Sto caricando...

Musica vietata

“There is no country in the world like my homeland, a proud nation. Our beautiful valley, our great-grandparents homeland".

Questi versi semplici furono cantati da Fawad Andarabi, pochi giorni fa è stato ucciso con diversi colpi di pistola alla testa.

Era un folkisnger afgano, aveva avuto assicurazioni dai talebani che lui e la sua famiglia sarebbero stati al sicuro.

Andarabi era un musicista tradizionale noto in tutto l'Afghanistan, suonava il ghaychack, uno strumento tradizionale e cantava canzoni folk incentrate sulla bellezza dell'Afghanistan e l'importanza delle radici.

Oggi la musica, l’uso degli strumenti musicale, la danza (e molto altro) sono vietati in Afghanistan. I Talebani hanno distrutto gli strumenti del National Music Institute, dove la prima orchestra interamente femminile del paese ′′ Zohra ′′ (intitolata alla dea della musica negli scritti persiani), un tempo praticava. Riuscite a immaginare una società senza musica?

Fratellone , Diciannove giorni fa — DeRango: 6,00


Commenti (Dodici)

Fratellone
Modifica all'editoriale: «corretto errore». Vedi la vecchia versione Musica vietata

Fratellone
Modifica all'editoriale: «uff». Vedi la vecchia versione Musica vietata

TataOgg
La proibizione della musica, non dico sia la notizia che più mi ha colpito, ma certo é fra le più emblematiche di quanto si sta vivendo là.
Quando ho scritto la recenzia per Cave of forgotten Dreams mi sono soffermata a lungo a riflettere sul flauto mostrato nel film, ottenuto dall'osso di un rapace di non ricordo quante decine di migliaia di anni fa, in scala pentatonica. L'uomo si é quindi evoluto anche perché faceva della musica, la musica é la socialità che si accompagna all'atto del suonare. C'è fantasia, sapere, impegno, arte che si tramanda e si insegna come tutte le altre azioni umane complesse. Gli strumenti musicali stessi sono opere d'arte.
Uccidere un uomo perché canta... O far morire un cantante perché é in sciopero della fame per protesta... Non c'è nulla di più vile.

Fratellone: Si, è vero, non è la notizia più terribile che arriva da quel martoriato paese. Ho letto da poco la tua rece, sei veramente brava...
Fratellone: Chissà come mai ci sono poche donne qui. Praticamente sei unica ...
TataOgg: Non sono unica... e non siamo così poche.
Stanlio
Cose da malati mentali e pure gravi!

Per le povere afghane ed i poveri artisti afghani e di tutti coloro che dissentono, si prevedono tempi infernali, come e peggio nel medio evo con la sua inquisizione, l'uomo in certi frangenti non merita di vivere anzi di nascere e se esistesse davvero un Dio così potente come narrano i testi sacri, queste atrocità verrebbero bloccate prima che avvengano, ed invece l'orrore continua.

lector
Khasha Zwan era un comico, i talebani lo hanno picchiato ed ucciso mentre lui ancora si sforzava di ridergli in faccia.
Ridere, cantare, fare all'amore come ti pare, decidere come e quando morire; i talebani di ogni religione odiano tutte queste cose.
Ma il ginepraio afghano è molto più di questo e ci interroga sulle nostre colpe (di noi occidentali).
I Talebani sono una malattia dell'Islam che noi abbiamo inoculato.

TataOgg: Chiediamo ai complottisti cosa ne pensano delle responsabilità dell'occidente?
macaco: Qualche giorno fa è Benito a mancare un amico capoerista, la famiglia tutti pentecostali si dice abbiamo dato fuoco ai suoi strumenti musicali. I talebani de noialtri.
macaco: Benito un bel cazzo, ho scritto venuto.
TataOgg: Visto dal di fuori, le due cose (proibire la musica e distruggere gli strumenti per legge vs bruciare gli strumenti musicali di una persona che è venuta a mancare in accordo coi loro riti sui morti e che desumo dalla tua spiegazione) non hanno nulla in comune.
Fratellone: Non è questione di complottismo "occidentali", sopra ho solo esposto dei fatti.
Il Deba è un sito di musica, per cui ho cercato una certa attinenza tra l'Afghanistan e noi tutti. Le responsabilità non sono chiare, certo che se in vent'anni i paesi "civili" non sono riusciti ad esportare la "democrazia" (cosa che ci era stata raccontata), è ovvio che qualcosa non ha funzionato.La butto lì:
- Gli Afghani non volevano la democrazia
- Non siamo in grado di esportare la democrazia
- La nostra democrazia non è un granché, ed è per pochi
- Dell'Afghanistan a nessuno importa nulla

Il popolo con la pancia piena, la tv e la paura di qualcosa (pandemia, immigrati, ordine pubblico...) non rompe i coglioni!
TataOgg: Se ti riferivi a me, "complottismo" era una risposta trasversale, più un mio collegamento mentale improprio con altro editoriale in cui anche Lector ha commentato.
lector: Avrei voluto scrivere qualcosa sulla situazione afghana ma, un pò che non ho mai tempo, un pò che la situazione evolve ogni giorno, mi sono tenuto i miei pensieri per me.
Ho difficoltà a parlarne brevemente e, per questo, evito - per ora - di dire tutto quello che penso.
omahaceleb: Sì conviene attendere per dire qualcosa di sensato, sono d'accordo. Anche perché in questi giorni se ne parla come se si fosse verificata una vittoria su tutti i fronti del fondamentalismo talebano, ma la situazione è estremamente più complessa. Ora che non c'è lo straniero che occupa il paese, mancherà anche l'elemento di coesione tra i vari gruppi "talebani" (che poi lì in mezzo di talebani duri e puri quanti ce ne saranno?). Il movimento riformato che nel 2010 nasce per fare guerriglia ha funzionato benissimo. Ora tocca governare, però...
omahaceleb: Maledetto cellulare, lo odio.
lector: Cellulari nemici del popolo!
Quando prenderemo il potere li elimineremo tutti...
Stanlio
ehm...

snes
ci sarebbero talmente tante cose da dire su quel che è stato fatto all'Afghanistan ("all" non solo "in") che questa, a mio parere, passa come danno marginale, dettaglio ormai trascurabile.
La musica è stata vietata in iran per non so quanti anni.
Te ne vai dal paese, sapendo che tornano su i talebani ( ci han messo 3 giorni, o lo sapevi, o lo sapevi. oppure lo sapevi e lo volevi pure) sapendo perfettamente che persone sono. Aspetti che facciano le cazzate da talebani. Ti organizzi. E Riorganizzi tra un po' di tempo una bella gita di gruppo a fumarti le bombe nel deserto.
Nel frattempo lasci che i media imbrattino di sangue innocente le coscienze di chi a casa segue tutto durante l'ora di cena.
E c'è chi sta dietro ai complotti e al green pass. Online, perchè nella vita vera in parlamento son fermi al DDL Zan da trentadue giri. Forse aspettano che esca doppio sei, non lo so.




snes: tutta 'sta minchiata era per dire che il porblema non è che i talebani sono brutti e cattivi, il problema è che dopo 20 anni di guerra, quando ritiri le truppe, dopo aver massacrato due generazioni di un paese, i talebani devono avere la forza giusto di allacciarsi le scarpe per andare a lavorare tutte le mattine. Se non è cosi', non te ne vai.
Oppure il globo terraqueo potrebbe prender coscienza che le politiche estere degli stati uniti sono gestite inmaniera incompetente e quindi fallimentare e si potrebbe cominciare a discutere con loro sul serio sulla effettiva necessità di interventi armati che bombardano di democrazia paesi che la democrazia forse non la volgiono o non son pronti per riceverla. considerato che questa seconda ipotesi è palesemente un'utopia, direi che funziona che se invadi qualcuno per risolvergli le magagne, ti levi dai coglioni solo quando le magagne le hai risolte sul serio.
il porblema è lì.
Stare a parlare di quanto siano cattivi i talebani, nel 2021, è tragicomico. Senza offesa per nessuno.
tia: non è tragicomico nes.. E' tragico, punto. E soprattutto, anzi solo per chi deve subire certe barbarie.. Poi discutiamo di chi è la colpa, di chi no, di come si poteva fare meglio, di come si doveva fare maglio e di tutte le colpe dell'Occidente, dei militari eccecc... Ma per prima cosa io m'indigno e mi preoccupo per la povera gente che deve subire certe ignominie. O non ce l'ho con te, ma davvero questa povera gente mi fa una gran pena e sti barbuti del cazzo che giocano a fare i grandi mi fanno incazzare.
snes: Capisco senza dover fare troppi sforzi di immedesimazione, ma a me piacerebbe che quando Biden Ha annunciato il ritiro totale dall'Afghanistan la NATO intera si fosse alzata in piedi e avesse urlato "SCUSA, MA CHE CAZZO STAI DICENDO?!?". non è successo, a me questo indigna.
i talebani indignano anche me , ma scusate tuttti: GRAZIE AL CAZZO! cioè, se non sono comportamenti che ti indignerebbero manco ti rivolgerei la parola. stiamo qui a parlar dell'acqua calda. la cosa peggiore è che l'unica soluzione sarà l'intervento armato degli usa (immagino con la nato che da manforte) che saremo obbligati a dargli una mano (che sì: dobbiamo farlo se ce lo chiedono, piaccia o meno) e dovremo renderci partecipi e complici ancora una volta di uno scempio civile.
GRATUITO.

perdona i maiuscoli, ma o così o con le bestemmie, sono limitato.
macaco: @[tia] é solo perché te lo fanno vedere in televisione e nei giornali, é una scelta loro non tua. Sai quanta gente soffre al mondo? Immagina se ti mostrassero tutti gli assassinati quotidiani in Brasile invece dei talebani. É tutto un teatro e dietro ci sono solo interessi che tutti dovrebbero sapere, altro che democrazia, ma sai che gli fotte a loro dei talebani, ma te li ricordi i video che son trapelati dall´Iraq?
tia: ma guarda/te sono assolutamente cosciente che ciò che propinano ora giornali e tv è questo e l'argomento tira e fa audience.. So come funziona e so di essere dentro un meccanismo, ma tutto ciò non mi toglie in me la voglia di continuare ad indignarmi e vorrei se ne parlasse all'infinito proprio perchè voglio evitare che ci si dimentichi (come di tutte le altre nefandezze) e che la questione Afghanistan torni nell'oblio come tutte le altre. E' un tema caldo, parliamone affinchè è caldo perchè fra qualche mese ce ne saremo dimenticati e chi cazzo se li filerà più gli afghani e le loro menate.. @snes vai tranquillo con le maiuscole, ma non ti limitare con le bestemmie con me se ti è più semplice. Comunque apprezzo lo sforzo :).. Lavoro a contatto con i muratori (bergamaschi) e la bestemmia è un intercalare di casa.. In quanto al ritorno degli Stati Uniti in Afghanistan non credo che torneranno a meno di un'escalation di attentati a livello internazionale... Hola!
snes: Beh lentruppe non credo torneranno. Ma che mi risulti i droni li han lasciati direttamente la
snes: Questo perndire che non credo proprio che si smetterà di parlare di Afghanistan. La situazione che sta vivendo mi sembraboroprio costruita a tavolino apposta perché se ne parli e si invochi un nuovo intervento armato per la liberazione del paese.
Comunque basta aspettare e vedremo che schifo ne verrà fuori. Perché qualunque cosa accada, sarà uno schifo. È già uno schifo...
macaco: Eh, ognuno ha la sua sensibilitá. Io ad esempio mi indigno con me stesso e col mondo per le microplastiche negli oceani.
tia: bravo fai bene.
tia
tia Presidénte onoràrio
Una vigliaccheria da uomini piccoli. Anche io postai la notizia giorni fa. Mi colpì parecchio.. come tutto il resto che è successo ovviamente. Fa bene parlarne!

IlConte
Ormai evito commenti a “caldo” su ciò che succede fuori dalla portata dei miei occhi perché leggi tutto e l’opposto di tutto e non posso dire, come invece per il covid ad es, che da me la situazione è questa. Sulle questioni politiche/guerre/rivolte poi alzo le braccia al cielo.
Due cose sono certe:
1) gli studenti afghani pakistani fondamentalisti (talebani) da quando sono “nati”, una trentina d’anni sono sempre stati così
(se ce ne accorgiamo ora è tragico)
2) gli americani hanno leggermente, appena appena, lievemente, senza rendersene conto “agevolato” questa nuova presa del potere (in 3 giorni dopo che sono andati, praticamente erano anni che dormivano dietro un muretto che attendevano questo momento visto che già Obama aveva detto che sarebbero rientrati dall’afghanistan prima della fine del suo mandato).

Quindi chiediamoci chi ha riportato al potere gli studenti talebani e io perché… oppure non chiediamocelo che forse è meglio.

IlConte: *sicuramente senza rendersene conto (savansadir)
neave
Dovrebbe essere vietata anche da noi, solo la musica religiosa dovrebbe essere legale.

lector: Se esageri così, poi si capisce che sei un fake
neave: Ma stai a rompere ancora le palle idiota se fossi stato veramente falso non avrei scritto, queste sono cose che penso veramente fattene una ragione, non tutti sono scemi come te.
neave: Come ho già detto all'altro idiota dopo il nome faccio vedere pure la foto, mica come voi senza dignità.
neave: La preghiera è silenzio, il troppo rumore allontana l'uomo da Dio
lector: Davvero, così il personaggio è TROPPO imbecille, dài!
Siamo fra di noi, qui non ti sgamano, aggiustalo un po', ascoltami...
Uno così non lo trovi neanche tra i comici del Bagaglino.
E' oltre l'idiozia...
Fagli dire pure qualcosa di sensato (non dico d'intelligente) a 'sto tuo personaggio se no non è credibile.
snes: Porcodio, se sei vero levati dal cazzo o mi invulo i tuoi santi davanti al tuo dio.
snes: Perdona la violenza, era per riequilibrare un po' i toni.
I proseliti cattolici... Il tuo fake vive nell'undicesimo secolo per caso?
neave: È arrivato il bimbominkia di quaranta anni che crede di essere figo usando termini scurrili, che idiota sfigato.
snes: Hai detto due parolacce, non si fa. Vai a recitare 4 avemaria e 10 padre nostro inginocchiato sui ceci.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: