Max Pezzali
Astronave Max

()

Voto:

L'album "Astonave Max", di Max Pezzali, è il vero e proprio ritorno di Max con un album esclusivamente di inediti, poichè preceduto, due anni prima, da "Max 20", album contenente 5 inediti e svariate vecchie canzoni di Max e degli 883 cantate con vari cantanti protagonisti della scena musicale italiana, tra i quali Antonello Venditti ed Edoardo Bennato, e tre anni prima da una rifacitura dell'album di debutto degli 883, "Hanno ucciso l'uomo ragno", in questo caso ricantato con vari rapper. Insomma, l'ultimo album di inediti prima di "Astronave Max" uscì nel 2011, con la partecipazione di Max a Sanremo con il brano "Il mio secondo tempo".

Il primo singolo di questo tanto atteso album è stato "È venerdì", annunciato sei giorni prima su Facebook dal cantante stesso, con un gioco di immagini portato avanti fino al giorno dell'uscita. Credo che l'unico motivo per cui è stata scelta questa canzone come primo singolo è per l'idea, comunque bella, delle immagini su Facebook, anche perchè era fine Aprile, e solitamente in quel periodo si lanciano le canzone destinate a diventare tormentoni estivi, e Max a tutto questo ci ha abituato. Ed il titolo "È venerdì", che è anche la rpima traccia dell'album, faceva ben sperare che fosse proprio un tormentone estivo. Così non è. Con ciò non voglio dire che il pezzo è scarso, anzi... Credo sia assolutamente dignitoso ed integrabile tranquillamente in un album, una canzone nel classico stile pop in cui spesso Max si è rifugiato, orecchibile e ritornello che entra in testa. Ma il fatto che sia stato un flop è certificato anche dal fatto che poco più di un mese dopo, tre giorni prima dell'uscita dell'album, è stato pubblicato un secondo singolo, "Sopravviverai". La seconda traccia, "La prima in basso", è probabilmente tra i brani più apprezzati dai fan di Max, un brano che richiama i pezzi di Max nel periodo che va dallo scioglimento degli 883 all'album "Time out". Inoltre nel ritornello raggiunge un estensione vocale molto ampia, non comune nei suoi brani. Segue "Superstar", un pezo che richiama il periodo ancora precedente a quello citato prima: gli 883. Infatti oltre alla musica, anche il tema è ripreso da vecchi brani, tra cui "Sei un mito" e "La regina del celebrità". La quarta traccia, nonchè il secondo singolo, "Sopravviverai" è un bel pezzo, e la scelta di promuoverla come singolo la condivido, anche se credo che il tempo sia stato sbagliato, poichè come singolo estivo avrei scelto altro, per poi proporre questo bel pezzo magari in un altro momento, anche se si parla comunque di estate nella canzone. "I fiori nel deserto" se la combatte apertamente con "Ogni giorno una canzone" per il ruolo di successore de "L'universo tranne noi", che in molti aspettavano, e che pensandoci, nonostante questi due ultimi pezzi non siano per niente male, non esiste.

Segue "Col senno di poi", un pezzo che ci riporta negli anni 80', con sonorità di quell'epoca ed una melodia vecchio stampo, anche se tutto sommato orecchiabile e non fuori dai parametri a cui Max ci ha abituati. La settima traccia, "Niete di grave", è il terzo singolo estratto da "Astronave Max", e forse, secondo me, l'unico azzeccato per periodo e canzone. Il tema è molto bello, quello del "passaggio di testimone" tra generazioni, così come anche il video. Seguono due pezzi che, a mio parere, abbassano la media dell'album: "Generazioni", che tratta un tema ricorrente nei pezzi di Max, il confronto tra vecchie e nuove generazioni, e "L'astronave madre", brano che di fatto ispira il tema dell'intero disco. La canzone ha un ritornello tutto sommato orecchiabile, e le strofe ricordano vagamente lo stile che ha in alcuni pezzi Battiato. Ma qui la vera pecca è il tema: un centro commerciale. Quando si scrive un pezzo su un centro commerciale, non credo che si voglia comunicare qualcosa di rilevante. "Fallo tu" è un bel pezzo cantanto con Syria, e richiama il tema di "Non me la menare", primo brano in italiano èresentato dagli 883. Bella la trovata, durante il tour, di unirle in un'unica canzone.

"Come Bonnie e Clyde" è il vero sassolino nella scarpa di molti fan. Infatti sarebbe stato perfetto come singolo di lancio, nonchè come brano estivo: fresco, bel tema (sempre il solito, generazioni a confronto), e bella lascelta dell'autotune, che da' un ulteriore freschezza al pezzo. Ne è stato realizzato anche un video ufficiale, lanciato quell'estate stessa. Al pezzo mancava solo il fatto di essere un singolo. "Ogni giorno una canzone", già citata prima, ha un ospite che vasegnalato, Saturnino, poichè il suo basso rende il pezzo particolarmente bello, da' quel senso di novità in un lento di Max mai visto prima. Segue "Il treno", brano senza infamia e senza lode, che richiama il brano "La strada" di Max, contenuto in "Time out". L'ultimo brano è semplicemente la base musicale de "L'astronave madre".

Questa DeRecensione di Astronave Max è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/max-pezzali/astronave-max/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiTre)

Flame
Opera: | Recensione: |
Grazie per il tuo umorismo. Mi hai aggiustato una giornata iniziata storta. Poi il faccione di Pezzali mi mette serenità addosso.
BËL (02)
BRÜ (00)

Matt5Pc: @[Flame] ottimo, per lo meno a qualcosa è servita !
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Sogno da anni i Melvins che coverizzano Into The Void dei Sabbath ma alla voce questo qua ...

BËL (05)
BRÜ (00)

GenitalGrinder: ahahahahahahahahahahahahahahahahaha hahahahah
De...Marga...: Mi hai rbaltato presidente!!!
puntiniCAZpuntini: Dai che sarebbe una bomba, il tipo ha una voce doommissima. Nel video tutti in giro per i valichi alpini in primavera col carro, i sabbath sul cassone con gli strumenti e Ferdinando Osella alle briglie microfonate. E lupi, tantissimi lupi che girano per il video così, a cazzo di cane.
Flame: Belin, da gagno mi ingolfavo di robiola osella. Mi son fatto tutta la serie di ditarn 3, del tulipano nero e di robotech con un panino ripieno di osella tra udenti
algol: ma sarebbe anche molto bello Jus che canta "sei un mito". In una rivisitazione in chiave doom, si capisce.
puntiniCAZpuntini: A parte gli scherzi, Jus Oborn deve entrare nei Steve and Seagull Thunderstruck by Steve'n'Seagulls (LIVE) - Guarda che sarebbe davvero una roba che ridi giorni di seguito, poi lo rimetti e ri-inizi. Vestito come loro ma comunque inacidito e scazzato we hate you mood e in bocca un fiore di gangia anzichè la spiga del grano.
puntiniCAZpuntini: (ah, tra parentesi - ci sono davvero, hai visto? - quelli sono tipo di Stoccolma, non di Chattanooga Tennessee)
Cialtronius: flame sei un pivello, la robiola DELBEK era molto più buona ma non esiste più purtroppo
algol: come sempre la realtà supera di gran lunga la fantasia caz
Flame: No mai sentita nominare. Dal nome si direbbe roba crucca da discount
Flame: Tipo il latte in tubetti della nestlè
mrbluesky: no non era roba crucca era un caseificio proprio dal Piemont se non ricordo male
Flame: cazzius, ma trattasi di robiola "del Bec" cioè del caprone, è robiola di Roccaverano, ci credo che è bona, è la migliore al mondo. E pensare che è proprio della mia zona, verrò scomunicato.
Flame: per la precisione ... il "del bec" è dovuto al fatto che è fatta con latte munto nel periodo in cui le capre vengono montate dal caprone, da qui robiola del caprone, "del bec" appunto. fonte: Robiola del bec - Arca del Gusto - Fondazione Slow Food
Marin
Opera: | Recensione: |
A te 5 perché 1- per il coraggio 2- ti consolerà prima del probabile massacro.
BËL (02)
BRÜ (00)

gate: Ahahah
Matt5Pc: grazie per i 5, e no, non temevo nessun massacro per una semplice recensione hahaha, ognuno la pensa come vuole in fondo.
Carlos
Opera: | Recensione: |
generazioni a confronto.
BËL (00)
BRÜ (00)

Matt5Pc: tema complesso
madcat
Opera: | Recensione: |
ReceSsione in linea con la Copertina
BËL (01)
BRÜ (00)

Matt5Pc: di copertine, prima di confermare la definitiva, ne hanno cambiate due.. mentre la recensione resterà questa, forse è l'unica differenza, seppur sostanziale.
Hetzer
Opera: | Recensione: |
Sei hai meno di 13 anni, il tutto è un giusto po' inquietante.. Se ne hai da 14 in su, diventa patologico..
BËL (00)
BRÜ (00)

Matt5Pc: Beh se avere 13 anni (poichè esclusi dai tuoi calcoli) e scrivere una recensione del genere è normale, allora direi 13 senza pensarci !
Hetzer: E chi ha detto che è normale?
Matt5Pc: Beh se dici meno di 13 e più di 14, chi ne ha 13 si salva, per cui dico 13 !!
Hetzer: E chi ha detto che si salva?
madcat
Opera: | Recensione: |
In ogni caso mi pare ovvio (a dir poco) che trattasi di fake
BËL (00)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: Però le canzoni sembra conoscerle davvero, magari è copiata ma da qualche parte esiste davvero qualcuno che ha scritto quella roba con cognizione di causa.

E questo dovrebbe bastare a spingerti a rinnovare il passaporto e fuggire, tanto tanto lontano.
madcat: Non posso credere che qualcuno per scrivere sta roba si è messo ad ascoltare quella roba. Quindi propendo per la tua seconda opzione.
pleonastico: Se esiste Minogue perché non lui?
madcat: Ma perchè, Minogue esiste?
Matt5Pc: Nono, non sono un fake! E si ho ascoltato sta roba, ma a quanto pare manco sono l'unico.. ad ogni modo per saper recensire devi ascoltare tutto, non ciò che piace a te. Ad ogni modo, ripeto, non sono l'unico che ascolta il buon Max, a quanto pare.
ACILLIDE
Opera: | Recensione: |
Porca miseria, si sente sente il vuoto cosmico lasciato da Mauro :(
BËL (01)
BRÜ (00)

Flame: Mi hai tolto la parole di bocca ...
Matt5Pc: Mah, non so' a livello discografico quanto Mauro fosse stato utile a Max.. anche se si, effettivamente erano una bella coppia
Stanlio
Opera: | Recensione: |
Bienvenido amigo, ammappa quanto scrivi, non dar retta alle critiche invidiose di chi ha poche idee e continua così che vai forte, mandane a bomba o a mitraglia che a dir si voglia.

p.s. una curiosità, ma pc sta per partito comunista?
BËL (00)
BRÜ (00)

Matt5Pc: grazie per le parole e le stelle e... in realtà no, ma a quanto pare è a libera interpretazione
mrbluesky
Opera: | Recensione: |
tanto atteso?da chi?
BËL (00)
BRÜ (00)

Matt5Pc: dei fans a quanto pare li ha anche lui!
Stanlio
Opera: | Recensione: |
"Fallo tu" e "Non me la menare" riferendosi a Syria può dare adito a fraintendimenti erotico/pornografici mica da poco...
BËL (00)
BRÜ (00)

Matt5Pc: Beh parlano entrambe di vita di coppia.. ma non so' se vi fossero o meno dei messaggi subliminali .
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Non ci dormivo la notte, finalmente.
BËL (01)
BRÜ (00)

Dislocation
Opera: | Recensione: |
@[Matt5Pc], o Della Provocazione Consapevole Divertita.
BËL (00)
BRÜ (00)

Onirico
Opera: | Recensione: |
Avevo un pezzato con le pezze al culo che amava Max Pezzali.
BËL (00)
BRÜ (01)

Dislocation: Il quale, però, non si dà pezza d'aver le pezze al culo, data la pezzata della sua pecunia, ma s'appezza di pezzarsi ascelle al pezzo di sol.
Stanlio: Pezzali spezzali e spezza ali a chi piazza peli pè le piazze e pè li pozzi te pozzin'ammazzà a mazzate condite con spezie speziali con dita a pezzi lì...
Dislocation: Però Repetto, il re di Petto, petava alla petanque, e nel peto petiva d'impettire il petito, se la petite non peta pete il ripetente all'impeto della petizione non petita.
Stanlio: a' Disley (petomane che non sei altro), ma che c'azzecca co le zecche di Max o le pezze dell'Astonave Marx?
Dislocation: Mah, a parte che, in parte, or parte la petizione per far del peto materia olimpica, o limpica o lintica, nell'accezione in cui l'accesso al cesso rende il fesso non defesso e, conseguentemente, mente malamente, il demente, e sapendo di mentina.
Stanlio: "Mens sana in corpore sano"

"Tromba di cul sanità di corpo"

(antichi adagi al min per giovin veloci al max)
Dislocation: Ma la mente mente latente o smentisce la menta del mentore a mente?
Stanlio: Non ti smentisci mai...
Dislocation: Smentirmi? O smentire? Lamento una mente che di menta tutto ammanta, eh.
Stanlio: Sementi la mena Samanta ch'è tutto amanita!
Dislocation: Falloide? Se fallo, infallibile, fallo, se non fallo sei in fallo, ed il fallo ti s'infalli, fallace o fallato.
Stanlio: Fa fellatio e sfolla il fallito...
Dislocation: Ma se sbaglia la biglia non piglia, né poi ripiglia un bugliolo in abbaglio, se baglio, sennò s'abbuglia.
Stanlio: Imbruglia non s'imbroglia un link lungo
Dislocation: Svelai il lionogo linco, di fronte a cotal bellezza s'abbozza la bazza se s'impazza di mazze, pazzi del rozzo sozzo che s'ammazza nel pozzo. Checcazzo.
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Birbabirbiana nostalgia.
BËL (02)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
La recenZione è stupenda, il diZchetto non so, dubito, hanno pure sbaJato il titolo. MattFAIVpicì, hai telefonato per dire che hanno messo una R in più?
BËL (00)
BRÜ (00)

Abraham
Opera: | Recensione: |
Pezzali è piuttosto monotematico nelle espressioni (osservavo la cover, ndr). Ricorda un po' Raul Bova che in San Francesco e Alien Vs Predator ha la stessa ghigna.
BËL (02)
BRÜ (00)

Dislocation: Con tutta la simpatia che ispira il personaggio (tipica peraltro dei decerebrati inconsistenti e, quindi, inoffensivi) la sua espressione, diremmo così, paradigmatica fa pensare più a me quando mi sottopongono, ahiloro, un qualcosa come la Teoria della Complessità Computazionale. Identico, quasi da ictus.
emgag
Opera: | Recensione: |
Non capisco se sei serio o ironico. Comunque 5 stelle+++ per il coraggio! Ti stimo mucho!
BËL (01)
BRÜ (00)

Matt5Pc: grazie per le stelle! Ed ero serio a quanto pare !
voiceface
Opera: | Recensione: |
E' un bravo ragazzo Pezzali, una Cristina D'Avena al maschile mancata.
BËL (01)
BRÜ (00)

MoodyFrazier
Opera: | Recensione: |
Speriamo che l'astronave si porti una volta per tutte sia Pezzali, che Venditti, che Bennato. Magari è la volta buona che ce li togliamo dalle palle.
BËL (00)
BRÜ (00)

Matt5Pc: Bah magari se ne andranno di loro spontanea volontà, non servirà l'astronave!
nes
nes
Opera: | Recensione: |
Non te l'ha ancora detto nessuno, quindi faro' il portavoce del Verbo: IL TRACK BY TRACK FA CAGARISSIMO. Pure se parli di Zappa, figurati di pezzali. Peccato perché al di la dei gusti apparentemente discutibili non sembri male. La prossima andra' meglio. Magari prova a cimentarti su qualche artista di un po' meno patinato e accondiscendente con le masse. Che ne so, prova con Paolo Conte. O con i Marduk.
BËL (04)
BRÜ (00)

Matt5Pc: Grazie del consiglio! Era la prima recensione d'altronde, pan pian.
Per il prossimo ho optato anche le Shaggs. Vedremo dove andrà il mio cuore.
Dislocation: A me il Track By Track piace, un po' mi eccita, certi giorni di pioggia mi provoca scompensi cardiaci ma piacevoli.
De...Marga...: @[nes] Fuck me Jesus...
nes: un po' per tutti. 666 - "Cumuli" (883 tribute)
Stanlio
Opera: | Recensione: |
Visto che ci sono se poi l'astronave ci leva dai coglioni pure @[MoodyFrazier] staremo meglio tutti... XD
BËL (03)
BRÜ (00)

Cherdan: Ahahahahah.
Matt5Pc
Opera: | Recensione: |
hahahahahaha
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: