ontragedy

  1. È paragramma È Lì essere” conosciuto “ da chi parla o da chi ascolta, attraverso l'intuizione diretta. Derrida, “seguendo la logica e la necessità di queste [Husserl's] distinzioni “(VP 102, SP 92), disimpegna una proposta più radicale: .... non solo [ha] significato. . . . non implica essenzialmente l'intuizione dell'oggetto ma ... esso essenzialmente lo esclude. . . . La mia non percezione, la mia nonintuizione, la mia assenza di hic et nunc sono detto da quella stessa cosa che dico, da ciò che dico e perché lo dico .... L'assenza di l'intuizione, e quindi il soggetto dell'intuizione, non solo è tollerata dalla parola; è richiesto dalla struttura generale del significato, se considerato di per sé. È radicalmente ((Liii)) requisito: la totale assenza del soggetto e dell'oggetto di una dichiarazione – la morte dello scrittore e / o la scomparsa dell'oggetto che è stato in grado di descrivere – non impedisce un testo da “Significato” qualcosa. Al contrario, questa possibilità dà origine al significato in quanto tale, lo dà per essere ascoltato e letto (VP 102, 108; SP 92-93) La struttura dell'alterità (alterità e assenza di significato o di sé) deve essere operativa all'interno il segno per farlo funzionare come tale. Ma Husserl non è in grado di articolare completamente questa struttura-traccia di espressione, che il suo testo suggerisce: “Il tema della piena 'presenza', l'intuizionista imperativo [l'espressione deve essere soddisfatta attraverso l'intuizione] e il progetto di conoscenza continua a comandare – a distanza, dicemmo – l'intera descrizione. Husserl descrive, e in un solo e medesimo movimento, l'emancipazione del discorso come non conoscenza. “(VP 109, SP 97) L'imperativo intuizionistico funziona curiosamente nel caso della parola “I.” Husserl non lo farà accordagli la possibilità di essere pronunciato senza essere conosciuto intuitivamente. Le premesse di Husserl dovrebbero sancire il nostro dire esattamente il contrario. Proprio come non ho bisogno di percepire per capire una dichiarazione sulla percezione, quindi non c'è bisogno di inuit l'oggetto in cui mi trovo per capire la parola io ... Se la percezione accompagna o meno la dichiarazione di la percezione, indipendentemente dal fatto che la vita come auto-presenza accompagni l'enunciazione dell'Io, è tranquilla indifferente rispetto al funzionamento del significato. La mia morte è strutturalmente necessaria per la pronuncia dell'io . . L'anonimato dell'io scritto, l'immortalità [mancanza di proprietà] di cui scrivo, è, contrariamente a quanto dice Husserl, la “situazione normale”. (VP 107-08, SP 96-97) Così Derrida “produce” una lettura apparentemente più anti-husserliana di Husserl: per Husserl, come abbiamo visto, la voce – non un discorso empirico ma la struttura fenomenologica del la voce è la prova più immediata della presenza di sé. In quel silenzioso monologo interiore, dove non è necessario introdurre nessun significatore materiale alieno, pura auto-comunicazione (autoaffezione) è possibile. Derrida mostra che, se la teoria husserliana viene seguita rigorosamente, a la procedura che Husserl stesso non è disposta a intraprendere, la struttura del discorso o della voce lo è visto essere costituito dalla necessaria assenza sia dell'oggetto che del soggetto. È costituito, in altre parole, dalla struttura della scrittura: “L'autonomia del significato con riguardo alla cognizione intuitiva. . . [che] ha stabilito Husserl. . . ha la sua norma nella scrittura. “(VP 108, SP 96-97) (Derrida sosterrà, a pagina 6o passim (40) della Grammatologia, che Saussure anche non è in grado di accettare la non intuizione come norma, ma deve vederla come “crisi”.) Tale è l'intimo gioco di Derrida con il testo di Husserl: sempre per produrre la contromisura della copertura protettiva di quest'ultimo. Forse tutti i testi sono almeno il doppio, contenente all'interno loro stessi i semi della loro ((Liv)) struction. Nel caso di Husserl, la dualità si mostra in una trasparenza straordinaria. “Un motivo sottostante . . disturbare [s] e contestare la sicurezza di. . . [le] distinzioni tradizionali [fatto nel testo di Husserl] dall'interno. “(VP 92, SP 82; corsivo mio) (Anche se non aveva fatto un tema di ... il lavoro di differenza nella costituzione di senso e segni, lui in fondo ha riconosciuto la sua necessità. “(VP 114, SP roi, corsivo mio) Senza dubbio lo sforzo di aiutare Il discorso di Husserl dehisce affina i pensieri di grammatologia di Derrida. Ma il la relazione tra i due è interpretativa in-termina e non ha posto in una prefazione. Discorso e Fenomeno, lo studio di Derrida su Husserl, è quindi un testo filosofico di accompagnamento lo studio di Rousseau nella Parte II della Grammatologia). L'ombra di Hegel su Derrida è diffusa e gigantesca. Perderemo di vista il provvisorio profili del libro Grammatologia se perseguiamo indefinitamente gli antenati più remoti del nome comune “grammatologia”. La discussione di Derrida su Hegel, “il primo filosofo di scrittura, “in Grammatologia e” Le puits et la pyramide: introduzione alla smiologia di Hegel “(MP 79.-127) è esplicito e chiaro. Ci prepara per il gioioso e magnifico scucire alcuni testi hegeliani in Glas. È un'intertestualità intima a cui io diretto y la nostra attenzione, e qui finisce. Parlerò un po 'di Hegel verso la fine di questa prefazione. Lasciamo infine dire che, in questo quadro, il conteggio dei nomi propri dei predecessori deve essere riconosciuto come una finzione conveniente. Ogni nome proprio stabilisce un sé sovrano contro l'anonimità della testualità. Ogni nome proprio finge che sia l'origine e la fine di una certa collocazione di pensieri che possono essere unificati: “I nomi degli autori o delle dottrine non hanno qui alcun valore sostanziale. Non indicano né identità né cause. Sarebbe frivolo pensare che “Descartes”, “Leibniz”, “Rousseau”, ecc. Siano nomi di autori, di autori di movimenti o dislocamenti che designiamo così. Il valore indicativo che attribuisco a loro è prima il nome di un problema “(147-48 99). I nomi propri non sono altro che “contrazioni metonimiche” utili. III “Strutturismo” è il nome delle problematiche che riconosciamo più facilmente sulla scena europea degli anni sessanta. Qual è la relazione di Derrida con lo strutturalismo? Le definizioni dei movimenti del pensiero sono sempre contingenti e pro-visionali. Qui, per l'esposizione, userò una definizione stenografica: ((lv)) lo strutturalismo è un tentativo di isolare le strutture generali dell'attività umana. Quindi lo strutturalismo di cui parlo è in gran parte lo studio della letteratura, della linguistica, dell'antropologia, della storia, della socio-ecnomica, della psicologia. Una struttura è un'unità composta da pochi elementi che si trovano invariabilmente nella stessa relazione all'interno della “attività” descritta. L'unità non può essere scomposta nei suoi singoli elementi, poiché l'unità della struttura è definita non tanto dalla natura sostanziale degli elementi quanto dalla loro relazione. Quando Aristotele descrisse la tragedia come “l'imitazione di un'azione che è seria e anche, come di magnitudine, completa in se stessa .... con incidenti che suscitano pietà e paura, per realizzare la sua catarsi di tali emozioni “, stava descrivendo la struttura attiva della tragedia. Conosciamo la “descrizione” psichica di Freud in termini di strutture narcisistiche ed edipiche. Nelle parole di Roland Barthes: “. . . per trovare in esso [l'oggetto] certi frammenti mobili la cui situazione differenziale genera un certo significato; il frammento non ha significato in sé, ma è tuttavia tale che la minima variazione operata nella sua configurazione produce un cambiamento nel tutto. “55 Derrida, come Nietzsche, lo troverebbe semplicemente sintomatico del desiderio umano di controllo di isolare tale” unità “in un” oggetto “nel modo più provvisorio:“. . . . uno studio strutturale delle nozioni storiche, delle istituzioni. . . . Come sono organizzati questi elementi nell '“ensemble storico”? Cos'è rapsody ParaGrammy. Paragramma È

gpdimonderose , Diciassette giorni fa — DeRango: -7.03

BËL (02)
BRÜ (05)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

gpdimonderose
in ogni cuspide c'è l'abisso, in ogni catastrofe c'è l'abisso, in ogni grund c'è l'abgrundin ogni cuspide c'è l'abisso, in ogni catastrofe c'è l'abisso, in ogni grund c'è l'abgrund ......
BËL (02)
BRÜ (01)

Stanlio
non me la sento di leggere sto purè senza noce moscata ma ti consiglio di evitare i prossimi 𝘢𝘱𝘦𝘳𝘪𝘵𝘪𝘷𝘦 𝘥𝘪𝘯𝘯𝘦𝘳 e non solo quelli serviti c/o il Park Hotel Ai Cappuccini di Gubbio, se purtroppo (per te & anche per noi...) da più di 5 anni ti ritrovi in sti stati disastrosi, una cura potrebbe essere interessarti un po' di chessò io diciamo di musica o di cinema e magari scriverne qui le tue sensazioni sospendendo temporaneamente le solite letture che a ben vedere non ti fanno mooooolto bene...
BËL (00)
BRÜ (00)

Marin: E' un c ten a capa fresc.
Stanlio: ah sì? beh mejo acussì, che i mi cretev che manco la teniss a' capa, song vramend cuntent pè na vot d'agge sbajà'...
Marin: Nono, a cap a ten, ten a cap e caz XD
Stanlio: Marò c robb! Ma o' ver?
gpdimonderose: evento paradosso-paradigma-Grammy L'Essere


(evento paradosso-paradigma-Grammy L'Essere
Marin: @[Stanlio] O' ver, O'ver, chest è a fot soi ngopp a patent.
perfect element
Capisco.....A proposito, mi risulta che chiavare ogni tanto deliri dalle tossine in eccesso....
BËL (01)
BRÜ (00)

perfect element: Depuri
gpdimonderose: È.....Mitogrammy “ Mythontology” Metagrammeventy....
perfect element: Fai tu che sai....
Marin
Beato te che non hai niente da fare dalla mattina alla sera.
BËL (00)
BRÜ (00)

gpdimonderose: È ....“Essere dell'esserevento paradosso-paradigma-Grammy L'Essere.....
luludia
il titolo è bello...
BËL (00)
BRÜ (00)

luludia: mi piace anche "dove c'è il grund c'è l'abgrund..."
Stanlio: e non finisce mica lì perchè se vuoi approfondire l'argomento sappi che "dove c'è l'abgrund c'è il cdgrund..."
gpdimonderose: Mythontology” Metagrammeventy.... domanda preconcetta dell'Essere potrebbe essere letta come un sé -“Essere dell'esserevento paradosso-paradigma-Grammy ......

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: