Primo vagito Motorpsycho. Incasinato, grezzo, confuso, stonato. Tre sba(ll)ndati rockettari norvegesi a Londra se ne vanno alla retrospettiva di Russ Meyer, il cui suddetto dottor maier nel '65 aveva fatto uscire tre suoi filmi: Mudhoney, Motorpsycho et Faster, Pussycat (ammazza! ammazza!). Datosi che avevano appena formato un gruppetto e cercavano un nome, e visto che madoni e fasterpussi se li erano già presi qualcun altro, Bent (basso, chitarra, voce, una testa così per scrivere canzoni) Snah (chitarra, voce, degno e inseparabile pard del suddetto bassista) e Killer (brr! che paura! batteria) si fanno guidare dalla suggestione del Caso e si appioppano Motorpsycho. Ne sentirò delle belle, per un decennio circa.
Motorpsycho - Maiden Voyage
Carico i commenti... con calma