Sto caricando...

Massimo Urbani
Dedications To A.A & J.C + Max's Mood

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Gli ascoltatori di Jazz, quelli più appassionati e collaudati, solitamente vanno alla ricerca di opere meno blasonate, meno pubblicizzate, di nicchia, sperando di trovare il capolavoro. Pare però che questo tipo di attenzione sia rivolta soprattutto al panorama jazzistico americano, non teniamo conto, ormai da troppo tempo, del fatto che anche in Italia potrebbero esserci stati degli artisti del calibro di John Coltrane o di Albert Ayler.

Ovviamente le radici culturali del nostro paese non ci permettono di avere abbondanza di talenti nell'ambito della musica afroamericana; però il caso ha voluto che a Roma, nel cuore dell'Italia, nascesse un uomo straordinario, dotato di un talento straordinario: Massimo Urbani.

Massimo Urbani era un artista strepitoso, si sentiva la reincarnazione di Charlie Parker, adorava Trane e Ayler e riusciva a sintetizzare il linguaggio dei tre artisti in modo naturale ed incredibilmente originale. Era un musicista viscerale, passionale; al sax alto aveva un urlo potente come quello di Sanders e quando suonava una ballad era in grado di commuovere gli ascoltatori.

Questo disco del 1980 è uno dei miei preferiti; lo dico perché voglio che questo scritto sia un omaggio - davvero modesto - da parte mia a questo immenso artista. Credo che nel parlare di un artista del genere, la componente personale ed emotiva sia fondamentale.

Nell''80 Massimo era tanto giovane, quanto bravo, quanto adorato; è quel tipo di artista che sa dare il meglio nell'esibizione live, ma in questo disco suona in modo davvero superlativo; merito anche degli altri elementi del quartetto.
Luigi Bonafede, al piano, riesce ad essere possente nel tocco come McCoy Tyner e dimostra di non avere nulla da invidiare a qualsiasi altro musicista a livello mondiale, nonostante sia sconosciuto ai più.  Se si continuano a fare delle analogie tra questo quartetto e quello coltraniano si nota come Furio Di Castri sia forse più pulito di Garrison, ma senza perdere l'espressività diretta che caratterizza quel modo di suonare il contrabbasso che ha avuto così tanto successo nella scena free anni '60; non mancheranno quindi i monologhi solitari del grave strumento utilizzato anche con l'archetto.
Infine Paolo Pellegatti, alla batteria, riesce a compensare la vulcanicità del solista in modo originale e con la giusta potenza.

L'album è molto vario. I due brani firmati dal leader (Dedications; Max's Mood) sono rappresentativi della maggior parte delle sue composizioni, ampio spazio è lasciato all'improvvisazione che si svolge spesso su un tappeto ritmico incandescente, i temi sono solo dei pretesti per essere lanciati in lunghi assoli.
Lo stile compositivo di Bonafede è più elaborato e ne si ha testimonianza nella lunga introduzione di L'Amore che porta fino ad un molto Coltraniano 3/4. 

La scelta da parte di Urbani dei componenti del gruppo risulta essere molto felice; ciò è testimoniato nello splendido assolo di Bonafede in Naima, che, grazie alla reiterazione di una cellula di note ''decolla'' verso il finale, dall'interplay che si crea nel duo tra Urbani e Di Castri in Scrapple From The Apple e dal groove che riesce a dare Pellegatti in Speak Low.

Nel finale gli artisti ci regalano una gran vesione di Soul Eyes, la ballad di Mal Waldron tanto amata da Trane. Urbani lascia uscire dal suo sax frasi poetiche, struggenti, con un suono incredibile, che potrebbe ricordare anche Dolphy in alcuni frangenti o anche McLean, insomma, c'è davvero di tutto nella testa di Urbani: musicisti, soli, stili.

Su Massimo Urbani si potrebbe, anzi si dovrebbe scrivere molto di più, vorrei però aver comunque stimolato la vostra curiosità.

Massimo era Parker, in tutto e per tutto è anche morto giovane come lui, per gli stessi motivi, come lui sapeva regalare emozioni uniche, per questo mi sembra doveroso scrivere:

MASSIMO LIVES!

 

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattordici)

fusillo
fusillo
Opera:
Recensione:
Nei commenti alla pagina secondo me più interessante per il jazz di Debaser (http://www.debaser.it/recensionidb/ID_4775/Danielle_Di_Majo_Quartet_Chromatism.htm), Emanuele Basentini, bravissimo chitarrista e amico di Massimo Urbani, dice che lo stile di Urbani deriva non da Charlie Parker, ma da Sonny Stitt... Ma visto che lo stile di quei due non era così dissimile, anzi, non me la sento di stroncarti.:-) Se per caso non lo conosci e vuoi sentirti il Basentini vai qui: Deezer - Scopri la musica da amare Ciao.


fusillo
fusillo
Opera:
Recensione:
"Ma visto che lo stile di quei due non era così dissimile..." --> Minchia, quanto mi piace questa frase...


dolphy
dolphy
Opera:
Recensione:
stitt ha avuto grande influenza su urbani, ed è stato anche suo maestro, sono davvero d'accordo con te, però io mi riferivo più al mito di bird alllo stile di vita e al modo di concepire la musica. poi citare tutti gli artisti da cui massimo ha preso qualcosa sarebbe pressocché impossibile, addirittura lui ha affermato di amare hendrix e tra i suoi dischi preferiti c'erano anche quelli di jarrett di liebman, senza dimenticare che fu scoperto da schiano (altro personaggio importantissimo della scena free italiana) e ha suonato con altri artisti importantissimi come evan parker e e steve lacy. la lista è davvero lunga


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Il disco lo voto su ficucia. Grazie Dolphy!


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Un bacio per questa pagina. Grazie.


Oo° Terry °oO
Oo° Terry °oO
Opera:
Recensione:
telespallabob
telespallabob
Opera:
Recensione:
Bella pagina, non lo conosco il signore in questione.


acqualife
acqualife
Opera:
Recensione:
bravissimo veramente, la mia di curiosità sei riuscito a stimolarla, penso anche quella degli altri...


xyz
xyz
Opera:
Recensione:
Questo non me lo perdo.


xyz
xyz
Opera:
Recensione:
Non lo trovo, e ormai son troppo curioso per rinunciare, se qualche buon uomo me lo passasse gliene sarei infinitamente grato, possibilmente con un bitrate alto... :D


Contemplazione
Contemplazione
Opera:
Recensione:
Caro Dolphy!! Ottimo tributo al compianto Massimo...non conosco il disco in questione, vedo se riesco a buttarci orecchio!


alia76
alia76
Opera:
Recensione:
davvero una bella pagina.. mi hai incuriosito.


omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
Ciao dolphy, ci stavo pensando questi giorni a Massimo Urbani. Un bravo anche per avere citato un altro mito del Free Italiano, Mario Schiano.


xyz
xyz
Opera:
Recensione:
Bel disco davvero, grande dolphy!


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Dedications To A.A & J.C + Max's Mood è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link