Papa M
Live From a Shark Cage

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Dave Pajo e il suo tocco cristallino, profumato. Intona bucoliche filastrocche accordandosi con il buffo gracidare di uno scacciapensieri nel languore di uno stagno dove saltella qua e là una pigra drum-machine.

Dave Pajo ed i suoi puerili giochi country che duettano con un pensieroso banjo mentre un esile rigagnolo psichedelico scorre all’ombra dell’armonia e brilla debolmente di tesori di ricordi antichi.

Dave Pajo e i suoi gioiosi acquerelli che provano a staccarsi da una sorda e disturbante cornice elettronica.

Dave Pajo ed i suoi rigagnoli psichedelici che, a poco a poco, mutano in un fiume colmo di desideri ed elettricità dove naviga sicuro il battello ebbro di un impavido sitar.

Dave Pajo e le sue piccole bizzarrie sonore che fioriscono nello stesso giardino dove i Gastr Del Sol andavano a riposare.

Dave Pajo ed i suoi fiumi psichedelici che, a poco a poco, mutano in una fresca pioggerellina battente che scioglie le mura di zuccherose melodie.

Dave Pajo ed i suoi pseudonimi, la sua mano leggera e saporita, le sue frasi dove è presente solo il necessario. Incrocio tra Verlaine e Stendhal che, in questo disco, va a collocarsi tra il Rosso del crepuscolo ed il Nero della notte per dipingere romanze senza parole dove prendono vita le emozioni che non hanno un nome e che mai l’hanno avuto.

Questa DeRecensione di Live From a Shark Cage è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/papa-m/live-from-a-shark-cage/recensione-cosmicjocker

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Hai fornito una visione suggestiva e intrigante del disco. Bravo Cozmik! Ci hai messo anche il "battello ebbro"... Pajo sembra molto valido, sto gradendo. Grazie della segnalazione.

CosmicJocker: Grazie Almo!..sapevo avresti colto il battello ebbro..;)
Festwca
Festwca Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sia questo che Whatever Mortal sono dischi magici, rari. Pajo ha elaborato un linguaggio scarno ma di grande effetto comunicativo. Senza tempo. Soprattutto Whatever Mortal è così essenziale che rasenta la perfezione. Il voto ad entrambi è 4.99 perché il cinque va a Fahey. Qualcuno ha sentito il disco con cui ha riesumato il nome Papa M l'anno scorso?

CosmicJocker: Devo dire che preferisco questo a whatever mortal (che comunque rimane un gran disco)..mi pare più fantasioso questo..ignoro invece il disco dell'anno scorso..è valido?
CosmicJocker: E sono d'accordo sul 5 a Fahey..influente e seminale come pochi altri..si sente in questo disco..
therealramona: Qualcuno ha sentito il disco... eccerto! Direi che è un po' sconclusionato. Solo due/tre pezzi che presumo ascolterò ancora tra qualche anno. Consiglio una specie di colonna sonora per un documentario,
"Skateboarding In Pine Ridge". Qualcuno ha sentito il nuovo Boris? :D
Festwca: Ciao Ramona! Grazie per le informazioni, vado ad ascoltare il tutto
IlConte
Opera: | Recensione: |
Ola PoetaCosmico! Non so una mazza ma i tuoi scritti valgono sempre il tempo dedicato! Un abbraccio
@[Pinhead] (5)

CosmicJocker: Ciao nobile! È sempre un piacere averti come lettore..anche nei periodi in cui mi sento un po scarico..
tia
tia
Opera: | Recensione: |
Che bella recenzia, evocativa quanto basta! Pajo una certezza!

CosmicJocker: Grazie..! Pajo è sempre riuscito a ipnotizzarmi con due accordi..
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Recensione poetica per un album magico. Drunken Spree il pezzo preferito.

CosmicJocker: Grazie Johnny..! Drunken Spree pezzo fantastico..amo molto anche l'indolenza di Roadrunner..ma in verità credo che sia proprio il susseguirsi e l'incastonarsi dei vari pezzi a comporre la magia del disco..quando ci metto orecchio lo ascolto sempre dall'inizio alla fine..
Johnny b.: Concordo scaletta perfetta pezzi che si incastonano in modo sublime. Folk elettroacustico dilatato scarno e minimalista (in alcuni pezzi) di altissimo livello. Per me il suo capolavoro Papa M. Chitarrista Slint Tweez e Spiderland, bassista Tortoise Millions.... e TNT un Ep Fight Song For Carnation, batterista King Kong, altri buoni album a nome Aerial M e tante collaborazioni con artisti di livello. Polistrumentista colto e geniale uno dei migliori degli ultimi venticinque anni.
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
non ricordo quale dei due lavori ho sentito, comunque un bel sentire, Chiaramente anche un bel leggere.

CosmicJocker: Amo Pajo in tutte le sue forme..
therealramona
Opera: | Recensione: |
Apprezzo la scelta, ma non è abbastanza zot!

CosmicJocker: Forse è più toz!
lector
Opera: | Recensione: |
Me l'ero persa. Sempre giusto parlare di Pajo.

lector: "Il rosso e il nero" è il mio libro preferito di Stendhal.
CosmicJocker: Ricordo la tua "debolezza" per Stendhal (che peraltro condivido)..tu come stai comandante? È un periodo buono?..
lector: Caro Joker, è un periodo come un altro: è il caldo che mi rende insofferente. Grazie per il tuo interessamento. Spero che, almeno tu, stia in un posto un po' più fresco.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: