Robert Zemeckis
Allied

()

Voto:

Versioni: v1 > v2

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Vuoi perché, come molti nati tra anni '80 e '90, sono praticamente cresciuto e stato iniziato al cinema con i suoi film (inutile specificare quali); vuoi perché, a mio parere, non sempre gli viene riconosciuto il giustissimo status di maestro che gli spetta per le innumerevoli innovazioni e sperimentazioni stilistiche apportate al cinema hollywoodiano; ma il suo Allied (sottotitolato "Un'ombra nascosta" dagli sciagurati distributori italiani, così da spoilerare un bel pezzo di film) era il film che più attendevo di questo gennaio 2017 già così ricco di uscite stimolanti e tra le più attese da mesi, anche in vista dei prossimi Oscar (i vari Arrival, Silence, La La Land, Split...).

E le mie attese non sono state deluse: in un film in cui le scene d'antologia si accumulano una dietro l'altra (in particolare vorrei citare il gioco con le carte di Brad Pitt di fronte all'ufficiale tedesco - che, curiosamente, è lo stesso che capiva le intenzioni di Fassbender in Bastardi senza Gloria -, la scena di sesso in auto con una tempesta di sabbia in corso, l'improvvisa sparatoria in cui vengono uccisi diversi nazisti, il parto sotto un bombardamento...), la svolta sull'identità di Marianne Beausejour arriva come una doccia fredda.

Forte di un non indifferente spessore tecnico e del largo budget, Zemeckis, seppur in un film sostanzialmente lineare, conferma anche maestria narrativa nel passare da un contesto, geografico e di genere, all'altro. Cità diversi classici degli anni '40 e da una prima parte noir e di spionaggio in ambito storico/bellico, in cui gli eventi ed il tempo scorrono relativamente veloci, si passa al dramma di un uomo che si vede improvvisamente sgretolare le raggiunte certezze personali ed affettive di fronte al dubbio, da confutare nell'arco di sole settantadue ore (che saranno poi il grosso di tutta l'opera), che la moglie e madre della figlia sia una spia del nemico.

Sorretto dalle due memorabili interpretazioni principali (a mio dire tra le migliori di Pitt e della Cotillard), anche il finale mélo funziona bene integrandosi col resto.

Allied è stato ingenerosamente molto criticato dalla stampa USA (non nuova all'auto-sopravvalutazione in ogni ambito), ma Zemeckis, seppur a volte i suoi lavori non siano sempre stati indimenticabili (tra gli ultimi penso a Flight, che mi lasciò più di una perplessità sulla retorica di certe parti in contrasto con l'imponenza, anche lì, delle scene madri), è ancora da considerarsi come un punto di riferimento del cinema americano e, se già nel precedente The Walk regalava momenti di grandissima emozione e suggestione, con quest'ultimo lavoro centra, secondo me, uno dei migliori colpi nella sua filmografia recente.

Cinema hollywoodiano di altissimo livello.

Questa DeRecensione di Allied è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/robert-zemeckis/allied/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Non mi ispira, ma se mi dici che funziona come intrattenimento di livello magari mi fido. Ma non lo vedrò al cinema, l'ultimo di questa tornata sarà "Silence".
BËL (00)
BRÜ (00)

Anatoly : Ecco sì, lo considero appunto un intrattenimento di gran classe, chiaramente non ha le ambizioni altissime e complesse di un Silence, ma mi ha regalato momenti di gran cinema hollywoodiano e belle emozioni. La Cotillard poi è sempre meravigliosa.
hjhhjij: Oddio sempre, stai parlando con uno che si è visto "Assassin's Creed", sempre è una parola grossa. Però è brava e poi è figa quindi tutto ok. Quest'anno ha fatto almeno 4 film, quello di Dolan direi il migliore.
Anatoly : Eh, guarda Assassin's creed pensavo di andare a vederlo proprio dopo aver letto il nome della Cotillard in locandina. Poi ho comunque desistito senza rimpianti, lei però è immune a tutto ❤
hjhhjij: Secondo me non ha nemmeno capito di averlo girato davvero :D
IlConte
Opera: | Recensione: |
Al cinema ormai non vado più, troppi inutili e troppo caos (peccato) me li guardo quando arrivano su Sky e quindi ne perdo un tot. Bella rece è gnocca Lei!
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Se @[Pinhead] mi legge il five per te!
Anatoly : Smartphone accesi, gente che borbotta e sgranocchia, anche a me irritano parecchio certe cose. Ma cerco di passarci su quando posso :) I miei rispetti Sign. Conte.
IlConte: Hai ragione, sono io che ho ormai sclerosi e misantropia elevati al cubo ahahah!!!
IlConte: Ahahah!!! Me la ricordo! Dovrei chiedere le royalties però... lo sono da almeno un decennio in modo viscerale!!!
Onirico
Opera: | Recensione: |
Ben fatto e ben recitato ma, Insomma, niente di entusiasmante
BËL (00)
BRÜ (00)

Onirico
Opera: | Recensione: |
ooops, ho sbagliato!
BËL (00)
BRÜ (00)

Anatoly
Opera: | Recensione: |
Modifica alla recensione: «.». Vedi la vecchia versione link rotto
BËL (00)
BRÜ (00)

Darkeve
Darkeve Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ottimo film. Quando Hollywood fa il suo sporco dovere escono questi blockbusteroni. Romanticismo neanche troppo ingombrante, suspense, azione e la giusta dose di mistero. Per me funziona alla grande. Poi le scene che citi sono memorabili.
BËL (01)
BRÜ (00)

Anatoly : Film come questo sono preziosissimi.
Carlobike
Opera: | Recensione: |
Zemeckis si conferma un gran professionista, nonostante non sforni più capolavori dai tempi di Forrest Gump (ma questo direi che è fisiologico). Film che forse non entrerà nella storia del cinema, ma che si lascia vedere volentieri nelle sue oltre due ore di durata. Bravissima la Cotillard, per la quale non servivano conferme, un po' imbolsito invece Brad Pitt, poco convincente nel ruolo che avrebbe dovuto interpretare un trentenne. Ottima la fotografia
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: