Osvaldo Cavandoli
La Linea

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quando Osvaldo Cavandoli nel 1969 propose a "Carosello" "La Linea" non poteva certo immaginare il successo internazionale che la propria creatura avrebbe avuto negli anni successivi: "tradotta" (tra virgolette perchè come vedremo l'unica traduzione di cui ha bisogno questo cartone animato è quella del titolo) in una quindicina di lingue, è ancora famosa in molte nazioni (Francia, Germania e Nord Europa su tutte) ed è uno dei più importanti esempi di capacità di sintesi applicate non solo nei cartoni animati ma anche nell'arte figurativa che in quella narrativa. Fu la famosa ditta produttrice di pentole a pressione "Lagostina" a credere fin da subito nelle potenzialità della serie e, almeno nel logo, si legò ad esso per quasi 40 anni nonostante che già dai primi anni '70 Cavandoli dette al personaggio una sorta di vita propria disegnandolo sia a fumetti che in animazione in episodi indipendenti dalla serie pubblicitaria.

L'idea di base era semplicissima tanto quanto fu rivoluzionaria: un omino che percorreva una linea, senza apparente conclusione, incontrandovi vari oggetti, accadimenti, situazioni che di volta in volta davano inizio a situazioni al limite del paradossale, interagendo continuamente con il proprio disegnatore, rappresentato da una mano con matita (qui un piccolo documentario sulla genesi della serie). Ad accrescere la forza umoristica del tutto fu il lungimirante doppiaggio di Carlo Bonomi che diede a "La Linea" un linguaggio incomprensibile nel lessico (miscelando una serie di esclamazioni dialettali milanesi ad altre espressioni puramente onomatopeiche) ma chiarissimo nell'esposizione degli stati d'animo: cosa che fu fondamentale per colpire l'immaginario di milioni di persone non accomunate dalla stessa lingua. Il tutto veniva completato da una colonna sonora dal sapore Jazz curata da Franco Godi, musicista già famoso per le sue collaborazioni con Bruno Bozzetto.

La cosa che colpisce, ancora, nella creatura di Cavandoli, a distanza di 40 anni, è l'estrema capacità sintetica nel riuscire a riunire in due soli elementi (lo schermo nero, o blu, e una linea bianca) una serie infinita di richiami (pure confinanti con universi artistici ben più colti, o ritenuti, più o meno a torto, tali) sia umoristici ma anche d'attualità che ancor oggi riescono a divertire senza il bisogno di ricorrere a volgarità o a triti luoghi comuni. Basti pensare agli interventi (quasi) "divini" rappresentati dalla mano del disegnatore o dalle buffe richieste d'aiuto, a volte al limite del grottesco, del povero Mister Linea: spesso fuori luogo e sbeffeggianti le prime e sospese tra supplica e rabbia repressa le seconde (una metafora dell'uomo moderno?).

Una potenza espressiva assemblata con talmente pochi strumenti a disposizione che fa ancora tremare ed è un peccato che l'associazione con il prodotto pubblicizzato abbia, in un certo senso, danneggiato qui in Italia la serie che invece all'estero è diventata presto un cult (della serie "nessuno è profeta in patria") attraverso pubblicazioni a fumetti (qui la serie ancora pubblicata in Nord Europa), citazioni in video musicali (per esempio qui e qui) e graffiti popolari (chi gira le metrò tedesche saprà di cosa sto parlando).

Questa poca considerazione in patria ha dato parecchi dispiaceri al suo autore che continuò a chiedersi del motivo di questa dicotomia tra successo internazionale e questa sorta di indifferenza da parte dei propri concittadini (almeno di quelli responsabili dei mezzi di informazione visto che a livello popolare nessuno l'ha mai dimenticato) fino al giorno della scomparsa avvenuta un paio d'anni fa.

Questa mia per ricordarlo.

Mo.

Questa DeRecensione di La Linea è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/osvaldo-cavandoli/la-linea/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (QuarantaTre)

macaco
Opera: | Recensione: |
O__O
Opera: | Recensione: |
_______________________________
BËL (00)
BRÜ (00)

cynic
Opera: | Recensione: |
kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
bravo Capitano, omaggio doveroso. Inchino.
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
grandissimo! chi ha Sky lo può rivedere su Cultoon alle 20 tutti i giorni
BËL (00)
BRÜ (00)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Bellissimo questo cartone, l'ho visto qualche volta in TV. Altri tempi
BËL (00)
BRÜ (00)

mocampo
Opera: | Recensione: |
GustavoTanz
Opera: | Recensione: |
Grande Osvaldo...
BËL (00)
BRÜ (00)

axel
Opera: | Recensione: |
La Linea...tratto da un idea di Pablo escobar :)
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Oddio, quanta gente! Troppo buoni tutti quanti tanto piu' che c'e' un errore (fatto per distrazione) in questa frase "a credere fin da subito nelle potenzialità della serie e, almeno nel logo, si legò ad esso" dove andrebbe meglio un "essa" ma non voglio disturbare nessuno per una piccolezza alla fin fine.
Comunque la cosa che mi fa piu' piacere e' proprio il fatto che la mia sensazione che il personaggio non fosse dimenticato era vera (ed Iside me lo conferma con la dritta su Sky: grassie vecio!). Grazie veramente di cuore a tutti quanti!
BËL (00)
BRÜ (00)

dreamwarrior
Opera: | Recensione: |
Uh mamma ma che ripescaggio! Da piccino la guardavo sbalordito e durante le lezioni imbrattavo il banco con linee ed omoni buffi anzi, a voler essere onesto, al posto degli omini a volte ci mettevo delle oscenità :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

il_losco
Opera: | Recensione: |
ma solo io ci sentivo bestemmie in ciò ke diceva la linea?

BËL (00)
BRÜ (00)

Lostinspace
Opera: | Recensione: |
Bellissima recensione (molto completa anche negli interessantissimi riferimenti e link, grazie!! ) e bellissimo "ripescaggio" nei meandri della mia infanzia... purtroppo la "scimmia" di youtube mi coglierà nuovamente e butterò delle ore in questo amarcord
BËL (00)
BRÜ (00)

il giudicone
Opera: | Recensione: |
fantastico!!!! l' unica linea bianca che può dare dipendenza senza xrò far male.....
BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
Bravo bravo bravo. Scritta bene, scorrevole e con notizie e link interessanti. All'epoca su Carosello capitava di vedere molte trovate geniali (cartoni animati, pupazzi, animazioni che hanno fatto scuola). Cavandoli è stato fra i migliori di quella serie. Il linguaggio de "la linea" era un efficaissimo "grammelot", che pochi anni più tardi sarebbe stato portato nei teatri (e in televisione) da Dario Fo. Mi associo parzialmente al commento 12: Si intuivano turpiloqui irripetibili, quando la linea si incazzava.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grazie ancora a tutti! Sulla questione turpiloquio mi metytete in difficolta' perche' onestamente a parte qualche "vaffa" qua e la non mi e' mai sembrato di cogliere nulla di piu' grave (bestemmie come dice l'amico Losco non mi sembra proprio) e neanche ora che ogni tanto vado su YT a vedermene un po' ma potrei esser io non tanto bravo a decifrare sta sorta di grammelot,come dice Vortex.
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Opera: | Recensione: |
Me la ricordo, fu un'idea stupenda, la guardavo sempre a carosello, immagino che tu sappia tutte queste cose perchè ti interessi di fumetti, o no? Se è così, magari sai anche chi inventò il caballero misterioso, altra idea geniale secondo me.
BËL (00)
BRÜ (00)

c'è
Opera: | Recensione: |
___________________________________ ___________________________________ __________
BËL (00)
BRÜ (00)

omahaceleb
Opera: | Recensione: |
Che idea Capitano, 5 a prescindere. Nessuno l'ha dimenticato, neanche io che ho 23 anni. Come si dice, Fedeli Alla Linea.
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
be il bello era cercare di capire le parolacce
BËL (00)
BRÜ (00)

The Punisher
Opera: | Recensione: |
Un mito inossidabile si... a parte la resa video sembra ancora reggere il peso degli anni. La copertina però non è così sul verde...
:-)
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Troppo gentili tutti, in fondo ho fatto solo "cronaca" mi fa piacere che questo pezzo di storia italiana sia ancora sentita. Sulle questioni poste: @Bubi: quello che citi e' un altro pezzo di storia e non solo della pubblicita' italiana ma dell'immaginario collettivo, purtroppo io sono troppo "giovane" per averlo vissuto "in diretta" ("La Linea" l'ho conosciuta al di fuori di "Carosello" perche' se non ricordo male veniva passata alla "Tv dei ragazzi" o similia) ma appunto la mia passione per quest'"Arte minore" mi ha portato a recuperare il piu' possibile, retoricamente rispondo alla tua domanda: ad inventare la saga del Caballero fu l'agenzia Testa, credo lo stesso Armando ma non son sicuro. @Omaha: la battuta "sinistrorsa" mi ha fatto scompisciare :-D @Isi: e' che il milanese non e' mai stato il mio forte, figurarsi quello "inventato" da capo. @Puni: e' la migliore che ho trovato, comunque ti ricorderai che spesso il nero (o blu) cambiava tonalita'...
Grazie anche tutti gli altri intervenuti, veramente!
BËL (00)
BRÜ (00)

fusillo
Opera: | Recensione: |
Baiubadu......... Baiubadu........ Baiubadu....... Baiubadu....... ecc...
BËL (00)
BRÜ (00)

carlo cimmino
Opera: | Recensione: |
Tanto di cappello, capitano. I miei complimenti. E cinque anche a Cavandoli.
BËL (00)
BRÜ (00)

il_losco
Opera: | Recensione: |
Lo sapevate ke il doppiatore della linea, Carlo Bonomi, è lo stesso ke dava la voce al coso a strisce colorate di "Scacciapensieri"? Forse qualcuno di voi si ricorda di questo programma ke tutt'ora va in onda il sabato sulla TSI.

BËL (00)
BRÜ (00)

il_losco
Opera: | Recensione: |
mocampo
Opera: | Recensione: |
Il losco, che mi hai ricordato! La si aspettava per tutta la settimana con trepidazione ed ogni volta mi toccava morire dal ridere per la sigla. che dici si troverà sulla rete?
BËL (00)
BRÜ (00)

chatnoir
Opera: | Recensione: |
5 tutta la vita al grande osvaldo e 5 a te perché lo hai ricordato con una bella rece
BËL (00)
BRÜ (00)

il_losco
Opera: | Recensione: |
@MOCAMPO: no idea..prova cercando "stripy" di bruno bozzetto. Altrimenti prenditi un sabato libero, entra in un qualsiasi bar del canton ticino e alle 18-18.30 chiedi se puoi guardare scacciapensieri :D
BËL (00)
BRÜ (00)

Appestato mantrico
Opera: | Recensione: |
noooooooo il mio cartone preferito da piccolo!
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
fanno ancora scacciapensieri? mi spancio dal ridere solo al ricordo della sigla!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ringrazio il losco per la dritta, non ne ero a conoscenza. Un grazie a tutti ancora per esser passati!
BËL (00)
BRÜ (00)

reverse
Opera: | Recensione: |
MuffinMan
Opera: | Recensione: |
Geniale... e bravo tu nel ricordarlo
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grazie ad entrambi!
BËL (00)
BRÜ (00)

pi-airot
Opera: | Recensione: |
"La Linea" oggi mi piace perché parla di un tempo in cui lo stile lo si dettava, non lo si subiva. Dico "oggi" perché da bambino la voce della Linea mi faceva quasi paura... si può?
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Secondo me solo qui in Italia "subiamo" lo stile, in molti posti fuori si crea ancora. Penso comunque che la voce su bambini piccoli potesse esercitare un po' d'inquietudine...
BËL (00)
BRÜ (00)

shooting star
shooting star Divèrs
Opera: | Recensione: |
cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
il giustiziere
Opera: | Recensione: |
ahah bella questa
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Thankssss!
BËL (00)
BRÜ (00)

luludia
Opera: | Recensione: |
la linea è un must assoluto...tu bravissimo nel dirne, con sintesi e chiarezza, il grande valore....
BËL (00)
BRÜ (00)

perfect element
Opera: | Recensione: |
Io ho sempre creduto che parlasse in dialetto bergamasco.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: