Masha Qrella
Live @ Liò Bar, Brescia 20.11.09

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


- I Live di Telespalla N°11 -

Se non fossi arrivato chissà per quanto tempo non si sarebbe parlato di te. Cara Masha, perché scrivere una recensione di un tuo concerto dopo 4 mesi? Sarà che non trovavo l'ispirazione ma una cosa te la devo confessare: le emozioni che mi hai concesso quella sera sono speciali, mi sono rimaste sulla pelle ancora adesso. L'unico che condivide con te questo privilegio si chiama Federico Fiumani. Trovati qualche suo testo e fattelo tradurre in tedesco. E' un poeta.

Ricordo ancora il Liò Bar, un posto che sa di spocchia e birre di merda. Ricordo la tua chitarra spigolosa e frizzante, ricordo chi ti stava accanto che si sentiva quasi in debito di suonare accanto ad una musicista del tuo calibro. Ricordo quei quattro stronzi ubriachi che ti hanno disturbato quando suonavi. Al tuo concerto ci ero venuto non sapendo tu chi fossi, con la curiosità di non averti mai conosciuto od ammirato. E' stata un'attrazione strana, istintiva e per questo ancora più bella. Guardai il gruppo spalla e mi diede una pessima impressione, gente che suonare non era cosa loro ma neanche stare al mondo. Insomma, un gruppo di merda.

Prima dell'inizio mi posiziono nel punto migliore: sopra la cassa che si trova accanto al palco. Ti vedo salire sul palco insieme a Norman, un bassista niente male, e agli "It's a Musical". Ti accompagnavano loro in quel viaggetto in Italia, chissà dov'erano i tuoi soliti compagni di viaggio. Mi guardo attorno e come al solito a cagarvi erano i soliti 20. Cominci a suonare, io resto lì a guardarti quasi ipnotizzato e vi applaudo continuamente. Sono veramente ammirato, mi piacete subito. Un fulmine a ciel sereno in un periodo di merda che compensavo con la scrittura. Intanto vai avanti, canzone dopo canzone, mentre i tuoi "turnisti" facevano un inchino ogni volta che io li applaudivo e li elogiavo. Purtroppo poi arriva quella scena, bruttissima. Arrivano lì, si mettono davanti a te. Provano a fregarti l'asta del microfono, "I Love You" ti dicono. Sono schifato ed amareggiato, chissà cosa avrai pensato del pubblico italiano. Dì lì a poco per fortuna arriva il bis e io ti vedo arrivare dal sola, incidere dei riff splendidi con la chitarra e tirare delle svisate con l'amplificatore bellissime.

Un dubbio me lo pongo: "perché è salita da sola? Gli altri erano così bravi." Non m'importa, ho bisogno di conoscerti e avere un tuo disco. Vado al banchetto dei CD e scopro una cosa bellissima: il vinile del disco nuovo costa solo 15 Euro. Non me lo faccio sfuggire. Prima di andarmene arrivi tu, sono rapito. Provo a pronunciare qualcosa in inglese, a scusarmi per quanto avvenuto e per ringraziarti per il concerto. Alla fine dico qualcosa di bellissimo nella sua sincerità: "I'm sorry for my bad english". Purtroppo non sono bravo con l'inglese come un'amica mia che mi manca tantissimo.

Quando torno a casa e rielaboro scopro informazioni importanti su di te, materiale che non conoscevo e che mi porta a scoprire il tuo passato musicale. Oggi ti adoro per quello che suoni, sei la mia colonna sonora da mesi e mesi. Ti voglio bene come difficilmente posso voler bene alla musica. Grazie... un ammiratore italiano.

Commento a margine e fuori dalla lettera: dalle foto che si trovano su Internet sembra così brutta. Credetemi che chi la fotografa è un imbecille. Ci sarà tempo per parlare della storia e degli altri dischi di Masha.

Questa DeRecensione di Live @ Liò Bar, Brescia 20.11.09 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/masha-qrella/live-at-lio-bar-brescia-201109/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

Lostinspace
Opera: | Recensione: |
Mi piace. Molto. Bravo. Bravissimo. Hai smosso in me molte cose. Ho provato emozioni simili quando girai un po' di Europa per seguire Mike Kinsella (aka Owen). Stessi goffi tentativi di approcciare l'artista perchè in fondo nessuno di noi vorrebbe passare per un fan qualsiasi. Perché in fondo è difficile spiegare certe vibrazioni quando assistiamo a qualcosa di unico. Anche io ho una amica che sapeva bene l'inglese che mi manca molto. Il giorno del concerto di Masha era quasi un anno che non c'era più. Forse è la stessa. Forse no. Insieme vivemmo emozioni inenarrabili al concerto di Thee Stranded Horses a Torino, quando Yann suonò Swaying Eels, dedicandola a noi due, dal palco. Ciao zozza. Forever in my heart. Ciao Tele, perdona questo inciso forse fuori luogo. Vado ad indagare su Masha. Poi, al massimo, ti chiedo.

drunkedQueen
Opera: | Recensione: |
Più dolce di una lettera d'amore,bravo...corro a conoscerla.

giorgioladisa
Opera: | Recensione: |
Ti si legge sempre con piacere, anche se lei non è la mia tazza di thè

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
Rece sentita, e lei molto interessante, tedesca, Morr Music, l'ultimo suo disco dedicato a Weill... vado e scarico. (ps: sempre con noi!)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Grazie a tutti, sempre troppo gentili. @Lostinspace, ma scusa di cosa? Non è stato fuori luogo. Anzi, mi fa piacere che emozioni mie siano condivise ed appartengano anche ad altri. @Kosmo, scarica e fammi sapere. Poi quando arriveranno le altre recensioni su Masha voglio un parere.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: