sono né esseri (presenti) né non studenti (assenti). La categoria del desiderio o di come tale, la categoria di tempo in quanto tale, sono entrambi soggetti e sottratti, già o inil testo di Aristotele, tanto alla de-limitazione della metafisica come il pensiero del presente, solo per il suo semplice capovolgimento. Questo gioco di sottomissione e sottrazione deve essere pensato nella sua regola formale se si vuole leggere i testi della storia dila metafisica. Leggili nell'apertura della svolta heideg certamente, come l'unico eccesso di pensiero della metafisica come tale, ma anche a volte, fedelmente, oltre certi proposte o conclusioni in cui questa svolta ha dovevo fermarmi, prendere la chiamata o il supporto. Ad esempio nel lettura di Aristotele e Hegel ai tempi di Sein und Zeit. e questa regola formale deve essere in grado di guidarci nella lettura 25 dell'intero testo heideggeriano stesso. Lei deve noi in particolare, per porre la domanda di registrazione in lui dai tempi di Sein und Zeit. 24. Sebbene Bergson critichi il concetto di possibile come il più possibile, anche se non dura né ugualetendenza un movimento del possibile, anche se tutto è nei suoi occhi”Attuale”, rimane il suo concetto di durata, quantità di moto e tensione ontologia del vivere orientata da un telos, mantiene qualcosa dil'ontologia aristotelica del tempo. 25. Solo una tale lettura, a condizione che non autorizzi sicurezza e chiusura strutturale dei problemi, crediamo essere in grado di annullare oggi, in Francia, una profonda complicità:ciò che riunisce, nello stesso rifiuto di leggere, nello stesso rifiuto della domanda, il testo e la domanda del testo, nella stessa ripetizione o nello stesso cieco silenzio, il campo del La devozione heideggeriana e quella dell'anti-heideggerianesimo, il La “resistenza” politica spesso serve come un alibi altamente morale a una “resistenza ” di un altro ordine; resistenza filosofica per esempio, ma ce ne sono altri le cui implicazioni politiche Le zecche, per essere più distanti, non sono meno determinate. 72 Pagina 58 OUSIA E GRAMMÈ LA CHIUSURA DEL GRAM E LA TRACCIA DELLA DIFFERENZAQuesto, in breve, suggerisce che: 1. Potrebbe non esserci “concetto volgare di tempo”. Il concetto di tempo appartiene alla metafisica. lui chiama il dominio della presenza. È quindi necessario concludere che l'intero sistema di concetti metafisici, Nel corso della loro storia, sviluppa la cosiddetta “volgarità” di questo concetto (che Heidegger senza dubbio non contesta), ma anche che non possiamo opporre un altro concetto di tempo,poiché il tempo in generale appartiene alle fisica. Per voler produrre questo altro concetto, noteremmorapidamente quello lo costruisce con altri predicati metafisici o onto-teologica. Non è questa l'esperienza che Heidegger ha fatto in Sein und Zeit? Lo straordinario shock a cui viene sottopostol'ontologia classica è ancora intesa in grammatica e il lessico della metafisica. E tutte le opposizioni concettualizzazioni che servono alla distruzione dell'ontologia attorno ad un asse fondamentale: quello che separa l'autentico inautentica e, in definitiva, temporalità originario della temporalità caduta. Ora, non solo è lui difficile, come abbiamo tentato di indicare, da attribuire La proposta di Hegel per una “caduta dello spirito in tempo “, ma per quanto possiamo, potremmo aver bisogno sposta la de-limitazione. Il limite metafisico o ontologicoTeologica probabilmente è meno suggerisce una caduta in tempo (da un'eternità non temporale o eternache non ha senso Hegel), ma suggerisce una caduta ingenerale, che si tratti di Sein und Zeit nel suo temafondamentale e al suo posto di maggiore insistenza, di un tempo originario in un tempo derivativo. Heidegger scrive per esempio al fine del paragrafo 82, dedicato a Hegel: “Lo spirito ” non cadenon nel tempo, ma: l'esistenza effettiva “cade” come(” fällt” als verfallende), dalla temporalitàoriginalità, autentica temporalità (aus der ursprünglichen, eigentlichen Zeitlichkeit). Ma questo “caduto” (” Caduto “) lo hala sua stessa possibilità esistenziale in un modo del suo tempo il modo, che appartiene alla temporalità ... “Ed è da questo temporalità originale che, chiudendo Sein und Zeit, Heideggersi chiede se costituisca l'orizzonte dell'essere, se conduce asenso di essere. Ma l'opposizione dell'originale e del derivato non è cosìancora metafisico? La richiesta dell'archie in generale, che cosa73 Pagina 59 MARGINI DI FILOSOFIA che le precauzioni che circondano questo concetto, no non è l'operazione “essenziale” della metafisica? la Supponiamo che possa essere sottratto, nonostante le forti presunzioni a qualsiasi altra fonte, non ce ne sono almeno alcuni Il platonismo nei Verfallen? Perché determinare comecadere passaggio di una temporalità a un altro? E perché?qualificare la temporalità come autentica – o eigentlich -e inautentico – o improprio – finché ne esiste uno l'occupazione etica è stata sospesa? Potremmo moltiplicarci queste domande intorno al concetto di finitudine, il punto di partenza nell'analitica esistenziale di Dasein, giustificata dall'enigmamatic nei pressi di 26 auto o di auto-identità del Question-nant (§ 5), ecc. Se abbiamo scelto di mettere in discussione l'opposizione strutturare il concetto di temporalità è che tutta l'analisi il racconto esistenziale è ripetuto. 2. La domanda che chiediamo rimane interiore al pensiero di Heidegger. Non si sta chiudendo, si sta interrompendo Sein und Zeit che Heidegger si chiede se “la temporalitàoriginario “porta al significato dell'essere. E questo non è un L'articolazione programmatica è una domanda e una suspense. Spostamento, un po 'di lateralizzazione, se non un semplice cancellazione del tema del tempo, e tutto ciò che è in solidarietà in Sein und Zeit, suggerisci questo senza fare domandela necessità di un certo punto di partenza nella metafisica, per non parlare dell'efficacia della “distruzione” effettuata da l'analisi di Dasein, era necessario, per ragioni essenziali,fare altrimenti e, possiamo dirlo letteralmente, cambiare all'orizzonte. Ora, con il tema del tempo, tutti i temi che dipende da Sein und Zeit (e per eccellenza da quelli di Dasein, finitezza, storicità) non costituirà più la cendentale della questione dell'essere ma, a proposito, ri-costituiti dal tema dell'epoca dell'essere. 26. L'originale, l'autentico è determinato come il. proprio (eigentlich), vale a dire il vicino (proprio, proprio ), il presentein prossimità della presenza a se stessi. Potremmo mostrare come questo valore di prossimità e presenza a se stessi interviene, all'inizio di Sein und Zeit e altrove, nella decisione di posarela questione del significato dell'essere da un'analitica esistenziale il Dasein. E potremmo mostrare il peso della metafisicain tale decisione e nel merito qui concesso al valore di presenza a se stessi. Questa domanda può propagare il suo movimento fino a tutti i concetti che implicano il valore di “pulito” (Eigen, eigens, ereignen, Ereignix

gpdimonderose , Il 25 giugno — DeRango: -6.80

BËL (00)
BRÜ (04)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

sfascia carrozze
Dicono che leggendo le sole righe dispari appaia il testamento olografo di Plinio Il Vecchio.
Però ammetto di non averci provato.
BËL (03)
BRÜ (00)

Stanlio: Vecchio mi sembra abbastanza vecchio, quanto a Plinio non mi esprimo non mi...
Stanlio: p.s. mi riferivo all'amico gpdimonderose ajo
gpdimonderose: È già Dasein
Stanlio: per non saper ne leggere ne scrivere ti dirò che tu dai troppo peso all'esistenza (che tra l'altro, detto internos, è breve e kantianamente parlando è paragonata alla scaletta che porta al pollaio, cioe corta e piena di merda) che è un nulla in confronto all'inesistenza da cui proveniamo e a cui torneremo, indi o quindi rilassati e fatti un drink o un joint ma vacci piano eh...
gpdimonderose: abgrundepigrammy.... AbGruNDEpyGRAMMÈ è già È'essere-fuori-da-sé È essere-fuori-di-sé– È l'esserEpyGRAMMÈ gravitEpyGRAMMÈ singolarità “spazio”physisEpyGRAMMÈ
lector
Faticosa la vita del fake!
BËL (03)
BRÜ (00)

gpdimonderose: È già è l'esistenza
CosmicJocker
Se per caso vuole farmi credere che essere senza "s" sia un re le ricordo che una cromografia ignifuga di tal Na-bu-co-do-no-sor dimostra (almeno cormoranicamente parlando) che il fattore x di un cromo-assioma z si reimposta sull'asse (talvolta chiamata appunto "esse") di un movimento roto-monogamico che in parecchi casi coll-"assa" (qui evidenzialmente sinonimo di "esse") in certune forme di pseudo-frenologia che fagocitano spasmi micro-machines di iniettori rodati pedissequamente da poliedri "esse"nzialmente dico-tomici.
BËL (02)
BRÜ (00)

gpdimonderose: Epygrammy ONTology È già Dasein Physix (Epygrammy
spiritello_s
Galdo (Guido?) Pezzella è il nonno del giocatore della Fiorentina....poi c'è un parente di Prodi ed un altro che di cognome fa Quattrini ed è senza dubbio un commercialista.
BËL (00)
BRÜ (00)

gpdimonderose: Epygrammy ONTology È.....è l'esistenza (Dasein).....
spiritello_s: Se c'è qualche anima pia che lasci un attimo fare i cland...ehm profughi e chiami la neuro. Via su occupatevi un po' anche degli itagliani, percindibacco!
gpdimonderose: “al di là” lì È l'essere-nel-mondonty ontologrammangoscia in sé già spazio”grammontologiangoscia” È....
mauriziodag
Per carità, non trattiamo così la filosofia che è cosa seria. E poi, sul tema del tempo, invece di supporre la fisica di Aristotele, che è cosa semplice per un liceale, ma ampiamente superata nella fenomenologia, si vada a leggere i testi di Husserl (per l'esattezza i Bernauer Manuskipte Über das Zeitbewusstsein del 1917/18 ) invece di zig-zagare su Heidegger, Derrida o Lacan.
BËL (01)
BRÜ (00)

gpdimonderose: ..... epygrammontology ontosoPHYepygrammy 'ontologia” (Epygrammy è l'esistenza (Dasein.....
mauriziodag: Vedo che balbetti sulla differenza ontologica di Heidegger...si faccia un applauso!
gpdimonderose: abgrundepigrammy....
Stanlio
gpdimonderose magari la prossima volta scrivi qualche pensiero tuo (anche piccolo eh...) che tanto di Ἀριστοτέλης, di Georg Wilhelm Friedrich Hegel, di Martin Heidegger, dei cavalli e delle zecche ne abbiamo fin sopra (e sotto ça va sans dire) i capelli, ciao e mandane a bomba che a noi ste cose ci piacciono assai ci
BËL (01)
BRÜ (00)

gpdimonderose: Epygrammy ONTology È già Dasein Physix ontosophiepygrammy ontosophiepygrammventy OntoEpyGRAMMÈ differenza-ontologica epygrammontology ontosoPHYepygrammy 'ontologia” (Epygrammy è.....
Stanlio: sì sì non ti agitare, tieni ragione tu, ma adesso calmati, non è successo niente, però ricordati di prendere i farmaci e vedrai che la prossima volta non avrai altre crisi...
gpdimonderose: È'essere-fuori-da-sé È essere-fuori-di-sé– È l'esserEpyGRAMMÈ gravitEpyGRAMMÈ singolarità “spazio”physis.....
Stanlio: non è colpa tua, non te la prendere, vedrai che andrà meglio in futuro
gpdimonderose: Ereignix... “al di là” lì È l'essere-nel-mondo......
Marin: Nu sfottr o' nonn c'abbuac uaglio' XD
Marin: Nu sfottr o' nonn c' abbusc uaglio' XD
gpdimonderose: epygrammangoscia......essere-fuori- di-sé è l'essere-fuori-di-sé essere-spaziale l'essere-spazialità è un de-spaziale
Stanlio: Mitakuye Oyasin!
gpdimonderose
Epygrammy ONTology È già Dasein Physix ontosophiepygrammy ontosophiepygrammventy OntoEpyGRAMMÈ differenza-ontologica epygrammontology ontosoPHYepygrammy 'ontologia” (Epygrammy è .....


BËL (00)
BRÜ (00)

Marin
A cas mij e benvenuto chi tras, gioi e dnar p chi rest, ma chi vo mal a chesta cas adda crpa prim c' tras.
BËL (00)
BRÜ (00)

gpdimonderose: lì È l'essere-nel-mondonty ontologrammangoscia in sé già spazio”grammontologiangoscia” È....
omahaceleb
Che pena
BËL (00)
BRÜ (00)

gpdimonderose: AbGruNDEpyGRAMMÈ è già È'essere-fuori-da-sé....
gpdimonderose
È l'esserEpyGRAMMÈ”physisEpyGRAMMÈ .....
BËL (00)
BRÜ (00)

gpdimonderose
epygrammangoscia immortangoscia suora d'angoscia oltrepygrammangoscia pensantepygrammy venia pien d'angoscia È EpyGRAMMÈventy(Nihilx)essere-fuori- di-sé è l'essere-fuori-di-sé essere-spaziale l'essere-spazialità è un de-spaziale
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio
Spaziando su Aristotele e la scuola di Atene non bisogna dimenticare che:

Il libro VII della Metafisica, insieme all'VIII e al IX, appartiene alla fase più matura della riflessione di Aristotele sul problema dell'essere.

In questi scritti egli elabora la nozione di filosofia prima come studio dell'essere in quanto essere (a prescindere dalle proprietà del movimento, della quantità e così via).

In particolare , egli si pone il problema: in che senso diciamo che esistono le cose sensibili?

Non è in questione il fatto che esistano, si tratta invece di cogliere la nozione primaria di «essere», alla quale sono riconducibili tutti gli altri significati del termine: questa è la nozione di sostanza.

Anche in questa fase matura, tuttavia Aristotele intende prendere posizione contro Platone e quei suoi allievi che ravvisavano nelle idee, le entità realmente esistenti.

Aristotele mostra come le idee, in quanto universali, non possono essere sostanze esistenti autonomamente.

Le vere e proprie sostanze sono, invece, entità individuali; i cosidetti universali entrano nella definizione di esse, ma non hanno esistenza separata da esse.

Sappilo prima di "pisciare fuori dal boccale" come soleva ammonire Vespasiano prima del 23 giugno 79 dopo Cristo...


BËL (00)
BRÜ (00)

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: