La lista d'ascolto


Stanlio

Stanlio : Ryuichi Sakamoto & Iggy Pop

| DeRango™: 8.53 Consigliata

heartshapedbox

heartshapedbox : Lucy Dacus - "Addictions" (Official

| DeRango™: 9.53 Novità   Consigliata


BËL (05)
BRÜ (00)

Pinhead: Perché non approfitti delle classifiche che stai facendo per rimettere in moto il gruppo dei musicofili? Se ti andasse, per me sarebbe bello.
heartshapedbox: mi piacerebbe molto ma non so come fare...
Pinhead: Prima o poi ti verrà qualche idea :-)
heartshapedbox: fattene venire qualcuna pure tu
Pinhead: Sono una fucina di idee.
heartshapedbox: eh lo so!
Pinhead: Mo ci penzo.
heartshapedbox

heartshapedbox : Kaleo "Broken Bones" [Official Audio]

| DeRango™: 5.50 Consigliata


BËL (02)
BRÜ (00)

heartshapedbox: @[Pinhead] ti consiglio vivamente di darci un orecchio
Pinhead: Forti!!! Se suonano tutto così, sono un gran gruppo. Cosa cerco, se mi sai dire qualcosina su di loro?
heartshapedbox: non ne so molto, solo che sono islandesi e suonano come avessero 60 anni quando invece con l'età tutti insieme sommata manco ci arrivano a 60.
Pinhead: Ci darò un meato acustico e riferirò.
heartshapedbox: madooooooo meato acustico!!!!! bravo! sono fiera di te! ❤
Pinhead: Recensione dei bone machine, mi pare.
heartshapedbox: uè uè ti è tornata la memoria?!
Pinhead: 17 settembre 2016 :-)
heartshapedbox: si vabe sei andato a cercarti la rece! ahahhahaha
Pinhead: Solo dopo per verificare se era così :-P
heartshapedbox: ci sta!
Pinhead: Il battesimo di pine' fra l'altro :-)
heartshapedbox: siamo nostalgici stasera? :)
Pinhead: Al contrario, ricordo piacevolissimo.
heartshapedbox: menomale ;)
Pinhead: Devo ritrovare il battesimo di pineapple.
heartshapedbox: ahahahhahahahahahhaahahahah ma quello era agli inizi!!!!! credo maggio/ giugno 2016!
Pinhead: Luogo e ora! Tu mi fai paura per davvero :-)
heartshapedbox: mi faccio paura pure io, quanto sarebbe tutto più leggere porer dimenticare di tanto in tanto.. comunque era tipo in in commento di un ascolto
heartshapedbox: leggero*
Pinhead: Mi pare che c'eravate tu e dema che mi davate contro sui rem, boh. Sono troppo curioso, vado a farmi brodino e mele cotte e poi mi metto alla ricerca :-)
heartshapedbox: siiii mi sa che c'era Dema! ahahhahaha fammi sapere come va la ricerca allora! e #bastamelacotta
IlConte: Scusate poi vado, l'album è strepitoso volevo recensirlo forse appena riesco in tutti i sensi... oppure Maestro ascoltalo e falla tu dai, sono favolosi un mix di ogni cosa bella... una versione nuovo secolo di Blues direttamente dai campi di cotone, folk sia grezzo che con dolcissime ma dannate ballad, rock'roll/garage degno del meglio in merito, ritmi tribali... loro bravi, lui bravo e pure gnocco quasi quanto me (alla sua età ahahah)... dai falla! Un…
heartshapedbox: eccolooooooo!!!!! il trio al completo! forza che ti aspettiamo presto!!!! besss❤
Pinhead: Pineapple, 13 giugno 2016 l'ascolto di heartshapedbox: R.E.M. - The Sidewinder Sleeps…
Pinhead: La cosa migliore di DeBaser, capitare nello stesso commento con certa gente :-) Ciao Conte!!!!!
heartshapedbox: noooo sei andato a cercarlo davvero! ahahhahahahah
Pinhead: Ovvio, ormai pineapple e soprattutto pine' sono parte di me :-)
Pinhead

Pinhead : Nadine Shah - Holiday Destination

| DeRango™: 7.32 Novità   Consigliata


BËL (04)
BRÜ (00)

heartshapedbox: Pinèèè ma tu non sei ancora passato dalla mia lista di artiste femminili!
Pinhead: In realtà sono passato ma tu sei troppo oltre la mia ignoranza in materia. Però lei te la consiglio come artista al femminile 2017 (mi pare che non ci sia nel tuo listone).
Pinhead: E questa tale Gemma Ray per il 2016 Gemma Ray - The Original One
heartshapedbox: Pinè questa me l'hai consigliata a novembre del 2016.
Pinhead: Vabbè, manco ricordo cosa ho mangiato a pranzo.
heartshapedbox: tu sei un po' più grande di me, diciamo così... e sei maschio :)
Pinhead: I maschi sono tutti mentecatti, soprattutto, quelli anziani pure peggio.
heartshapedbox: tutti!!!!! bravo!
Pinhead: Esclusi i presenti.
heartshapedbox: il presente, tu e basta
Pinhead: Pure Johnny è in gamba.
heartshapedbox: ah sisi @[Johnny b.] assolutamente, sottoscrivo!
Johnny b.: Troppo buoni.
heartshapedbox: troppo modesto:)
Johnny b.: Album molto bello come i due precedenti.
Pinhead: Questo sì, i precedenti non li conosco ma a questo punto me li derco.
heartshapedbox

heartshapedbox : Madeline Kenney - "Rita" (official

| DeRango™: 3.38 Novità   Consigliata


BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Tutto molto Bel. Tranne quegli (orripilanti) DeTatuaggi nelle braccia. Perchè. Dico io. Perché.
heartshapedbox: ma non ti piacciono in generale i tatuaggi o in particolare quelli suoi?
sfascia carrozze: Ecco, diciamo che "in generale", è la formula che più si avvicina al mio grado (sempre più basso con l'andare del tempo e gli autentici scempi che intravedo in ogni dove) di sopportazione di cotanta (sostanzialmente) insulsa pratica. Forse affermo ciò in virtute del fatto ché sono un huomo di un'altra epoca - lo si sarà intuito - nella quale il tatuaggio più o meno artistico era sinonimo di permanenza più o meno prolungata nelle…
heartshapedbox: ho capito Sfà, sei della stessa epoca di mia madre.
sfascia carrozze: In verità sono un falso vecchio. O un vero giovane. A seconda dell'Era geologica di riferimento.
Pinhead

Pinhead : The Strollers - Stay Away

| DeRango™: 3.85 Novità   Consigliata


BËL (03)
BRÜ (00)

Pinhead: Gruppo della seconda ondata garage revival svedese (anni 90 o giù di lì), gli Strollers furono un gruppo clamoroso. Pochi mesi fa è statapubblicata questa raccolta di singoli e inediti assortiti: non fosse che si tratta di materiale di qualche annetto fa, sarebbe stato il disco del 2017. Imperdibile per gli amanti del genere.
sotomayor: NOn so niente di questa scena, mi dici un paio di titoli? Per gli strollers parto da questo disco o un lp precedente?
Pinhead: Questo oppure meglio l'esordio "Falling Right Down". Poi "Get Hooked" dei Maggots. Su Bandcamp dovresti trovare tutto a prezzi stracciati. Per finire, se ci riesci, rimedia la raccolta "Showdown" dei grandiosi Nomads, i padri del garage revival europeo tutto, non solo svedese.
sotomayor: Grazie mille!
heartshapedbox

heartshapedbox : Alexandra Savior - Girlie (2017)

| DeRango™: 3.37 Novità   Consigliata

ALFAMA

ALFAMA : Index - Index 'Black Label

| DeRango™: 3.00 Consigliata


BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor: Questo qui è un capolavoro, lo ascoltai dopo la tua recensione, bellissimo.
Battlegods

Battlegods : Rites Of Spring - For

| DeRango™: 12.42 Consigliata


BËL (07)
BRÜ (00)

Taurus: Adoro.
Battlegods: La traccia che manca al marchio Fugazi!
Taurus: Preferisco la loro visceralità a quella dei Fugazi.
Battlegods: Beh, insomma! I Fugazi fino a "Repeater" sono imprescindibili!
zig

zig : Tuxedomoon - In a Manner

| DeRango™: 20.70 Levitation   Consigliata


BËL (09)
BRÜ (00)

Dislocation: Stupenda e scura come si deve... bellissima anche nella versione di ML Gore.... Martin Gore - In a manner of speaking
zig: È vero, di cover ne hanno fatte diverse. Preferisco l'originale per una serie di ricordi personali non intercambiabili.
Dislocation: Non faccio nessuna fatica a capirti. Classe '63. Tu?
zig: Sono cresciuto ascoltando Punk e New Wave. Classe 1967.
Dislocation: Ed eccoci.
zig

zig : Gil Scott-Heron - Lady Day

| DeRango™: 14.69 Artista del Popolo   Approvata dal Comindeb   Consigliata   Isolabile


BËL (07)
BRÜ (00)

sotomayor: Uno dei miei artisti preferiti in assoluto.
zig: Concordo. Buon ascolto.
imasoulman: 'complimenti, giovanotto! lei é dei nostri!!' (cit.). Poi, nella scheda, ho letto tra la narrativa un libro, quel libro (Tom Wolfe)...ecco, si, insomma: benvenuto
zig: Grazie. Cerco ancora di capire come funziona il tutto. Buona giornata e buon ascolto.
sotomayor

sotomayor : Un disco incredibile che poteva

| DeRango™: 1.23 Consigliata

Un disco incredibile che poteva solo rientrare nella rassegna #buzz e che mi poteva far conoscere solo un ascoltatore illuminato come @ALFAMA.

Urban Sax - Urban Sax (Cobra, 1977)

"Urban Sax" è un progetto sperimentale del compositore francese Gilbert Artman fondato nel 1973 e praticamente basato principalmente sull'utilizzo contemporaneo di un numero variabile di sassofoni accompagnati da sole percussioni e al limite da voci (anche se negli anni Artman ha aperto il progetto anche altro tipo di strumentazioni, va detto che le performance dal vivo prevedono un numero di almeno quaranta persone ma in alcuni casi supera anche i cento). Le composizioni hanno chiaramente un carattere minimalista e si distinguono per quello che è un suono praticamente drone invece che in qualche maniera evocativo e neo-classico. Il progetto peraltro prevede un piano più ampio e non si limita solo alla musica ma viene sempre costruito e sviluppato attorno a un concetto che che è concepito espressamente per essere eseguito dal vivo e variabile a seconda della struttura architettonica destinata a ospitare quello che è un vero e proprio happening. Una performance artistica a tutto tondo (molto spesso eseguita anche coinvolgendo gli artisti delle diverse località in cui il collettivo si esibisce) e in cui i musicisti indossano tute spaziali e maschere antigas dando luogo a suggestioni di tipo futurista. Praticamente un progetto multimediale che Artman porta avanti ancora oggi dal 1973 e la cui prima pubblicazione è questo LP eponimo pubblicato originariamente nel 1977. Inutile dire che ci troviamo davanti a qualche cosa di impressionante. Il suono è praticamente una mezz'ora (divisa in due composizioni) di pure sound drone d'avanguardia riprodotto semplicemente con l'utilizzo del sassofono (16 in tutto) e la direzione magistrale di quello che a questo punto più che un musicista possiamo definire un vero e proprio visionario: mister Gilbert Artman.

Urban Sax, Gilbert Artman ‎– Urban Sax 1977[Full Album]

#drone #avanguardia #jazz

BËL (02)
BRÜ (00)

sotomayor

sotomayor : Un grandissimo ripescaggio della Drag

| DeRango™: 0.00 Consigliata

Un grandissimo ripescaggio della Drag City Records si guadagna la palma di disco #zot2017 del giorno.

Chris Gantry - At The House Of Cash (Drag City, November 17, 2017)

Chris Gantry era un giovane selvaggio. Negli anni sessanta da New York City si mette in viaggio e se ne va a Nashville con la testa piena di letteratura beat: Kerouac, Ginsberg, Corso, Garcia Lorca, Lord Buckley, Lenny Bruce, Guthrie, Dylan, Baez, Richie Havens; e carico di "indottrinamento" per quello che riguarda gli anni cinquanta: Elvis, Jerry Lee, Cash, Gene Vincent... Era il più giovane di tutti, ma se gli chiedi se si considerasse un outsider, ti risponde che lui era piuttosto un vero e proprio "insider". In breve entra nel giro e pubblica un paio di album negli anni sessanta, poi finisce dentro per possesso di droga. Accorre in suo aiuto il vecchio Johnny Cash che lo invita a stare a casa sua e di June Carter ("The House Of Cash") per rimettersi in sesto. Cash è come una guida spirituale per il giovane e smarrito Chris, lo aveva già ospitato durante un suo show televisivo anni prima, decide di produrre il suo prossimo disco e gli mette a disposizione lo spazio e i musicisti per le sessioni di registrazioni (nelle quali non interverrà mai imponendo la sua figura, ma svolgerà un ruolo paterno, cercando invece di sostenerlo nel suo processo creativo). Il risultato è un disco che vede la luce solo oggi nel 2017 grazie alla Drag City. Il disco è un'opera di musica folk e country visionaria dove non mancano ispirazioni alla scrittura di John Lennon e reminiscenze Bill Fay ("See Ya Around", "Clair, Oh, Clair", "Different", "Saddest Song Ever Sung") e Donovan ("Oobabalap", "Flower Of The Mountain") oltre che rimandi alla letteratura beat nei recital "Tear" e "Hatred For Jenny". Kris Kristofferson dice che Chris Gantry ("Gypsy Dreamers In The Ally") sia il miglior scrittore lui abbia mai avuto modo di leggere. Che dire. Se non vi bastano tutte queste informazioni per stimolarvi allora forse siete già morti e non lo sapete.

Chris Gantry

#chrisgantry #nashville #johnnycash
BËL (00)
BRÜ (00)

sotomayor

sotomayor : Lo sto ascoltando da giorni

| DeRango™: 6.32 Consigliata

Lo sto ascoltando da giorni e anche ininterrottamente per ore. Lo metto su prima di andare a dormire e lo lascio suonare in loop per tutta la notte perché mi piace stringermi a se stesso in questo oceano liquido di note e essere cullato da questa voce bellissima. Il disco della rassegna #buzz di oggi è un disco dell'anno scorso e uno dei più belli usciti nel 2017, thank you Mr @ALFAMA. Amo la Thrill Jockey Records comunque.

Colleen - A Flame My Love, A Frequency (Thrill Jockey Records, October 20, 2017)

Un disco dalla bellezza sorprendente. L'artista e compositrice francese Colleen (vero nome: Cecile Schott) stupisce letteralmente con la pubblicazione di questo ultimo album intitolato "A Flame My Love, A Frequency", uscito lo scorso ottobre su Thrill Jockey. Il disco è un concept album cui ha cominciato a lavorare poche settimane dopo i fatti del 13 novembre 2015. Solo 4 ore prima infatti Cecile era in giro per Parigi ammirata dalla bellezza e dalla serenità di quei posti che dopo sarebbero stati teatro di totale terrore e morte. Il disco affronta questo tema secondo cui bellezza e vitalità vadano di pari passo con sentimenti di paura e orrore. "A Flame My Love, A Frequency" è un disco di composizioni elettroniche pop e minimali, registrati con l'uso di strumentazione tradizionale mescolata a tecniche più moderne e uso di loop e sovraincisioni. La realizzazione di composizioni elettroniche sperimentali e la creazinoe di paesaggi sonori sensibile e di una fragilità incorporea sono accompagnati sovente da performance vocali suggestive ("Separating", "Winter Dawn", "Summer Night (Bat Song)", "The Stars Vs Creatures", "A Flame My Love, A Frequency"). Potremmo pensare a James Blake, Imogen Heap, persino a alcune canzoni dei Radiohead, ma nessuno di questi raggiunge la stessa forza emotiva e soprattutto la stessa brillantezza dei suoni di questo disco. Un disco che più che volere essere un memoriale esprime una certa sofferenza e una oscurità, ma che lascia intravedere anche una flebile fiammella di luce alla fine del tunnel.

Colleen - Winter dawn (Official Music Video)

BËL (04)
BRÜ (00)

sotomayor: #pop #ambient #minimalism
Dislocation

Dislocation : I Believe I'll Dust My

| DeRango™: 16.65 Consigliata   Isolabile

sotomayor

sotomayor : Ci troviamo al cospetto di

| DeRango™: 5.54 Consigliata

Ci troviamo al cospetto di un'opera monumentale e che è ispirata a uno dei temi più drammatici e più trattati in ogni campo delle arti negli ultimi cento anni: l'affondamento del Titanic. Un'opera neo-classica e d'avanguardia realizzata da un grande compositore e da una serie di collaboratori di eccellenza e che entra a merito titolo in questa rassegna #buzz dove @ALFAMA copre un'altra delle mie lacune vergognose.

Gavin Bryars - The Sinking of the Titanic (Obscure, Island, 1975)

Gavin Bryars Ensemble - The Sinking of the Titanic (Les Disques du Crepuscole, 1990)

Opera minimalista del compositore britannico Gavin Bryars ispirata all'affondamento del traslatlantico Titanic nel 1912. Composta tra il 1969 e il 1972, l'opera è oggi considerata un classico per quello che riguarda le composizioni minimaliste e ambient in Gran Bretagna e un punto di riferimento per molti artisti. Prodotta da Brian Eno, l'opera fu pubblicata su Obscure e Island Records nel 1975 e vedeva come collaboratori e musicisti, tra gli altri, i compositori Michael Nyman, Kate St. John, Steve Beresford. Formata da due lunghe composizioni ("The Sinking of The Titanic" e "Jesus' Blood Never Failed Me Yet") il disco è una vera e propria opera di musica neo-classica dal forte impatto emotivo e carica di suggestioni che rimandano a un immaginario drammatico e allo stesso tempo di forte quiete, come se la fine di quello che all'epoca era considerato il massimo prodotto della tecnologia fosse una specie di apocalisse: qualcuno aveva spento la luce e quando questa era stata riaccesa, dopo non c'era più nulla ma solo le onde del mare che avevano coperto tutto quello che era stato in passato.

Ho ascoltato anche la riproposizione dell'opera nella versione registrata tra il 13 e il 14 aprile 1990 al Printemps du Bourges festival in Belgio e pubblicata dall'etichetta Les Disques du Crepuscole. In quella occasione l'opera fu rielaborata inserendo anche nel sottofondo frammenti di interviste ai sopravvissuti e i codici del segnale morse, rumori di collisioni della nave contro l'iceberg. La cosa curiosa è che la registrazione fu effettuata con due orchestre composte intereamente da bambini. Il risultato finale è comunque suggestivo e molto più tradizionale rispetto all'opera originaria, che in qualche maniera, nelle vibrazioni del suono e le alterazioni create dalle performance dei musicisti, gli interventi vocali, ricreava prima atmosfere più brutali e soffocanti e successivamente il rumore delle onde che dolcemente spazzava via tutto e riportava una ideale quiete dopo la tempesta.

In definitiva direi che la versione originale è un fondamentale e decisamente più bella di questa revisione, comunque interessante perché minimalista e di sicuro impatto emotivo, ma meno ingegnosa della versione originale che del resto fu un lavoro studiato e congegnato e lavorato in ogni suo dettaglio e con musicisti straordinari.

Gavin Bryars - The Sinking Of The Titanic (1975, Obscure)

BËL (03)
BRÜ (00)

ALFAMA: bellissimo.
sotomayor: Di una bellezza unica... la versione originale chiaramente supera quella registrata nel 1990. Mi sono imbattuto però per puro caso anche in quella e ho voluto ascoltarla ugualmente. Diversa e comunque bella... ma non raggiunge quelle vette del disco originale che è meraviglioso.
sotomayor: Qui la recensione tua del 2015 da cui ho preso lo spunto per l'ascolto: The Sinking Of The Titanic - Gavin Bryars - Recensione di Buzzin' Fly
proggen_ait94: scarico subito
proggen_ait94: lol ho votato e detto di averlo ascoltato ma non ne ricordo una nota
Dislocation: Bryars, un'anima "avanti"....
aragnof: Stupendo... come quasi tutte le opere di Gavin
heartshapedbox

heartshapedbox : Jessica Lea Mayfield - Our

| DeRango™: 10.88 Consigliata


BËL (04)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: La Sua profonda (e ingiustificata) avversione ai piaceri papillari derivanti dalla vita proto-insulare (aka il CM) non m'impedirà di apprezzare cotanta leggiadra franciulla che canta e di appostare la relativa DeCoperta. Ecco.
heartshapedbox: suvvia Sfà, non mi sembra il caso di serbare rancore ed essere intollerante verso chi non mangia vermi. e comunque ti dico una cosa, mia madre dice che da piccola l'ho mangiato con mio nonno. io non me lo ricordo (per fortuna).
sfascia carrozze: L'Heartshapegrandfather era un Uomo dai gusti raffinati. Altroché.
heartshapedbox: si ma anche uno scellerato a far mangiare quella cosa a una bimba piccola :(
sotomayor

sotomayor : Una volta tanto propongo sempre

| DeRango™: 4.23 Levitation   Consigliata

Una volta tanto propongo sempre su suggerimento di @[ALFAMA] (che aggiorno sempre sulle mie considerazioni per quello che riguarda le sue proposte) un disco per la rassegna #buzz che è completamente "Made In Italy". Si tratta di un disco del collettivo The Braen's Machine, dietro il quale pare si "nascondessero" Piero Umiliani e Alessandro Alessandroni. Un disco che comunque è sorprendere per la qualità dei suoni e i momenti più sperimentali in bilico tra new age e musica progressive e krautrock. Buon ascolto.

The Braen's Machine - Underground (Liuto Records, 1971)

Un disco per molti anni considerato una specie di mistero. "Underground" usciva nel 1971 per l'etichetta italiana Liuto di proprieta di Piero Umiliani. Il disco, considerato da molti come una specie di esercizio di stile, è stato pubblicato a nome Braen's Machine. I brani sono firmati tutti da Braen e Gisteri, due pseudomini dietro i quali si suppone si nascondessero proprio Piero Umiliani e il suo collega e direttore d'orchestra, compositore e arrangiatore Alessandro Alessandroni. Quello delle parti fischiettate nella trilogia del dollaro nelle colonne sonore di Morricone e che pare Fellini avesse soprannominato "Fischio". Come siano andate le cose comunque esattamente non lo so e non so chi siano tutti i musicisti che abbiano preso parte al progetto. Quello che è sicuro è che questo disco qui è qualche cosa di incredibile. Attingendo a piene mani dal patrimonio culturale musicale sviluppato negli anni nella creazione di colonne sonore di diverso genere e da esperienze sperimentali del Nord Europa e in particolare del kraut-rock tedesco, il disco è una sequenza di tracce in cui tutti i musicisti danno sfoggio delle loro capacità tecniche e della loro inventiva. Il sound del disco è fatto di chitarre rock acidissime, ritmi di batteria variabili e che alternano il 4/4 del Motorik kraut con sperimentalismi ambient, il basso che detta tempi funky e allo stesso modo si adegua a momenti più sincopati fino al jazz e al fusion e al progressive. L'uso delle tastiere è sempre fondamentale e centrale ma mai invasivo e non si impone mai sul resto della strumentazione. Tutto è perfettamente coordinato in un disco che a volere essere critici e cercare per forza qualche cosa che non vada bene, gli si può al massimo criticare la eccessiva perfezione.

The Braen's Machine - Underground (1971) [FULL ALBUM]

BËL (03)
BRÜ (00)

ALFAMA: Sempre utilissimo, io pesco i dischi in rete li ascolto per un periodo ma non mi prendo la briga di cercare notizie. Questi credo grande fonte per i Calibro..... qualcosa
sotomayor: Vero, i Calibro 35. Molto apprezzati dalla critica e dal pubblico tra l'altro. Sicuramente bravi ma non hanno diciamo inventato nulla di nuovo. Comunque disco veramente misterioso e particolare questo qui.
ALFAMA: Il classico unico e irrepetibile, ma che testa avevano i due presunti artefici ? Umiliani è uno dei più grandi di sempre e Alessandroni idem
sotomayor: Da quello che si racconta fu praticamente una specie di session. Non dico tutto frutto di improvvisazione ma sicuramente non qualche cosa di studiato a tavolino. Chissà. La verità non la conosce nessuno ancora oggi. Sarebbe curioso sapere tutti i retroscena.
ALFAMA: @[sotomayor] conosci questo ? Alessandro Alessandroni (Italia, 1982) - Light and Heavy Industry
ALFAMA: Industrial lounge !
heartshapedbox

heartshapedbox : Jessie Baylin "Lungs"

| DeRango™: 6.00 Novità   Consigliata


BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Non mi ricordo chi mi ricorda. Se mi ricordo glielo ricordo.
heartshapedbox: okokok
hjhhjij: Non se pò sta dietro a tutto ciò XD
heartshapedbox: masssììì se pò se pò!!! sei gggiovane e pieno di ammmore per la musica!
hjhhjij: Ah si per quello si. Il tempo spero di averlo. Ripasso tra 4 anni dai.
sotomayor

sotomayor : Oggi la rassegna #zot2017 propone

| DeRango™: 3.00 Levitation   Consigliata

Oggi la rassegna #zot2017 propone un disco tutto italiano che avevo già ascoltato ma di cui mi sa che qui su DeBaser non abbiamo mai accennato. Eccolo qui.

New Candys - Bleeding Magenta (Fuzz Club Records, October 06, 2017)

Questa è la volta buona in cui l'Italia si è finalmente resa conto di avere in casa una delle migliori band neo-psichedeliche europee. Parlo dei New Candys (Stefano Bidoggia, Dario Lucchesi, Diego Menegaldo, Fernando Nuti). 'Bleeding Magenta', uscito su Fuzz Club Records lo scorso 6 ottobre, ha infatti ottenuto rispetto ai precedenti lavori della band un certo numero di recensioni sulle più popolari webzine che hanno finalmente fatto girare il nome di questo gruppo che già da tempo nel resto d'Europa ha fatto proseliti tra gli appassionati. In particolare nel Regno Unito. Un 'classico' gruppo neo-psichedelico, i New Candys con questo disco ripropongono una formula che ha già funzionato brillantemente negli altri dischi pubblicati negli anni. Le canzoni si riconoscono tutte per una attitudine tipica wave riconoscibile in altre band psichedeliche (a partire dagli Underground Youth), per i riff fulminanti delle chitarre, la potenza dei giri di basso e il diffuso uso di distorsori per quello che riguarda la voce. Rispetto ai 'cugini' Sonic Jesus il loro sound è sicuramente meno criptico e con qualche venatura che potrebbe definire persino 'pop' per quella che è la facilità all'ascolto delle loro canzoni. Il disco vanta una certa compattezza e qualche momento più sperimentale come 'Sermon', realizzata con la partecipazione della vocalist Julia Hammer, oppure la trilogia di 'The Otrogeous Wedding' che riempie la seconda parte del disco. Il resto è il solito campionario di fuzz, feedback, distorsioni e riverberi. Un bel dischetto che la band ha composto ispirandosi a contenuti di natura visuale e al cinema di Dario Argento e i lavori di Nicolas Winding Refn. Ovviamente consigliato. Se vi piace la musica neo-psichedelica (non capisco i paragoni con i Black Angels francamente, che qui c'entrano veramente poco o niente) o la musica alternative rock in ogni caso non potete fare a meno di ascoltarlo.

New Candys - Excess

BËL (01)
BRÜ (00)

Dislocation

Dislocation : Never Can Say Goodbye -

| DeRango™: 12.82 Consigliata

Never Can Say Goodbye - Isaac Hayes

SETTIMANA ISAAC HAYES: Never can say goodbye..... più matura della versione originale dei Jackson 5, meno danzereccia delle cover della Gaynor e dei Communards, meditativa e tagliata sul vocione comunicativo del fratello Isacco...... Da qui un certo Barry White avrebbe preso più di uno spunto per avviare una carriera all'insegna del suddetto vocione e del soul "da camera" (da letto), più commerciale dell'originale e sempre più lontano dall'arte comunicativa della musica dell'anima tanto perseguita dal Nostro.

BËL (05)
BRÜ (00)

imasoulman: e mica male questa tua settimana, Brother Dislo...se poi compare a testimonianza uno dei ciddì del secondo cofanetto Stax (dalle mie parti, poco meno o poco più della Bibbia...) beh...allora scatta la commozione e al contempo l'applauso
Dislocation: Dici quello 68/71?
imasoulman: oh giá...The Complete Stax/Volt Singles vol. 1&2 fanno in tutto 18 cd. La scorciatoia indispensabile verso la felicità che può procurare l'errebí
Dislocation: @[imasoulman] Negli ascolti ti ho rifilato "By the time I get to Phoenix", c'era anche nel secondo cofano.... Voglio le lacrime e gli applausi....
imasoulman: ovviamente in versione leggermente scorciata...a 'sto punto, tanto vale mettere tutto 'Hot Buttered Soul', discreto disco-copula, ma appena appena discreto...
Dislocation: Caro Ima, confessa che cerchi la critica ad ogni costo solo per negarmi quel che mi spetta, cioè il tuo pianto e gli applausi che promettesti.... pusillanime. E poi, sza che ghe sun, "Hot Buttered Soul" mi sa che ce lo verso tutto o quasi.... molto, molto migliore sia di "Black Moses" che del pur giustamente celebrato "Shaft"... solo molto meno considerato.... Forza, vigliacco, piangi ed applaudi...
imasoulman: ovviamente, il 'discreto' all'anima imburrata era ironia bell'ebbuona. O Brutt'ebbuona, se sei di quelli che apprezzano i dolci. Ma non posso applaudire chi penza che 'Black Moses' sia dischetto baipassabile, derubricato a cosuccia da niente (che il dio della musica nera possa perdonarti, nel caso tu lo sostenga per davvero...)
Dislocation: Compresi l'ironia, prode Ima... Ma, che ti prenda un canestrello di Torriglia in un occhio (parlando di dolci, eh?), non affermai mai cotale bestialità, bensì proruppi in in estasica lode e preferenza dell'uno in confronto all'altro... quando mai potrei aborrire simile capolavoro?dai, versa anche tu qualche prodotto hayesiano sul Deb, con la dicitura della settimana Hayes, orsù.... Mostra ordunque di che pasta (dolce, non asciutta) fosti fatto....
hjhhjij: Anche perché qui siamo diverse spanne sopra rispetto alla Gaynor, alla famiglia Jackson e a tutti i Barry White di 'sto mondo.
sfascia carrozze

sfascia carrozze : -------------------------------- ----------------- --------------- Le SfasciaCoperte

| DeRango™: 11.35 Novità   Consigliata   Coperta

--------------------------------
----------------- --------------- Le SfasciaCoperte del DeBasio annus dominii 2017 -------------------------------

[Dato che tanti Trve DeBasers ieri eran ancora impegnati à riprendersi dalla DeSbronza Capodannesca e non se ne saranno avveduti ripropongo l'inutile Link(o) da scaricar]

FileBoom.me - View File

Alice Donut - War Pigs
Alice Donut - Where Is My Mind
Amanda Palmer - Grand Theft Orchestra - Polly
Anal Cunt - Gloves of Metal
Andrew Bird - Stand By Me
Annie Lennox - A Whiter Shade Of Pale
Babyland - Burning Up
Balanescu Quartet - The Model
Banjo cover - Angel of Death
Big Black - The Model
Bill Janowitz - Hardly Getting Over It
Birthday Party - Loose
Blondie - Heroes (live)
Brad Mehldau - Bittersweet Symphony Waterloo Sunset
Break of Reality - Lateralus
Brutal Truth - Zodiac
Buffalo Tom - Heaven
Calla - Promenade
Carnifex - Angel Of Death
Celtic Frost - Mexican Radio
Child Byte with Phil Anselmo - Usurper
Confessor - Hole In The Sky
Death - Painkiller
Devo - I Can't Get No (Satisfaction)
Dick Dale and his Del Tones - Miserlou
Disciplinatha - Up patriots to arms
Doctor and The Medics - Spirit In The Sky
Eklektik Session 2013 - Buena
Fantomas - Slayer Medley
Flotsam And Jetsam - Saturday Night's Alright For Fighting
Franck Vigroux and Matthew Bourn - Radioactivity
Fudge Tunnel - Cat scratch fever
Getriebe Analogique - Brucia Europa Brucia
GWAR - If You Want Blood (You Got It)
Harp Twins - One
Hellsongs - We're Not Gonna Take It
Hiromi Uehara - The Tom and Jerry Show
Horace Andy - Ain't no sunshine
I Am Become Death - In the Meantime
Jeff Buckley - Kick Out The Jams (Live)
John Zorn - T.V. Eye
Johnny Cash - Personal Jesus
José Gonzalez -Teardrop
Keel - Because the night
Kina - Biko
Kyuss- Into The Void
Les Claypool - Honey White (live)
Life Of Agony - Don't you (forget about me)
Living Colour - Should I Stay Or Should I Go
Low Barlow - Round-n-Round
Mace - War
Man Or Astroman - Television man
Marlene Kuntz - Impressioni di settembre
Melvins - Venus In Furs
Messer Chups - Rock It
Metal Church - Highway Star
Ministry - What A Wonderful World
Mondo Cane - Il Cielo In Una Stanza
Monsoon - Tomorrow Never Knows
Naked City - A Shot In The Dark
Naked City - Batman
Nanowar - Master Of Pizza
Napalm Death - Nazi Punks Fuck Off
Napalm Death - Politicians
Natacha Atlas - I Put A Spell On You
Nirvana - Love Buzz
O.L.D. - Cocaine
Obituary - Circle Of The Tyrants
Orbital - Dr Who
Otomo Yoshihide's New Jazz Orchestra - Gazzelloni
Over Kill - Fuck You (Studio)
Pankow- Boys and girls (Adrian Sherwood hard dubmix)
Paradise Lost - Death Walks Behind You
Patti Smith - White Rabbit
Pixies - Born In Chicago
PJ Harvey - Highway '61 Revisited
Primus - Making Plans for Nigel
Primus - Master of Puppets [Live]
Prong - Third From The Sun
Queensryche - Gonna Get Close To You
Rachid Taha - Rock El Casbah
Revolting Cocks - Do Ya Think I'm Sexy
Richard Cheese - Man In The Box
Rita Mor
BËL (04)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Rita Moreno Animal - Fever Rockets - On The Road Again Ryan Adams - Wasted Years Salty Dog - Spoonful Sanctuary - White Rabbit Saxon - Ride Like The Wind Screaming Trees - The end (Live) Senor Coconut - Smoke on the Water [Cha-Cha-Cha] Senor Coconut - The Robots (Cha-Cha-Chá) Shudder To Think - Shake Dog Shake SikitikiS - L'Importante E' Finire Six Feet Under - TNT Slapshot - Personal Jesus Slayer - In-A-Gadda-Da-Vida Sonic…
sotomayor: Tutto molto figo. Provo a scaricarlo che questi siti mi mandano sempre in crisi.
sfascia carrozze: Se dovesse (mai) incontrare difficoltà mi facci sapere. Ché risolviamo in altro modus operandi. UH!
iside: cosa te lo dico a fare? Fausto Rossi - Close watch