Sto caricando...

Pulp
Hits

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Arrivare a fare proprio un artista non passa sempre da una canzone lanciata e da qui a iniziare a seguirlo se è all'inizio della carriera o ne ha già un po' alle spalle.

Nel mio caso arrivare ai Pulp era stato un documentario inglese sulla storia del Britpop (in cui arrivare ai Blur e agli Oasis era stato - raccontato nella mia recensione di 'Modern life is rubbish' dei Blur), in un momento dove la mia lunga adolescenziale giovinezza cominciavo a percepirla in crisi (agli inizi del 2018, rafforzata dalla morte di Dolores O'Riordan dei Cranberries).

In un momento particolare della mia vita scoprivo il gruppo dell' 'intellettuale' Jarvis Cocker che negli anni '90 con solo due album era uscito fuori dall'anonimato, aveva fatto un grande successo ma dopo avere optato per un cambiamento di stile era scomparso in pochi anni come una meteora.

Spesso mi sono chiesto dei miei cantanti e gruppi preferiti quale album mi potrebbe rappresentare: nel caso dei Pulp questa raccolta, 'di contratto' (come voluto dalla loro casa discografica allora), perché gli album di provenienza dei successi ascoltati su Youtube non mi hanno mai entusiasmato (ma dal vivo i sei - dal '95 - sono fantastici [capolavoro 'F.E.E.L.I.N.G.C.A.L.L.E.D.L.I.V.E.' - '95 - e 'REEDING+LEEDS' - 2011]).

Per apprezzare i Pulp di successo questo album è indicato: l'unico brano inedito è 'Last Day Of The Miners' Strike', sugli scioperi dei minatori nel nord dell'Inghilterra dei primi anni '80 contro la chiusura delle miniere attuata dal Primo Ministro Margaret Thatcher. Una canzone passabile.

I Pulp hanno segnato la mia vita negli ultimi due anni, facendomi provare il fascino di una crisi interiore dove lo spirito della mia vita vissuta in famiglia e in solitudine a Genova (la mia amata città) e in Calabria (dove ho i parenti e la casa sul mare - lì in vacanza da sempre [{da più di} 30 ANNI!]) in un'atmosfera di sogno è svanito, la nostalgia si è abbastanza spenta (con 'Disco 2000') e l'attrazione e la sensualità con l'altro sesso (coetanee, sottocoetanee - molte mie compagne di università [e le veline e le 'professoresse' come Ludovica Caramis, da lontano] nate nei primi anni '90) hanno perso il sentimento di tanti anni, con 'Babies' (capolavoro! - anche nel primo video, da film).

Il gruppo della mia crisi che ha avuto il più intelligente dei frontman di quella generazione, adulto e anomalo per carattere ed età, che a fronte di album da solista non eccelsi si è rivelato un esperto di questioni sociali e politiche di tutto rispetto (cercate su Youtube i suoi interventi sulla Brexit e sulla musica pop nella società).

'Hits' è a suo modo un grande lavoro, con il difetto a mio parere di contenere la brutta versione album di 'Disco 2000', valorizzata invece nelle esibizioni dal vivo e in tv nell'anno di uscita di 'Different class' (l'album di 'Common People').

Quella del singolo e video invece è STUPENDA, facendomi immergere nei ricordi di Jarvis senza sentire troppo il peso del tempo trascorso. Spero anche per voi.

('Help The Aged' finita nella mia ultima tesi di laurea. Viva i Pulp!)

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

Valentyna
Valentyna
Opera:
Recensione:
Different Class è uno dei miei 10 album fondamentali . Jarvis è uno dei miei frontman preferiti. Sipario.


madcat
madcat
Opera:
Recensione:
This is hardcore il loro apice, senza nulla togliere a Different Class (o a His n Hers anche, che non viene mai citato). Sulla rece non so se so' 'mbriaco io o se eri 'mbriaco te quando l'hai scritta, aspetto di smaltire e poi ti dico.


nangaparbat
nangaparbat
Opera:
Recensione:
This is hardcore lo trovo troppo "denso" e pompato musicalmente, nel suo cercare di rifarsi a Scott Walker. Il meglio a mio avviso lo danno in His n Hers e Different Class, in cui sfornano una quantità imbarazzante di instant classic, su cui tanti forgeranno le loro carriere ( pensiamo ai Baustelle con "babies").


Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Ottima proposta.
Mai sentito prima.
Molto bravi!!!


ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
mi piacciono i Pulp anche se devo confessare che conosco solo i due Lp che li hanno portatati nell'Olimpo delle stelle pop, sono sicuro che come me sono in tanti


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Hits è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link