Sto caricando...

Roberto Vecchioni
Camper

()

Voto:

Nel 1992 il Prof Roberto Vecchioni pubblica il suo primo album live. In effetti è strano che un cantautore come Vecchioni, "in pista" già da più di una ventina d'anni all'epoca, abbia aspettato tanto per pubblicare il suo primo live. Sarà per questo che il citato album è addirittura doppio e che lo stesso Prof recupererà alla grande coi live negli anni successivi? Non si hanno certezze assolute al riguardo, ma l'ipotesi è più che plausibile. Ma tornando al live in questione e parafrasando una celebre pubblicità di qualche anno (decennio?) fa, si può dire che Roberto "fa le cose per bene": arruola uno stuolo di musicisti molto professionali, che rivestono di nuova musicalità e di nuovi arrangiamenti i suoi brani, quasi sempre in maniera più "movimentata" ed oserei dire anche più "rock" rispetto alle versioni originali degli stessi. In alcuni casi il risultato mi sembra migliorativo, in altri peggiorativo rispetto alle versioni originali. Comunque in generale si può dire che, se da un lato i pezzi guadagnano in professionalità, dall'altro perdono in "grezzità" (nel senso buono del termine ovviamente).

Come ogni buon live che si rispetti, non poteva mancare (almeno) un pezzo inedito, rappresentato nello specifico da "Voglio una donna", che vincerà il Festivalbar di quell'anno. A proposito di questo brano, Vecchioni ha dichiarato: "mi sono molto divertito a scriverlo perché non ne avevo mai fatto uno così rock e nessuno se l’aspettava più da me”. In effetti, di pezzi così ritmati il Prof ne aveva fatti ben pochi in carriera, forse "Stranamore" e pochissimi altri. Il pezzo provocò una "levata di scudi" delle femministe dell'epoca, soprattutto per alcune frasi "incriminate" tipo "Abbiamo un mare di figli da pulirgli il culo, che la piantasse un po' di andarsene in giro: la voglio come Biancaneve coi sette nani, noiosa come una canzone degli Intillimani" o ancora "Che s'innamori di te quella che fa carriera, quella col pisello e la bandiera nera, la cantatrice calva e la barricadera che non c'e mai la sera". Ma le stesse femministe evidentemente glissavano sulla frase finale "Prendila te quella che fa il leasing, che s'innamori di te la Capitana Nemo, quella che va al briefing perché lei è del ramo, e viene via dal meeting stronza come un uomo, sola come un uomo", in cui si cela la vera essenza ed il fulcro del brano.

In tre brani collaborano anche grandi ospiti: Andrea Mirò canta con la sua bellissima voce in "Tema del soldato eterno e degli aironi", Angelo Branduardi canta e suona il violino in "Samarcanda", Enzo Jannacci canta una strofa con la sua solita innata e stralunata simpatia in "Luci a San Siro". La scelta dei brani è abbastanza azzeccata, in quanto abbraccia quasi tutti i periodi e gli album del Professore, anche se rimangono completamente tagliati fuori "Saldi di fine stagione" del 1972, "Il re non si diverte" del 1973, "Ipertensione" del 1975, "Ippopotami" del 1986. Certo, non sono presenti alcuni "pezzi da novanta" quali "Figlia", "Canzone per Laura", "Pesci nelle orecchie", "A.R.", ma penso che in un live sia quasi fisiologico che alcuni pezzi, anche molto belli, rimangano esclusi. Di contro, quel che invece c'è non è certamente da buttare, anzi! I brani inseriti sono tratti dagli album "Parabola" del 1971 (Luci a San Siro), "Elisir" del 1976 (Velasquez), "Samarcanda" del 1977 (Samarcanda, L'ultimo spettacolo), "Calabuig, stranamore e altri incidenti" del 1978 (Stranamore-Pure questo è amore, Ninni, Il capolavoro), "Robinson, come salvarsi la vita" del 1979 (Signor giudice-Un signore così così, Mi manchi, Robinson, Vorrei), "Montecristo" del 1980 (Montecristo), "Hollywood Hollywood" del 1982 (Dentro gli occhi), "Il grande sogno" del 1984 (Il grande sogno), "Bei tempi" del 1985 (La mia ragazza), "Milady" del 1989 (Milady), "Per amore mio" del 1991 (Tema del soldato eterno e degli aironi, Per amore mio-Ultimi giorni di Sancho Panza, Tommy).

Si spazia quindi in brani di vari periodi che rispecchiano benissimo i due filoni principali della poetica vecchioniana: da un lato, il racconto di personaggi storico-letterari "restituiti" in tutta la loro umanità e nella loro essenza più autentica; dall'altro, l'analisi dei sentimenti (soprattutto suoi personali), raccontati non a caso quasi sempre in prima persona e senza pudori o vergogna di mostrare anche la sua sofferenza più intima ed estrema riguardo gli stessi quando le cose "prendono una brutta piega". Per i primi possiamo citare i brani: "Stranamore" in cui, nella narrazione di una serie di amori appunto "strani", vengono menzionati direttamente o indirettamente Marco Aurelio, Alessandro Magno e Garibaldi; "Per amore mio", dove a dispetto del titolo si narrano in realtà le "gesta" di Sancho Panza, Dulcinea e Don Chisciotte fra realtà, sogno e fantasia; "Velasquez", in cui si parla di un ideale, quello di andare sempre avanti nella vita nonostante tutte le avversità che si incontrano "servendosi" di un Velasquez esploratore spagnolo pare realmente esistito. Per i secondi possiamo invece citare i brani "Mi manchi", "Vorrei", "Montecristo", "La mia ragazza": mentre i primi tre riflettono un momento di forte crisi personale-sentimentale dell'autore, in quanto tutti relativi alla sua separazione dalla prima moglie, il quarto è molto più distensivo e rilassato in quanto fa invece riferimento al rapporto con la sua nuova compagna. Ma c'è una canzone che fonde insieme questi due aspetti, che io considero una delle più belle di sempre, "L'ultimo spettacolo" : in essa si raccontano infatti, in parallelo, due storie, una "antica" ed una "moderna". Nella prima si narra un episodio ambientato nell'antica Grecia, mentre nella seconda, con una sorta di "parallelo" con la prima, si racconta del distacco e dell'abbandono fra lui e la sua prima moglie (eh sì: ancora!), avvenuti proprio in quel periodo. Stupendi i versi: "E non si è soli quando un altro ti ha lasciato, si è soli se qualcuno non è mai venuto. Però scendendo perdo i pezzi sulle scale e chi ci passa su non sa di farmi male. Ma non venite a dirmi: "Adesso lascia stare", o che la lotta in fondo deve continuare. Perché se questa storia fosse una canzone con una fine mia, tu non andresti via". In realtà, oltre ai due filoni citati, ve ne è un altro che permea quasi tutta la produzione di Roberto e che è presente anche in alcune delle canzoni già indicate: l'intersezione, l'intreccio, l'incontro (chiamatelo come volete) tra realtà, sogno e fantasia. Anzi, forse quest' ultimo è proprio quello dove l'autore dà il meglio di sè.

Naturalmente vengono affrontate anche altre tematiche nei suoi pezzi, oltre a quelle descritte. In "Il capolavoro" e in "Milady" si parla della difficoltà di conciliare vita privata e artistica (Milady a mio avviso è proprio la musica o comunque l'arte in generale). "Tommy" narra del suicidio di un amico dentista di Vecchioni, realmente avvenuto. Il motivo? "Tommy non aveva niente da sognare, aveva già passato tutto il suo avvenire": penso non ci sia bisogno di aggiungere altro purtroppo; ma Roberto, al riguardo, si rivolge anche a Dio: "Se l'hai messo vicino a un assassino toglilo di lì, Signore". In questo brano noto un certo parallelismo con il brano "Preghiera in gennaio" di Fabrizio De Andrè, dedicata al suicidio di Luigi Tenco : "Signori benpensanti, spero non vi dispiaccia se in cielo, in mezzo ai Santi, Dio, fra le sue braccia, soffocherà il singhiozzo di quelle labbra smorte, che all'odio e all'ignoranza preferirono la morte". Perchè, come diceva lo stesso De Andrè "Domani alle tre nella fossa comune sarà, senza il prete e la messa, perché di un suicida non hanno pietà", anche se questa è un'altra canzone. "Tema del soldato eterno e degli aironi" tratta della inutilità ed anche dell'insensatezza-assurdità di ogni guerra: "Sono stato vecchio ad Alamo, bambino a Maratona, ogni idea,l'ultima, era buona. Ho tradito sempre tutti, tutti mi hanno perdonato; non l'ho fatto e mi hanno fucilato".

In "Ninni" l'autore immagina un incontro "fantascientifico" di sè stesso adulto con sè stesso bambino ed i suoi genitori "giovani" a distanza di una ventina d'anni su un treno: si guarda dunque al passato con una certa dose di nostalgia; in "Dentro gli occhi" si immagina invece un dialogo fra una persona da giovane e la stessa persona da vecchio: si guarda in questo caso al futuro con una certa dose di pessimismo e rassegnazione. In questi due pezzi è molto presente la componente sogno-fantasia-realtà descritta precedentemente, e non a caso a mio parere sono due dei pezzi più belli dell'intero canzoniere vecchioniano. In "Signor giudice", partendo da una sua vicenda personale, Vecchioni denuncia la lungaggine del sistema giudiziario italiano: purtroppo la situazione attuale non mi pare molto diversa da quella del 1979, anno di pubblicazione del brano. L'autore venne infatti accusato da uno spettatore di un suo concerto di avergli offerto uno spinello durante lo stesso. Tale accusa sarà destinata a cadere completamente e Vecchioni sarà assolto, ma nell'attesa della decisione del giudice che tardava ad arrivare in quanto lo stesso era in ferie, dovette trascorrere alcuni giorni in prigione a Marsala, in Sicilia. Da qui tutta la sua acredine e la sua invettiva contro lo stesso giudice ma anche, come detto, contro il sistema giudiziario italiano nel suo complesso, "condite" da molta ironia e sarcasmo: "Signor giudice, le stelle sono chiare per chi le può vedere, magari stando al mare. Signor giudice, chissà, chissà che sole: si copra per favore che le può fare male. Immaginiamo che avrà cose più grandi di noi, forse una moglie troppo giovane e ci scusiamo con lei d'importunarla così, ma ci capisca, in fondo siamo uomini così così". Per fortuna non manca qualche momento di rilassatezza e di spensieratezza, come nel brano "Il grande sogno": "Voglio Pepita Moreno, la diva del jazz, voglio ballarle sul seno nell'atrio del Ritz". Chiudono il lotto due evergreen di Vecchioni e della musica italiana tutta, presenti in tutti i suoi live: "Samarcanda" e "Luci a San Siro", i quali penso non abbiano bisogno di presentazioni.

Concludendo, direi che si tratta di un più che buon live, che spazia fra molti periodi e dunque fra molte tematiche tutte molto interessanti, il quale fra l'altro vendette benissimo all'epoca della sua uscita; non metto il massimo dei voti solo perchè gli preferisco, anche se di poco, il successivo live "Canzoni e cicogne" del 2000.

Commenti (Tredici)

Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Io conosco un solo Prof @[lector]

BËL 04
BRÜ 00

lector: Bravo, ragazzo!
Ti sei meritato una lode!
withor: Vabbe' dai non sarà bravo come @[lector] quest'altro Prof, però premiamone almeno l'impegno
lector: Ecco! Cominciamo a non confondere la lana con la seta...
withor: Non sia mai infatti
rafssru
rafssru
Opera:
Recensione:
Recensione ottima e dettagliata, album al limite della perfezione per canzoni scelte e arrangiamenti. Il magnifico compendio dei primi 20 anni di carriera di RV.

BËL 02
BRÜ 00

withor: Grazie per il passaggio, per il voto e per il giudizio
rafssru
rafssru
Opera:
Recensione:
Gli album 72-73 (non hai citato il semi-antologico "L'uomo che si gioca il cielo a dadi") e 86 trascurabili. Invece da Ipertensione ci avrei visto bene "Irene"

BËL 02
BRÜ 00

withor: È vero, nella prima "stesura" della recensione avevo inserito anche l'album "L' uomo che si gioca il cielo a dadi" ma poi l'ho tolto proprio perché semi-antologico. Anche "Irene" in effetti è un gran pezzo, ma mi sembra che (purtroppo) Vecchioni non l'abbia mai inserito in nessun suo live
iside
iside Divèrs
Opera:
Recensione:
Liquidi Ninni in due righe, se lo sapesse Borges...

BËL 02
BRÜ 00

withor: Hai ragione @[iside] . Se è per questo ho liquidato in due righe anche "Dentro gli occhi", "Velasquez", "Mi manchi", "Vorrei"
withor: i quali avrebbero meritato ben altro trattamento, ma la recensione sarebbe diventata chilometrica ed ho dovuto fare delle scelte, anche drastiche 😂
iside: Si, ma Ninni è Ninni.
withor: Vedrò come fare allora per rimediare, anche a costo di recensire solo questa canzone: è una minaccia, ma non so se la porterò a termine 😅
lector
lector Evangelìsta
Opera:
Recensione:
Mi sono sempre tenuto alla larga da Vecchioni. E' un fatto così: a pelle...

BËL 03
BRÜ 00

ZiOn: In effetti il cognome non promette nulla di buono...😅
withor: Preferite forse Jovanotti allora? 🤔🤣
Stefano2010: Quello dei primi album ci stava
lector: Ossignùr!
Stefano2010: Poi credibile dell' intellettuale snob di 20 anni a questa parte
Stefano2010: Piu credibile
withor: Infatti, molto meglio prima quando era tamarrissimo che da vent'anni a questa parte, quando è irrimediabilmente diventato radical chic
macmaranza: Chi è? Quello che beve il caffè col burro?
withor: Proprio lui @[macmaranza]
macmaranza: Ecco: ora mi sono chiarificato.
withor: Dovere
Stefano2010
Stefano2010
Opera:
Recensione:
Anche a me non fa impazzire
L'unico che sopporto è "Elisir"
che ho in vinile.

BËL 04
BRÜ 00

withor: Grazie ancora di più per il voto, visto che non ti fa impazzire
Stefano2010: Ho votato la recensione, non l' album 🙂
RamirezAlHassar
RamirezAlHassar
Opera:
Recensione:
La versione di Velasquez mi fa impazzire.

BËL 03
BRÜ 00

withor: Infatti la versione di "Velasquez" qui presente la metto senz'altro tra le migliorative rispetto a quelle originali
Falloppio: Concordo
Annette
Annette
Opera:
Recensione:
Withor ci ho provato, lo giuro.
Ma quando ho scoperto che è l'album di "Voglio una donna" ho capitolato.

BËL 02
BRÜ 00

withor: Ci credevo anche se non me lo giuravi, lo giuro. Grazie per lo sforzo, mi spiace per la tua capitolazione. Ma anche tu eri una "femminista" dell'epoca o "Voglio una donna" ti fa proprio schifo a priori?
Annette: No, non mi fa schifo a priori. Mi fa schifo dopo averla ascoltata! Il testo lo trovo oggettivamente brutto. Poi, sì, è anche sessista, ma in modo quasi comico... fa quasi tenerezza.
withor: Volevo ben dire: sei troppo giovane per essere una femminista dell'epoca
Annette: Lo sai che questo tipo di captatio benevolentiae funzionano solo dal vivo, vero? 🤣
Annette: *funziona
withor: E me lo dici così? Intanto mi alleno anche da remoto a captarti benevolmente, non si sa mai!
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
recensione fiume per uno dei più prolifici e capaci cantautori nostrani appena trovo un caiacco me la leggo, intanto five stars di default vanno dritte al prof

BËL 02
BRÜ 00

withor
withor
Opera:
Recensione:
Scusa l'ignoranza, ma cos'è un caiacco? 🤔😅 Forse un kayak?
Comunque sono d'accordo con il giudizio su Vecchioni.

BËL 01
BRÜ 00

withor: Risposta a @[Stanlio]
Stanlio: indovinato!
Pipino
Pipino
Opera:
Recensione:
La spunta a 1 a 1 di tutti i brani mi manda ai matti, meticoloso e competente. Su "Voglio una donna": benvenuto politically uncorrect! Ce ne vorrebbe di più. 5 ⭐

BËL 02
BRÜ 00

withor: Grazie mille, sempre troppo generoso nei miei confronti. Per quanto riguarda il politically uncorrect, qualche anno dopo anche un altro suo brano fece levare gli scudi alle femministe dell'epoca, "Il tuo culo e il tuo cuore". Si vede che ci aveva preso gusto :-D Anche se quest'ultimo è molto meno politically uncorrect di "Voglio una donna"
Pipino: M'hai fatto venir voglia d'ascoltare "il tuo culo e il tuo cuore", se c'è qualche parola che vorrei aver detto a lei, ebbene, qui ce n'è tante, e se sembrano rudi, no, non lo sono. Grazie Withor🙏
withor: Prego Pipino, per così poco. Anche io la penso come te ma nonostante ciò, mi ricordo che anche questo brano fece molto incazzare le femministe dell'epoca (1995) :-D
Littlelion: Non penso che "voglio una donna" (che da fan di Vecchioni non mi ha mai fatto impazzire, sinceramente) sia "unpolitical correct" almeno che non si voglia essere molto, ma molto permalosi (come certe, e sottolineo certe, femmiste e femministi sono).
withor: Infatti io ho posto l'accento sul finale del brano, "stronza come un uomo" e "sola come un uomo". Però comunque, come detto, ricordo che le femministe all'epoca non presero affatto bene questo pezzo. Ma perché sottolinei "certe"? Hai forse paura di ritorsioni? 🤔😂
Littlelion: Niente paura di ritorsioni, il fatto è che anch'io mi definisco come femminista, e certi elementi sono molto dannosi per la causa, quindi ne prendo le distanze.
withor: Ah quindi sei diversamente femminista. Adesso si dice così XD
Poldojackson
Poldojackson
Opera:
Recensione:
Mò c'ammorba co vecchioni

VA COSI

BËL 02
BRÜ 00

withor: Come hai fatto a capire così in anticipo le mie pessimissime intenzioni? :-D
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
L'eviscerazione del contesto.

BËL 01
BRÜ 00

withor: Grazie mille carissimo per il commento, il passaggio ed il voto: rigorosamente in ordine decrescente di importanza

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera