Patti Smith
Live @ Villa Fenaroli, Rezzato (BS) 04.08.10

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


- I Live di Telespalla N° 12 - Voglio il gilet di Lenny Kaye

Il biglietto parla chiaro: s'inizia alle 21:30. Che ore sono? Le 20:40, in mezz'ora sono a Rezzato che tanto è quasi tutta Tangenziale. Al massimo vado di pedale e faccio qualche sorpasso. Qualcuno direbbe che è tardi, probabilmente fosse stato un altro concerto l'avrei detto pure io eppure vado piuttosto piano. Ai miei occhi non era la solita Brescia, la solita Tange: mi sembrava più bella, più tranquilla. La vedevo con occhi diversi, non so se rendo l'idea, e allora rallento un pochino e ci sto più attento. Alla fine non era nulla di che, è la solita vecchia Brescia: sono i miei occhi che sono diversi. Stasera è una serata speciale, stasera vedrò Patti Smith in concerto ed ero carico a mille, gasatissimo. Non vedevo proprio l'ora e anche le premesse erano di quel genere: biglietto comprato due mesi e mezzo prima, spesi 40 Euro praticamente in prima fila, dentro di me covavo un'attesa spasmodica (che stranamente conservavo per me). A che ora arrivo? Alle 21:15 il mio culone si stampa sul seggiolino a lui riservato. A me piace guardare il palco vuoto, vedere i tecnici sistemare i cavi e quelle robe lì. Non chiedetemi perché. Guardarlo ieri sera pensando: "tra me e quel palco quanto saranno? 5 metri? Tra pochi minuti vedrò Patti Smith sparata davanti a me".

L'attesa di prima diventò fremito, le gambe facevano giacomo-giacomo, ed arrivai a fare una strana confidenza a quello seduto accanto a me, un signore di San Bonifacio (VR): "Manco la prima volta che ho visto i R.E.M. ero così felice d'andare ad un concerto". Era vero! L'avevo detto ad uno sconosciuto quando difficilmente l'avrei ammesso a me stesso. Qualcuno direbbe chissene, io avevo solo gli occhi fissi sul palco. Guardavo quello e talvolta mi giravo a sbirciare un signore seduto nella fila dietro: credetemi, era il sosia di Johan Cruijff! Vagavo per pensieri miei: - Cazzo! Sono a vedere Patti Smith, sono praticamente in prima fila e dietro di me c'è Cruijff seduto - Gli assomiglia, secondo te Cruijff non ha niente di meglio da fare che andare a Rezzato? - m'intimava il cervello. - Zitto tu! - Fu la mia risposta. Ormai vagavo in un'altra dimensione (ed ero sobrio, dato preoccupante!) E' scritto 21:30 sul biglietto ma s'iniziò più tardi, neanche tanto. Dieci minuti di ritardo? Quindici? Che ne so, non avevo l'orologio. Eccoli lì, finalmente. Fu un attesa ripagata e l'avevo capito subito da due dettagli (ma sono quelli che nella vita ti fregano): la giacca di Jay Dee Daugherty ma soprattutto il gilet di Lenny Kaye. Nero, su camicia bianca e sotto un paio di jeans: signori, questo è stile. C'è poco da fare. Capisci subito dove sta la differenza e la classe. Naturalmente (e giustamente) era lei a prendersi la scena.

Cosa dire? Patti Smith è folgorante, almeno mi sembrava così. Qualunque cosa facesse sembrava mistica, perfetta. La guardavo e pensavo, forse stupidamente: la seguirei dovunque. Un leader spirituale, con un valore straordinario: invece di guidarti verso una guerra od una religione ti trascinasse verso la poesia dei suoi versi e verso i ricami musicali cuciti sopra. Ti guida verso l'ebbrezza e la pace dell'anima. Era veramente il concerto che avevo atteso da quando ho amato la Musica, forse perché Micheal Stipe non l'ho mai avuto così vicino. Ieri sera avevo capito il perché Patti Smith è sempre stata il suo riferimento, il suo mito. Il concerto è stato bellissimo: tante belle canzoni, qualche classico ("Dancing Barefoot", "Gloria" e "Rock 'n Roll Nigger" quelle che m'hanno emozionato di più) che con guasta mai e nel bis un bellissimo omaggio a Jerry Garcia.

Ci sono sempre dei fotogrammi che si fissano nella mente in momenti del genere. Allora in tutto quell'inebriare di Musica e Poesia e nella mia tacita ammirazione resteranno gli sbadigli copiosi della figlia Jesse (suonava il pianoforte), la gestualità delle mani di Patti (in certi momenti mi ha ricordato Gaber), l'intermezzo di "Pissing in A River" eseguito magnificamente da Lenny Kaye con la chitarra acustica, quegli incitamenti a tutti noi a cambiare le cose, quel "Don't forget it!" prima di lasciare quel palco per sempre.

Grazie Patti. Non dimenticherò mai questa serata

Questa DeRecensione di Live @ Villa Fenaroli, Rezzato (BS) 04.08.10 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/patti-smith/live-at-villa-fenaroli-rezzato-bs-040810/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sedici)

iside
iside Divèrs
Opera: | Recensione: |
urka!! Patti a Brescia!!!!!! il giorno dopo giove pluvio si è vendicato!!
BËL (00)
BRÜ (00)

Flo
Flo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Se fossi stata a Trieste, probabilmente avrei fatto un salto a Grado per andarla a vedere, anche se la Smith non mi ha mai appassionata più di tanto. Bella recensione, Bob caro :)
BËL (00)
BRÜ (00)

TheJargonKing
Opera: | Recensione: |
molto bella, sempre sull'onda Bob.
BËL (00)
BRÜ (00)

Michoos What
Opera: | Recensione: |
Anche se non c'ero per un attimo ho condiviso la tua ansia e la tua emozione Peppì.Per un attimo sono stato lì anche io.Un abbraccio!Brav'!
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
alexx
Opera: | Recensione: |
sono amaramente pentito di non averla vista a Venezia...lunga vita a Patti
BËL (00)
BRÜ (00)

maurinok60
maurinok60 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Quello che hai provato tu l'ho provato io , allo stesso modo , trentuno (!)anni fa : Stadio comunale di Bologna, strapieno,settembre mi pare : altro che posti numerati..ore di fila ai cancelli..posto rimediato in tribuna e via andare, con lei che era poco piu' di un puntino ma emanava lo stesso un fascino hai detto bene, sciamanico...ho ancora il biglietto in un cassetto.
BËL (00)
BRÜ (00)

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Una recensione sulle tue emozioni... questo vuole DeBaser! I R.E.M. invece temo di non averli mai capiti. Qualche bella canzone qua e là, ma mai apprezzati a fondo.
BËL (00)
BRÜ (00)

cappio al pollo
cappio al pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ah, comunque l'altra sera in DeChat compresi fischi per fiaschi. Alludesti al mio link in playlist (inerente PJ, ma nel quale citavo anche la Smith) e capii che fossi stato ad un concerto della Harvey.
BËL (00)
BRÜ (00)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Nonostante un braccio malconcio vi ringrazio, troppi complimenti e troppi cinque che non merito. @Iside, ammazza! S'è vendicato sì. Ho rischiato di bucare con la macchina, lì si che sarebbero stati cazzi! @Cappio, è un periodo che noi due c'intendiamo al volo. Scherziamoci sopra e ridiamo
BËL (00)
BRÜ (00)

imasoulman
Opera: | Recensione: |
sempre indispensabili i tuoi reportage, certo che se fossi anche uscito da lì con il gilet di Lenny Kaye e con l'autografo di Cruijff...:))
BËL (00)
BRÜ (00)

JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grande Telespalla.
BËL (00)
BRÜ (00)

polkatulk88
Opera: | Recensione: |
rimpiango di non essere andato a vederla un paio d'anni addietro quando ce l'avevo a portata di mano...gran bel racconto il tuo!
BËL (00)
BRÜ (00)

blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera: | Recensione: |
Azz, hai visto la tua dea :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Tarpit
Opera: | Recensione: |
Non è esattamente Afrodite. :)
BËL (00)
BRÜ (00)

sellami
Opera: | Recensione: |
E menomale!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: