Quicksand
Interiors

()

Voto:

I Sabbiaveloce.

Diciamocelo: fossero stati Italiani e avessero optato per un nome del genere, li avremo braccati con i cani.
Ma sono amerigani e allora il monicker, siccome che non ci capiamo un ciufolo, risulta fiko apprescindere un po' come Auanagana Beibe Camon.

Fossero stati Italiani e avessero esordito (ma anche no: dalle nostre parti non c'è l'abitudine a dare spazio a chi ha qualcosa di interessante da dire, menchemeno in musica) nel 1993 con un dei dischi semplicemente più intelligenti e belli di quegl'anni battaglieri, non ce ne saremmo neppure accorti e loro si sarebbero sciolti dopo tre concerti in qualche bettola umida e malfamata.

Ma sono amerigani e lì, forse a causa dell'elevato pil medio pro-capite, i gruppi non solo li fanno esordire ma anche suonare, sostendoli e sdoganandoli alla velocità della luce.Che poi lo si consenta con nonchalanche anche a porci e cani di ogni razza e specie è tutt'un'altra fazenda.

Mi sa che sto divagando.

Torniamo ai Sabbiaveloce.

Dopo aver registrato due soli LP all'inizio dell'ultimo decennio del millennio scorso si sono dati improvvisamente alla macchia facendo perdere le proprie tracc(i)e e diradando con il trascorrere degli anni le speranze di rivederli e risentirli suonare insieme.

A fine 2017, a soli 22 anni dall'ultimo vàgito discografico, rieccoli nuovamente insieme. Chi l'avrebbe mai detto.

Il senso di un disco del genere, considerate le caratteristiche che lo compongono, imporrebbe forse una analisi pluri-dimensionale:
un gruppo che in quegli anni nasce come "reazione", forse anche evoluzione dei precedenti musicali di matrice hardcore dei membri che ne facevano parte e che oggi sostanzialmente riprendono il discorso esattamente dove si era fermato. Quasi cristallizzato.

Non so se si tratti di mancanza di capacità di immaginare un oltre o di una precisa volontà di ritornare sui medesimi passi, sta di fatto che il disco è davvero parecchio riuscito.
Non è improbabile che dica così visto che "Slip" è stato qualitativamente davvero uno spartiacque ed avendo avuto modo di apprezzarlo in diretta non riesco ad immaginare da loro un suono diverso.

Magari ad un adolescente che oggi si affaccia anche con curiosità sul mondo musicale odierno, vivendo necessariamente i suoi tempi, un lavoro del genere dirà presumibilmente poco o nulla: modernariato musicale o poco più.

Temo di star nuovamente divagando.

E allora addentriamoci negli interni di qvesto "Interiors", espulso lo scorso novembre dalla Epitaph di Mr. Brett Gurewitz: il pezzo posto in apertura, "Illuminant", ci illumina immediatamente su quanto sarà pieno e netto il suono d'insieme: gli incroci ritmici di basso e batteria sono precisi, chirurgici, ondivaghi e tumultuosi; la chitarra di Tom Capone è una sonda silente e sottotraccia che quando si impenna urla dolore per tutto il disco.
E poi c'è il cantato di Walter Schreifels: educato, sofferto, empatico. Oserei dire perfetto per il contesto.

Nel lotto c'è qualche pezzo (moderatamente) più agitato degli altri: "Under The Screw" e "Sick Mind" sono i vertici "rumoristi" di un disco che ha quel sapore di indefinito che personalmente adoro e che definirei complessivamente "robustamente riflessivo", qualsiasi cosa vorrà mai dire.

Spesso si ha quasi la sensazione che non vadano da nessuna parte e invece, ascoltandolo con attenzione, ci dicono semplicemente che loro sono qui e ora.
Ed è, in definitiva, l'unica cosa che conta.


Questa DeRecensione di Interiors è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/quicksand/interiors/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiTre)

musicanidi
Opera: | Recensione: |
Massí, annonuovo-nomenuovo, caro il mio junkyard...però, dopo una pagina del genere, é difficile diventare ancora più figo!
BËL (02)
BRÜ (00)

musicanidi: Ho un terribile mal di testa.
nangaparbat
Opera: | Recensione: |
grande recensione! i quicksand negli anni 90 mi piacevano assai, prendevano il lato meno palloso del post-hardcore e dell'emo lamentoso dandogli vitalità con robuste iniezioni di Jane's Addiction e di alternative rock. Questo devo ancora recuperarlo.
BËL (03)
BRÜ (00)

kloo
Opera: | Recensione: |
sabbie mobili ;)
BËL (01)
BRÜ (00)

kloo: ma nonostante ciò farebbe merda lo stesso!
sfascia carrozze: Pensi se si fossero chiamati Aunaganabeibecamon..
kloo: Nome bello.
ilfreddo
ilfreddo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Mi piace quando divaga esimio DeSfascia. Magari ascolterò quest'opera dei sabbia veloce. Intanto la rece la preferisco e la saluto.
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Ma Lei mi è (fin) troppo DeGentile. Quasi DeScirea.
gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ho ascoltato Slip; ricordo una netta influenza Helmet-tiana, e che dopo 10 minuti passavo, appunto, a Page e compagnia. Recensione buonina
BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Personalmente ho adorato i primi Helmet; diciamo fino a Betty omnicompreso.
Detto ciò, ammetto al contempo non riesco a scorgere una così netta liaison tra le due entità.
Ma si sà che sono mezzosordo, oltreché mezzosardo.
nangaparbat: qualche cosa di affine c'è, quel suono metallico e compresso tipico dei primi anni 90...poi helmet e quicksand hanno un supergruppo in comune, gli Handsome, costituiti da Tom Capone e Peter ;Mengede, un solo disco all'attivo, nel 1997. ma credo che i quicksand fossero comunque in grado di brillare di luce propria.
gate: E'che a me i primi Helmet piacciono troppo...
sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Lo metto su in questi giorni. Così come quello degli Unsane e poi ti faccio sapere Sfascia.
BËL (01)
BRÜ (00)

algol
Opera: | Recensione: |
Subito ad ascoltare. Anzi ... quick
BËL (01)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bella e divertente. La sabbia veloce si era rappresa sotto l'umidita' del gatto (dei Gorilla Biscuit). Forse.
BËL (02)
BRÜ (00)

Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Finalmente un ritorno utile. Nella loro bella musica di allora le influenze Helmet Fugazi e Jane's Addiction si sentivano di più rispetto questo ultimo lavoro. Senza ombra di dubbio il mio album 2017. Unici.
BËL (01)
BRÜ (00)

hellraiser
Opera: | Recensione: |
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Esiste anche il gruppo Prog di fine 60, Sabbiaveloce.
Il Bassaio è anche l'attuale bassaio dei Deftones, non ricordo come si chiama, a dirla tutta non ricordo neanche perchè sappia 'sta cosa.
Però spero tanto si chiami Jacky Sexy Groovy, o qualcosa di così figo.
BËL (02)
BRÜ (00)

nangaparbat: si, ha rimpiazzato il bassista originale, morto dopo anni di coma a seguito di un incidente :(
puntiniCAZpuntini: Ok, ecco, ora mi son ricordato di Cheng e del perché so chi l'ha sostituito. Un disco parla spesso di lui o discorsi a lui collegati, mi pare quello col Gufo.
Me li devo riascoltare con calma gli ultimi Deftones
IlConte
Opera: | Recensione: |
Orcocannn (tre enne) sfuggita mi era!
Fosse per me Lei dovrebbe scriverne almeno, dico almeno, una a settimana, perché è davvero braverrimo orcocannn(2)
Ahahahahah auanagana beibe camon è bellissimo!
Quando ragazzino cantavo (???!) aver la band mi inventavo le parole, o meglio diciamo che beibe lo dicevo circa 200 volte.., altro che Robert Plant in beibe aim gonna liiv iu (mi fa una pipa)
Domani dall’ufficio la voto perché il mio aipad ha i demoni e non stelletta da mesi luce forse un anno orcocannn (3)
Le sabbie non le conosco ovvio...
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Tra le specialità stupistiche (di chi si stupiscie, ov corz) del DeBasio esiste(va) anche l'Orpogatto!
Lo sappia!
IlConte: Ahahahahahahahahahahahah (2)
lector
Opera: | Recensione: |
Auanagana Beibe Camon era il mio nome d'Arte.
BËL (02)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera: | Recensione: |
Ieri notte in un rinomatissimo locale 5 stelle michelin a Orune, il giovanissimo e smilzo Dj ha messo su Woda Woda dei Litfiba, e ho pensato a questo.

Ho anche pensato di cercare su google cosa cazzo significasse Woda Woda, ma poi la paura di sapere la risposta mi ha cristallizzato in un espressione terrorizzata.
Solo il defribillatore della guardia veterinaria mi ha salvato.
BËL (01)
BRÜ (00)

puntiniCAZpuntini: Voi sfigati che vi siete dovuti vivere sul serio gli anni 80, di sicuro lo sapete. Minimo Sfasciacarrozze in paese lo chiamavano Propproibito.
algol: PRO PRO ... PROIBBITO !!!
puntiniCAZpuntini: Bisogna comunque dargli atto che probabilmente è l'attaco più Iconico del Rock Italiano. Se dici Pro Pro e uno non risponde Proibito, di sicuro è una spia Nord Koreana.
puntiniCAZpuntini: Per entrare nel SISDE, una delle domande trabochetto è quella.
algol: l'adolescenza negli 80 è sopravvivere anche a questa roba. Ecco perchè siam così fichi, c'è stata selezione naturale spinta ai massimi. Ora però scusatemi ... devo correre. Eva Henger è nel corridoio del pianerottolo ove lavoro. E'stato bello conoscervi.
sfascia carrozze: Veda, io qvesto residenziale di Orune non l'ho mai frequentato (o, se si, non me lo ricordo), ma io li vidi (essi) on stage nel recente 1986-7 (non ricordo con assolutissima esattezza).
E già allora (nonostante il mio digiuno di concerti-dal-vaivo: d'altronde ero ancora troppo giovane, bello e intelligiente all'epoca) mi fecero defecare assai.
Anzichénò.
fungo
Opera: | Recensione: |
I Quicksand li ho sempre sentiti (de)nominare, però mai sentiti. Da dove parto?
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Direi, semplicemente, dall'inizio.
Mi sembra cosa-buona-e-giusta.
Quicksand - Fazer (Slip 1993)
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Sfascia la sa lunga; idem i Quicksand. Lo stesso possiamo di certo dire per il buon Mr. Brett e la sua Epitaph. Pace e bene ragazzo isolano.
BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: E' bello saperla lunga.
Soprattutto quando sei alto un metro-e-quaranta oggiudilì.
UH!
De...Marga...: Idem con patate e venti centimetri in più (forse meno).
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Temo di essere pure io uno di quegli infingardi esterofili..! Per espiare nascondo subito la testa sotto la sabbia..
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Infingardo e manigoldo, se mi consente.
algol
Opera: | Recensione: |
visto in vetrina dal mio pusher musicale ed acquistato al volo. Olè
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: E io che pensavo si fossero (quasi) del tutto estinti.
I DePusher(s).
Vetrinati.
algol: a Milano ne esiste ancora uno, sotto la metrò del Duomo. E allora mi piace farci un salto e sostenere gli strenui baluardi della vendita face to face. Per un ordine e uno scambio di opinioni, perchè no. In casi estremi amazon.
sfascia carrozze: Ma solo in casi (molto) estremi.
Mi raccomando.
algol: poi ovviamente ci stanno trecento Feltrinelli e Mondadori e cazzi e mazzi. Ma col pene che lì ci troverai gli Unsane, i Converge e i Quicksand. E quindi ieri ho scoperto che il fantasmino metallico che mi ha venduto questo ottimo ignoto prodottino i Quicksand li ha visti dal vivo ... per ben due volte. Molto meglio recarsi di persona all'acquisto, se ci fosse ancora bisogno di argomenti :-)
spiritello_s
Opera: | Recensione: |
Io conosco i Pal-Und-Sekkiell di Berna. Che poi il mare un l'hanno neanche mai visto....
BËL (01)
BRÜ (00)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Questo qui è veramente un grande disco comunque.
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Ah!
Quindi non è vero che le dimensioni non contano.
Eh!
sotomayor: Mi riconcilia con alcune sonorità "giovanili" tipo Mudhoney.
algol: Lo sto ascoltando in loop in questi giorni. Pure adesso mentre scrivo da un tram tornando a casa
sfascia carrozze: Io vado a casa a piedi: così il tragitto con i Sabbiaveloce in loop dura di più.
algol: Se andassi a piedi supererei il tram. Sono ancora troppo performante. Warpiedi. Eheh. Sticazzi
heartshapedbox
Opera: | Recensione: |
DISCONE.
E Hyperion è la mia nuova ossessione.
BËL (02)
BRÜ (00)

algol: Io voto per l'ultima traccia. Ma è dura scegliere
sfascia carrozze: @[heartshapedbox] Sapevo che, prima o dopo, la Sua scorza granitica sarebbe "crollata" di fronte alle emulsioni acustiche Sabbiavelociste: altrimenti l'avrei, prima o dopo, DeBannata entro la mezzanotte.
@[algol] Io voto per quella dopo. Quando ricomincia l'heavy rotation.
heartshapedbox: c'ho troppa roba da ascoltare Sfà, menomale che posso farlo mentre lavoro alle mie cose altrimenti non saprei dove trovare il tempo per ascoltare tutto!!!!!!
sfascia carrozze: Il segreto è farsi licenziare.
O dare le DeDimissioni.
heartshapedbox: in realtà sto lavorando alla tesi Sfà
sfascia carrozze: Sarà una eccellente tesi molto rockenroll.
heartshapedbox: grazie Sfà, speriamo che la commissione la pensi allo stesso modo!
sfascia carrozze: Non ho alcun dubbio.
Io non sbaglio mai.
Tranne quando affermo di farlo.
heartshapedbox: ahahahhahaha
heartshapedbox: vedremo! tanto il giorno della discussione organizzerai il demeeting no?!
sfascia carrozze: Si, ma non prima dell'imminente 2026.
Odissea Nell'Ospizio.
Alexander77
Opera: | Recensione: |
DISCONE (bis)

Bravo Sfascia. Non l'ho letta ma almeno l'hai scritta............................ ................................... ................................... ................................... ................................... ................................... ................................... ................................... ........................ovviamente scherzo, da quando non scrivi più in coglionese ti leggo più volentieri. BRAVO!
BËL (01)
BRÜ (00)

Alexander77: Sergio Vega: Quicksand e Deftones...mica male il tipo.
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Ma sapete che forse è pure il disco più bello. Sicuro non cedono un millimetro
BËL (01)
BRÜ (00)

algol: E a mesi dall'acquisto mantiene la presa. Super disco

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: