Sto caricando...

Strumentario concettuale per maneggiare le fantasie di complotto

Le annotazioni che seguono sono integralmente estrapolate da:

Wu Ming 1, La Q di Qomplotto. QAnon e dintorni. Come le fantasie di complotto difendono il sistema, Alegre, 2021, pp. 133 ss.

Una bussola nella tempesta.

Errore comune è negare tout court l’esistenza dei complotti, col risultato di sminuire qualunque denuncia e di chiamare complottismo ogni inchiesta scomoda o manifestazione critica.

Tanto premesso, si tratta di capire cosa distingue i complotti veri (ipotesi di complotto) da quelli immaginari (fantasie di complotto).

Al centro delle fantasie di complotto la forma mentis del cospirazionismo: mentalità che vede la logica del complotto all’opera in ogni ambito e per ogni evento, fino a mettere un Grande Complotto al centro del funzionamento del sistema, esagerando il ruolo della volontà nella storia, una Volontà che sembra tutto prevedere e tutto ottenere, attribuita a lobby o supercaste pressoché onnipotenti.

Ma in che cosa consiste il complotto? Si ha complotto se ci sono questi tre elementi: primo, più di una persona; secondo, segretezza; terzo, intenzione di nuocere. Devono esserci tutti e tre. Se non c’è la prima, non è un complotto, perché non si complotta da soli; se non c’è la seconda, non è un complotto, ma un’azione alla luce del sole; se non c’è la terza, non è un complotto, al massimo un piano per organizzare una festa di compleanno a sorpresa. Puoi chiamarlo complotto, se vuoi, ma non c’è l’intenzione di nuocere.

Detto questo, torniamo al punto di partenza: cosa distingue i complotti veri da quelli immaginari?

I complotti reali tendono a presentare le seguenti caratteristiche:

  1. Hanno un focus preciso e un fine facilmente riassumibile.
  2. Coinvolgono un numero di attori limitato.
  3. Sono messi in pratica in modo imperfetto, perché la realtà è imperfetta.
  4. Terminano una volta scoperti e denunciati, cosa che di solito avviene dopo un periodo piuttosto breve, anche se gli effetti possono persistere a lungo […].
  5. Non sono raccontabili senza la loro epoca: sono immanenti a una fase storica e diventano passato insieme a essa.

I complotti fantasticati tendono a presentare le seguenti caratteristiche:

  1. Risultano sfocati e dispersivi, perché hanno il fine più vasto immaginabile: dominare, conquistare o distruggere il mondo.
  2. Coinvolgono un numero di attori potenzialmente illimitato, che cresce a ogni resoconto, dato che chiunque neghi l’esistenza del complotto è presto denunciato come complice. Secondo ogni logica, più persone sono al corrente di un complotto e più quest’ultimo è instabile e a rischio fallimento. Soltanto nella forma mentis cospirazionista, che rovescia la logica dei complotti reali, un complotto è tanto più solido e destinato al successo quante più persone ne fanno parte.
  3. Il loro svolgimento è coerentissimo, perfetto, tutto è attuato secondo i piani e nel minimo dettaglio, tutto fila liscio. Qualunque cosa succede era stata prevista. Se qualcosa sembra essere andato storto è perché doveva sembrare che andasse storto.
  4. Proseguono, vanno avanti indefinitamente anche se descritti e denunciati in innumerevoli libri, articoli e documentari.
  5. Sono astorici, trascendono ogni epoca e contesto. Sono in corso da decenni, secoli, millenni. Mentre se uno sente ‘Watergate’ o ‘piazza Fontana’ gli viene in mente una precisa epoca, ‘complotto giudaico-massonico’ evoca un complotto che dura da sempre ed è senza fine.

Ricapitolando, al centro della scena una coppia concettuale:

Ipotesi di complotto: servono a indagare complotti specifici e situati, orientati a un fine preciso, che solitamente cessano dopo essere stati scoperti, o al momento della loro scoperta sono già cessati.

Watergate, il programma Cointelpro, strategia della tensione.

Fantasie di complotto: riguardano sempre una cospirazione universale, che ha come fine la conquista o la distruzione del mondo intero da parte di società segrete, confraternite occulte, ‘razze infide’, singoli individui descritti come onnipotenti burattinai, conquistatori alieni.. o un’alleanza di tutti questi soggetti. Una cospirazione costantemente denunciata eppure sempre in pieno svolgimento, da decenni, da secoli.

Illuminati, piano Kalergi, George Soros che muove i fili del mondo, Bill Gates che ci controlla con nanochip nei vaccini, scie chimiche, Cabal di pedosatanisti.

Il confine tra questi due poli non è rigido: per un verso, dalle ipotesi di complotto è possibile scivolare nelle fantasie di complotto; da altro verso, le fantasie di complotto possono essere messe in circolo da cospiratori veri.

* * * *

Non sono mai riuscito a uscire. Abito per sempre un edificio che sta per crollare, un edificio intaccato da una malattia segreta (un sogno di Baudelaire, riportato da R. Calasso, L’innominabile attuale, Adelphi, edizione kindle, pos. 119).

Ermes , Diciannove giorni fa — DeRango: 23,73


Commenti (Sette)

lector
I nemici delle vaccinazioni – anche questa è una professione – hanno detto che a Vienna non è scoppiato il vaiolo ma un'epidemia da vaccino. Ora anche loro sanno valutare il valore della profilassi ma la loro prudenza è un po' esagerata: si prendono il vaiolo per proteggersi dal vaccino. (Karl Kraus nel 1907 da "Aforismi in forma di diario").
E' proprio vero: “Quelli che non sanno ricordare il passato sono condannati a ripeterlo"

lector: Certo sarebbe bello che, almeno qui dentro, si sapesse chi era Karl Kraus!
Stanlio: Mi fai vergognare non poco poichè di ehm, Carlo Crauto non ne sapevo nvlla di nvlla fino a che non lo nominasti e già mi son ripromesso di saperne più che posso intanto leggo su wiki due cose che me lo fanno moooooooolto simpaticherrimoper la sua fragilità fisica ovvero "era un bambino molto delicato, incline alla malattia, ed afflitto già durante la sua prima infanzia da evidenti sintomi di una scoliosi, nonché da miopia." e la seconda da "Detti e contraddetti" ossia «L'erotismo dell'uomo è la sessualità della donna.», massì crepi l'avarizia aggiungo altre due cosette:
- I° Carletto non si sposò mai, ma dal 1913 fino a quando morì ebbe una stretta relazione con la baronessa Sidonie Nádherný von Borutin. (ehm, alla precoce età di 39 primavere... )
- II° copioincollo qvesto mistero (che tanto misterioso non è perchè bastava leggere fino alla fine ma tant'è), [...] Karl Kraus viene investito da un ciclista in marzo e muore a Vienna il 12 giugno del 1936 [...] e parafrasando il buon Lucio Battisti, il resto "lo scopriremo leggendo" e niente!
Stanlio: ***"lo scopriremo soltanto leggendo..."
(mannaggiaammè e alla mia solita fretta di concludere con conclusioni inconcludenti)
lector: Leggi quello che trovi di lui. Non te ne pentirai.
Hank Monk: Ottimo consiglio Kraus.

Però vorrei capire (domanda vera) chi sono i "nemici dei vaccini".
Perchè sempre queste posizioni manichee?

I "nemici dell'obbligo vaccinale" (tipo me)dove li mettiamo?
lector: Per Kraus non posso parlare (neanche lui - purtroppo - ma leggendolo credo si possa capire con chi ce l'ha). Per quanto mi riguarda anche io sono "un nemico dell'obbligo vaccinale". Credo che, però, siano due cose diverse.
Kraus, da quello che credo di aver capito, ce l'aveva con quelli che preferivano risposte assurde ai ragionamenti logici; credeva che l'ironia ed il dialogo potessero essere armi potenti di difesa contro i mostri che vedeva apparire all'orizzonte e che di quell'irrazionalità si cibavano. Ci aveva visto lungo, ma aveva sottovalutato l'avversario. Morì prima di vedere realizzati i suoi incubi, ma in tempo per capire che la battaglia era persa e che parlare era diventato, ormai, inutile.
"Su Hitler non mi viene nulla da dire" fu la sua ultima straordinaria, amarissima battuta.
La Storia lavora alla luce del sole, basta volerla guardare.
lector: I nemici dei vaccini sono coloro che combattono le mascherine in nome della salute di tutti e poi ti mandano affanculo se gli chiedi di spegnere la sigaretta, perchè il fumo passivo non esiste e la sigaretta fa male "ma è una libera scelta".
Hank Monk: ah meno male che sono capish approved allora :) E sono anche d'accordo con quanto scrivi. la questione però, se vogliamo vederla in una ottica di solidarietà di una ipotetica classe è quella di non fomentare conflitti. I cosidetti "complottisti" sono persone che avvertono l'oppressione ma non riuscendo a spiegarla svalvolano dietro a teorie assurde ridicolizzando la loro stessa posizione. Credo che la cosa migliore da fare sia sempre cercare di razionalizzare queste paure e…
Hank Monk: Tipo quando in tv c'era tutto un fiorire di "dagli al terrappiattista" contemporaneamente era affiorato anche lo spin del "eh, ma pensa te, pure loro votano. Eh, ma ci vorrebbe un bel patentino per potere votare".

che dimostra due cose:
1. che i complottisti fanno il loro stesso danno e quello pure degli altri (vedi i Qanon che sono stati la pietra tombale di Trump)
2. che andare dietro a certi spin del tipo "complottisti di merdaaa" va a svantaggio di tutti

Di fatto mi sta più simpatico un "terrappiattista" (sempre che esistano) che un "eh ma vedi che per votare ci vuole l'esaminooooo".

Boh non so se i son spiegato, in questa congrega di filosofi non ho le armi adeguate per difendermi :D
lector: Una brava persona ti dice che sarebbe disposto a morire per combattere contro i nemici invisibili che ci manipolano. Addirittura è a rischio l'Umanità, qui si tratta di evitare il massacro di 2-3 miliardi di persone.
Ed alla fine chi ci sarebbe dietro? Ebrei, massoni, liberi pensatori, gay, libertini e misteriosi "padroni" e non ti viene un brivido lungo la schiena?
Non la senti la rabbia, la voglia di menare le mani (per primi a quelli che ti dicono "non è vero"), la disperazione?
E non ti viene un brivido lungo la schiena?
A questi qualcuno indicherà il nemico (i gay "obbrobrio contro natura" che puntano ai nostri bambini, chi scopa come gli pare e che "nega la sacralità del rapporto d'amore", i "saputelli" che ti hanno sempre trattato come uno stupido, gli extracomunitari...) e metterà loro in mano manganelli ed olio di ricino.
Io comincio ad aver paura.
Si: un piano c'è.
lector: Non puoi parlare con chi non ti ascolta
lector: Non l'hanno mica inventato i fascisti questo, eh?!
Pensa soltanto ai Sanfedisti del cardinale Ruffo.
lector: Si stanno spartendo migliaia di miliardi che dovremo ripagare. Per ripagarli dovremo lavorare come schiavi rinunciando a diritti e salari adeguati e noi ci scanniamo per le mascherine?
No! Bisognerà richiamare i cani da guardia del capitale: i fascisti (anche se li chiameremo con altri nomi).
Si, un piano c'è e ci sono anche i LORO: il sistema capitalistico.
Hank Monk: Ma assolutamente
però SECONDO ME oggi quelle persone sono persone che avvertono oppressione e CREDO che abbisognino solo di una istituzione (partito? movimento?) che razionalizzi queste paure.
Il nemico è lo sfruttatore e credo che possano capirlo tutti questo.

Chi davvero è violento credo sia la minoranza (o perlomeno...frequento molti bar di provincia e quando ci parli alle persone non trovi mai davvero la cattiveria ma la paura e spesso la voglia di capire)

Oggi mi spaventano molto di più tutti che pensano che tutto sia "normale", che bisogna ASSOLUTAMENTE imporre obblighi vaccinali, che VIVA LA UE deflazionista e primissima campionessa del neoliberismo antidemocratico che ci regalerà una pioggia di miliardi che reprime sempre di più la nostra democrazia...che se devo fare il paragone al secolo scorso li assocerei a chi applaudiva i social democratici quando sedavano le rivolte spartachiste, o chi approvava le politiche di asuterità di Bruning.

poi vabè ho capito il senso, anche il commento di Ermes a macaco sotto lo condivido (tra l'altro abbiamo avuto una discussione simile con lui nella pagina trip dell'altro giorno), semplicemenete vedo più umanità in questo tipo di persone (i complottisti) che almeno avverte l'oppressione piuttosto che in chi non la avverte nemmeno e anzi è ligio a seguire ogni indicazione che viene propalata dalla tv


Hank Monk: L'ultimo commento l'ho visto dopo.
Esatto condivido. Il complotto è la lotta di classe.

Sul migliaia di miliardi che dovremo ripagare permettimi di dire: perhè così è stato deciso.
Se avessimo difeso almeno quel barlume di pseudosocialismo che era il sistema keynesiano della nostra costituzione invece di andare dietro alle cazzate Unioniste neoliberiste forse potremmo reagire in maniera più Umana ai problemi
lector: C'è qualcuno che in questi 15 mesi è stato felice e tranquillo? Chi? In giro c'è rabbia e paura, un mix terribile, o angoscia e fatalismo, che sono anche più pericolosi.
Tu vedi più umanità in chi vuole un nemico, qualcuno con cui prendersela rispetto a chi vuole disperatamente affidarsi a quelli che dicono di sapere come si fa?
Mi stupisco delle tue capacità empatiche.
Ci vuole un partito, dici? No ci vogliono idee! Ma quando il terreno ti frana sotto i piedi tu vuoi solo risposte rapide e comprensibili e c'è chi lo ha capito (è la legge della domanda e dell'offerta); infatti la Fratelli d'Italia sta per diventare il primo partito italiano!
Che faremo quando il tempo delle parole sarà finito?
A me sui complottisti non mi viene più nulla da dire (cit. Karl Kraus)
lector: "Se avessimo difeso almeno quel barlume di pseudosocialismo che era il sistema keynesiano della nostra costituzione". Nessuno poteva prevedere la pandemia. Adesso è il tempo di altri discorsi...
Hank Monk: Non so non riesco a vederla in questo modo.
Il cambio drastico economico che abbiamo subito dagli anni 80 in poi da chi è stato portato avanti?
Da FdI (che saranno i prossimi 5 stelle) o da ex PCI poi diventati PD votati al credo neoliberale?

Io non riesco davvero a capire come si possa dare ""la colpa" a un poveraccio che finisce per votare FdI dopo 30 anni in cui la nostra classe operaia (ma pure i white collar...io ad esempio è due anni che praticamente nn esco mai dall'ufficio prima delle 21) è stata costantemente privata di ogni diritto sociale e soggetta a una deflazione salariale paurosa e messa in competizione con manodopera importata dall'estero.
è chiaro che così si creino delle bombe sociali; ma il problema è chi le ha create e le continua a creare.

Mi fa paura il cane che mi azzanna ma il mio nemico è chi lo ha addestrato
e verso il cane sì, riesco a essere empatico (d'altronde tra i miei migliori amici ci sono alcuni tra i peggiori bulletti del paesello mio...e io ero il secchione. Però poi ci si capisce che ognuno ha i suoi problemi, problemi diversi)




Hank Monk: @lector: "nessuno poteva prevedere la pandemia" non è proprio che sia un gran bel discorso.
si poteva prevedere benissimo che distruggere il sistema sanitario in nome dell'austerità del "ce lo chiede l'europa" avrebbe dato problemi.
Si può benissimo capire che i paesi con banca centrale indipendente reagiranno molto meglio di noi.
Si può benissimo capire che indebitarsi a strozzo presso questi fondi del cazzo che controlleranno la nostra economia per i prossimi anni invece che cercare fondi sul mercato emettendo BOT o BTP (e sta tutt'ora comprando tutto la BCE) sarà un disastro economico, sociale e antidemocratico che creerà un sacco di problemi

Hank Monk: Poi oh, "quando il tempo delle parole sarà finito" ognuno vedrà.
A mi nonno gli avevano dato un fucile in mano e spedito all'estero a fare la guerra. Lui però quel fucile poi lo ha usato come pensava fosse meglio.
io spero di non dovermici trovare ma nel caso cercherò di essere all'altezza.
lector: "Lascio poi pensare al lettore, come dovessero stare in viaggio quelle povere bestie, così legate e tenute per le zampe, a capo all’in giù, nella mano d’un uomo il quale, agitato da tante passioni, accompagnava col gesto i pensieri che gli passavan a tumulto per la mente. Ora stendeva il braccio per collera, ora l’alzava per disperazione, ora lo dibatteva in aria, come per minaccia, e, in tutti i modi, dava loro di fiere scosse, e faceva balzare quelle quattro teste spenzolate; le quali intanto s’ingegnavano a beccarsi l’una con l’altra, come accade troppo sovente tra compagni di sventura."
Noi sappiamo che il nemico è chi addestra il cane, però discutiamo per anni sul chi lo combatterebbe meglio e, intanto, non facciamo nulla. Quando dovremo difenderci ricordiamoci dei capponi di Renzo.
Io mi sono dovuto difendere più da quelli che facevano distinguo, dopo la famosa discussione, che da quelli che mi davano dello stronzo!
Hank Monk: ah boh la discussione non l ho mica seguita tutta
ed è appunto anche quello che dicevo...chi sente l'oppressione ma non la sa elaborare non va trattato come un altro cappone con cui battibeccarsi. Non è quello il nemico, anche se magari ne diventerà lo strumento.

Se ho letto bene il thread era inizio con ribaldo che diceva:
"cojone chi va in giro al sole all'aperto con la mascherina"
e tu sotto a dargli del negazionista.

il dopo non l ho letto e non so che trascorsi c'erano prima; ma in quell'incipit sinceramente mi sembrava fosse più sul pezzo lui (che immagino sicuramente avrà sbracato dopo) e il tuo dargli del negazionista non mi è risultato simpatico e vi ho visti come due capponi che secondo me non hanno motivo di battibeccarsi.
lector:
Prova a leggerlo e vedrai se è così
lector: "Caspasian: Se uno è "ermafrocito congemito" per me può andare a farselo buttare al culo in maniera consensiente dove come quando vuole, se è questo quello che gli piace. Ma da qui a proporre che la cosa è normale e che è da propagandare per farla passare come consuetudine questo NO categoricamente. Andassero a fare le loro inculate e affini nel loro privato e non rompessero i coglioni con la sessualità che quella è una…
lector: Poi certo io di errori ne faccio, ma mi sono solo limitato a chiedere di spiegarmi il complotto ed ho fatto domande.
Il problema è che poi è intervenuta troppa gente ed è diventata una vera caciara. Perciò mene sono tirato fuori.
Stanlio: a Caspasian l'avranno in(o)culato a 90°...
lector: Ah! E tutto il discorso sul FROCISMO, cerca di non perdertelo!
lector: Il mio problema non è Ribaldo è chi si rende conto del problema ma ritiene che la cosa importante sia discutere con quali toni affrontarlo...
lector: °chi ritiene
Hank Monk: ahaha, no vabè quando ho cominciato a vedere che degenerava non ho più letto.
Non so boh, forse hai ragione.

Però anche sul problema non so; questi "complottisti" sono la conseguenza del problema e nel caso verranno usati da chi il problema l ha generato.
Non si può addossare la colpa a loro se non si è voluto vedere prima i cavalli di troia che hanno distrutto quel poco che si era conquistato dopo la seconda guerra mondiale.

Cmq boh, semplicemente sono abbastanza preoccupato pure io e mi fan più paura quelli che seguono senza fiatare tutta la narrazione che giustifica l'attuale sistema di potere che sta gestendo la crisi.
Ad esempio, quando mattarella ha detto che a gestire la crisi sarebbe dovuto venire il capo dei banchieri e non si poteva assolutamente votare mi ha fatto paura chi esultava, così come mi hanno fatto più paura (come sai) quelli che hanno applaudito la UE in tutti gli anni di politiche deflazioniste che hanno reso fragile sia la nostra democrazia e le sue istituzioni sia la nostra economia.

Boh burtti tempi cmq
lector: Lo sai come la penso. Credi che io abbia accolto il governo Draghi con soddisfazione?
lector: E noi perdiamo tempo a parlare di mascherine!
Hank Monk: Ah ma appunto.
Le mascherine capisco benissimo che possano essere viste come un simbolo di oppressione

Ad esempio alle scuole elementare i bimbi con la mascherina mi è sembrata una violenza immotivata
lector: La violenza vera è stata NON MANDARLI a scuola!
Cazzo basta guardare il dito!
lector: Mio figlio va in Prima elementare. La DAD è una follia a quell'età. I danni che ha subito quest'anno saranno per tutta la vita!
Hank Monk: Una cazzata più grande nn giustifica quella più piccola.
La più piccola ti porta ad accettare la più grande.

Io mi sono imposto di andare al lavoro TUTTI i giorni e di sganciare lo Smart Working nonostante mascherine obbligatorie sempre e mille pare?
Sai quanti colleghi che per evitare lo sbatto invece son stati a casa? E sai che da prossimo anno vorranno OBBLIGARE tutti a fare almeno 2 terzi del lavoro da casa dato che è cosi comodo lavorare da casa e così tante persone ne hanno usufruito volentieri?

Rendere la scuola in presenza una tortura fa passare l idea che la DAD sia meglio.
Che è chiaramente una cazzata
lector: E' come la storia del fumo: la mascherina FORSE fa male e se usata per più di un certo numero di ore, la sigaretta SICURAMENTE fa male (a te ed a chi ti sta vicino). Quanti no-mask che si battono strenuamente per combattere la tirannia delle mascherine poi ti fumano in faccia? Quindi quello per cui combattono non è la mascherina, quello che difendono non è la salute.
Un bambino che non impara a leggere ed a far di conto SICURAMENTE pagherà un prezzo per il resto della sua vita; un bambino che deve indossare la mascherina a scuola FORSE si sentirà costretto e FORSE avrà danni alla salute (sebbene il mio pediatra mi abbia rassicurato su questo punto. E di lui mi fido: so che non è un rettiliano...).
La battaglia da combattere è quella delle mascherine? Ho visto mamme piangere dalla paura all'idea di mandare i loro figli a scuola, se le mascherine le hanno rassicurate ed i loro figli sono potuti andare a scuola, ben vengano le mascherine!
Mentre discutiamo di mascherine passa il NextGenerationEU e nessuno di quelli che legge decine di pagine su internet su vaccini, mascherine e piani degli alieni sa neanche che cos'è!
Non ti sembra che ci stiano inculando ben bene con 'sta storia delle mascherine?
Hank Monk: Ma no va beh nn era quello il punto. Era per dire che capisco bene perché possa essere presa a simbolo.

Sul Nexus GEn Eu ea maniera Barbara con cui lo prenderemo cosa vuoi che ti dica.
Mi sembra di essere stato un sacco prolisso su queste pagine a dire che il male e la UE in quanto costruzione neoliberista e il Nexus gen ne è una naturale prosecuzione.

Sottolineo però che chi applaude Draghi (o Monti o Letta o Renzi o Gentiloni o Prodi mentre smantellata lo stato sociale e privatizzava tutto) nn sono certo i Ribaldo.
Quelli che facevano le Cassandre di sventura due mesi fa dopo un anno di dati che mostrano come i lock down sembrano nn servire a migliorare la salute ma a distruggere l economia sì nemmeno.

Poi oh magari mi sbaglio ma io nel prossimo futuro nn mi aspetto che il male arrivi dai Ribaldo ma da queste persone e dai gruppi di potere a cui rispondono
Hank Monk: Vabè scrivo dal cell e esce na merda. Si sarà capito.
Buona nottata e in bocca al lupo
lector: Buona notte anche a te
macaco
Il problema é il punto 4 dei complotti reali, cioé finché non vengono scoperti e denunciati, sono ritenuti fantasie.
É chi decide quali scoprire e denunciare, ossia rendere disponibili elementi per una seria indagine?
Il complotto per l´assassinio di kennedy é reale o fantasia? Non é stato scoperto ne denunciato eppure ci sono tutti gli elementi per definirlo complotto.

Ermes: Effettivamente il punto 4 è quello che convince meno anche me. Detto questo, credo che l'A. del bel libro da me proposto non distingua ipotesi di complotto/fantasie di complotto sulla base del criterio della verità. Mi spiego bene, anche le ipotesi di complotto sono per l'appunto ipotesi, che possono essere successivamente smentite dai fatti. Piuttosto, credo che il punto sia un altro. Se fantasie di complotto presentano a monte un difetto logico, il seguente: credere…
Ermes: N.B. spero si capisca qualcosa, ho scritto senza rileggere, seguendo il flusso dei pensieri.
macaco: Va bene, fermiamoci alle scie chimiche: "È necessario dover sostenere che migliaia di persone (piloti, personale aeroportuale, Stati, scienziati, medici) siano ordendo un piano contro di noi per avvelenarci o, come qualcuno sostiene, per addirittura controllare le nostre menti? No|" secondo me é una premessa sbagliata e tendenziosa. La premessa dovrebbe essere: visto che si osservano scie rilasciate dagli aerei, che tecnicamente non possono essere scie di condensazione, cosa sono? Dato che non ci son risposte ufficiali soddisfacenti, prendono spazio teorie varie, dagli studi sulla ionosfera di Tesla, al progetto haarp, alle guerre climatiche, e via di speculcazione. Ma tutto ció sempre nasce da risposte insoddisfacenti da parte delle autoritá, io metto sullo stesso piano di idiozia chi crede in tutte le teorie e chi crede nelle versioni ufficiali che non di reggono in piedi.
Questa é la prassi.
asterisco: Riassumo in tre parole il commento di Ermes: RASOIO-DI-OCCAM.
lector: Quoto tutto quello che ha scritto Ermes.
Caspasian
Purtroppo con questa tua "excusatio non petita" hai confermato "l'accusatio manifesta" che non sai niente dell'unica legge che governa l'universo,quella della causa-effetto. Meno male che abbiamo tutta l'eternità davanti a noi per le "compensazioni".

Caspasian: Si fanno tutte belle citazioni ma un Edward Bernays dove lo mettiamo?
ZiorPlus: Domanda così ingenua per cui provo anche un certo imbarazzo.
Maledetta razionalità.
Se vorrai darmi spago, of course.
E' che mi viene normale chiedere: Ma alla fine di tutto questo patimento fatto di cause effetti, forse di reincarnazioni, cioè dopo aver tanto compensato, che cosa ci aspetterebbe.
Se possibile in parole comprensibili.
Ermes: Dando per scontata la mia assoluta ignoranza, la tua frase non rappresenta un riscontro contrario alla tesi del (puntualissimo) libro da me citato; a ben vedere, si tratta di un argomento apparente, vuoto di contenuto, che nulla dice
macaco: @[ZiorPlus] siamo come il ferro che passa in tante forgie; forgia e batti, forgia e batti, alla fine di tanti cicli si fa la tempera e si passa ad un altro livello.
Caspasian: @[ZiorPlus] uno secondo me deve prima uscire dal considerare la conta del tempo perciò la fine non c'è, secondo me. Potrei pensare che dopo espletato il raggiungimento dell'armonia con questo veicolo biologico che è il corpo, l'anima si potrebbe incarnare come una luna, poi come un pianeta, poi come un sole, poi come una galassia, poi come un universo... Poi ci stanno i pluriversi, dai che non ci si annoia. 😉
ZiorPlus
George Soros
Bill Gates
Klaus Schwab
La famiglia Rockefeller

Queste sarebbero accreditate come "Le Menti > Loro" come l'èlite criminale mondiale che ha gestito e continua a dirigere con estrema segretezza all'interno dei loro ambienti e multinazionali la fandonia del Covid 19. (E del 5G) .-

Un piano diabolico per sterminare milioni di persone con lo scopo di risolvere il problema del sovrappopolamento del pianeta.
Un piano infallibile per conquistare il pianeta terra.
Un pot-pourri di Illuminati un complotto giudaico massonico e nuovo ordine mondiale nel quale il ruolo di "burattinaio supremo" col tempo passa di mano in mano.
Si racconta che ci vogliano iniettare mercurio attraverso i vaccini in modo da "collegarci al 5G" e "controllarci come robot. "Se tu vuoi ammazzarmi basta alzare la temperatura del mio corpo e io muoio".
A bassi livelli invece ti sterilizzo!
In pratica ti tengo per le palle, letteralmente.


llawyer: Ancora con sto 𝟓𝐆 quando non si sa ancora molto del 𝐏𝐔𝐍𝐓𝐎 𝐆...
Caspasian: Ma quelli di quella specie io non li vedo criminali, son fatti così e basta. Sono pure onesti a srotolarci davanti le cose che hanno fatto o stanno facendo. Uno poi gli dà il tacito assenso e quelli continuano a "giocare": geoingegneria, transumanesimo, gender, vaccini "tecnologici", cripto moneta, ecc. "Non avremo niente e saremo felici!" Coming soon...
Stanlio: ehm, chi ha punto G...?
iside: hai dimenticato di nominare @[G]
llawyer: Secondo me è stata l'ape Maia!
Stanlio: L'è istess, però è anche troooooppo facile scoprirlo, saran state/i le/i ehm, vaccinatrici/tori...
G: ou!
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Mah... da un capolavoro del genere - perché aver ordinato tutti quei concetti, è da capolavoro - hai estratto il concetto più scontato e banale.

Caspita, gli hai fatto onore.

Per me, è IL CAPOLAVORO. Chiunque vada su Internet da quando non c'era nessuno e ha visto nascere tutti i problemi attuali, deve leggerlo. C'è un lavoro di ordinamento dei concetti da inchino, solo applausi.

Ermes: Condivido il giudizio, anche se non ho ancora terminato la lettura.
Non è facile commentare un libro così complesso e stimolante, ma ciò che ho provato malamente a sintetizzare è soltanto una prima base concettuale per orientarsi nella selva del cospirazionismo, annotazioni estrapolate da uno dei capitoli maggiormente 'basici' del libro. Soprattutto, lo spunto che mi interessava fare emergere è quello poi riportato nel mio primo commento di risposta a Macaco (due parole, Volontà, Gran complotto), motivo che mi pare sia più volte emerso anche nel dibattito che ha animato GIAP negli ultimi mesi.
Questa poi voleva essere una ridottissima risposta al grande dibattito sorto qui, dove sono apparse le più strampalate fantasie di complotto, ma senza alcuna pretesa di recensire o trattare sistematicamente un'opera che richiederebbe un impegno e una capacità ben diverse; soprattutto, del tempo per fare sedimentare tutti gli spunti che lascia
Ermes: P.S. un'ultima puntualizzazione: che questi concetti, davvero basici e scontati rispetto all'armamentario concettuale predisposto da Wu ming 1, non siano, però, così banali lo testimonia il dibattito che ha conosciuto il sito in questi giorni
puntiniCAZpuntini: << una ridottissima risposta al grande dibattito sorto qui, dove sono apparse le più strampalate fantasie di complotto, >> QUI? LE PIù STRAMPALATE?

Ya'v sii naffin, my men...

Ti dico un trucco: è scritto in Italiano? Mollalo
è scritto in inglese? Mollalo
è scritto in Americano malmangiato? Può essere divertente
Izz wrot like dis? DEZZ THA SHIT MAAAMEEEENN...
puntiniCAZpuntini: In sintesi: ora ho capito che conosci Wu Ming, ma che NON conosci il Complottismo. Niente di grave, anzi diciamo che è un bene non conoscerlo, però è per quello che hai postato questo indice e non - per esempio - parlato dei collegamenti con la Santa Inquisizione o l'Olocausto Ebraico.
macaco: Peccato che non hai partecipato al dibattito, sei forse l'unico ad avere una visione sopra le parti, o comunque un punto di vista differente.
puntiniCAZpuntini: è un discorso troppo grande: possiamo anche incluedere tutti in una corrente "complottista", ma in realtà ne esistono 20mila derivazioni e praticamente ogni "adepto" ha una visione differente.

Magari si riesce a fare un discorso sulle Active Measures del KGB. Loro, avendo un "piano ben preciso" possono essere analizzati e discussi in una ventina di commenti. Il resto è infinito, ci ho già provato varie volte ed è più fruttuoso evitare.
macaco: Si ma cazzo, non è possibile vivere in sistema di pensiero totalmemte dicotomico. Altro che sfumature e ventimila modi di esserlo, appena si solleva un dubbio sull'argomento, ti attaccano l' etichetta di negazionista, no vax. Una follia.
Mi davano del coglione quando sostenevo che il virus fosse artificiale, e adesso che pure Fauci lo ha ammesso nessuno chiede scusa. G ha lanciato il diktat contro i "no-vax", minacciando di strabannarci.
Se poi si sollevano polemiche sul politicamente corretto della new left, diventi omofobo e fascista. Io sono al limite della sopportazione.
puntiniCAZpuntini: Mah, io ad esempio di Fauci non mi fido. Non credo sia un pirla qualunque, ci mancherebbe, però è in una posizione dove la politica pesa di più della scienza e la situazione politica attuale è piuttosto instabile. Non sono nemmeno convinto che dica il falso di proposito, diciamo che se dice qualcosa lui resto sul forse.
puntiniCAZpuntini: Sempre tenendo conto - soprattutto - che il 99% di noi e il 90% di chi parla ai Media di COVID, non ha la situazione completa ben chiara a memoria. Probabilmente nessuno al mondo, ha la situazione chiara... perchè cambia ogni giorno e in 24 ore non riesci ad aggiornarti su cosa è successo in tutto il mondo. Ogni giorno perdi almeno un 50% che si accumula.

Ovviamente se l' OMS fa un comunicato, spero che abbiano le idee almeno abbastanza chiare. Ma è impossibile che le abbiano chiarissime, quindi posso accettare un gran numero di errori perchè non è che se io fossi lì farei di meglio.
ZiorPlus
DeScemenzie in libertà:
Non c'entra un razzo con i vaccini ma Dal dott. Frankenstein ne è trascorso di tempo ed è verosimile che altri abbiano proseguito l'opera.
Tutti, indipendentemente da fede religiosa credo politico o questioni etiche ed altre cose che non hanno mai fermato nessuno anzi.
In una società dove chi più è avanti tecnologicamente dove la corsa al riarmo è vista come deterrente (Più faccio paura meno possibilità ho che mi rompano le palle) dovrebbe essere abbastanza normale.
La pecora Dolly, la base segreta area 51, la Base sotterranea Dulce con corpi e tecnologia di alieni tutte robe anni '60 dovrebbero essere cose superate dalla realtà che a distanza di tempo fanno sorridere.
Altra cosa è Elvis è vivo Paul McCartney non è più tra noi sostituito da un sosia.

Caspasian: "Tutti, indipendentemente da fede religiosa credo politico o questioni etiche ed altre cose" che continueranno la collusione col "progresso" tecnologico, andranno all'inferno.
ZiorPlus: Non capisco se scherzi o dici sul serio perchè intanto bisognerebbe crederci all'inferno.
Alcuni sostengono per es. che l'inferno sia già il presente cioè la quotidianità fatta di povertà guerre omicidi malattie epidemie violenze torture follia e tutto quel che passa la fantasia umana in fatto di aberrazioni.
Per certi sfortunati cosa può esserci di peggio, qualche diavolo in sembianze da caprone che ti prende a forchettate sul culo mentre abbrustolisci.
Reincarnarsi forse, bisogna vedere se uno ne ha voglia o se quel che ha dato gli basta potrebbe anche semplicemente fregarsene non è detto che tutti ambiscano a migliorare o vivere per sempre o anche solo crederlo possibile.
A meno che non sia obbligatorio ed anche lì si aprirebbe un mondo di cose irrazionali se non dettare da credi personali dove ciascuno se la gioca come meglio crede.
Caspasian: L'inferno non lo associo a peccati, colpe, diavoli e forconi, secondo me è interiore e cioè l'allontanamento della nostra essenza dal nostro Dio interiore. Obbligatorio non è niente ma ci sono delle leggi universali di armonia e quando ti allontani da questa "luce" soffri. Il pensiero crea le cose e le materializza, tutte brave persone e tanta sofferenza, come mai? Siamo buoni o non ci diciamo quanto siamo miserabili? Chi pensa al posto nostro e si nutre del nostro dolore?
Caspasian: Se giochi subisci le regole del gioco:
Revolver film - La manipolazione
Caspasian: Su questo film dicono tutto, e si continua a non accorgersi dei "sussurratori":
Revolver Film - Ego e dialogo Interiore
Caspasian: Quelle "care" entità astrali parassitarie:
Revolver (ITA) Scena dell'ascensore.
ZiorPlus: Alla base di certi modi di pensare e di porsi mi par quindi di capire che ci dovrebbe essere innanzitutto una certa consapevolezza di quel che si và affermando o la sua ricerca/evoluzione, consapevolezza che innegabilmente passa attraverso certa cultura dove la cultura è un privilegio nel senso che non è alla portata di tutti o che viene dopo altri istinti primari che attraversano la socialità del contingente e/o di quello che ci è stato tramandato come verità.
Ne potrebbe derivare che certa consapevolezza se non fai parte di un determinato gruppo in un certo qual modo privilegiato per nascita per censo o anche solo per fortuna è elitaria quindi chi non ha basi e possibilità si troverebbe suo malgrado tagliato fuori per l'eternità non potendo mai evolvere.
Lo dico in parole povere e mie non conoscendo esattamente il tuo pensiero quindi capisci se fuorvio.
Materialmente chi dovesse per es. avere in sorte di nascere in uno sperduto villaggio in mezzo alla giungla del Burkina Faso o dell'Amazzonia non si potrebbe mai porre le domande ed i dubbi di @[Caspasian] o le mie o comunque di chi ha altre possibilità chiudendo il cerchio.
Indipendentemente dall'essere bello buono o bravo o dal credere in qualcosa.
Sono argomenti intriganti ma che proprio per questo aprono una infinità di domande senza risposta.
Caspasian: C'è l'equivoco di inquadrare il lavorare su se stessi con qualcosa collegato ad un gruppo d'élite ma quando segui quella strada sei solo, non c'è ideologia, non c'è sociale, non c'è dualità, non ci sono privilegi, non è chiusa la via. L'acqua dell'oasi è per tutti ma tanti non la bevono e rimangono assetati. Non ci serve il pass da nessuno, no teacher, no method, no guru: "accogliamo a braccia aperte e salutiamo a braccia aperte". Quella differenza che tu spieghi come classismo culturale è per me l'età animica che ognuno ha e le anime antiche sono sempre fraintese nel loro saper vivere l'invisibile che ci circonda. Nessuno è tagliato fuori, tutti siamo l'unità (non marxista per fortuna).
Falloppio
A B NORMAL

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: