Roberto Vecchioni
Montecristo

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Aspetto che la moka rigurgiti il caffè; penso.

Fuori è freddo, ma il cielo terso annuncia una bella giornata di fine gennaio. Seduto al tavolo in fòrmica della mia cucina provo ad imbastire qualche frase mentre penso che dovrei studiare; ma in fondo, che una trentina di minuti?

I pensieri a briglie sciolte percorrono mille sentieri che s'intrecciano tra loro come degli spaghetti in un piatto, o come i capelli di una donna sciolti al vento. Nel mare della chioma, tuttavia, si scorge un uomo su una barca a remi: indossa solo le braghe e fuma un sigaro. La città senza donne non è posto per lui. 'Stavolta parto davvero, con un vento leggero che mi soffia alle spalle; tu dormi bene il tuo sonno, dove vado lo sanno solo le stelle', ha detto, e poi è partito. Via dalla pazza folla.

L'uomo è il simpatico Roberto Vecchioni, o meglio la sua proiezione fumettistica, racchiusa nel cartone ingiallito, val la pena raccontarne la vicenda. Richiudo questa visione di cartone e riprendo da dove tutto comincia, tra i merli delle mura a picco sul mare; le mura di Montecristo.

 

L'anno è il millenovecentottanta, il cantautore milanese se ne esce intrepido con un lavoro ironico e ben curato, a cominciare dal pregevole art-work, con ben 128,2 dm3 circa (deformazione futuro-professionale) a disposizione del buon Andrea Pazienza per i suoi surreali disegni, cui si perdona anche il pendolo desnudo della copertina. "Montecristo" è un album forse privo di canzoni di impatto immediato, come invece capitò negli anni settanta e come sarà per molti lavori successivi, a cominciare dalla bella "Parigi (o cara)". Appare tuttavia un'opera solida e convincente, oltreché ben arrangiata, che si sorregge con una manciata di brani solidi e vagamente ironici e si completa di alcuni fregi di poesia.

Uno di questi apre l'ellepì, ed è una canzone toccante, interpretata con passione dal professore. "La Città Senza Donne" è un omaggio alla donna, musa ispiratrice per eccellenza dell'artista. Il tono è disincantato, la mente è lucida, il ricordo doloroso.

'Amore troppo vicino, amore che sei lontano solo un anno e un giorno; sei come un'ombra sul cuore, silenziosa e leggera, ma mi abituerò.'

"Ciondolo" è una lunga e surreale traccia narrante le "gesta" di un tale-non-meglio-precisato e di una lei, la cui presenza, novello coccodrillo di Peter Pan, è annunciata da un ciondolo d'oro alla caviglia.

'E allora prese molto bene la mira perché era un entusiasta, e lo fece nel preciso momento di calare la pasta. [...] E se qualcuno gli ha parlato, e se qualcuno lo ha deluso, non sono io.'

"Montecristo" irrompe con il suo arrangiamento marcato, sorretto dall'incalzante batteria del buon Walter Calloni e dalla chitarra di Mauro Paoluzzi (nomino loro per tutti, i sessionisti sono una vagonata); è un ottimo brano, dal testo ancora molto surreale condito da diversi riferimenti a sfondo sessuale e non necessariamente di coppia. Ai cori, nel lamentoso ritornello, due nomi celebri: Eugenio Finardi ed Antonello Venditti.
Il lato uno chiude con la breve "Reginella (Cinquecento Catenelle D'Oro)", in cui Vecchioni e Finardi legano assieme canti popolari del meridione e della Toscana per un gioioso effetto che fa molto ninna nanna.

"L'Anno Che È Venuto" è la tirata e pessimistica risposta ad un celebre brano di Lucio Dalla ove, tra citazioni De Gregoriane ("Rimmel") e velati-non-troppo apprezzamenti femminili, lo sconsolato cantautore guarda con disillusione e malcelato dolore alla fine di una storia.

'Caro amico non scrivermi, vado via; da stasera non abito a casa mia: il disordine arriva già fino al tetto, qui restare significa restare matto. [...] Lascio da autentico gentiluomo e, pensandoci bene, poi forse non l'amo.'

"Canzone Da Lontano" è invece una delicata ballata che narra di un uomo lontano che ha affidato la sua amata alle cure di un simpatico esercito di animali. Detta così sembra una vaccata, eppure si tratta di un bellissimo pezzo, dolce lacrimuccia dal suono forse un po' datato ma dal grande fascino.

"Il passero ti seguirà; non sarai piccola sempre, piccola sempre, ma ti seguirà, ti seguirà.
Il falco ti difenderà; non sarai debole sempre, debole sempre, ma ti difenderà, ti difenderà.
"

Segue "La Strega", brano virato verso sonorità più dure anche grazie al bel lavoro della ritmica. In questo simpatico calderone musicale emerge il lato fiabesco del buon Roberto, ove i personaggi vengono però estrapolati dal loro ambiente e gettati nei problemi della vita reale (che per il Vecchioni del periodo vuol sostanzialmente dire "pene d'amore").

'Principessa, va bene che donna è bello, ma il mio letto è diverso dal tuo castello. Non ti pungere ancora con l'arcolaio, non bere, non mangiare le mele.'

La bellissima "Madre" è una lettera commovente e meravigliosa, diretta a colei che più di ogni altra persona sa amare un uomo.

'Forse avresti dovuto farmi nascere vecchio, per tornare lentamente bambino: avrei avuto meno ombre da temere la notte e più voglia di aspettare il mattino. Forse... O forse dovevi farmi nascere sempre, ogni volta che facevi l'amore.'

Quei termini, "ogni volta", furono del resto buoni profeti: tempo dopo un popolare cantautore italiano attingerà molta ispirazione da questo bellissimo brano (francamente ignoro se ciò fu acconsentito o no, ma tant'è). Sicuramente il brano più emozionante di un ottimo album, piccolo gioiello.

L'ellepì chiude con il piano di Sandro Centofanti e le dolci note di "La Città Senza Donne (Finale)", sfumando lontano da Montecristo in un vento triste di mille pensieri, tra lunghi capelli intricati.

 

'That's all', come direbbe il simpatico seppur saccente Bugs Bunny.

 

'Vedi se vedi la fine, la vedi?'

 

 

Dedicato a mio papà e ad un amico speciale, sebbene "Montecribbio" non l'abbia mai digerito granché.

 

 

 

 

 

 

Questa DeRecensione di Montecristo è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/roberto-vecchioni/montecristo/recensione-pibroch

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Venti)

Il_Paolo
Opera: | Recensione: |
Bella e sentita come recensione. Il disco non lo conosco, oddio, lui non mi è simpaticissimo, ma sarebbe interessante vederlo all'opera come professore di lettere classiche.
BËL (00)
BRÜ (00)

Melissa
Opera: | Recensione: |
Non fa parte dei miei cantautori italiani preferiti.
BËL (00)
BRÜ (00)

the green manalishi
Opera: | Recensione: |
a me Vecchioni sinceramente mi sta sulle balle, ma la recensione è bella
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Opera: | Recensione: |
Ma perchè Vecchioni stà sulle balle a tutti???
BËL (00)
BRÜ (00)

tom traubert
Opera: | Recensione: |
Bella recensione per un disco oramai quasi introvabile. Ed è un peccato.
BËL (00)
BRÜ (00)

tom traubert
Opera: | Recensione: |
Detto per inciso Roberto Vecchioni è persona di rara disponibilità e cortesia, davvero, oltre che di grande intelligenza, cultura e simpatia.
BËL (00)
BRÜ (00)

Pibroch
Opera: | Recensione: |
Infatti; peraltro ho letto giusto poco fa della "lite" tra case discografiche con la distruzione dei vinili stampati e dei masters originali, non lo sapevo. Peccato... Grazie a tutti per i commenti.
BËL (00)
BRÜ (00)

JakeChambers
Opera: | Recensione: |
Bella la recensione anche se, ahimè, appartengo anch'io alla vasta schiera di quelli a cui Vecchioni non sta molto simpatico...
BËL (00)
BRÜ (00)

djmushroom
Opera: | Recensione: |
Vecchioni è uno dei pochi cantautori che conosco poco e che non mi sforzo di conoscere. Il motivo è banale e stupido, istintivamente non lo sopporto. Sembra spocchioso e arrogante. Mi è sempre sembrato uno che schifa i soldi ma sotto sotto li cerca e gli piacciono. Ricordo un'intervista di qualche anno fa in cui si era innervosito per un'allusione alla sua villa, mi pare, in Toscana "L'ho costruita per portare solo i miei amici di una vita, quelli veri" ( mi sembrava fosse in occasione degli scherzi prefabbricati di Scherzi a Parte). C'è gente che è fedele all'ideale ( Guccini, Fiumani ) ma non credo Vecchioni. Non riesco ad approfondire uno che mi sta antipatico. E' una sensazione di pelle, magari sbagliata.
BËL (00)
BRÜ (00)

Pibroch
Opera: | Recensione: |
Condivisibile, certo; io Vecchioni del resto lo prendo per quello che è: un ottimo cantautore, il resto non m'interessa. Buona serata.
BËL (00)
BRÜ (00)

Alfredo
Opera: | Recensione: |
Non vedo cosa hanno a che fare questioni come quella esposta da djmushroom con la musica. Se si dovesse guardare sempre alle faccende private, non ascolteremo più musica. Si è costruito una villa? E del buon Jello Biafra che stà facendo battaglie legali contro i suoi ex-musicisti per questioni di SOLDI ne vogliamo parlare? Lui che cantava in un gruppo PUNK?...la coerenza è una dote MOLTO rara.
BËL (00)
BRÜ (00)

djmushroom
Opera: | Recensione: |
Avevo anticipato che la mia motivazione era banale e stupida. Io personalmente non riesco ad ascoltare uno che a pelle mi stomaca. Embè? Non è una motivazione sufficiente?
Ma scusa Alfredo mi contraddici e poi dici le mie stesse cose? A me non interessa che si sia costruito la villa. Mi fa schifo che uno disprezzi il danaro per darsi un'immagine consona al cantautore e poi non lo disprezzi. Se uno dice " Ero comunista ma ho fatto qualche bella canzone e sono diventato ricco e rimango comunque comunista per ideale" a me va bene. Non mi piace chi schifa il danaro perchè serve. Serve per sviluppare le proprie passioni. Il mio non voleva essere un commento di musica ma psicologico.
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
Opera: | Recensione: |
Bellissima rece, lì'album invece non mi piacque molto alla sua uscita, peccato però che non l'abbiano mai ristampato in CD (per i noti discorsi su i diritti)
BËL (00)
BRÜ (00)

shooting star
Opera: | Recensione: |
pibrocconzolo che bella recensione!
BËL (00)
BRÜ (00)

Pibroch
Opera: | Recensione: |
Grazie, mia cara shoot. ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

mien_mo_man
Opera: | Recensione: |
oh ma siamo tutti diventati letterati, qui? lui mi ha incuriosito fino a "Per Amore Mio", con quei brani ricchi di sugo e di uno, dieci, tremila significati, con quei ritratti femminili che magari non avrebbero cambiato il mondo ma azzeccati... poi è diventato una continua autocelebrazione (Blumun, donna con la gonna ...) e lì credo d'aver fatto bene a perderlo di vista. Di recente è stato in grado di suscitare nuovamente in me l'attenzione grazie alla canzone ed al libro "Il Libraio Di Selinunte", luogo quest'ultimo a me molto caro, ma invece che due sole!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

dosankos
Opera: | Recensione: |
Disco di difficile reperibilità e travolto da una sfiga totale. Della copertina del grande PAZ ne esistono due versioni. La prima e più rara (visibile a lato della rece e che conservo gelosamente anch'io), mostra un Vecchioni nudo che causa la censura e il ritiro dai negozi. L'LP viene immediatamente rimpiazzato dalla seconda versione, che in copertina ha praticamente l'interno copertina della prima versione censurata e cioè un volto di donna con i capelli lunghissimi rassomiglianti a delle onde marine, nei quali Roberto naviga in una piccola barchetta, il tutto su sfondo bianco panna. Ovviamente Vecchioni nudo diventa l'interno copertina di questa nuova versione. Poi addirittura c'è il fattaccio dei master distrutti... Tirate le somme.
Per quanto riguarda la mia valutazione sull'album, si nota ampiamente la sterzata rock nelle energiche "Montecristo", "La strega" e "L'anno che è venuto" che si alterna perfettamente allo stile ballad di "Canzone da lontano" e "La città senza donne" o alla lunga e ritmata "Ciondolo". Nel complesso, un'ennesimo azzeccato lavoro
BËL (00)
BRÜ (00)

dosankos
Opera: | Recensione: |
Voto rece
BËL (00)
BRÜ (00)

Pibroch
Opera: | Recensione: |
Grazie. :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Carlo V.
Opera: | Recensione: |
Disco bellissimo, ma veramente difficile da capire, forse il più criptico di Vecchioni.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: