[fade in]

Bisogna essere pronti a tutte le partenze.

Domenica mattina. Il muro come lapide e il divano come tomba.
Apro gli occhi.
Due mosche si disputano un mio ginocchio. Sorrido.
Chiudo gli occhi.
Ho davvero sorriso? Pensieri come chiodi e gambe come pietra.
Apro gli occhi.
Imposte semiaperte. Il portacenere è sulla sedia. Sorrido.
Chiudo gli occhi.

[Interior Field. Part 1]

Qualcosa si agita. Un sound palpabile, terroso, fradicio.
Musique Concrète di contatto.
Suoni che riproducono parole di lingue morte. Segreti.
Onomatopea rovesciata.
Sono davvero segreti? Droni microtonali di grana fina dondolano come onde del mare.
Ethos e pathos a contatto.
Evoluzione organica. Il viaggio di Gordon Pym verso l'ignoto. Segreti.
Ars oratoria rovesciata.

[Interior Field. Part 2]

Il buio di una caverna. Silenzio uniforme, sospeso, presago.
Ambient monocroma.
Un tulle nero che mostra proprio per quello che cela. Non-Music.
Il "Campo di Grano con Volo di Corvi".
È davvero non-music? La danza di uno sgocciolio ossessivo arrangiata come una sinfonia.
Field recording policromo.
Il conosciuto visto da alt(r)e prospettive. Un bambino che guarda un fiume. Non-music.
Dei corvi che volano sopra un campo di grano.

[fade out]

Non bisogna rassegnarsi a nessun arrivo.

Carico i commenti... con calma