Rolling Blackouts Coastal Fever
Hope Downs

()

Voto:

In un genere alla costante ricerca di proposte fresche e che diano anche solo una minima parvenza di solidità, l’esordio dei Rolling Blackouts Coastal Fever arriva come un fulmine a ciel sereno.

Fran Keaney, Joe White e Tom Russo si conoscono ai tempi del liceo e, qualche tempo dopo, reclutano Jonh Russo (fratello di Tom) e Marcel Tussie (coinquilino di White) per formare i RBCF. Iniziano i live in giro per Melbourne (città d’origine dei ragazzi), il nome inizia a creare interesse ed escono due EP, il primo dei quali (lo splendido “Talk Tight”) attira l’attenzione di un’etichetta sempre vispa come la Sub Pop.

Ecco che quindi i cinque arrivano a questo esordio, battezzato “Hope Downs”, ed è subito grande sorpresa. Composto da dieci mirabolanti numeri di grande qualità, “Hope Downs” è un album che parte da una solida base jangle pop, pesantemente debitrice (come per il 90% del genere, d’altronde) nei confronti degli R.E.M. periodo I.R.S. .

Si tratta però, come già detto, solo di una base, per quanto ben solida; la band australiana arricchisce le fondamenta del proprio sound con schegge impazzite di alt rock, punk, indie, country, garage e new wave, creando una commistione incredibilmente omogenea che viene supportata da un songwriting di altissimo livello, sia quando le chitarre viaggiano velocissime (“An Air Conditioned Man”, il singolo “Talking Straight” – la più remmiana di tutte - , “Time In Common”) sia quando i toni si fanno più sommessi, ma sempre vitali (“Sister’s Jeans”, “Cappuccino City”).

Non ci sono riempitivi, né pezzi che facciano notare una qualsivoglia carenza eccessiva di tensione; il quintetto viaggia sempre su di un livello qualitativo medio altro, e l’impressione è quella di essere di fronte ad una band navigata e perfettamente conscia delle proprie possibilità, non di certo ad un gruppo di quasi esordienti.

L’Australia si conferma terra sempre più fertile quando si tratta di un certo guitar pop rock di qualità. I Rolling Blackouts Coastal Fever non fanno assolutamente eccezione, anzi, firmano uno degli esordi più convincenti dell’anno.

Un grande disco che quest’estate sarà difficilissimo ignorare.

Traccia migliore: “Mainland”

Questa DeRecensione di Hope Downs è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/rolling-blackouts-coastal-fever/hope-downs/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Gran bel disco, per me ci sento dentro anche un bel po' del pop australiano degli anni '80: «Talking Straight» - bellissima - mi ricorda proprio quelle atmosfere, più dei R.E.M.
BËL (01)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Album interessante che mi ha preso già dal primo ascolto. La Sub Pop sempre attenta e come scrivi nel finale di recensione sarà difficile ignorarlo.
BËL (01)
BRÜ (00)

madcat
Opera: | Recensione: |
Bene bene bene, eccellente segnalazione Grant
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Il nostro Glen Grant ha preparato una cena di alta cucina. Disco che è una figata. Molto '80s. Grande.
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: