Rob Chapman
Syd Barrett. Un pensiero irregolare.

()

Voto:

Mi ero detto non avrei più letto libri o scritti che parlavano di lui. Poi vidi, nell'angolo musicale di una libreria, questa copertina, mi avvicinai lessi il titolo e..... fatto acquistato! Che palle, dovevo incazzarmi di nuovo nel leggere tutte quelle stronzate stra risapute (vere o false che siano). Perchè è cosi: di un musicista/artista che mi piace vorrei sempre sentire parlare bene; o meglio, con assoluto rispetto. Come di un amico. dei genitori e dei figli. Leggo prefazione, ringraziamenti (fortunatamente all'inizio perchè mi confortano non poco!) e introduzione; mi convincono a continuare.

Questo ragazzo, tale Rob Chapman, anche musicista in gruppi punk fine anni '70 inizio '80, fin da quando era dodicenne adora Barret. "Non ho mai incontrato un punk a cui non piacesse Syd Barrett", una sua frase evocativa. A questo libro collaborano in tantissimi: numerosi compagni di scuola con documentazioni di archivio inerenti (mai ascoltati fino ad ora), altrettanti amici e colleghi di Cambridge e Londra dell'allora scena artistica e musicale e tantissime singole persone che hanno dato modo di farsi una idea, con le loro testimonianze su specifici momenti, del vivere di Syd in tutti gli aspetti più nascosti ed intimi della sua vita quotidiana.

Di grande utilità anche Libby Gausden, la storica fidanzata da adolescente (il pacco di lettere da lei conservate tra il 1961 ed il 1965 rappresentano la prima collezione di scritti del ragazzo che viveva a Hills Road a poche decine di metri da lei). Ma soprattutto i membri della famiglia Barret, in primis la sorella Rosemary, finora rimasti in disparte, con quella prospettiva unica sulla sua vita privata, prima e dopo il successo.

I motivi di tale apertura da parte di tutti verso l'opera che Chapman stava scrivendo sono stati (lui non lo dice, quindi lo dico io) la passione, l'amore ed il rispetto che egli ha dimostrato nei confronti di Syd uomo e musicista. Personalmente non ne potevo più delle solite dicerie passate di bocca in bocca nei decenni, alcune veramente ridicole e grottesche.

Chapman riesce a svestire i panni del fan ed a proporre un racconto dettagliato che parte dalla felice infanzia fino ad arrivare al totale isolamento. Una ricostruzione minuziosa, precisa dei luoghi e negli eventi; anche una analitica descrizione delle singole opere. Soprattutto viene smantellato il Syd pazzo e delirante per le troppe droghe. La verità è che Barrett abusò di droghe come tanti altri nel periodo. La verità è che, a differenza di quasi tutti gli altri, Syd non sopportava il successo commerciale dal quale derivavano obblighi contrattuali per dischi, tour, apparizioni televisive.

Molto semplice a mio parere, ma certo, capisco, faccia più presa raccontare di un Barret totalmente sballato, lunatico, fatto a dismisura con atteggiamenti folli e situazioni da circo. Certo che era "folle", o meglio totalmente diverso rispetto allo standard della rockstar; ma non per colpa dell'Lsd o comunque non solo. Le droghe probabilmente hanno solo esasperato ed accelerato il suo pensiero anarchico, il suo essere innovatore e sperimentale. Roger era un artista, principalmente un pittore, che trovò nella musica il terreno più fertile in quel periodo. Un po' come Morrison con la musica e la poesia.

Questo tomo ci restituisce un Barret uomo fragile e talentuoso. E' la verità?! Non lo so, non lo sapremo mai; certo qui ci sono molte testimonianze e un lavoro minuzioso storico che ce lo confermerebbero.

E comunque, per tornare alle prime righe, è ciò che voglio pensare del mio adorato, splendente, nobile diamante.

"Un giorno d'estate del 2006 venni a sapere che Syd era morto. Ho chiamato la redazione di "Mojo" per chiedere se potevo occuparmi del necrologio. "Si, certo" disse il caporedattore "ma andiamo in stampa tra 5 giorni. Riesci a scrivere 5.000 righe entro venerdì?" ... Se si fosse trattato di qualcun altro sarebbe stata un'impresa ingrata, ma io avevo vissuto con la musica di Syd, l'avevo respirata e sognata sin da quando, all'età di dodici anni, ascoltai per la prima volta "Arnold Layne". E così, nella settimana più torrida di una estate calda e lunga, scrissi quelle 5.000 parole su Syd. Qui troverete le altre 140.000 che nel frattempo si sono aggiunte a quelle" Rob Chapman.

Unico neo; Waters, Gilmour e Mason hanno declinato l'invito ad essere intervistati per il libro.

Bravo Rob, grande professionalità, amore e rispetto. A me e a parecchi altri è piaciuto tanto. Sono sicuro sarà così anche per i tanti di voi di DeBaser che amano Roger Keith Barrett e che, meglio di me, sapranno anche apprezzare l'analitico commento alle sue musiche.

Buona lettura.

Questa DeRecensione di Syd Barrett. Un pensiero irregolare. è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/rob-chapman/syd-barrett-un-pensiero-irregolare/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (VentiTre)

serenella
Opera: | Recensione: |
Grazie @[IlConte], avrei voluto scriverla io questa recensione, ma mi hai tolto le parole dalla tastiera. Soprattutto quando scrivi: 'Le droghe probabilmente hanno solo esasperato ed accelerato il suo pensiero anarchico, il suo essere innovatore e sperimentale. Roger era un artista, principalmente un pittore, che trovò nella musica il terreno più fertile in quel periodo. Un po' come Morrison con la musica e la poesia'. Grazie ancora 'Conte!
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Che onore averti qui nobil fanciulla! Mi dispiace per i nostri amici lettori. avrebbero letto di meglio allora ahah! Ma io ho tanta anima.... Grazie
serenella: Smack 'Conte!
serenella: AhhAAA adesso capisco cosa volevi dire con 'avrebbero letto di meglio... ' l'ho detto pour parler che avrei voluto scriverla io la tua recensione, senz'altro tu scrivi con l'anima, competenza e... 'core. Cosa si può volere di più? Ancora smack!
algol
Opera: | Recensione: |
Bella Conte. de-amore for you
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Esimio, averla nei miei mi lusinga sempre!
Buzzin' Fly
Opera: | Recensione: |
Ma basta associare l'arte alle droghe. Barrett aveva stupende visioni che fondamentalmente sono andate a pezzi per colpa delle droghe,semplicemente perché lui psicologicamente era sicuramente già debole. Basta con questa storia degli acidi, chi di voi ha provato un acido forte sa benissimo che non si riesce manco a finire una frase perché di sei istantaneamente dimenticato di cosa stavi parlando, credo sia molto difficile scrivere una canzone sensata e quelle di Barret lo sono. Alla fine è solo un narco misticismo che aleggia intorno al personaggio ma io sono sicuro che la quotidianità , la realtà era molto differente da come è stata dipinta. Come non credo a chi raccontava di suonare in acido, vi posso assicurare che è molto difficoltoso. Leggende anni 60' , belle colorate ma da prendere con le pinze.
BËL ( 04 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Ciao Buzzin, approvo dalla prima all'ultima parola.
nes: vidi un documentario in cui waters raccontava di Barret in acido ad un live: (parafraso perchè mica ricordo a memoria)"cominciò con un assolo e piano piano scordò la chitarra corda per corda. all'inizio era sperimentazione, alla fine, dopo venti minuti buoni, era un drogato che non sapeva cosa stava facendo. andò avanti fino a fine concerto. Da solo. Il pubblico in delirio, certo: neanche loro sapevano cosa stavano facendo nè dove fossero, né da quanto tempo ci fossero. Noi eravamo un po' meno contenti.
La droga la conosciamo ma su di noi si son dette un sacco di sciocchezze: io ad esempio ho provato l'lsd due volte, e neanche mi è piaciuta. Da drogato suoni male e di sicuro non componi".
è un'idea di Waters eh, mica di mica don giussani (rigorosamente in minuscolo).
Buzzin' Fly: infatti puoi fare giusti delle sballate jam session che hanno senso solo per te, poi mai riuscirai a risuonarle nella stessa maniera. Secondo me, per esperienze personali, comporre mai. Forse dei testi, ma dopo una bella riordinata delle idee che ti son frullate in testa
Opel: Che comporre musica in piena botta d'acido sia impossibile, posso immaginarlo, anche se non avendolo mai provato non so dire quanto sia possibile alleggerire le dosi e la potenza per renderne più controllati gli effetti. Che invece non ci sia correlazione tra l'arte, lo sviluppo artistico/inviduale e le droghe in generale, soprattutto in quel periodo, sono in completo disaccordo.
Buzzin' Fly: certamente c'è correlazione tra l'arte e la cultura delle droghe,non metto in dubbio questo. Penso che sia abbastanza difficile scrivere una canzone, impossibile suonare in pieno acido e tutti i racconti di concerti suonati o album suonati sotto acido per me è tutto folklore, magari qualche jam session ma coordinare tre teste con i cervelli che girano a velocita diverse è difficile
Buzzin' Fly: Poi non si può mai dire. Conoscevo un ragazzo balbuziente forte, quando era sconvolto smetteva la balbuzia.
Buzzin' Fly
Opera: | Recensione: |
posso credere a chi suona fatto di eroina perchè è molto più rilassante ,ma in pieno acido non ci credo, ti salta la centralina, se poi entri in paranoia è la fine , non riconosci manco le canzoni.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Harlan
Opera: | Recensione: |
Le tue recensioni sono sempre ottime, ed anche se la figura di Barrett non mi ha mai affascinato, musicalmente e psicologicamente parlando, il tuo scritto riassume in poche righe la sua essenza, forse darò una lettura a questo libro se me ne capiterà l'occasione. ^
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Se un giorno ti andrà di leggere di lui ti consiglio proprio questo; troppe cagate sono state scritte! Grazie di essere passato!
mrbluesky
Opera: | Recensione: |
quanto ne hanno parlato in questi anni,ovviamente quando interessava a me non si trovava niente a parte i soliti libracci dell'arcana hehe
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Dici bene amico, ahah la mitica Arcana con i libri in serie!!!
Grazie di essere passato!
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
Se scrivi che Chapman racconta non da fan allora si tratta proprio di un bel libro, grande come sempre conte
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Proprio così, un libro che racconta e con tantissime testimonianze di angoli di vita quotidiana; e ad uno come te che ne capisce interesserà anche la "parte" sui singoli brani. Grazie per leggermi !
luludia
Opera: | Recensione: |
Intanto cinque per il solo fatto di averlo recensito...poi con calma la leggo...
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

luludia: letta...ottima...libro magnifico, magnifico!!!!!!!!!...la passione del fan e un equilibrio che da un fan non ti aspetteresti...a quello che hai scritto aggiungo solo la grande capacità di analisi rispetto alle canzoni...la ricostruzione delle fonti del testo di "octopus", ad esempio, è qualcosa che toglie il fiato...
IlConte: Grande mio poeta!!! Proprio ciò che ho appena scritto sopra a Rinaldi. Voi questa analisi la apprezzate ancor più di me!!! Ti ringrazio di tutto!
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Che te lo dico a fare?
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Pinhead: Mi è venuto da pensare a «Un Matto» di Fabrizio De Andrè.
IlConte: Buondì Maestro, grazie di te per essere passato! Chi e' il matto io o Roger?! Ahah se dici lui vinci facile!
Pinhead: Non mi permetterei mai di darti del matto Conte :-)))
Mi riferivo a lui ed al giudizio che ne davano gli altri.
IlConte: Io non mi offendo anzi; in mezzo al lerciume di questo mondo sarebbe meglio essere considerati pazzi... Vuol dire che non sei come loro! Beh si, come dicevo, si e' raccontato di ogni e va be' vedi il marcio di cui parlavo e si sono fatti pure i soldi parlandone no comment!
IlConte: La frase dei punk e' praticamente in tuo onore maestro (oltre a far capire la grandezza di Roger)
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
..e scrivi pure molto bene..
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Azz vedi sotto @[CosmicJocker]
IlConte
Opera: | Recensione: |
Oddio! Detto da te ... No comment. Tanta anima per libri, in questo caso, che penso siano fatti con un po' di decenza. Questo e' proprio fatto bene anche a livello di racconto e prosa (non detto da me ovvio io posso solo avallare ma da persone che conosco più letterate ahah). Grazie di te caro!
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

CosmicJocker: Tanta anima che viene valorizzata dalla compostezza dello scritto..la pianura padana tempra lo spirito!!
IlConte: Ahah può essere! Di dove sei tu nobile?!
CosmicJocker: Sono di Pavia...tu?!
IlConte: Reggio... Emilia ovviamente!
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Sei diventato il nostro divulgatore migliore di storie musicali enormi. Brava gente quelli come te nati negli anni sessanta caro il mio Conte!!!
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Vecchiooooooo DeMa sempre un onore averti qui eccheccaxxo DeMa mica sti caxxi appunto! Carissimo la ns annata ribolle di sangue vero per la ns amata musica, quindi la difendiamo a spada tratta contro chi non la rispetta. Grazie di te .
lector
Opera: | Recensione: |
Syd ha inciso con la sua assenza sullo sviluppo della musica del '900 più di tanti agitatori ed "agitati" innovatori o pseudo tali.
A te, Conte, cosa dire di più?
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Verissimo nobile amico. Grazie di passare sempre!!!
king.francesco
Opera: | Recensione: |
ha rotto un po il cazzo barrett
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: E perché sei venuto a romperti i maroni?!
king.francesco: volevo leggere per curiosita,troppi libri,per un artista che ha fatto piu carriera lontano dalla musica
king.francesco: ha avuto la sua influenza,ma si e' detto tutto di quel po che resta
IlConte: Hai ragione troppi e inutili ma faceva far soldi parlando di lui. Ho proprio recensito questo perché unico bel libro, il più "professionale" letto da me. Poi se lui sta sul cazzo e' un altro, personale discorso. Però non starei a quantificare in tempo la sua carriera ma quanto ha influenzato; mio pensiero, ovvio.
Grazie comunque di essere passato nonostante la tritata di maroni ahah!
IlConte: Ti ho già risposto e' uno scritto finalmente diverso (non ha caso per la prima volta c'è la famiglia), si e' stra detto ma, a mio parere, male.
king.francesco: la tua recensione non e' male,mi ha solo stancato syd che e' diventato un mito piu del resto della band che si e' fatto il mazzo per anni con e senza i pink
IlConte: In parte sono d'accordo, ma se non c'era lui i Pink Floyd in quanto tali credi che sarebbero esistiti?! Io non penso, ma tante' ripeto opinioni di ognuno di noi rispettabilissime.
Nico63
Opera: | Recensione: |
Anni fa avevo trovato in rete e stampato tutti i suoi testi da solista (quelli coi Floyd già li conoscevo). Potrebbe essere una buona idea procurarmi questo libro e leggere il tutto. Di solito dei testi delle canzoni non mi frega una cippa, nel caso di Barrett è diverso.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Guarda Nico parli con uno che ha sempre ascoltato la musica. Come dici bene anche io solo con Morrison, Barrett, Drake e pochissimi altri ho sentito il dovere di leggermi i testi. Ma tante' la musica ha sempre il netto sopravvento e per come sono fatto reputo giusto così. Ma alcuni in effetti si "devono" sapere. Tu sei nettamente più avanti di me da quel che scrivi. Libro davvero fatto bene al contrario di altri. Grazie di essere passato!
Nico63: Grazie a te, figurati. Ma "avanti" in che senso? Magari "avanti con gli anni" :-D
IlConte: Avanti nel senso che, mi sembra, abbia letto più testi. Beh se sei del '63 (magari non c'entra una mazza) solo 4 anni più vecchio tu... Poca roba...
hellraiser
Opera: | Recensione: |
Dev'essere un libro molto interessante, bravo Lord Conte, ottima pagina la tua
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Mitico Hellraiser grazie di essere qui, consueto grande onore ospitarti. Si ottimo libro direi, finalmente, dopo tanto sciacallaggio!!!
Stanlio
Opera: | Recensione: |
È sempre bello sentire una voce fuori dal coro come questo biografan, bravo tu ad averlo scovato.
p. s.
Ad un giornalista che gli chiedeva la provenienza del nome Pi nk Floyd, Syd rispose che glielo avavano suggerito gli aluani...
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Stanlio: e. c. ehm, gli alieni...
IlConte: Questa dovrebbe essere vera ahah! Però libro finalmente non sciacallo! Grazie grande saggio Stan di essere passato!!!
Stanlio: Se sia vera non saprei ma questa storia viene riportata da molte parti, qui su la Repubblica vedi primo paragrafohttp://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2016/07/07/news/syd_barrett_a_dieci_anni_dalla_morte-143138067/ oppure qui Syd Barrett, dieci anni fa moriva il più grande genio della musica: dai Pink Floyd agli alieni - UrbanPost , ma è riportato anche su Wikipedia
IlConte: Dicevo appunto che anche il libro lo dice e cita il momento e quale intervista (vado a memoria eh l'ho letto quattro anni fa)
Galensorg
Opera: | Recensione: |
Oh Conte Layne, it's not the same! Takes two to know, why can't you see?
Conte Layne, don't do it again!
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Grande Galen!!!!! Grazie del passaggio, Syd ed io ringraziamo !
heartshapedbox
Opera: | Recensione: |
Sul Syd artista sorvoliamo, è stato un grande,io lo adoro e non si discute. Dal momento che le biografie in genere trattano della sfera personale di certi artisti, è su quella che voglio fare una riflessione. In particolare sull'abuso di droghe che ha caratterizzato e caratterizza tuttora la vita di certi personaggi e in qualche modo anche la loro produzione artistica. Mi chiedo perché personaggi attuali come Pete Doherty debbano essere considerati degli inutili mentre altri come un Barret o un Morrison sono dei miti indiscussi (ATTENZIONE, non sto parlando di loro dal punto di vista musicale). Non mi sembra che in fondo la loro condotta sia tanto diversa. Perchè un Doherty deve essere messo in croce e un Morrison no? Sono sicura che se avessi proposto la sua musica nel gruppo prima della rece di Sotomayor una possibilità alla sua musica gliel'avreste data. Un album come Up The Bracket dei Libertines ha fatto la storia dell'indie rock britannico. Che non piaccia la sua musica ci sta (ammesso che la conosciate poi) ma non capisco perché i pregiudizi valgano per certi personaggi e per altri no. Per me sono artisti con problemi tutti quanti, con dei mostri interiori che soltanto dio sa quanto sia difficile combatterli, soprattutto quando si è sotto pressione e così esposti. E la droga sicuramente li amplifica, fino a quando qualcuno non ci lascia le penne. Altri si salvano forse. Ma non saranno mai davvero salvi finché esisteranno i pregiudizi.
Detto ciò, grande recensione, sei sempre più bravo:)

BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

nes: " non capisco perché i pregiudizi valgano per certi personaggi e per altri no" colpa dei fan, come sempre o quasi. non conosco nessuno che "morrison mio dio era genio musicale voce unica cazi e mazzi" perchè i fan di morrison sono prima di tutto fan della droga (E se li senti parlare di droga, in effetti, comincia a staerti sul cazzo la droga, e ce ne vuole per farmela stare sul cazzo). i fan dei pink floyd no, sono fan della musica (di un gruppo) con la pretesa di sapere tutto o quasi della musica perchè appunto, il loro gruppo preferito è il migliore del mondo e cazzi e mazzi. i fan di barret sono ex fan dei pink floyd con desideri elitari spropositati ai quali la veste di "esperto di musica perchè conosco i floyd" sta stretta perchè si sono accorti che se per essere un esperto di musica fosse sufficiente stimare oltremisura i floyd, allora un terzo del pianeta sarebbe esperto in musica cosa che abbasserebbe non di poco il livello di elitarietà del loro gruppo di appartenenza. detto questo non significa nè che i floyd siano dei cretini, nè che lo sia Barret (cosa penso del suo fenomeno l'ho già scritto tempo addietro) significa solo che, hai più di 20 anni? beh, se sei fan di qualche cosa mi sa che sei un cretino. a meno che tu non sia un fan di tarantino o degli ufomammut, nel caso vieni qui che ci facciamo una pizza e ce la meniamo di quanto siamo alternativi e più belli di tutti 'sti cretini che... aspetta, tarantino non va più bene, è peggio dei floyd ormai!!!!
scherzi a parte numero uno: i fan fanno male.
scherzi a parte numero due: l'unico artista maledetto giustificato è Catullo, tutti gli altri sono arrivati troppo tardi e fanno un po' tenerezza.
algol: Perché i Libertines e quel pagliaccio di Doherty valgono un millesimo di Morrison o dei Pink Floyd. Ecco perché. Al netto delle sostanze psicotrope nessuno si ricorderà di costoro per la musica.
algol: Ah ... ho appena ordinato Snailking. Di Tarantino sono già un estimatore, per gli Ufomammut ti dirò a breve
IlConte: Rispondo di istinto, come sempre, e senza menarla per le lunghe tanto poi ognuno si tiene la sua, di opinioni, e non mi interessa una mazza. Intanto, chi mi segue un pochino lo sa, detto mille volte che io non sono fan di nessuno; coloro che adoro musicalmente e non sono come amici, artisti la cui musica e' stata ed e' la colonna sonora della mia vita. Non chiederei mai un autografo o caxxi da sfigato inutile del genere, al limite come ho già fatto se accettano di gusto ci facciamo una birra e due chiacchiere insieme stop. @nes "i fan di Morrison sono prima di tutto fan della droga" ?!?! Ma dove cazzo hai il cervello?! Tu ti drogherai e sono caxxi tuoi. Morrison e' un mio grande "amico", lo stimo come artista e uomo (per ciò che so ma fidati più di te in quanto ho passato parecchio tempo a Parigi con persone che l'hanno frequentato prima della morte. Morrison ha utilizzato LSD, odiava aghi, eroina e cocaina amava le canne e soprattutto il bere, quindi al limite era un alcolizzato! Per quanto riguarda la differenza @heartshapedbox c'è ne eccome. Barret e Jim sono fuggiti dal successo e dalla fama per il loro carattere, le loro insicurezze e la loro sensibilità; questo cretino inutile, perché tale e', oltre a fare cagare musicalmente ma ciò non conta, non e' fuggito da nulla e' un tossico di merda ed anzi si vanta e fa soldi solo per quello e per gli inutili che leggono le sue stupende vicissitudini. Detto questo, @algol in due righe ha detto tutto.
nes: Conte, parlavo dei fan, non dei casi umani che chiamano "amico" qualcuno mai conosciuto, che son convinti che alcol e lsd non siano droga e che argomentano le proprie posizioni con l'altisonante " ho conosciuto l'amico della sorella del veterinario del cane della fidanzata".
nes: E comunque complimenti per il senso dell'umorismo.
IlConte: Poveretto... Ma dove sei stato fino ad ora?! Facciamo una cosa mi stai sul cazzo quindi e' molto semplice tu non esisti per me e io per te... E non offendere vigliacco che a 4 occhi fidati non lo faresti. Ora togliti dai coglioni .
nes: vigliacco? io ti ho solo risposto per le rime, mica è colpa mia se quando qualcuno dice la verità sui fan di Morrison ti fai lanciare i componenti per poi montare l'uccello sopra le spalle... Cominciamo ad assumerci le nostre responsabilità, dai.
IlConte: Facciamo una cosa, se ti va ovvio, io sono molto impulsivo quindi vai tranqui, tralascio ciò che hai detto dopo dandomi del caso umano; perché sono sicuro che se ci conoscessimo non lo penseresti. Diplomatico così penso di non esserlo mai stato ahah ma penso non ne valga la pena, si fa fatica spesso a capirsi e ho letto cose di te parecchio valide... Quindi per me non e' successo nulla... Se ti va come dicevo...
nes: Ok, però adesso facciamo un bambino.
heartshapedbox: Auguri e figli maschi.
IlConte: Ahahah no sono vecchio dai già sono arrivato lungo con la prima eccheccaxxo!!!
nes: Ma dai, c'e' pure heartshapedbox che fa da padrino al battesimo!
IlConte: Ok! Lo sapevo mi convincevi caxxo! Sarà l'ultima fatica di questa vita @[heartshapedbox] sei prenotata! ... Però qui si nasce non si muore ahahah!
heartshapedbox: Non so se in chiesa lo fanno entrare un travestito
IlConte: E chi sarebbe?! Tu?!
heartshapedbox: eh! nes ha detto che devo farvi da padrino, non da madrina
IlConte: Azz hai ragione.... E va beh ormai con i sessi e' un "va bene tutto", magari troviamo un prete trans!
nes: Ah, ma sei donna!!! allora niente, Conte, con te è stato veloce ma intensissimo, grazie, mi hai dato tanto e spero che un giorno le nostre strade possano incontrarsi di nuovo. Mi racconterai di te e io ti racconterò di me. penseremo a questi giorni, ai noi di adesso che saranno i noi "di allora". Rideremo sguaiatamente, staremo muti a gardarci la punta delle scarpe, conteremo le stelle e condiremo il tutto con silenzi imbarazzati. Ora però devo lasciarti. heartshapedbox facciamo un bambino?
nes: aspetta... ce li hai 18 anni, vero?
heartshapedbox: Certo,ho poco più di 18 anni...e se è maschio lo chiamiamo Kashmir eh!
king.francesco: c'era piu apertura mentale 30 anni fa che oggi,prima i drogati artisti erano geni,ora drogati soltanto
caesar666
Opera: | Recensione: |
Ottima segnalazione
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Grazie di essere passato caesar666
claudio carpentieri
Opera: | Recensione: |
Porca miseria stai colpendo come una mannaia tutti i miei punti di riferimento! Tra i vari testi dedicati al fondatore dei Floyd che sono riuscito a leggere, probabilmente quello che mi ha colpito è stato "Tatuato Sul Muro" di Luca Ferrari. Una gran bella analisi che veniva a concludersi con una (mini) intervista rubata all'"incosapevole" Syd. Bellissima recensione che invoglia all'acquisto del testo e mi fa passare (scherzo ovviamente) sopra alle (4) volte che hai scritto Barret con una sola t....sei e resterai sempre un grande:-) Un abbraccio my friend.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Ahahah e pensa che ci stavo attento perché questa merda automatica mi accorgevo mi faceva lo scherzetto. Probabile la foga e l'emozione fossero tali da confondere la mia, ormai, debole lucidità!!! Il tuo non l'ho letto, avevo letto solo porcate quindi mi rifarò. Grazie di essere passato, un abbraccio amico mio!
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Uh, Barrett, il cappellaio matto di Alice! Non ho nessuna voglia di leggere libri sulla vita degli artisti che mi piacciono, inquanto è il loro "prodotto artistico" che mi interessa, che di solito vive di vita propria tanto più è valido. Per Barrett faccio eccezione, come la farei per l'incredibile esistenza spezzata di Roy Harper, guardacaso ospite nell'album Wish You Were Here. Il libro che hai presentato con grande stile, gentile nobile, mi sembra proprio diverso per i motivi che hai illustrato brillantemente, a partire dal taglio prospettico delicato e rispettoso verso l'uomo che lo sperimentatore interstellare fu. Forse la prima canzone che amai di Barrett fu la dolce nenia Scarecrow. Barrett era un pò quel personaggio del Mago di Oz. E noi non possiamo che sentirci vicini alla sua arte che amiamo ed alla sua fragilità, che è tutt'uno con la sua arte. Non c'è quella senza questa. Alone in the clouds all blue!
BËL ( 02 )
BRÜ ( 00 )

IlConte: Per un momento ho pensato fosse crepato pure il vecchio Roy ahahah!
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Ah, stavo cercando la recensione del libro di Roger cui alludevi, sperando che si trattasse di Waters, visto che Roger Keith, come Ruggiero non e' noto altrettanto di Syd(ereo). Mi ha fregato! La storia dei 500 € la vedo cosi'. Spendo gia' abbastanza in musica. Specie tempo. Questa raccoltona e' troppo. Wquella ufficiale, che ho fino a Momentary Lapse, basta e avanza. Ciao nobile. Communication breakdown!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi: