Mojave 3
Ask Me Tomorrow

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Per molti aspetti Ask Me Tomorrow è l'album più importante dei Mojave 3. E' il primo disco dopo la fine del progetto Slowdive e quindi fu composto in uno di quei difficili periodi di passaggio. Periodi in cui si è stretti tra diverse e confliggenti esigenze: mantenere e rinforzare le vecchie consapevolezze ma anche la necessità di elaborare una nuova identità e di porre le fondamenta di un nuova carriera artistica.

E' sorprendente allora notare come il lavoro appaia già dotato di una estetica molto forte e ben definita. Le canzoni fluttuano in un mare sonoro dotato di regole proprie indifferente rispetto al mondo esterno. Ciò che i Mojave hanno mantenuto del vecchio impianto degli Slowdive sono le partiture vocali eteree e sognanti, sussurrate a mezza voce quasi per paura di svegliare delicate creature immaginarie che popolano un mondo fragile e attonito. L'elemento di novità viene dato dalla dimensione folk che avvolge le composizioni. Ma è un folk rallentato, sospeso, onirico.
La lentezza è infatti la cifra stilistica del progetto Mojave e in particolare di questo lavoro. In un certo senso è anche una lentezza sfrontata, spavalda; in un mondo che corre sempre più veloce e non ha voglia di rallentare e riflettere. Le canzoni dei Mojave sono invece lente e maestose, malinconiche e fragili.

Entrare nei particolari e citare brani singoli è superfluo anche se non dobbiamo sbagliarci: le canzoni sono belle. Tuttavia il disco è il fluire uniforme di un'emozione antica, di una nostalgia arcana perduta ormai nel marasma quotidiano. Sta a noi decidere se abbiamo tempo di ritrovarla.

Questa DeRecensione di Ask Me Tomorrow è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/mojave-3/ask-me-tomorrow/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

northernsky
Opera: | Recensione: |
ehm ovviamente il genere non è trash metal. non so. c'è indie folk? sennò sarebbe da aggiungere.
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
E' proprio in questi giorni che si fa forte la voglia di ritrovare ritmi e dinamiche più rallentate e 'sospese'. Come quella di assaporare un gusto antico, nostalgico...
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
beh, il disco piu' debole dei Mojave (che di per se' vuol dire poco meno che un disco straordinario). Ora ho poco tempo, mi spiace. Per me i Mojave 3 rimangono uno dei grandi misteri degli ultimi anni, gruppo incredibilmente non valutato. "Excuses for travellers" uno dei dischi del decennio.
BËL (00)
BRÜ (00)

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
'Excuses for travellers' era un disco bellissimo vero nick, di questo invece non ho un ricordo altrettanto bello, ma è un cd adatto a queste giornate stanche, 'spoon and rafter' invece mi aveva deluso e se lo riascoltassi adesso?
BËL (00)
BRÜ (00)

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
sylvian1982
Opera: | Recensione: |
Il problema è che il primo disco dei Mojave 3 che ho ascoltato è stato "Excuses for travellers". Difficifilmente si può andare oltre. Non che sia un brutto disco, ma quando per le mani si ha Excuses...basta e avanza.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mariaelena
Opera: | Recensione: |
è da spacca cuore, fantastico, meraviglioso è tutto
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: