Sto caricando...

Paradox
Heresy

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


A Saucerful Of Thrash - Episodio IV: "Ohhh - Ohhh... I'm a thrasher... I'm a Bay Area thrasher... I'm a Bay Area Thrasher  in Wurzburg" *

Caro amico medallino ti scrivo, così mi distraggo un po'. E siccome mi pari un po' duro di comprendonio, più forte ti scriverò.

Vedi, amico medallino, forse non ti rendi conto di quanto sei fortunato. Oggi come oggi, il peer to peer ti dà la possibilità di ascoltare più o meno ogni vaccata musicale che sia stata pubblicata dall'invenzione del peto fatto con l'ascella a oggi. Grazie al "www", puoi conoscere tutto ciò vuoi di un disco, di una band, o di un genere musicale, semplicemente titillando la tastiera del pc che mamma e papà ti hanno regalato per non avere preso il debito in mate. Oggi come oggi, c'è debaser.it che ti ama e ti dà la possibilità di sbandierare ai quattro venti tutto il tuo sapere musicale e di far conoscere e apprezzare a decine di persone anche i dischi più sconosciuti e dimenticati della tua collezione.

E invece tu che fai, amico medallino? Sprechi tutto questo ben di Odino, scarichi un album che non è ancora uscito, te ne freghi se si sente da schifo o se è una copia promozionale con sovra-incisa la voce della badante slovacca del tuo idolo over 50 ormai costretto al pannolone per le piccole perdite, e lo recensisci, contribuendo ad un meccanismo perverso per cui tutti parlano degli stessi dischi, dicendo le stesse cose, senza renderti conto che, di fronte al quinto doppione, la gente (comprensibilmente) smette di leggere e inizia ad insultare.

Amico medallino, placa la tua verve recensorea prima che ti spinga a compiere l'insano gesto doppionesco, mettiti il cuore in pace e cerca di capire, una volta per tutte, che se davvero vuoi ascoltare del sano tresc medal anni '80, c'è solo una cosa che puoi fare: ascoltare del sano tresc medal anni '80.

"Heresy" è quello che fa per te. Per tanti motivi. Non ultimo il fatto che, nel suo genere, è un piccolo gioiellino dimenticato.

Vede la luce nel 1989, ed è il secondo full length di un quartetto proveniente da Wurzburg, in Baviera, capitanato dal talentuoso Charly Steinhauer (chitarra e voce): uno di quegli strani personaggi di cui la storia della musica pare non essere mai sazia, che sembrano aver ricevuto il talento in cambio della propria felicità personale.

"Heresy" è, per certi versi, un paradosso musicale: partorito tra le fauci rozze e sgraziate del bacino teutonico, si rivela all'ascolto come uno splendido campionario degli stilemi del Bay Area sound, in cui il cieco grattuggiamento chitarristico, marchio di fabbrica di buona parte delle produzioni tedesche anni '80, lascia il posto a ritmiche evidentemente mutuate dalla tradizione a stelle e strisce: ricercate e complesse, ma mai eccessivamente contorte, che in più occasioni pescano a piene mani dai più riusciti parti della mente creativa di Jeff Waters ("Kill Time"). Un disco in cui agli eccessi di raucedine, marchio di fabbrica di ogni fedele adepto della Triade, viene contrapposta una prova vocale forse tecnicamente non eccelsa, ma comunque valida. Alla becera e insistita ignoranza delle liriche più o meno satanasse, viene preferito addirittura un concept dedicato alla eresia catara e alla crociata contro gli albigesi.

Il risultato è un album in cui brani tirati, puri concentrati di speed/thrash medal anni '80 ("Heresy", "Crusaders Revenge"), si alternano a mid-up tempos pompatissimi ("Search For Pefection"), e a interludi acustici che, pur non facendo gridare al miracolo per originalità o difficoltà di esecuzione, ne impreziosiscono il songwriting. Un disco pervaso da una diffusa musicalità, epica e melodica, talora anthemica ("Serenity"), che però non ne intacca la solidità, la forza d'impatto, trovando nei Medallica di "Master Of Puppets" il proprio malcelato punto di riferimento. "Heresy" finisce così per essere un prodotto eccellente, cui può solamente imputarsi il ritardo con cui è giunto alla pubblicazione: qualitativamente notevolissimo, paga la derivatività della propria proposta musicale, il fatto di non avere nulla da aggiungere a quanto detto da chi lo ha preceduto, tanto da poter essere (quasi) ridotto all'ennesimo esemplare di un genere che, nel 1989, aveva raggiunto la piena maturità.

Al tempo della sua pubblicazione, "Heresy" riscosse un ottimo successo di pubblico e critica, sia in patria che all'estero e ancora oggi rappresenta l'apice della produzione dei Paradox. Attualmente è poco più di un disco dimenticato, snobbato persino da chi da diciotto anni si strugge nella speranza che il proprio gruppo feticcio ritorni a suonare tresc medal. E' un disco di quelli che "l'ho scaricato, ma lo devo ancora ascoltare bene". Un disco per cui, forse, non vale nemmeno la pena scrivere una recensione...

A proposito! ...qualcuno ha già sentito quello nuovo dei Medallica?!?

Dedicata a Sòò-Simòònèè, che ha spezzato loro le reni

 

* Sarebbe da cantare sulle note di "Englishman In New York"...

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su TrentaTre

Fidia
Fidia
Opera:
Recensione:
Bella Bartle, recensione simpatica come al tuo solito.
Ma li hai ripresi i corsi di aggiornamento?
I miei ce li ho tutti alle 15,00.


Hell
Hell
Opera:
Recensione:
Dunque.. Recensione che sa il fatto suo, anche se la prima parte andava un po' tagliata, ma va benissimo così; voto 4,6999999. Questo invitante album spid tresc medal può fare al caso mio ma andrebbe a finire sotto i quaranta dischi ancora da ascoltare che ho accumulato in questi giorni. Non sia mai: lo piglio e ci dò un ascolto.


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Ciao! mamma mia, non me ne parlare... ieri mi sono fatto 3 ore di deontologia su "Tariffario forense e redazione della notula": almeno tre colleghi, tra cui uno dei relatori, hanno finto un malore pur di allontanarsi prima della fine. E per fortuna che era gratuito. Qua già si parla che dall'anno prossimo pacchia finita e crsi solo a pagamento... farò un mutuo per tenermi aggiornato!:DD


Fidia
Fidia
Opera:
Recensione:
Guarda, da me ce ne sono alcuni a pagamento che praticamente frequentano soltanto i consiglieri.
Credo che se l'anno prossimo li facessero tutti a pagamento, ci sarebbero molte radiazioni l'anno successivo, compresa la mia.


SUPERVAI1986
SUPERVAI1986
Opera:
Recensione:
XD grandissimo! anche se lo speed trash medal non fa per me....


Fidia
Fidia
Opera:
Recensione:
Spero di aver imboccato i tempi giusti dei verbi, altrimenti sono pronto a percuotermi sulla schiena con il codice civile commentato.


Prometheus
Prometheus
Opera:
Recensione:
Thrash till'Death!!!!!!! perche' in Germania non c'erano solo i Kreator, i Sodom e i Destruction.........


Workhorse
Workhorse
Opera:
Recensione:
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Devo dire che dall'ormai lontano 1991, anno in cui i grandiosi "Four Horsemen" hanno sfornato il meraviglioso omonimo album "Metallica" chiamato anche "Black Album", non sentivo da loro un album così bello.


Giona
Giona
Opera:
Recensione:
L'antica crociata contro i doppioni... Ho la netta sensazione che sia una battaglia contro i mulini a vento però...


Pasko
Pasko
Opera:
Recensione:
prolungarsi nel senso di dilungarsi sono sinonimi ho appena controllato sul De Mauro...


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
A parte gli scherzi, consiglio a tutti i medal fan e sfascia in particolare l'ascolto d questo disco. E' davvero "Un fiume di metallo con pesciolini melodici che sguazzano evitando le più moderne reti new metal"!


blechtrommel
blechtrommel
Opera:
Recensione:
AhAh!Non era una trilogia!:D Complimenti Bartle, stupenda recensione: i primi due paragrafi sono davvero divertenti e il resto è l'ennesimo esempio della tua bravura nel farmi leggere, con molto piacere, di musica che probabilmente non ascolterò mai.:)Ancora congratulazioni e a presto.


sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
Frate Bartholomeo[http://it.wikipedia.org/wiki/Fra_Bartolomeo]: provvederò senz'altro! Prima però (a questo point credo sia orsù giunto l'appropriato de-momento) dovrò necessariamente origliare stà stramaledetta MorteMagnetica: stamane un mio antico (terrestre)know-osciente minacciò di cd-imprestarmelo: chè fò, secondo Lei, me ne privo? Non sarà mai peggio dell'omonimo Black Album chiamato Metallica, no?


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
No, no! a dir la verità i capitoli previsti sono (sbattere frenetico di chiappe...) addirittura 10 (e non sto scherzando!:DD)!! Solo che tra lavoro e impegni vari, vedo piuttosto improbabile riuscire a portare a termine l'"opera" prima del 2010. Ho già in mente quali dischi recensire nei prossimi 4 capitoli.. il problema è che due posticini li voglio lasciare per quelli che ai tempi erano i miei gruppi preferiti: Slayer e Pestilence. Peccato che di entrambi sia stata recensita (più volte...) l'intera discografia. Mi dovrò inventare qualcosa..


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
@Sfascia: ultimamente io sto giocando di brutto al super enalotto: se vinco 56 milioni di euri, non escludo di investire (non un pedone, bensì) una ventina di euri per (squillino le trombe di fallopio) l'acquisto della morte magnetica. Anche perchè chi l'ha sentito mi riferisce che "Si capisce subito quanta voglia abbiano i Metallica di salire dopo tanto tempo sul trono del metal e guardare dall'alto tutti"


Eliodoro
Eliodoro
Opera:
Recensione:
Recensione accattivante ma il genere non fa per me e, mi dispiace per il recensore ma questo disco non lo cercherò. Saluti


gastone.lomazzi
gastone.lomazzi
Opera:
Recensione:
Capisco bene ciò che intendi. Da noi si dice: L'avambraccio della signora Menega, spazia e sbuffa fino a Domenica.


Oo° Terry °oO
Oo° Terry °oO
Opera:
Recensione:
ILpercussionist
ILpercussionist
Opera:
Recensione:
QUESTA è una Recensione!


rikiii
rikiii
Opera:
Recensione:
A Wurzburg viene prodotta la famosa "Rauchbier", cioè la famosa birra affumicata, l'unica al mondo con il retrogusto di wurstel alla griglia. Da abbinare ad un bello stinco di maiale (in mancanza dell'animale intero) oppure al classico filetto cubico da 10 cm di lato. Provare per credere.


Barbanera
Barbanera
Opera:
Recensione:
Speed thrash metal? Ormai, hanno messo autovelox dappertutto...


OleEinar
OleEinar Divèrs
Opera:
Recensione:
Grandissimo Bartle! Avevo proprio bisogno di leggere una pagina ghignosa.


reverse
reverse
Opera:
Recensione:
minchia però io adesso ho paura della medalmilizia che mi viene a prendere per uccidermi. Praticamente, l'OVRA in musica, e il duce chi è, Bob Rock?


Francescobus
Francescobus
Opera:
Recensione:
Evvai, altra rece proveniente dalla discussione Gammacide ("..!!..per Heresy, ti dirò, anch'io lo considero un gran disco..ma secondo me non tutte le canzoni sono dei capolavori..") dopo quella dei Carrion.Ultimamente mi sono baloccato con "Product Of Imagination" e con gli ultimi due; ero sicuro che sarebbe arrivata la rece sul piattino. Ottima come sempre e disco veramente gustoso, soprattutto la tile-track e l'assolo ben calibrato. Ecco, è scoccata la mezzanotte:DD


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
ricordo una recensione medallica che aveva una frase che faceva pressappoco così: "arriva l'anticristo e porta il riff"


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
"Hallucinating Anxiety" dei Cadaver. Anche i commenti sono gustosi


extro91
extro91
Opera:
Recensione:
IO ADORO QUESTO ALBUM!


The Decline
The Decline
Opera:
Recensione:
Recensione superlativa. Power/Thrash decisamente sopra la media, con testi interessantissimi ed una magnifica performance musicale.


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Rispolverare il medal bartle è un'ottima idea.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Heresy è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link