L'Arte della Guerra (parte seconda)

Danziamo sulla merda quotidiana. Senza turarci il naso, ma aspirando a pieni polmoni.

Trucchiamoci da conigli mannari e rosicchiamo i crani dei servi.

Maledetti! E maledetti noi che siamo loro, loro che sono in noi.

Lecchiamo il viso delle loro figlie con la bava alla bocca, pisciamo sui loro figli dopo aver mangiato asparagi cotti.

Strisciamo nei loro giardini e impicchiamo i loro cani, vomitiamo Bonarda frizzante sulle croci dei loro altari.

Stupriamo le loro case, umiliamo i loro padri, bruciamo gli album delle loro famiglie.

Quanti sofismi, troppi sofismi... Volete mettere?

Quel gran figlio di troia di dio ci ha dato gli artigli no?! Facciamo a pezzi le loro Serie A, i loro mutui, le loro serie TV.

Basta con 'sta minchiata dell'età "adulta"! Compromessi, lavoro, moglie, figli, senso civico, ecc... ecc...È questo essere adulti? Davvero c'è qualcuno così coglione che dà importanza a queste cose?

Ma rifugiamoci piuttosto in un bosco e pensiamo alla rabbia, alla velleità, alle approssimazioni dei vent'anni. E dopo averci pensato per un mese accoltelliamo a morte il nostro migliore amico.

E invece siamo quì a parlare di dischi, libri, film e cazzate del genere. Magari facciamo pure qualche manifestazione e sentiamo di essere stati utili, di aver fatto qualcosa. C'è qualcosa di più ridicolo di questo?!

Ballate con me figli di troia, io ballerò con voi.

CosmicJocker , Tredici giorni fa — DeRango: 6,83

BËL (05)
BRÜ (00)

I commenti che questo editoriale ha voluto ricevere

macaco
Adulto non lo sono stato mai...
BËL (01)
BRÜ (00)

macaco: Editoriale dal retrogusto amaro.
CosmicJocker: Un po' di amarognolo in bocca è il sentire di ogni galantuomo..
macaco: che l´effimera leggerezza attracchi in altri porti...
Dislocation
Quando non ero ancora adulto, non del tutto, ho vissuto in un bosco, servendo lo Stato, sulle Ardenne, un mesetto bello e buono, tra aprile e maggio. Ha piovuto per venticinque giorni filati e, non avendo veduto alcuna cosa fatta di cemento e mattoni per tutto il tempo, ho pure preso qualche amico pidocchio, ed una bronchitella niente male. Nove ore, o di giorno o di notte, sdraiato in una buca con altri due nonadulti come me. Poi fui prontamente disinfestato alla fine della fiera. Per cui non parlare di boschi in cui rifugiarsi in mia presenza, divento violento all'improvviso e colpisco chiunque. Semmai un passaggio corroborante, d'estate od autunno, meglio se tra castagne o conifere. Ma ti voglio bene lo stesso.
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Vedi che il bosco stimola ferocia..?
Dislocation: In qualche misura sì.
fedezan76
Ognuno sia libero di bestemmiare il proprio Dio, ma la mamma quella no, non si tocca! Ti metto tra #icattivi .
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Oh la peppa!
Caspasian
La tua rivolta è definitiva, sei pronto per il settenale astrale... e una birra insieme un giorno: "benvenuto tra i rifiuti".
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Una birra con te la berrei volentieri.. Ma anche due o tre..
Se è a Praga poi..
lector
Sì, però sembra una cosa faticosa.....
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Eh ma un po' di movimento fa bene all'organismo, lo purifica e lo svuota..
Almeno così dice il maestro giapponese Kagapoco Kifapocomoto..
lector: E se lo dice lui....
TataOgg
#icattivi - Gli Editoriali

ıɔıɯɐ ıɹoılɓıɯ oɯɐıʇuǝʌıp oloʌɐɔ loɔ
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Epperò potresti sempre essere tu ad accoltellare me...
TataOgg: Il 50% di possibilità di riuscita a mio favore non mi basta
:)


sfascia carrozze
In parole povere l’assioma della scelta afferma che dato un insieme esiste una funzione che associa ad ogni sottoinsieme non vuoto un elemento del sottoinsieme stesso; ovvero, tradotto, è sempre possibile effettuare una “scelta” di elementi di un dato insieme.
Ecco.
BËL (01)
BRÜ (00)

Dislocation: Bella supercazzola, non c'è che dire.
CosmicJocker: È quasi ok..
Volevo semplicemente giustapporre alla scelta de-facto una scelta de-baser..
macaco: E in parole ricche?
nes
nes
Utile? Si sono ammazzati tra di loro nei settanta, credendo di essere utili a qualche cosa. E a qualche cosa lo sono effettivamente stati: Alla realizzazione del mondo che viviamo oggi. Lasciate che il potere raggiunga i propri scopi senza dargli una mano: è più dignitosi per il popolo. Lasciateli parlare quando ci dicono che non state facendo nulla: voi almeno non ci state ammazzando tra simili. Non state difendendo idee sbagliate nascoste dietro agli ideali. Combattere per i vostri diritti, se vi mancano, ma solo per quelli, tutto il resto è solo fumo negli occhi, e rischiate di ritrovarvi tra trent'anni a vivere un mondo orrendo costruito sul vostro sudore e i vostri morti. E a negarlo (per carita', lo negherei pure io. O la neghi una cosa del genere o non dormi piu' per tutta la vita).
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Ma infatti io sto dicendo che è ridicolo..
CosmicJocker: Ma c'è gente che continua a sentirsi utile perché partecipa a manifestazioni..
Raskolnikov1789
Partono tutti incendiari e fieri, ma quando arrivano sono tutti pompieri. Ti Ti ti ti ti... Me compreso; ahimè, ho troppi dubbi per gli aneliti rivoluzionari!
BËL (01)
BRÜ (00)

CosmicJocker: Può darsi..
Però almeno non perdiamo quel po' di fuoco sacro che rimane..
Poi magari non ce ne faremo niente, ma almeno sappiamo che esiste ancora sepolto sotto l'oceano delle routines e dei doveri..
Carlos
Mah ho talmente tante cose da dire su sto editoriale e certe risposte che intraprendere un discorso qui da solo, quello sì mi sembra del tutto inutile, dato che sono cose che sento e a cui rispondo non solo da oggi ma da minimo 10 anni, ormai di più: posso dire praticamente da metà della mia vita. E non è che non ho doveri, routines, preoccupazione e un grande buco nero davanti agli occhi pensando anche solamente all'anno prossimo, non di me tra altri 10 anni.
BËL (02)
BRÜ (00)

Carlos: Preoccupazioni*
L'unica cosa che non devo dimostrarvi è quanto sono incazzato. Penso che lo sappiano tutti sto sito ahah
Carlos: Su sto...*
Dislocation: Si pone il caso, e non del tutto senza ragioni scientifiche, che chi o cosa entri in un Buco Nero esca da qualche parte dell'Universo e spostato nel tempo. Mica male, no?
CosmicJocker: Il mio era proprio un tentativo di far uscire l'incazzatura di fondo che sento anch'io (e che so che senti pure tu, e scommetto anche altri)..
Carlos: È l'unica mia speranza in effetti. Consiglio a tutti i Compagni un libretto che in questo senso mi dà molta pace ogni volta che lo leggo. "L'Eternità attraverso gli Astri" di Blanqui, che lo ha scritto mentre si trovava per l'ennesima volta in carcere. Niente politica, solo considerazioni personali su ipotesi cosmico-storiche scaturite da riflessioni sulle scoperte scientifiche di Laplace. Tutto molto ingenuo e naif, ma è una specie di De Consolatione Philosophiae di Boezio per atei e materialisti. Niente di particolarmente vero, ma tutto molto interessante
CosmicJocker: Se vuoi è anche un tentativo ingenuo, non dico mica di no..
Però cazzo: l'ironia, la sdrammatizzazione, il sarcasmo vanno benissimo (credo sarei già impazzito se non li avessi dentro di me)...
Però c'è anche parecchia rabbia dentro di me, è giusto dare spazio anche a lei.
CosmicJocker: Pare un libretto molto interessante..
Carlos: ? Io con ingenuo parlo di Blanqui ahah
CosmicJocker: No, abbiamo scritto in contemporanea..
Il commento su Blanqui l'ho visto dopo..
Carlos: Immagino però come dire parli con uno che appena può in manifestazione va. E non mi va di dire che è utile, anche se è un termine del tutto relativo. Ma nemmeno inutile. È semplicemente la voglia di far qualcosa. Di fronte alla vanità delle cose che diciamo esistere, cosa c'è di più in linea con una visione disillusa sulla fugacità dell'esistenza, dell'azione. E poi sento "utopia, ammazzarsi tra di noi, inutilità, passaggi intermedi per giustificare ridicole politiche sovranisti pro-padroni nostrani in nome della real politik" cioè? Questi son tutti discorsi che ti fanno rimanere nella tua casetta o nel tuo appartamentino in affitto, quando non sei a sgobbare, a rimanere del tutto anestetizzato e per giustificare questa anestesia spesso autoinflitta, figlia della propria disillusione, ma non di quella che verace, che ti punge, ma di quella da piccolo-borghesi che si adagia su discorsi già fatti da altri e che permea in generale questa società decadente.
Carlos: Guarda che ogni tanto beccarsi una manganellata ti sveglia il cervello, posso confermare
CosmicJocker: Sull'inutilità delle manifestazioni non parlavo certo in termini assoluti.. Cavalcavo l'onda del momento..
Tu hai assolutamente ragione, ma, nei momenti in cui mi sento più disilluso, sento di non avere del tutto torto..
Io credo che purtroppo (e sottolineo purtroppo) alla violenza mascherata da democrazia che ci circonda ormai bisognerebbe rispondere con la violenza..
Insomma, diciamo con la guerriglia (perdona la bieca semplificazione di quello che sto dicendo, ma volevo rendere l'idea)..
CosmicJocker: So anche che non c'è bisogno che ti dica queste cose..
Le sai meglio di me..
Carlos: Sai giusto. Ma la Storia non la facciamo né io né te. Uno a livello personale non può che spendersi. Ben lungi dal dire cosa è giusto e cosa è sbagliato fare, dico invece che uno sa bene cosa per natura è predisposto a fare. Questo ovviamene in un'ottica assolutamente radicale, qualsiasi cosa essa sia, dalla tipografia alla guerriglia di cui dici. I mezzi sono mezzi, non ho mai capito chi vuole privilegiare qualcosa a discapito di altro. L'importante da che mondo è mondo è la prospettiva. Poi ovvio che ci sono i mezzi istituzionali e calati dunque dall'alto o i mezzi riformisti e i compromessi da politicante e da Machiavelli del cazzo. Quelli sì che sono stati, sono e saranno sempre fs rifuggire per come vedo io le cose per carità...
Carlos: Ovviamente*
Sempre DA rifuggire*
CosmicJocker: Tu stai facendo un discorso lucido ed analitico, ma quanto ho scritto non è (volutamente) né l'uno né l'altro..
Io sono certo che anche tu provi (più o meno saltuariamente) un senso di strangolamento e quello che ho scritto voleva rappresentare solo i tentativi che uno (o meglio io in questo caso) fa per sfuggire a questo sentire..
E se qualcosa o qualcuno ti sta strangolando i movimenti che ne risultano sono per forza dissennati, goffi, isterici. E volevo dare loro una voce.
Ma concedimi un briciolo d'intelligenza: quello che dici lo capisco perfettamente..
Carlos: Capisco quello che dici. È solo che dallo scritto, visto poi cosa hai risposto anche ad altri commenti, avevo inteso anche una sorta di giudizio di ascendenza scettica. E lo scetticismo non mi sta particolarmente simpatico perché nel migliore dei casi sfocia in discorsi risoluzioni stagnanti e nel peggiore demolisce i suoi stessi argomenti. Poi mi hai specificato che non parlavi in termini assoluti e allora ti dico ok. Sai quante volte mi sento strangolato o messo in condizioni e scelte in cui sento, anche se non voluto e assolutamente non ricercato, il peso di un aut aut kierkegaardiano. Come se fare certe scelte dovesse escludere necessariamente altre. E uno invece le fa pensando di poter tenere il piede in due scarpe fino a quando sente certe porte che iniziano a chiudersi. Ancora non riesco a capire se certe cose chiudono davvero definitivamente le porte ad altre ma la sensazione c'è sebbene in altre circostanze sembri che certi impulsi avranno la meglio anche su scelte di comodo
CosmicJocker: Diciamo che le risposte erano un residuo di quei movimenti disarticolati di cui parlavo, movimenti che sono dentro di me e che sento abbiano la stessa "dignità" di altri ( so che sembra comodo dire così, ma che ci vuoi fare: in molti di noi ci sono sentimenti contrastanti)..
"Come se fare certe scelte dovesse escludere necessariamente altre. E uno invece le fa pensando di poter tenere il piede in due scarpe fino a quando sente certe porte che iniziano a chiudersi. Ancora non riesco a capire se certe cose chiudono davvero definitivamente le porte ad altre ma la sensazione c'è sebbene in altre circostanze sembri che certi impulsi avranno la meglio anche su scelte di comodo": non sai quanto ti comprendo..
Potrei quasi dire che è la storia della mia vita (o almeno da 17/18 anni a questa parte)..
Carlos: Siamo in due, baby ;)

Dì la tua! (Se proprio devi)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: