Otis Redding
Otis Blue

()

Voto:

Può la voce dire di più di quanto dicano le sole parole ? Si, e evidentemente questo album ne è la prova.

Lontano dall'istrionismo di James Brown, vicino alla vocalità intima di alcune canzoni di Ray Charles, ma con una voce ancora più soul, Otis Redding ha fatto del soul un linguaggio universale. Una voce che canta l'amore e la solitudine, le paure e le gioie effimere: la poesia è tutta nella voce, nel modularla secondo lo spirito di ogni canzone, e la voce di Otis Redding brilla quando a fare una sorta di controcanto è una tromba solitaria, ora straziante ora ballerina, in un gioco di scambi e di rimandi irresistibile.

Le canzoni sono undici: sue sono Ole Man Trouble, Respect (resa immortale da Aretha Franklin) e I've Bee Loving you too long. Le altre sono interpretazioni di successi altrui, con l'omaggio al suo maestro Sam Cooke. Il primo capolavoro è l'intepretazione di A change is gonna come di Cooke: dopo un intro della solita tromba, la voce esplode di dolcezza sul primo verso, per poi trascinarsi quasi indolente e rassegnata fino alla fine, accompagnata dal basso, da una batteria elementare e dai sussulti degli ottoni. Il secondo è I've been loving you too long: qui la voce di Otis Redding tocca l'apice della sua poeticità, seguendo più o meno lo stesso schema di A change is gonna come, e la tromba rimane fedele compagna. I testi sono semplici, amori finiti, rimpianti della giovinezza; è la voce che ne amplifica al massimo la potenza e la densità.

Shake (altro omaggio a Cooke) è un intermezzo piacevole, ritmico e sfrenato che precede il terzo capolavoro: My Girl. È il brano più rilassato, una boccata d'aria, che placidamente ci avvicina alla parte più briosa del LP: Wonderful Word, Rock Me Baby e Satisfaction. La prima è la famosa e divertente ode all'amore, in barba a tutto il resto, di Cooke e Otis Redding la intepreta con impagabile ironia. Rock me baby è di B.B. King (e si sente) mentre la sopresa è la versione di Satisfaction dei Rolling Stones: scatenata quanto l'originale, ottoni in gran spolvero e voce isterica quanto basta. Il disco si chiude in bellezza, con un brano soul doc : You don't miss your water di William Bell. Il modo di intepretarla è già noto, ma non ci si stanca mai di ascoltarlo.

Otis Redding morì nello stesso giorno (10 dicembre 67) in cui venne ucciso tre anni prima il suo maestro Sam Cooke. Un incidente d'aereo. Aveva solo 26 anni.

Questa DeRecensione di Otis Blue è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/otis-redding/otis-blue-otis-redding-sings-soul/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Undici)

So che?
Opera: | Recensione: |
è un artista che ha tutto il mio rispetto, era modesto e la voce...R.I.P.
BËL (00)
BRÜ (00)

Zarathustra
Opera: | Recensione: |
Fantasmagorico, grandissima voce. grandi canzoni, emozioni allo stato puro. Questa è la musica soul, fatta con l'anima... Ottima recensione
BËL (00)
BRÜ (00)

Wanderer
Opera: | Recensione: |
Classicissimo, buona recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

Socrates
Opera: | Recensione: |
Ecco, se qualcuno volesse conoscere le "fondamenta" del Soul, quest'album andrebbe inserito, a mio parere, nella lista, forse anche nella top ten. Bravo Sabatino, nome per familiare.
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
Solo la copetina vale già un classico... Stupenda segnalazione Sabatino.
BËL (00)
BRÜ (00)

odradek
Opera: | Recensione: |
filini
Opera: | Recensione: |
Otis non si discute...5 secco.
BËL (00)
BRÜ (00)

Viva Lì
Opera: | Recensione: |
Un piccolo grande gioiellino. Otis Redding non si discute, e ci mancherebbe, eppure sono in molti a pensare che la sua versione di "Respect" sia un filino inferiore a quella di Aretha Franklin. Punti di vista, per carità, ma stipare in un solo disco un infinità talmente enorme di capolavori ("Wonderful World", "A change is gonna", "Down in the Valley") è un piccolo miracolo, compresa la cover, stupenda, di "Satisfaction" dei Rolling Stones. L'anima soul al suo picco più alto, forse, mai nessuno, riuscirà più a egugliarla.
BËL (00)
BRÜ (00)

Vivis
Opera: | Recensione: |
un'altra di quelle voci irripetibili.Da brividi.
BËL (00)
BRÜ (00)

polkatulk88
Opera: | Recensione: |
Non ce l'ho mannaggia! Me lo procurero al piu presto,conosco diverse canzoni che hai citato e non me lo posso perdere!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr. Money87
Opera: | Recensione: |
Una voce meravigliosa, che non si può non amare! Disco da ascoltare e riascoltare.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: