Red House Painters
Red House Painters II - Bridge

()

Voto:

A volte capita di assistere ad avvenimenti che lasciano senza parole, che per un effimero momento ci fanno dimenticare di tutto il resto, delle difficoltà, delle incombenze, degli screzi, dei problemi. Quelle frazioni di secondo in cui ci si sente appagati con l'universo, quando tutto sembra scivolare via e nonostante un mondo difficile, si ha come la consapevolezza che tutto possa andare. Non so se vi è mai capitato di essere aggrovigliati da una rassegnazione benigna che ti toglie le forze e la voglia di agire. E' quello che sono tornato a provare dopo aver ascoltato "Bridge" (titolo convenzionale), terzo album dei Red House Painters, cioè l'invenzione di Mark Kozelek, dopo un'infanzia passata tra gli asettici corridoi di un centro di recupero per tossicodipendenti.

E' rassegnazione quella di "Red House Painters II - Bridge". Kozelek sputa tutto il suo lirismo nero in 8 tracce desolanti quanto necessarie, specchio perfetto della sua interiorità asfissiata dalla consapevolezza che nulla può cambiare. Tutto questo non viene espresso solo tramite slowcore, folk o musica d'autore. Viene espresso attraverso l'arte, quella che in pochi possono dire di aver compreso e prodotto. Che sia l'arte decadente di "Evil" o l'aria frizzante e allo stesso tempo dolorosa di "Bubble" poco cambia. E' musica intesa nel suo senso artisticamente più appagante e la sua sublimazione massima, "Blindfold", rimarrà una gemma scolpita nei cuori e nella mente di tutti coloro che avranno il coraggio di scoprirla, apprezarla e custodirla. Perchè perle del genere ti restano dentro per tanto tempo e per motivi disparati, legate ad un ricordo, una parola, un gesto...

1. "Evil" (7:20)
2. "Bubble" (5:31)
3. "I Am A Rock" (5:32)
4. "Helicopter" (5:22)
5. "New Jersey" (4:24)
6. "Uncle Joe" (5:58)
7. "Blindfold" (8:25)
8. "The Star Spangled Banner" (2:28)

Questa DeRecensione di Red House Painters II - Bridge è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/red-house-painters/red-house-painters-ii/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

Hell
Hell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Probabilmente l'album di Kozelek che mi ha convinto di meno. Comunque resta un bel sentire.
BËL (00)
BRÜ (00)

Fender
Opera: | Recensione: |
preferisco i sun kil moon

BËL (00)
BRÜ (00)

Don_Pollo
Don_Pollo Divèrs
Opera: | Recensione: |
Però Helicopter è un GRAN bel sentire... In ogni caso l'opera minore firmata Kozelek. Sarebbe 3.5 se devo proprio metterla ai voti (musica del genere secondo me trascende le semplici cifre), metto 4 per arrotondare coi due tre qua sopra.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nico63
Opera: | Recensione: |
Conosco solo "Admiral Fell Promises" (cito a memoria, troppo pigro per andare a controllare, spero sia giusto) sotto il nome Sun Kil Moon ed è un album che oso paragonare a "Pink Moon" di Drake. Anche questo mi incuriosisce.
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666
Opera: | Recensione: |
il nome l ho sentito spesso nominare e lodare, ma non mi sono mai convinto ad ascoltarli perché ho come l impressione che non siano il mio tipo di musica
BËL (00)
BRÜ (00)

jdv666: al momento nun posso, ma appena ho tempo daró un ascolto... cmq sono abbastanza certo che prima o poi (probabilmente quando capiterá di beccarli a poco in uno dei miei peregrinaggi nei negozi di dischi) qualcosa di loro me lo compreró; ai "grandi" nomi do sempre almeno una chance ;)
TheNoiseIBreath
Opera: | Recensione: |
Ho sempre preferito il primo Red House Painters (Rollercoaster) e Old Ramon, però anche questo è grande!
BËL (00)
BRÜ (00)

Don_Pollo: C'è da dire anche che Rollercoaster contiene canzoni tipo questa... Red House Painters. Katy Song
TheNoiseIBreath: La mia tortura preferita di questo periodo...
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Del cosiddetto sLOWcore conosco (e amo) solo Morphine, Codeine (di nuovo in giro), e ovviamente i miei diletti Low. Ora mi sparo in endovena anche la discografia di questi che il periodo è tranzollo.
BËL (00)
BRÜ (00)

Don_Pollo: Se vuoi farti del male di Slowcore ne sono pieno...
Ali76
Opera: | Recensione: |
Bello, ma gli preferisco D.c.h.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Credo di aver sempre avuto un posto nel mio cuore per questi tristoni, senza conoscerli. Like a friend I didn't want to see.
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94: Che razza di commento saccarino

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: