Prince
HITnRUN Phase Two

()

Voto:

Siamo nel 2015, l'anno prima Prince aveva provato, dopo anni di isolamento discografico, a "rientrare" nella Warner Bros. Records, pubblicando un album, Art Official Age, ricco di idee ma messe poco a fuoco; pentito, torna nuovamente in "proprio", sbattendo la porta definitivamente in faccia ai "suoi" discografici.

Così progetta due dischi, completamente diversi, con lo stesso titolo- HITnRun- distiniti in Phase One e Phase Two, usciranno a tre mesi di distanza l'uno dall'altro e saranno il commiato artistico di colui che ritengo essere uno dei migliori musicisti e cmpositori degli ultimi cinquant'anni. Visionario, eccentrico e futurista il primo, "classico", elegante e completo il secondo. Non un disco di canzoni tutte nuove questo Phase Two, alcuni dei pezzi erano già usciti in singolo, altri erano noti perchè eseguiti dal vivo e finiti in bootleg.

Prince però si diverte, nel senso letterario del termine, a riunire la sua THE NEW POWER GENERATION con una sezione allargata di fiati (NPG Hornz) nello studio casalingo di Paisley Park ed a risuonare questi pezzi con la classe di un direttore d'orchestra, facendo diventare il disco un Bignami di musica, abbracciando tutti i generi possibili, pop-rock-rhythm n blues-Jazz, facendone un'opera Fusion, dove sento, più che altrove nella sterminata discografia di Prince, il groove di un altro grande, Jaco Pastorius.

Già Prince e Pastorius, stessa iniziale, stesso immenso ed innovativo talento.

Parto dall'ultimo pezzo in scaletta, Big City, un puro Funky che si arricchisce di passaggi Jazz con un lavoro strepitoso degli Hornz a dare un tocco RnB: mettere insieme tanta roba è fattibile solo se sei un "genio" della musica. Ancora Fusion, imnensa classe, in Black Muse: basterebbe solo l'intro di basso a dare il massimo dei voti a questo pezzo, che pompa funky di grande classe con arricchimenti latino-Jazz che, almeno a me, portano al cuore le emozioni e le atmosfere della grande musica di Jaco. Stessi elementi funky Jazz in Groovy Potential che rispetto alle altre due ha alcuni accenni urban-soul che la rendono innovativa e mai scontata o già sentita: splendido il finale con basso e fiati che si assemblano alla perfezione. When she comes è un Blues, vecchio stile, impreziosito e reso unico da tocchi di fisarmonica: non ricordo molti altri pezzi blues con la fisarmonica, strumento tagliato per altri generi. Rocknroll loveaffair e Screwdriver sono due pezzi rock, più orientato al RnB il primo, quasi Hard Rock il secondo, con la grande chitarra di Prince a salire in cattedra, al centro della sua "orchestra", già perchè in questo disco, più che da una band, il Sig. Nelson sembra circondato da una orchestra. Stare, è puro funky, con il basso di Prince al centro della melodia: geniale e perfetta nell'insieme l' "autocitazione" del riff chitarristico di Kiss. Infine, il pop, di classe, in Baltimore, arricchita da un magistrale e limpido assolo di chitarra: il testo parla di amore contro la guerra e la violenza, l'amore è portato dalla musica, in particolare dalla chitarra....."it's time 2 hear the guitar play".

Consiglio questo disco a chiunque ami la musica, magari senza avere un genere "preferito", qui il genere musicale è uno, molto semplice: la bellezza !

Questa DeRecensione di HITnRUN Phase Two è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/prince/hitnrun-phase-two/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

DottZudo
Opera: | Recensione: |
Porno Musica, ah ah
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Recensione ben fatta. Prince un fuoriclasse.
BËL (01)
BRÜ (00)

Mr Funk
Opera: | Recensione: |
Bella rece, concordo su tutto. All'uscita avevo ascoltato solo superficialmente quest'album, dopo la morte di Prince, invece, l'ho ascoltato parecchie volte.
Lo trovo davvero maturo, con ottimi arrangiamenti (davvero bravi gli NPG Hornz) e canzoni ispirate. Groovy Potential, Black Muse e Big City su tutte.
Quest'album può essere un ottimo punto di partenza per chi non ha mai ascoltato Prince.
Una piccola postilla: il Phase One, seppur molto diverso da questo, è altrettanto ispirato ed anche più sperimentale.
BËL (00)
BRÜ (00)

Hungry: grazie ...è vero il Phase One è un gran disco !
woodstock
Opera: | Recensione: |
dai carina la rece...il disco boh chissà se lo ascolterò
BËL (00)
BRÜ (00)

Cialtronius
Opera: | Recensione: |
grandissimo PRINCE, sottovalutato.
BËL (00)
BRÜ (00)

Turbitt
Opera: | Recensione: |
Addirittura 5 stelle?!!! avevo letto su siti che quest'ultimo lavoro del folletto di Minneapolis era un notevole colpo di reni rispetto alla produzione anonima degli ultimi anni precedenti ma da qui a dare il massimo dei voti....Cioè vorrebbe dire che siamo in pratica al livello di lavori come Purple Rain e Parade?!...(cosi x dire due a caso del decennio d'oro) Mi farebbe piacere fosse così. Per pura coincidenza ho comperato questo cd alcuni giorni fa e non ho ancora avuto occasione di sentirlo. Mi hai fatto salire la curiosità e mi riservo di dare le mie impressioni dopo l'ascolto.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mr Funk: Chiaramente non è ai livelli di Parade e Purple Rain per mille motivi, ma è un ottimo album di un musicista maturo e pienamente consapevole di sé. Io non ho particolarmente apprezzato la produzione princiana compresa tra Musicology e 20Ten, ma da Art Officlial Age c'è stata un'evoluzione, soprattutto in termini di produzione, evidente, culminata con i due Hit 'n' run. Il secondo, in particolare, è davvero brillante e di classe pur essendo piuttosto "retrò" nella concezione.
Hungry: Turbitt capisco il disappunto, è un album molto diverso da Purple Rain o Parade, impossibile il paragone. Penso comunque concorderai sulla qualità eccelsa della musica e della sua esecuzione.
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Prince grandissimo genio. Negli anni 80 sfornava capolavori con cadenza quasi annuale. Questo da ascoltare. Bella recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

Turbitt
Opera: | Recensione: |
L'ho ascoltato...non grido al capolavoro ma è un disco veramente bello! equilibrato e "sobrio"...almeno per gli standard dell'ultimo Prince fuori rotta. Nulla di nuovo si, vero....ma che si pretende? Prince aveva già ridefinito i codici della black music negli '80 mescolandola sapientemente con il soul, il funk e un pizzico di rock. Questo ultimo lavoro è un ottimo "ripasso" di quella magica lezione. Il voto sarebbe un 3 e mezzo ma se devo arrotondare lo faccio verso l'alto. E pensare che negli anni 80 Prince mi stava sui maroni....ma ero un ragazzetto
BËL (00)
BRÜ (00)

Hungry: "è un disco veramente bello "...credo sia la migliore "recensione" al disco. Grazie.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: