Sto caricando...

Oneida
Rated O

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Oggigiorno le vecchie con i denti strani non ti chiedono più di tinteggiargli la staccionata. Purtroppo le storie di William Faulkner non le legge più nessuno. Oggigiorno ti chiedono ti tinteggiargli un bel muro del cazzo e lo scenario va a farsi benedire. Prima tinteggiavi guardando un prato o, che ne so, un bel ruscello o una contadinella piegata a novanta intenta a raccogliere qualche tipo di ortaggio... Oggi un insieme di stucco, cemento e mattoni. Poi magari ti capita, per caso, da sempre, di soffrire di vertigini e così, sempre per caso, ti dicono che il loro cagnolino è vivace, mette la testa fuori dal balcone, e che ora, quindi, tocca a te mettere la testa fuori dal balcone. Per cucire una bella recinzione orribile che se solo attraverso quella si potesse osservare il mondo - come per il cagnolino della vecchia con i denti strani tra qualche giorno - bisognerebbe cercare il modo di raggirarla solo per gettarsi di sotto. Bene, con il cranio bello pesante a dondolare dal quarto piano mi giunse l’illuminazione... non solo solare, ma partiamo dalla fine.
 
Dicevamo: 5, pochi cazzi. 5 non nel senso di “disco bello, da ascoltare assolutamente”, ma 5 nel senso di “a me della perfezione frega meno di zero, ma questo disco, mortacci loro, è perfetto”. Avete presente quello che s’intende con il termine “psichedelia”, cioè quelle cose, non per forza inodore e insapore, che tu infili nello stereo o che fai girare, poi chiudi gli occhi e cominci ad ascoltare dal salotto di casa - o dal balcone della signora con i denti strani - e finisci, in estasi, perso chissà dove, ma sicuramente in un posto lontano e migliore? Bene, questa è la psichedelia e Rated O - secondo capitolo della trilogia “Thank Your Parents” cominciata l'anno scorso con Preteen Weaponry -, triplice disco dalla portata di due ore, uscito il 13 luglio dai magazzini di quegli illuminati/fulminati della Jagjaguwar, è il suo sussidiario. Tutto quello che si può fare con la pscichedelia lo trovate qui dentro.
 
Tre dischi: il primo mischia elettronica cafona con l’acido inacidito dal tempo, tant’è che a tratti vi sembrerà di sentire uno di quei pezzi da sala-da-ballo-demente-in-spiaggia, ma fatto bene, con tutta la cattiveria e l’arroganza del caso, come a dire: trasformiamo la merda in oro e lo facciamo ora. Poi se ci sentite qualche tribalismo kraut estremizzato all’inverosimile non impressionatevi: non avete cominciato un brutto trip. Sono gli Oneida che lo cominciano per voi.
 
Il secondo, invece, se possedete una Mustang decappottabile, magari rossa come quella del cattivo di Cape Fear, è perfetto. Stoner abbastanza stonato, ma non fino al punto di rallentare all’inverosimile. Le chitarre, sappiatelo, si buttano sui pattern aggrappandosi che è una bellezza... E il synth? Il synth vi friggerà quel poco che vi è rimasto da friggere. Se poi vi viene da saltare con “The Life You Preferred” perché il riff in maggiore, che si sdoppia controtempo, vi rianima è sempre tutto okei. Se poi volete ballare, perché il caldo non vi seda e tutto il resto appresso, rimane “It Was a Wall”.
 
Il terzo è un jam freak che tira fuori dallo sgabuzzino un sitar che non solo è fuori tempo massimo ma pure bellissimo, insieme a tanta effettistica che sembra provenire dallo spazio o dalla sala prove degli Hawkwind. Se proprio siete stanchi il terzo è preferibile. Voi vi stendete e lui si muove.
 
E poi uno si lamenta che non succede, che non esce mai nulla, che il rock è morto, che il cinema pure è morto e che dopo altri cinque minuti è finita pure l'era dell'amore, crollata sotto il peso del do it yourself... E tutte le altre frasi di circostanza. Ma se vi trovate di fronte alla solita domanda - "What’s Up, Jackas?" - voi non rispondete. Fate rispondere agli Oneida. O alla vecchia con i denti strani.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su QuarantaSette

fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
Si, dal vinile esce un fogliettino e puoi scaricare interamente il disco in Mp3. E' uscito pure dall'ultimo dei Dinosaur, ma non funge... peccato, ma non troppo. Riguardo i Motorpsycho io sapevo di un unico disco, un amico addirittura mi aveva detto un 10" ...non lo so, vorrei prima sentirlo. I Motorpsycho non sono più, per me, un gruppo da comprare a scatola chiusa... questo da almeno dieci anni.


geb
geb
Opera:
Recensione:
il disco dei Motorpsycho si chiama "child of the future" ed è un doppio vinile di soli 7 pezzi prodotto da steve albini...anch'io li avevo un pò lasciati, da "let them eat cake" in poi...la svolta flower-pop hard-seventies non mi aveva entusiasmato...l'ultimo "Little lucid moments" invece mi ha convinto, secondo me li ha rilanciati.


senzastile
senzastile
Opera:
Recensione:
cd molto bello comunque fiq :)


SUPERVAI1986
SUPERVAI1986 Divèrs
Opera:
Recensione:
l'ultimo paragrafo vale solo il massimo dei voti....tu sempre all'altezza nel presentare grandi dischi.....mi basta solo sottoscrivere ogni tua singola sillaba!


macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Bella proprio. Non conosco gli Oneida, ancora per poco, peró.


AlienSoundtrack
AlienSoundtrack
Opera:
Recensione:
in questo periodo psichedelia e jam freak sono il mio pane quotidiano, mi sembra un buon momento per scoprire gli Oneida. Buon ferragosto a tutti.


RepartoAmena
RepartoAmena
Opera:
Recensione:
ascoltato il primo...una fiquata pazzesca...certo che però è tanta roba, io dico non potevano fare uscire tre dischi separati da un anno? Così mi sovraccarico il neurone, va be', se son tutti così ne vale la pena, quantità e qualità...e domani a digiuno.


Purpulan
Purpulan
Opera:
Recensione:
Sicuramente più godibile del primo tassello della presunta trilogia ("Preteen Weaponry"), a conti fatti basta saltare il terzo disco ed il tutto risulta godibile al punto giusto (a dire il vero "Folk Wisdom" non sarebbe del tutto da buttare se sul crescendo la batteria non pigliasse a suonare "incassata" come certe produzioni lo-ffie anni Ottanta, e la cosa non prudesse di smaccatamente studiato), mi infastidisce poi il fatto che, visti i tempi di magra, continuino a fare album doppi quando gliene basterebbe uno di disco, ed addirittura tripli quando il minutaggio giustificherebbe il doppio. Come band strumentali "trasversali" continuo a preferire entità quali Pivot o Lite, che c'hanno pure meno puzzo freak-artsy dei Brookliniani (3,5).


Larrok
Larrok
Opera:
Recensione:
La prima delle tre parti è quella che trovo sicuramente più riuscita (merita 5 stelle), potevano farla uscire come un album a sè...


Truman
Truman
Opera:
Recensione:
Hai preso un brutto colpo di sole.


Appestato mantrico
Appestato mantrico
Opera:
Recensione:
Bello tornare a casa e leggere qualcosa di fiquo! Sto rated O è na bomba, il primo disco memorabile, il terzo mi pare un po' una rilettura del precedente e forse non ce n'era davvero bisogno, ma non si dice mai di no! Un'amica se li è beccati a marina di ravenna, pare che adesso siano in 5. E hanno pure fatto un bagno in mare collettivo, uau. Il nuovo dei motor è un vinile singolo, normalissimo 33", e da quel poco che ho sentito pare un LLM meno vaporoso e un cicio più stoner (forse). Bella!


babaz
babaz
Opera:
Recensione:
FOTTUTO CAPOLAVORO!!!


babaz
babaz
Opera:
Recensione:
Non capisco perchè alcuni dicono che potevano farli uscire separati!!!Ma dico io...qui ci sono 3 dischi fantastici al prezzo di 17 euro (almeno nel mio negozio di fiducia)...che cosa si può desiderare di più!!!p.s. consiglierei al recensore del mucchio (ho letto la sua recensione per prima e per poco stava per convincermi a non comprare tale monumento) di cambiare mestiere!!Vergognoso!!!


fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
Babaz, sono d'accordo con te... se l'avessero fatto uscire a puntate sarebbe arrivato il cinico di turno a dire che era una cosa fatta per soldi. Invece questi ne hanno da vendere a pacchi e lo regalano perché sono dei grandi. Babaz, senti un po'... non hai un link dove andare a leggere questa benedetta recensione? Se vuoi, se hai cinque minuti puoi postarla pure qui... è che sono curioso.


Larrok
Larrok
Opera:
Recensione:
Io ho semplicemente detto che trovo la prima parte la più ispirata e originale, quella che mi ha colpito di più e quella che a mio avviso ha il maggior potenziale psichedelico, mentre il resto non c'entra e sta su un altro livello, per cui secondo il mio gusto sarebbe stata più congeniale la pubblicazione di quella prima parte come un album a sè, che sarebbe stato da 5 stelle, visto che considero i 100 minuti globali un po' dispersivi e fanno scendere la mia valutazione complessiva a 4.


RepartoAmena
RepartoAmena
Opera:
Recensione:
<<Non capisco perchè alcuni dicono che potevano farli uscire separati!!!Ma dico io...qui ci sono 3 dischi fantastici al prezzo di 17 euro (almeno nel mio negozio di fiducia)...che cosa si può desiderare di più!!!>> Perchè io odio i doppi CD (figuriamoci i tripli) e vodafon...tutto gira intorno a me, ma soprattutto laif is nau.


Purpulan
Purpulan
Opera:
Recensione:
Considerando che né in auto né nel lettore di casa ho un multideck, cambiare CD al volo allorquando poteva starci tutto in un unico supporto mi pare una sboronata (buona per il formato in vinile, ok, ma così va a finire che me li tengo in formato compresso ; ).


babaz
babaz
Opera:
Recensione:
@ Fiquata: ho provato ad andare sul sito del mucchio "www.ilmucchio.it" ma non riesco a trovare la recensione, prova a vedere tu...magari sono cieco!!io l'ho letta sul cartaceo!cmq anche sul forum del sito del mucchio (sulla discussione del disco degli oneida) in molti hanno mostrato disappunto sulla recensione fatta da Pescatore.


Larrok
Larrok
Opera:
Recensione:
ma è vero che "Rolling Stone" l'ha messo come disco del mese? Pensavo che quella rivista oltre al gossip e alle cagate non andasse...mah...


psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
bravo ale, ci stavo girando in tondo da un po' su sta recensione e alla fine l'ho abbandonata. E sinceramente penso di comprarmelo (in verità avevo pensato già un tre mesi fa di metterlo in preorder in vinile, ma avrei finito per non sentirlo a casa, mia figlia sarebbe impazzita) ma in cd. Il problema è che non riesco a farmi un opinione dal disco. Il primo l'ho sentito di + proprio perchè mi sembrava una cafonata incomnprensibile e non me ne capacitavo. Rimane stracafone, anche se i suoi incastri li ha. Il secondo e il terzo sono + facilmente comprensibili a chi conosce gli Oneida, anche se il tutto mi sembra un po' slabbrato. Ad ogni modo lo prendo, tanto lo so che fra tre anni ancora styarò ad ascoltarlo (spero)


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
fiquata
fiquata
Opera:
Recensione:
Io di elettronica non so niente. Credo di essere pure allergico all'elettronica, ma il primo disco mi diverte a palate. Poi c'è "Story of O" che di elettronica non ne ha molta ma sembra un pezzo dei Can che decidono mi musicare il viaggio nel deserto, per uccidere qualcuno, di "Come una bestia feroce". Quando lo prendi, se lo prendi in vinile scopriremo se sono dei matti totali... la fine del lato B del primo, quello con il pezzo tutto urlato che chiude il disco elettronico, rimane in panne. Gira all'infinito ripetendo gli ultimi 3/4. Se l'hanno fatto apposta sono da chiudere in manicomio e se sono da chiudere in manicomio non posso fare altro che amarli. Bisogna ripetere l'esperimento. Su, qualcuno che lo compra in vinile!!! :)


Mr. Wolf
Mr. Wolf
Opera:
Recensione:
ehi fiquata, quel giochino del vinile che si incanta e si ripete all'infinito succede anche nell'ultima canzone di Evol dei Sonic Youth e tutto ciò mi manda un visibilio.
Il disco degli Oneida invece è il mio disco del 2009: lo comprai subito appena uscito!! Sicuramente migliora ed estremizza le intuizioni di Each One Teach One pur non essendo un disco perfetto, tant'è che io avrei sforbiciato almeno 2/3 brani (The Human Factor, Sunday, The River). Cosa curiosa è che non l'ho trovato così indigesto come tanti dicono, quindi le ipotesi sono due: o l'ho capito e assimilato perfettamente, o non ci ho capito un cavolo!!


Ciccio Swim
Ciccio Swim
Opera:
Recensione:
Uè ciao come stai? Mi scusa per il disturbo ma mi sai dire se questi sono quelli che cantano la canzone dei mondiali che fa po po po po po po che cantavano del piero e materazzi e grosso e cannavaro quanto hanno vinto i rigori? sai come si chiamano quelli che cantavano questa canzone ma non i calciatori proprio quelli che la canzone è la loro và


kemoSabe
kemoSabe
Opera:
Recensione:
uh... cosa mi ero perso!!!!!!!! Ho recuperato questo disco di recente e, sebbene non sia ai livelli di "Each One, Teach One", è entusiasmante... Ottima rece, oltretutto.


fosca
fosca
Opera:
Recensione:
Come sopra... non li conoscevo, altempo di qs recensione...Thks :)


MORPHEO 33
MORPHEO 33
Opera:
Recensione:
folli, sconquassati celebralmente, psichedelici nel vero senso della parola, cioè va, psichedelici e basta; il loro genere? psichedelia, e basta!! li stra-amo, ho tutto di loro, li seguo da tanto, ma tanto tempo, ho tutti i loro dischetti, a volte mi infastidiscono, ma quest'oggi è un momento propizio per riprenderli, mi sento psichedelico, e chi meglio di loro per darmi trip psichedelici da orgasmo interplanetario? poi questo triplo, azz...questo triplo è il massimo del piacere psico-fisico, non mi hanno mai deluso, ci credete, beh....io si!! chi non li conosce e ama la psichedelica, non ha mai ascoltato la psichedelica anni 2000!!! grandiosi, s'era capito? ah, quasi dimenticavo, adoro anche questa rece!! :)


Larrok
Larrok
Opera:
Recensione:
qui su debaser prende 4,54 su 5, storiadellamusica gli dà 9/10, sentireascoltare 8/10, pitchfork 8,4/10, panopticonmag (sito che consiglio caldamente) 80/100, persino Scaruffi che è di manica non stretta, di più gli dà 7, che per lui è come un 8 e mezzo per chiunque altro...chi manca all'appello? Unica voce fuori dal coro Ondarock che gli appioppa uno striminzito 6....io nel frattempo gli piazzo un 5 aumentando il mio voto di due anni fa


jdv666
jdv666
Opera:
Recensione:
ma ondarock (a cui io cmq ogni tanto do un occhiate e mi ha anche dato buone dritte tavolta) ha dei metri di valutazione parecchio strani; tipo anche il 6,5 a lark´s dei king crimson; o il 6 a the real thing dei FNM mentre poi danno dei gran 7 e piú a ogni cagatina che sforna l ennesimo gruppetto indie-rock/indie-pop


ygmarchi2
ygmarchi2
Opera:
Recensione:
La mia preferita è "Ghost in the room"


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Rated O è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link