Sto caricando...

La seconda pellicola in programma della puntata odierna concernente “I film che adoravo da infante” (La rubrica è sempre quella, con la ERRE maiuscola, ovverosia I Discutibili Trittici di Aleph) è:
L’Ultima Onda, 1977 - regia di Peter Wier, protagonista principale Richard Chamberlain.
L’ambientazione temporale del film è contemporanea ma senza una data precisa, il luogo è l’Australia. Il film è permeato da una cupa atmosfera su qualcosa che sta per accadere nell’imminente, attraverso le premonizioni oniriche del protagonista, bianco e apparentemente non legato alla cultura del luogo. A ciò si contrappone il mondo aborigeno con tutti i suoi segreti derivanti dallo sciamanesimo.
L’umanità esiste ancora ma per poco; la catastrofe, questa volta climatica è, secondo gli aborigeni, ciclica e inesorabile, l’ultima onda sommergerà la terra, non è stata la prima volta e non sarà l’ultima.
Il punto in questo caso è il clima. Si poteva ipotizzare un puerile e gigantesco innalzamento delle acque negli anni ’70? Ridicolo … beh non tanto poi, Baci ;)
L'ULTIMA ONDA
AlephZero 14 ott 00:30 — DeRango: 10,38


Commenti (Uno)

dsalva
Non è per caso che Lei ha avuto una infanzia difficile?

AlephZero: Ahahahhaha mannó! Dormivo poco tutto qui 😘

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: