Sto caricando...

Cattivi

Si sa.

Quanto più alta è la statura del Villain tanto più epica sarà la dimensione eroica del suo antagonista.

Il cattivo è l'unità di misura del buono, della sua dedizione, sagacia, forza ed astuzia. Il suo corrispettivo speculare, ma in negativo. In definitiva la sua dimensione.

Probabilmente è stata tutta colpa della visione a 10 anni de “L’Impero colpisce ancora”, il cui choccante finale lasciò un segno indelebile nella mia psiche ancora in formazione, coriacea quanto il molle ventre di un calamaro di Humboldt.

Ci volle un po' per realizzare che la pellicola era davvero terminata, Luke con una mano in meno e un padre di troppo, Han Solo cristallizzato, la resistenza spazzata via.

Troppo.

Così oggi capita di abbandonarmi a perfide derive, con sadico accanimento sui più sensibili nei panni di algol, mi dedico ad ascolti dalle tinte poco rassicuranti in pellegrinaggio presso i luoghi della mia psiche meno presentabili (Babadook docet).

Gli utenti più datati già conoscono la mia malvagità, eccovi un esempio di cui vado particolarmente fiero: tempo fa vidi un cieco che avanzava spedito come il Titanic verso i raggi di una bicicletta parcheggiata sul marciapiede … beh, me ne sono stato dall’altra parte a gustarmi la scena, ridendo a crepapelle quando quella cazzo di bacchetta oscillante andò inevitabilmente ad incagliarvisi trascinando il resto del malcapitato. Hehheheh.

Lo rifarei … lo so, sono una brutta persona.

Quindi nel vano tentativo di superare i miei atavici traumi oggi vi tedierò con la mia personale classifica dei cattivi cinematografici / fiction, dall’ottavo al primo posto, “A rebours” come direbbe Huysmans.

8 Tinky Winky, Laa Laa, Dipsy, Po (I Teletubbies)

Lobotomizzanti

Pensate quello che volete, ma sono sicuro che fanno parte di un diabolico programma di devastazione della psiche di generazioni di piccoli umani.

Se li incrociate sterminateli senza pietà.

Anche il sole-bambino è piuttosto inquietante.

Pure il trenino Thomas, ma questo è un altro editoriale. Forse.

7 Darth Vader (Star Wars)

L’archetipo

Iconico, che aggiungere?

La sua scintillante teca, il respiro meccanico, la fusione corporea ad elementi cibernetici a rappresentare l'incubo di assoggettamento dell'uomo alla macchina e la perdita della nostra identità.

Concetto quest’ultimo portato all’estremo dai Borg di Star Trek.

Ma anche il percorso di fascinazione al Male, da umano a inumano, è rimarchevole, ci interroga su quanto la Paura sia un potente motore nei processi di deriva morale.

Anche collettivi.

Peccato per la democristianissima conversione finale, uno spot per il cristianesimo che nemmeno il peggior Innominato uscito dalle pagine manzoniane.

Ovvero, puoi sterminareprevaricaredistruggere fare esplodere pianeti ma se, anche un secondo prima di trapassare ti penti (ma per davvero eh, giurin giuretta e non incrociare le dita che ti vedo) allora puoi andare nel Regno dei Cieli e della Phorza, ballare con gli Ewoks e scurdammoce o passato.

Che poi sarebbe il sacramento della Confessione.

Comunque voglio essere un padre amorevole come Vader.

6 Loki (Mitologia nordica)

L'ambiguità

Multiforme, insinuante, ingannevole, infido, calcolatore, corrotto, dispettoso.

Eppure capace di slanci inaspettati.

Loki offre una variegata panoramica: è una divinità norrena, ma quanto sembra terreno nelle sue grette mire?

Sfaccettato, come l'animo umano, che alberga abissi e vette.

Convincente Tom Hiddleston nella trasposizione cinematografica in Thor.

5 Souther (Ken Shiro)

La disciplina

Vabeh, mi rifiuto di pensare che esista ancora qualcuno ignaro della drammatica vicenda di estremo sacrificio. Molto nippo.

A volte il lato oscuro è un cammino impervio da intraprendere, una pedagogia da abbracciare.

E così l'amato Maestro impartisce l'ultima lezione facendosi uccidere per mano dell'allievo. Non avrai debolezze se non avrai nulla per cui soffrire, per cui temere.

Estirpa l'amore, e non soffrirai. Questa la genesi (vedi Darth Vader), la banale superfilosofia, la tentazione anestetizzante, la promessa di un’eterna aponia.

Ma quante volte ci illudiamo che la distanza emotiva possa metterci al riparo dalle delusioni che il prossimo inevitabilmente ci infliggerà?

Personalmente è un meccanismo di difesa che ho adottato.

E poi ieri soffiandomi il naso mi è partita una sonora scorreggia, segno evidente che pure io tengo i punti di pressione invertiti.

4 Il Colonnello Hans Landa (Bastardi senza gloria)

Geniale

Il bieco utilitarismo nel completo abbandono di qualsiasi principio etico, che non sia la propria affermazione personale.

Ma condito da intuizione, sottigliezza, acume e arguzia, financo classe. In una parola "Intelligenza"

Impossibile non collocare Christoph Waltz nel mio Olimpo personale, per me che anche nella vita reale preferisco mille volte avere a che fare con uno stronzo intelligente piuttosto che con un coglione ricolmo di buoni propositi.

Lo so, è una mia debolezza, ma tutto ciò che percepisco come stolto mi irrita irrimediabilmente.

3 Agent Smith (Matrix)

La freddezza

Infatti è una macchina, il suo monologo al cospetto di un Morpheus agonizzante, che accomuna la razza umana per modalità di adattamento e impatto all'ambiente al virus, è da applausi a scena aperta.

Il disprezzo, sublimato dalla maschera luciferina e asettica di Hugo Weaving, addirittura condivisibile.

2 Joker (Il Cavaliere Oscuro)

Destabilizzante

Nel secondo Batman della trilogia di Nolan inutile girarci attorno, il superbo Joker di Ledger fa paura.

Qua il concetto di Male assurge a vette di apologia eversive.

Talmente radicale da spingersi alla massima volontà e capacità di corruzione. Finalizzata ad imporre la sua anti – moralità a ad estenderla come un morbo disgregante dell’ordine sociale prestabilito, dimostrando che caos e assenza di connotati morali definiti sono costitutivi dell’essere umano.

Sostanzialmente un male altamente ideologico, autoaffermante, per questo spaventoso.

1 Lo Xenomorfo (Alien)

La purezza

Questo inarrestabile membro corazzato è animato da una forma di ostilità assoluta, totalmente priva di qualsiasi sovrastruttura ideologica, spoglia di motivazioni che non siano mera furia brutale e annientatrice diretta a tutto ciò che è "altro da sé".

Odio incondizionato, primordiale, innato. Ontologico in quanto costitutivo della natura di una creatura che all'unidirezionalità intransigente del comportamento teso alla distruzione aggiunge componenti morfologiche unicamente concepite per offendere.

La sua bocca vuole ucciderti.

Le sue diramazioni vogliono ucciderti.

I suoi stadi larvali vogliono ucciderti.

Addirittura i suoi fluidi sono letali.

Ogni suo gesto è finalizzato alla tua distruzione.

Come dice Bishop, ammirevole.

Ma la vera domanda è.

Quale il vostro cattivo preferito?

algol , Sedici giorni fa — DeRango: 35,89


Ultimi Trenta commenti su QuarantaSette

lector
Il vero problema è distinguere i veri cattivi dagli imbecilli, perchè a dire "aiutiamoli a casa loro" o che "nei lager c'erano le piscine" sono buoni tutti e non è cattiveria è lobotomia.
La cattiveria è altro.
Tipo il il vescovo Carmelo Ferraro che ha preteso un risarcimento di 200.000 euro per danni di immagine alla Chiesa da parte un ex-seminarista, minorenne all'epoca dei fatti, che aveva denunciato abusi nei suoi confronti da parte di un prelato.
Potevo dire i preti pedofili, ma quelli sono anche malati, chi li copre è peggio.
Poi sarebbe facile parlare di dittatori, boss della mala, il cartello di Medllin o altro....
Ma uno che mi sconvolge ogni volta che ci penso è John Wayne Gacy.
Ma forse si parlava di cattivi immaginari?
Allora:
1)Stavrogin
2)Lady MacBeth
3)Moby Dick
4)Moriarty
Per i fumetti: Mefisto (il più terribile nemico di Tex)

TataOgg: Chi li copre è malato quanto i pedofili.
E anche un Giovanni Castellucci qualsiasi non ne sta uscendo bene, giusto per restare in tema cronaca, ma temo che (come tutti loro) avrà un posto da dirigente all'inferno.
algol: Si, dedichiamoci alla finzione. Che la realtà è pure peggio.
CosmicJocker: Stavrogin è un mio punto di riferimento..
Lo trovo frustrato più che cattivo.

La Lady l'appoggio totalmente invece.
Flame: Moriarty é più una creatura cinematografica che di Arturo, che ci ha dedicato quanto, due racconti? Forse!?, quindi un po' acqua fresca. Mi rendo conto che é un eccezione fatta da uno gnurant ad un capish e mi scuso.
lector: In realtà Morarty appare solo ne "L'Ultima avventura" in cui uccide Holmes e muore anche lui. Conan-Doyle fu costretto a resuscitare Holmes; Moriartyviene citato ancora in "L'avventura della casa vuota" e in "La valle della paura".
Ma questo conta poco. Moriarty è l'antitesi di Holmes, talmente pericoloso che Holmes accetta di morire pur di fermarlo; doveva essere il culmine del ciclo narrativo holmesiano: il villain definitivo.
La differenza tra Moriarty e tutti gli altri sta nel fatto che egli piega al male la stesse arma che Holmes adotta per affermare il bene: il pensiero razionale.
Il Male è sempre irrazionale e questo lo rende ontologicamente inferiore al Bene; Moriarty sovverte questo principio, introduce la possibilità di un Male sistematico (molti crimini misteriosi, assurdi, irrisolti, vengono attribuiti a piani oscuri di Moriarty), questo lo rende sommamente pericoloso.
Flame: Mi cospargo il capo di cenere per aver osato eccepire.
lector: Bravo....
sanvalentino3: Lady Macbeth è la vera cattiva...il marito è eterodiretto.
lector: Infatti io ho indicato solo lei
fedezan76
Anche io voto Cattivik ovviamente.

tia
tia Presidénte onoràrio
Il mio cattivo preferito in assoluto è da lunghi anni Barbablù.

tia: Seguono Superciuk & Stanislao Moulinsky
algol: Hahhahhah ... Stanislao Moulinski. Che cazzo hai riesumato
algol: Anche il barberazzo della fattoria lo schiantatore è un bel ripescaggio. E non dimentichiamo Beppa Giosef
sfascia carrozze: Che poi Stanislao Moulinsky era Bartolomeo Pestalozzi da Pinerolo.
tia: Terme?
Caspasian
Gordon Gekko di "Wall Street".

algol: Un bel tasso di cinismo. Ci sta alla grande
Caspasian: E metto anche Norman Stansfield (Gary Oldman) su Leon.
Flame
Metto sul piatto anche:
- Lex Luthor;
- Brunga;
- Belt Satan;
- il supremo Deslock, anche se alla fine si redime.
- Dott. Zero.

Tra quelli reali:
- il mostro a tre teste Signorini/Durso/Defilippi
- Charles Manson

luludia
superciuk

alex di arancia meccanica

robert mitchum in "La morte corre sul fiume"

la signorina trinciabue

cattivik

il cattivo di "delitto per delitto"di hitchcock

le sorelle della casa delle finestre che ridono...

algol: Ottima. Soprattutto il primo posto è un esempio cristallino di attitudine innata.
Bèla
algol: Il secondo ... mi riferivo ad Alex
Caspasian: Le "sorelle"... pesantucce
😱
Onirico: Cazzo, la signorina trinciabue!
JOHNDOE: cristo santo i preti sorelle che alla fine se tajano la zinna li volevo scrivere anch'io... ed anche tu hai nominato la morte corre sul fiume senza leggere il mio commento suppongo...

il finale più terrificante di sempre, quando lo vidi per la prima volta avevo 13 anni rimasi scioccato...
luludia: pure io, davvero...
MrDaveBoy73: oddio le sorelle kaiser e il frigorifero pieno di lumache....
MrDaveBoy73: ioanche E ANCHE e pure avambraccio
algol
Uoh. Mi sono autobélato per sbaglio

Farnaby: Hai fatto bene!
JOHNDOE: in pratica ti sei schizzato sulla pancia senza mettere prima uno scottex... fa niente dai XD
algol: Capita. Ora mi brüto
Hank Monk
Sicuramente tutti quei "cattivi" che non sono proprio "cattivi" ma che "anche loro hanno le loro ragioni".
Per la categoria è stata varata da Long John Silver e quindi direi lui senza dubbio (mi ricordo quando mi impressionò la scenda del barile di mele...ero così giovane e ingenuo che nn l'avrei mai detto che potesse essere un doppio giochista :D)


omahaceleb
Ciao algol, ho apprezzato pur avendo letto in fretta e furia e a tratti, ben intesi non per tuo difetto ma per mia impossibilità a posare il culo per più di dieci minuti (anche di domenica, sì, è il periodo). Non so se hai mai avuto l'occasione di guardare "Signore signori, buonanotte"è un film a episodi. Ecco, ce n'è uno di questi in particolare, "Il Santo Soglio", con un Nino Manfredi da oscar. Il suo personaggio Felicetto de li Caprettari sarebbe una presenza fissa nel mio elenco dei cattivi. N

algol: Ciao Omaha. Mi manca, considero la tua segnalazione come una lacuna da colmare.
omahaceleb: @[algol] Il Santo Soglio eccolo qui, episodio completo
algol: Muchas gracias
Flo: Sono qui solo per un limone veloce a Omaha :*
MrDaveBoy73: il cardinale Piazza Colònna fu già Papa nel film "Meo Patacca" con Proietti e per alien io avrei più paura della Weaver (Sigourney nn Legs , Agenzia Alfa ) ls tizia visto che li fà fuori in 6 episodi, la clonano, ne partrisce uno ma riese sempre a farla franca
omahaceleb
*N è un'abbreviazione ai tempi del T9, che sta per "nonostante mi faccia sbellicare dalle risate ogni volta che lo rivedo"

omahaceleb
@[algol] un giorno con un mio amico ragionavano sulla ragione che rendeva il trenino Thomas così inquietante. Ne trovammo solo una, il trenino somiglia spaventosamente a Giancarlo Magalli.

algol: Ahhhahhahh ahhahhahhh. È vero cazzoooooòooòoo
Geenooofficial
"tempo fa vidi un cieco che avanzava spedito come il Titanic verso i raggi di una bicicletta parcheggiata sul marciapiede … beh, me ne sono stato dall’altra parte a gustarmi la scena, ridendo a crepapelle quando quella cazzo di bacchetta oscillante andò inevitabilmente ad incagliarvisi trascinando il resto del malcapitato. Hehheheh." mammamia se sei malefiko

devale
HAL 9000 di 2001 nessuno?

algol: Hai ragione ... HAL. Che poi sarebbe anche un vecchio de-utente.
Sicuramente la stessa entità.
musicanidi
Il peggior cattivo è l’alito.

Il covid è solo un complotto globale per cercare di sconfiggerlo grazie all’uso della mascherina.

sfascia carrozze: Non tutti i virusu vengono (solo) per nvocere.
Si sà.
Stanlio
beh se per preferito s'intende proprio "preferito" e non il "più" cattivo, direi (a livello cinematografico) i personaggi interpretati da Steven Seagal o Charles Bronson ecc. quando se la prendono con i "cattivi" di turno e gnente, anzi no, a dir la verità i primi per quel che mi ricordo furono: il 1° da un cartone animato tratto dalla favola "Hänsel e Gretel" dei Fratelli Grimm, in bianco e nero che vidi al cinema (quando avevo all'incirca 7 anni e stavo in collegio), ed era la "vecchietta" che abitava in una casa nel bosco fatta di dolciumi vari con cui attirava i bambini di passaggio per poi ingrassarli e mangiarseli, il 2° (più o meno alla stessa età) fu il Mangiafuoco del romanzo di "Pinocchio" di Carlo Collodi, e ehm "dulcis in fundo" quando ci lessero la Bibbia (sempre in quel college) il 3° divenne "Re Erode".

algol: per me più cattivo e preferito sono praticamente sovrapponibili.
Ma vale tutto!
Stanlio: ah beh allora il più cattivo è chiunque se faccia del male di proposito a chi non può difendersi e ai più deboli come anziani, bambini, disabili...
Stanlio: * ehm, togli il se...
Flo
Flo Evangelìsta
Scusate, ma io voto il giudice Morton di "Chi ha incastrato Roger Rabbit". Sono ancora traumatizzata dalla scarpetta sciolta nella salamoia.

algol: A una certa età fa il suo effetto.
Grazie Flo!🖤
Flo: Tra l'altro consiglio di riguardare il film da adulti. Altro che roba per bambini, era pieno di cose sconce.
algol: Personalmente Jessica Rabbit non mi era indifferente neanche alla prima visione. E sarebbe stato gravissimo il contrario, visto che ero all'apice della mia facoltà hormonale.
Qualche sottilissimo doppio senso mi pare di ricordarlo.
algol: ... ho controllato. Avevo 18 anni. Il mio pene allora poteva essere utilizzato come colonna portante di una villetta bifamiliare
Stanlio: a 18 anni e dintorni (per quel poco che rammento) il mio uccello poteva esser benissimo paragonato ad un SATURN V della NASA mentre ora manco le fantomatiche pasticche blù della Pfizer (cdi cui finora non ho ancora mai fatto uso) presumo riuscirebbero a mantenere un decollo sufficiente... maremma maialerrimissima!
Flo: Insomma, il peggior cattivo è la disfunzione erettile.
Ermes
Io opto per il giudice Holden, da Meridiano di sangue di McCarthy.
“Il capo batteva leggermente la spada, di piatto, contro il pomo della sella, e sembrava formare le parole nella mente una a una. Si chinò lievemente verso di loro. Quando gli agnelli si perdono sulla montagna, disse. Gridano. Qualche volta arriva la madre. Qualche volta il lupo”

algol: Apprezzabile colta citazione.
Falloppio
Sono così cattivo che certe volte mi faccio persino paura da solo!
Il Capo in Altrimenti ci Arrabbiamo.

algol: Ahhahhahh.
Lo so a memoria.
In effetti far picchiare il vecchio Geremia è gesto particolarmente grave.
ZiorPlus
LORENA BOBBITT
Se non è cattiveria tagliare il pene del proprio marito mentre dorme allora abbiamo idee diverse su cosa sia la cattiveria vera!
(...) Nelle prime dichiarazioni alla polizia la donna spiegò che aveva tagliato il pene perché suo marito arrivava all'orgasmo senza aspettarla, ed era egoista.

algol: PAURA VERA
algol: e purtroppo non trattasi di fiction
ZiorPlus: La Lorena Bobbitt Leone perchè è di origini italiane je fà na sega a Dart Fener anzicheno prima glielo taglia e dopo con quel che ha in mano fà la sega.
perfect element
Superciuk.

perfect element
Seriamente: Anton Chigurth ( Non è un paese per vecchi ).

algol: ecco, questa è un'inedita e validissima new entry
JOHNDOE: sì

negli anni 90 (anche se non è un paese per vecchi è successivo) sono usciti parecchi film con villain cazzuti
penso al villain di LEON o a quello di LOCK AND STOCK
MrDaveBoy73: questo anche a me, e di brutto .... ti fà fuori con un colpo di ossigeno (da notare la simmetria distorta di ossigeno (o qualunque gas fosese , no credo esilarante...) - ti salva la vita ma ti uccide se te lo sparano nel cranio ) Lock and stock è quello con Sting ??
ZiorPlus
Gia' detto GRU (?) quello del film Cattivissimo Me > circondato dai suoi piccoli aiutanti gialli "I Minion"

Oppure Il Grinch creatura verde e pelosa a forma di pera con il cuore di due taglie più piccolo che vive in una discarica sulla cima del Monte Bricioloso e si diverte a terrorizzare gli abitanti della cittadina di Chinonsò

algol: Grande Gru. Eccerto che lo conosco. Anche lui ci fornisce un grande insegnamento: la colpa è sempre della mamma.
MrDaveBoy73
L'amministratore della casa in cui abito .

algol: La mia Consigliera è fortemente sociopatica.
Ora, sarebbe bello indagare come mai le dinamiche condominiali siano catalizzatrici di così frequenti derive comportamentali e patologie psichiche. Quando ero piccolo andavo con mio padre alle riunioni condominiali solamente per assistere estasiato alla trasformazione di distinti padri di famiglia in belve assatanate armate di codice civile.
Fenomenale punto di osservazione antropologico / criminologico.
Grazie Mr. Eccellente osservazione.
MrDaveBoy73
Bellissimo editoriale, offre spunt interesssasnti, cosa fa più paura della reale (IN)UMANA CATTIVERIA?

MrDaveBoy73: DIS(UMANA)
sanvalentino3
5) Aaron Stampler di Scheggie di Paura.
4) Hannibal Lecter
3) Sentenza Van Cleef
2) Mr. Blonde de Le Iene
1) Anna Wilkes di Misery


ZiorPlus: Klaus Kinski quando in > Per qualche dollaro in più ribattendo a Lee van Cleef che gli diceva "Il mondo è piccolo" aggiungeva "Sì, ma anche molto cattivo”
algol: Bella, bellissima lista.
Schegge di paura ... mi cadde la mascella alla prima visione. Se riscrivessi la classifica un posticino per Edward Norton lo troverei. Forse anche per il sadismo di mr. Blonde
algol: Hannibal ha solo bizzarre abitudini alimentari. Non è malvagio. Ahah
MrDaveBoy73: Anna fa proprio paura, un interpetzione magistrale della Bates
RinaldiACHTUNG
Sarò banale ma il mio villain preferito è
Il Dracula di Francis Ford Coppola; ero genuinamente dalla sua parte per tutta la pellicola

RinaldiACHTUNG: e poi sono pazzo per Gary Oldman; è il mio attore preferito
algol: Sarà banale ma nessuno l'aveva detto. Il Vampiro è figura di tutto rispetto.
E pure Oldman pare nato per interpretare tutto quanto sia riconducibile al torbido.
MrDaveBoy73: Anche io. bellissimo. per avere paura bisogna guarda Nosferatu con Kinski (padre di Nasty)
RinaldiACHTUNG: Esatto Dave; poi con tutto il mistero che ci sta dietro
nix
nix
ma il Cattivo Tenente Harvey Keitel, o Accattone Franco Citti, cioè i cattivi che trovano nella morte la redenzione, dove li mettiamo? Tra i cattivi o tra i buoni?

algol: Se sei cattolico tra i secondi.
Per me tra i primi. Altrimenti avrei messo figure diverse al settimo e quinto posto.
MrDaveBoy73: ccattone è un bastardo
i cattivi sono altro
MrDaveBoy73
e Dio nel caso esista dove lo mettiamo??

nix: tra i cattivi, mi pare evidente
MrDaveBoy73: già,
era per una conferma,
più che evidente
Elfo Cattivone
Hans Gruber!

algol: Ho dovuto digitare su google, non ricordavo il nome. Die Hard l'ho appena rivisto, un buon cattivo nineties
sanvalentino3
I Cattivi Made in Italy:
5 il governatore Brooke - Adolfo Celi in Sandokan
4 il cardinale Rivarolo - Tognazzi di Nell'anno del signore
3 Peppino (Ernesto Mayeux) de L'imbalsamatore
2 Il dottore - Volonté de L'indagine su un cittadino....
1 Lo Zingaro di Jeeg robot.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: