Sto caricando...

La lista d'ascolto



iside
99 Posse - Rigurgito Antifascista @[Dislocation] volevo metterla nel commento poi ho optato per una maggiore visibilità.


sfascia carrozze
Stimatissime ConSorelle e sordidi ConFratelli,

non è mia abitudine far uso privato di sito pubblico, ma stavolta, veramente, mi occorre il Vostro generoso DeAiuto.

Devo cercare di capire a fondo un dilemma esistenziale che mi affligge e perseguita da giorni-e-notti.

Vorrei capire se di qvesto assoluto caposaldo della musica contemporanea secondo Voi è meglio la morigerata versione CASETTA

INNA - WOW | Live - WOW Session

oppure quella più grandguignolesca eseguita nella sessione LAIV ?

INNA - WOW (official video) HD

Aiutatemi, Vi supplico!


sfascia carrozze
Om Kali Ma

Ho il tremebondo sospetto che dietro il cerone del cantante di qvesti fumosi, bislacchi, ascetici Nepal Death vi si celi proprio il nostro illuminato Signore & Padrone (Iddio ce lo preservi nei secoli dei secoli) @[G]

SAPEVATELO!


lector
Vulisseve pruvà quaccos'e nuovo?
Un giro (per forza di cose non esaustivo) nello straordinario patrimonio musicale napoletano.
Vesuvio
E Zezi (gruppo operaio) di Marcello Colasurdo sono stati (e sono) gli esponenti più lucidamente "politici" della canzone popolare napoletana.
Nascono a Pomigliano d'Arco nel '75 e Pomigliano d'Arco non è un posto come un altro: a Pomigliano c'era l'Alfasud, "la fabbrica", il tentativo fallito di creare un polo industriale su di un tessuto contadino. Un paradosso ed una forzatura il cui fallimento ha fatto terra bruciata sia delle tradizioni popolari che delle speranze di riscatto e di sviluppo di un territorio che oggi non ha più una identità.
I Zezi credono nella Cultura e nell'Arte come strumento di riscatto e di recupero di una identità, ma quando parlano di Cultura guardano essenzialmente alla cultura popolare, da cui traggono la linfa della loro musica. Una musica nuova ma con le radici ben piantate nel passato, che parla del presente con la forza di una identità ben piantata nel passato.
"Vesuvio" è uno dei loro pezzi più belli.


iside
tutti hanno il diritto di cercarsi un futuro migliore. pierangelo bertoli: rosso colore


iside
Samuel aveva diciannove anni, non vedrete il suo nome nelle prime pagine dei TG, non sentirete appelli struggenti sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. Ogni anno in Italia muoiono circa mille persone nei luoghi di lavoro, ogni i giorno la notizia dovrebbe essere in prima pagina... preferiscono farvi indignare a comando e voi abboccate ingoiando verme e lenza. ( "Vergognoso come abbiano parlato per giorni della ragazza solo perché era "da copertina". Vergognoso nei confronti della ragazza e per come si tratta un argomento serio". cit: @sotomayor aka @carlocimmino) Gruppo operaio 'E zezzi 'A flobert


Dislocation
Dislocation | Approvata dal Comindeb
#leimpronteeleorme

Tra Marghera, Milano, Londra e Los Angeles... Tra violenza, droghe, cementificazione del territorio, misticismo orientale, aborto e lavoro... Tra Mister Tambourine, Troubadour, India e Pennsylvania.

Le Orme | India

Lo specchietto per allodole delle religioni orientali, delle religioni, della religione.


lector
No Nazi's Friend
Timeo Danaos et dona ferentes

Da bravi, mettetevi in riga, tranquilli e pettinati. Ecco così!
Ed adesso, tutti in coro, belli decisi:
GRAZIE!
Cazzo! 200 MILIARDI!
Non sapete neanche come si scrivono 200 miliardi...
Sono stati bravi. Sono stati bravi...L'Europa, le banche centrali, Babbo Natale, la Spectre...
E adesso non rompete il cazzo che i grandi devono decidere come spenderli; ché se lasciamo fare a voi, solo stronzate:
la pista per fare atterrare gli elicotteri...
la piscina con le fontane di marmo...
i nani da giardino...
i Diritti dei lavoratori...

Ah! BUON PRIMO MAGGIO!


Carlos
Carlos | Approvata dal Comindeb
Scrivo qui perché quel luminare che si lamenta della censura degli intellettuali di destra a nome @[Cervovolante] mi aveva de-odiato tempo fa per un 2 a una sua recensione impendedomi di commentare anche l'ultima sua recensione su Meyrink: Zothique 6: speciale Gustav Meyrink - Gustav Meyrink - recensione

Il mio commento è questo e lo scrivo qui:

Eh già sarà un complotto della stampa progressista...se dovessi dire, da comunista, quanti cazzo di libri non posso leggere nella mia lingua e che sarebbero sicuramente mooolto interessanti e facilmente traducibili in italiano (vedi? Nemmeno mi lamento della sostituzione delle introduzioni, ma proprio della mancanza o della reperibilità di certi classiconi del pensiero a cui in generale faccio riferimento) dovrei pensare a ben più di un complotto. Meyrink e il Golem mi possono anche andare bene ma sono STUFO MARCIO di beccarmi in home sempre le solite merdate che parlano di minus habens fascisti, mistici o altre cazzate di tal fatta come gente che fa le prefazioni ad assassini razzisti. Eh ma Magris minchia è un liberal no? Ogni pretesto è buono, pare. Sui liberal si sfonda una porta aperta in ambito accademico ma davvero dobbiamo ancora raccontarci l'acqua calda come se ci fosse un qualche complotto? Anzi, se certo schifo è stato sdoganato è proprio grazie ai liberali che la destra odia di un odio mimetico. Adesso c'è la moda lib di fare l'antifascista, quando fino a nemmeno 5 anni fa, istituzioni, enti e accademici aprivano le porte all'estrema destra in ogni campo. E dire che non è vero significa voler aprire la bocca a tutti i costi senza saper nulla. Che gente come Evola finisca nella spazzatura della storia per me può essere solo un bene. Qui sul Deb ormai sembra di stare davanti alla base astronomica di "Contact" dopo che scoprono il contatto alieno, con tutti i più disparati religiosi a dire le loro idiozie, dai complotti alle più raffinate teorie della stupidità umana. @[Comindeb]

Dislocation
Mayor Jurij Alekseevič Gagarin, sessant'anni fa, oggi.

Gagarin, l'uomo che volò oltre la Terra


G
@[Komancha] oltre ad essere abbonato ha anche fatto una donazione! Esaminatevi tutti quella lorda coscienza!


Komancha
questa e' la versione di ' te recuerdo Amanda ' ( Victor Jara ) di una artista che amo molto : Robert Wyatt . E' un po' diversa dall'originale , ma Robert e' molto credibile anche perche' nutre la stressa passione politica e impegno sociale del grandissimo Victor Jara.
Questa versione la dedico a Lector
Te Recuerdo Amanda


Dislocation

IL SIGNOR G LE SAPEVA GIA' TUTTE....
Un excursus attraverso la produzione di Gaber, tra le sue profezie/distopie poi avveratesi in maniera talora sconcertante e le visioni laterali delle vite di noi tutti, tra abitudini e tic quotidiani, miserie ed aspirazioni, il politico ed il personale.
Lo prendiamo dall'inizio della seconda parte della sua carriera, quella in cui, erano altri tempi, portava i testi, suoi e di Sandro Luporini, in interminabili tournées teatrali in tutt'Italia, dove anche il pubblico interveniva come usava allora, alzandosi e dicendo la sua, anche in aperta antitesi con l'artista che rispondeva e ne usciva a volte malconcio, altre no. Ora si preferirebbe mettergli un like su Feisbucc o diventare un suo hater, dato che pare che nessuno più esprima alcunché in pubblico, limitandosi a nascondersi dietro un nomignolo, od un mignolo.
Mi sorprendo, a volte, a chiedermi che ne penserebbe lui di questo o quell'altro fatto, davvero a volte sarei curioso di saperlo, così...



Giorgio Gaber - L'odore

"Da vomitare.... Non ce la faccio...


iside
...e niente... se avete tempo e voglia leggetevi la storia di Ugo. Flavio Giurato - Ponte Salario


Dislocation
 È lì che viviamo, nel cuore della bestia. Il nostro.

Henry Cow - Living in the heart of the beast

Dedicato a @[De...Marga...] , lui sa.