Master
On the Seventh Day God Created... Master

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Chicago, 1983: Paul Speckmann (cantante e bassista) e Bill Schimdt (batterista) decidono di formare un gruppo proto-thrash, influenzato dai ben noti Motorhead, Venom e Discharghe. Il metal estremo ancora non esiste, ma i due stanno per dare il loro contributo alla sua genesi. E' l'inizio della carriera dei Master.

Dopo aver cambiato svariati chitarristi , Schmidt esce dalla band e ne causa lo scioglimento. Speckmann, allora, fonda i Deathstrike con i quali registra un album ma , alla fin della fiera, decide di abbandonare i suoi nuovi compagni e di rimettere in piedi i buoni e vecchi Master.

Esce nel 1990 il loro caustico e omonimo debutto. Trash metal violentissimo con venature death. Un disco forse non eccelso ma comunque amabile da tutti i fans di Possessed, vecchi Sepultura e Slayer. C'è anche una brutale cover di "Children Of The Grave" dei Sabbath. Non male, davvero!

Nel 1991, però, Speckman effettua tre scelte non indifferenti: cambiare nuovamente chitarrista, cacciare il buon Scmidt e abbracciare definitivamente gli stilemi del metallo mortuario. E così alle sei corde troviamo nientemeno che un giovane Paul Masvidal (noto per la sua opera con Cynic e Death) , oltre che un nuovo batterista: Aaron Nickeas. Questo "On The Seventh Day, God Created... Master", oltre ad avere un titolo altisonante, può essere considerato una pietra miliare del genere. Paragonabile, almeno per importanza, alle prime prove di Morbid Angel, Death e Carcass. La differenza tra i Master e questi nomi? I Master rimarranno sempre nell'underground.

Ma veniamo all'aspetto strettamente musicale. Nel 1991 i nostri hanno nettamente migliorato il loro approccio agli strumeni. I riff di Masvidal sono certificati di garanzia e lo stesso discorso lo possiamo fare per il basso di Speckmann. Un po' sottotono, invece, la batteria. Ma nel complesso, il disco spacca e stupisce.

Tralasciando la malevola eppur condivsibile "American The Pitiful" (brano denigratorio nei confronti degli USA), si procede con due mazzate ben assestate sulla capa dell'ascoltatore: "What Kind of God" e "Latitudinarian". Il disco procede con altri momenti mozzafiato come la thrashaggiante "Used" e la supersonica "Demon". Chiude le danze di questo capolavoro "Submerged In Sin", uno dei brani cronolagicamente più lunghi del disco.

Se il Death e il metal estremo figurano tra i vostri generi prediletti, ripescate immediatamete il secondo parto dei Master! Un death senza troppi fronzoli , certamente figlio dei suoi tempi. E che tempi signori!

Questa DeRecensione di On the Seventh Day God Created... Master è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/master/on-the-seventh-day-god-created-master/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tredici)

algol
Opera: | Recensione: |
recensione che profuma di competenza. A questi un'ascolto glielo butto, non li conoscevo. Non fosse altro che per la copertina tamarrissima.
BËL (01)
BRÜ (00)

Marco Orsi: Copertina ultra-tamarra come vuole il genere. E il genere, almeno in questo disco, è ancora lontano da certi tecnicismi o da derive brutal.
algol: e infatti mi piacciono. Ascoltati.
Almotasim
Opera: | Recensione: |
fungo
Opera: | Recensione: |
Non conosco bene, ma quel poco che ho sentito mi é piaciuto, buon gruppo.
BËL (01)
BRÜ (00)

gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non male, anche se la batteria fa abbastanza cagacchiare. Ignoravo questa tappa nella carriera del leggendario Masvidal, non a caso due spanne sopra tutti!
BËL (01)
BRÜ (00)

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Disco coinvolgente vecchia maniera, non un capolavoro ma godibilissimo. Concordo con Gate sulla batteria. Bella recensione.
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Ottima DeRece. Il suono della cassa manca di bassi sembra di legno. Il cantante non mi piace anche se capisco che il genere lo richiede.
BËL (00)
BRÜ (00)

spiritello_s
Opera: | Recensione: |
Mitico!! Giusta recensione per un gruppazzo che nessuno ricorda mai e che invece ha dato una mano allo sviluppo dei degeneri più estremi che le "delicate" orecchie di qualcheduno non oseranno mai affrontare, perdendosi scondideratamente una parte importante della propria vita.....
BËL (01)
BRÜ (00)

Carlos
Opera: | Recensione: |
Minchia i Master! Nessuno li aveva ancora recensiti, incredibile. Devo dire che di Speckmann ho sempre amato di più gli Abomination di Tragedy Strikes, però i Master sono leggenda.
BËL (00)
BRÜ (00)

Elfo Cattivone
Opera: | Recensione: |
Neanch'io ricordavo la presenza di Masvidal. Importante lacuna del sito colmata!
BËL (00)
BRÜ (00)

ygmarchi2
ygmarchi2 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Procedo all'ascolto...
BËL (00)
BRÜ (00)

De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Per prima cosa corri nell'immediato a correggere "Discharg(h)e"...AZZ. Il mio compare GG ha postato un ascolto dei Master non molto tempo addietro. Per il resto hai detto tutto molto bene nella tua recensione...INIZIATORI...
BËL (00)
BRÜ (00)

fungo: Uzzio, ma tu conosci ogni band del mondo; a questo punto mi chiedo cosa ne pensi di questi Bloodbath - Eaten
Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
Grazie a tutti!
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Nonni metal, grandi
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: