Sto caricando...

Marco Castelli
Stato Brado

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Innanzitutto, fissiamo un codice: direi Swing, direi Boogie, un po' di funky e cose così.

Poi, indichiamo delle fonti; non che servano stampelle: le indichiamo per chiarezza, più che altro; e allora direi Conte e prima Buscaglione.

Abbiamo così già scritto il necessario per lasciar intuire quest'ultimo di Marco Castelli, che mi piace sin dal titolo: "Stato brado".

E' un disco, il suo terzo, che naviga alto, viaggia veloce, non si perde mai.

Lo vidi suonare una volta dal vivo, qui, dalle mie parti (lui è di Fino Mornasco). Mi convinse, ci parlai, lo intervistai. Poi basta, rimase in qualche antro, una di quelle belle serate di giugno: aria leggera, il verde prato, cielo azzurro sulla linea del tramonto, blu intenso nella volta. Musica che intreccia swing, blues, e vecchi ventagli jazz; robe da New Orleans, insomma.

Per un paio d'anni basta. Un ricordo nel database e niente più.

Da pochi giorni lo ritrovo, lo rincontro nei suoi luoghi, a Cantù, lo rincontro sotto forma rotonda di disco.

Metto su e ci sento dentro un sacco di cose, rimandi, atmosfere, e nessuno di questi. Sento Conte, con quel gusto del pronunciare, con quel suo dire un po' spartano e facile all'evocazione, e, ancora prima, sento Buscaglione, la sua verve, la farsa, le atmosfere gravide di conseguenze. Arbore, perché no. Ma inevitabilmente, ancor più a monte, si sentono Basie e Ellington, la vecchia scuola degli swinger italiani, i ritmi di danze popolari. E poi altro, tanto altro: tutto splendidamente ricondotto sotto uno stile unico: il suo.

E poi le storie di Castelli, vignette che rendono con poche parole il complesso vivere: ben delineate e un po' strampalate, un po' alla Benni, se vi pare.

Non può non far battere il piede, non può non muovere il cuore: il disco suona maturo, senza disagi: io ci sento grande intesa, il gusto di suonare di musicisti leggeri e preparati, storie che sono piccole letterature laterali.

Dalle umide e grigie terre canturine, metamorfosi musicali, fughe in esotismi di vario spessore, sembrano allargare all'ascoltatore tante porte, vie d'uscita, piacevoli strade che volano via.

Vale l'ascolto.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattro)

telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Una proposta allettante da un recensore Lumbard su un Lumbard (comasco per esser precisi). Vedrò di cercare qualcosa


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Recensione mooolto carina, con uno stile "colloquiale" che mi è piaciuto particolarmente. Molto bravo davvero.


reverse
reverse
Opera:
Recensione:
amo quei posti.


pi-airot
pi-airot
Opera:
Recensione:
Conte, Buscaglione, Swing, Funky, New Orleans... insomma, la solita minestra riscaldata.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Stato Brado è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link